Teatro

Smith & Wesson

Baricco Alessandro

Descrizione: Tom Smith e Jerry Wesson si incontrano davanti alle cascate del Niagara nel 1902. Nei loro nomi e nei loro cognomi c’è il destino di un’impresa da vivere. E l’impresa arriva insieme a Rachel, una giovanissima giornalista che vuole una storia memorabile, e che, quella storia, sa di poterla scrivere. Ha bisogno di una prodezza da raccontare, e prima di raccontarla è pronta a viverla. Per questo ci vogliono Smith e Wesson, la coppia più sgangherata di truffatori e di falliti che Rachel può legare al suo carro di immaginazione e di avventura. Ci vuole anche una botte, una botte per la birra, in cui entrare e poi farsi trascinare dalla corrente. Nessuno lo ha mai fatto. Nessuno è sceso giù dalle cascate del Niagara dentro una botte di birra. È il 21 giugno 1902. Nessuno potrà mai più dimenticare il nome di Rachel Green? E sarà veramente lei a raccontarla quella storia?

Categoria: Teatro

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2014

ISBN: 9788807031229

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Smith & Wesson” formano la strana coppia protagonista dell’ultima opera di Alessandro Baricco.
I due personaggi hanno un profilo che lascia intravedere vite incerte, trascorse all’insegna di trucchi ed espedienti.
Wesson vive in una baracca in prossimità delle cascate del Niagara (“La chiamano il Pescatore. Ma non pesca pesci, lo so. Pesca… Corpi?”) ed è figlio di un eroe (“Ma il vero Pescatore era suo padre, una specie di eroe locale, una leggenda. Perché lui li pescava vivi…”).
Smith è un truffatore creativo (“Io faccio il meteorologo…. Dispongo di un metodo tutto mio per prevedere il tempo… Uso la statistica…”), che alle cascate (“Considerato che questa è la capitale mondiale dei suicidi, promette di essere un lavoro redditizio”) giunge per motivi poco chiari (“Nell’Iowa invece ricercato per truffa…”).

Ai due intrepidi si unisce Rachel, ventitreenne alla ricerca di successo.
Le abilità dei due truffatori si combinano con l’ambizione (“Ti do dieci giorni per portarmi un pezzo da prima pagina, mi ha detto”) dell’aspirante scrittrice e ne deriva un progetto folle per conquistare l’attenzione dell’opinione pubblica: “Abbiamo deciso che il 21 giugno, solstizio d’estate, il primo essere umano nella storia degli esseri umani salterà dalle cascate del Niagara non per farsi fuori, ma per vivere, una volta buona, e vivere davvero”.

Le scene si svolgono nella baracca di Wesson, sulle sponde del fiume, nelle isole che sovrastano la cascata (“Le Tre Sorelle… sono tre isole, piccolissime, un po’ più su delle cascate”), nel teatro che si trasforma in botte al momento dell’esperimento, in Messico (“Ce la caviamo con un tirassegno”) ove Smith e Wesson riparano nel finale.

Una storia simbolica, che ritrae il desiderio di affermazione, il senso di claustrofobia che ingabbia l’uomo (“Non ho paura del salto, mi disse, non ho paura di morire, ho paura di stare là dentro”), il contagio emotivo e comportamentale che spesso si propaga nelle vicende umane (“Dove diavolo finiranno, se muoio, i libri che non scriverò?”).

Bruno Elpis

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Lo spettacolo delle cascate del Niagara gelate, Marylin e Baricco – i-LIBRI

[…] Lì, sulle cascate del Niagara, Alessandro Baricco ha ambientato la sua ultima opera, “Smith e Wesson”, che abbiamo appena […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Baricco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Baricco Alessandro

"La voce di un poeta che nel seguire le intermittenze della coscienza ci indica una volta di più la necessità della poesia, unica via di salvezza..." (dalla prefazione di Andrea Matucci)

La morte di Empedocle

Di Carlo Franco

Come vive, e cosa pensa, prova, soffre, anche senza raccontarlo neppure a se stesso, chi è stato sradicato dalla propria terra e allontanato dalla propria gente, dalla propria casa? Anna Maria Mori, istriana di Pola, ha lasciato con la famiglia i luoghi della sua infanzia al termine della seconda guerra mondiale, quando sono "passati" dall'Italia alla Jugoslavia: un esodo che ha coinvolto altri trentacinquemila italiani che, come lei, si sono trovati all'improvviso cittadini di un altro stato, per giunta pregiudizialmente ostile nei loro confronti. Nelida Milani, anche lei istriana, anche lei nata nella Pola italiana, è invece rimasta, rinunciando alla lingua, a molti degli affetti, alla consuetudine, con un mondo che, con brutale ferocia, veniva snaturato. Le due donne - accomunate da una sorte uguale e contemporaneamente diversa - si sono scambiate una fitta corrispondenza, tante lettere dove le riflessioni si intrecciano ai ricordi, gli aneddoti si sovrappongono alla cronaca degli eventi storici, la nostalgia si coniuga con il senso di privazione. Il loro epistolario è diventato questo libro, specchio di una condizione subita da migliaia di altri individui e testimonianza di due destini in cui la frontiera ha giocato un ruolo determinante.

Bora

Mori Anna Maria Milani Nelida

Il romanzo, che valse a Pasolini un processo per pornografia e il ruolo di provocatore della società perbenista, racconta la giornata di un gruppo di giovanissimi sottoproletari romani. Mossi da esigenze primordiali (la fame, la paura, la ricerca di solidarietà), i "ragazzi di vita" sciamano dalle borgate della Roma anni Cinquanta verso il centro, in un itinerario picaresco fatto di molteplici incontri, di eventi comici, tragici, grotteschi. I giovani alternano una violenza gratuita a una generosità patetica, compiendo una sorta di rito iniziatico in una Roma contradditoria. Il romanzo viene ripubblicato in occasione dei trent'anni dalla morte di Pier Paolo Pasolini.

Ragazzi di vita

Pasolini Pier Paolo

Luke è un ragazzo brillante e simpatico, ma è costretto a vivere chiuso in casa da quando è nato, perché è allergico alla luce del sole. Le sue uniche finestre sul mondo sono la TV, internet e le visite serali di Julie, la sua migliore amica. Luke, però, ha deciso che deve guarire e trovare una cura per la sua malattia, costi quel che costi. E quando un guru gli assicura che può risolvere il suo problema e lo invita a raggiungerlo in Galles, il ragazzo non ha più scuse per tirarsi indietro: dovrà uscire dalla sua stanza e fare i conti con il mondo esterno. A bordo di un furgoncino Volkswagen e in compagnia di Julie e altri quattro amici - Charlotte, David, Leanne e Chantel - Luke si mette in viaggio sulle stradine della campagna inglese, fasciato in un.improvvisata tuta spaziale, per proteggersi dal sole. Sotto un terribile nubifragio e con la loro vecchia vita finalmente alle spalle, Julie e Luke si lanciano in un'incredibile avventura che li cambierà per sempre.

IL GIRO PIU’ PAZZO DEL MONDO

Thomas Scarlett