Teatro

Smith & Wesson

Baricco Alessandro

Descrizione: Tom Smith e Jerry Wesson si incontrano davanti alle cascate del Niagara nel 1902. Nei loro nomi e nei loro cognomi c’è il destino di un’impresa da vivere. E l’impresa arriva insieme a Rachel, una giovanissima giornalista che vuole una storia memorabile, e che, quella storia, sa di poterla scrivere. Ha bisogno di una prodezza da raccontare, e prima di raccontarla è pronta a viverla. Per questo ci vogliono Smith e Wesson, la coppia più sgangherata di truffatori e di falliti che Rachel può legare al suo carro di immaginazione e di avventura. Ci vuole anche una botte, una botte per la birra, in cui entrare e poi farsi trascinare dalla corrente. Nessuno lo ha mai fatto. Nessuno è sceso giù dalle cascate del Niagara dentro una botte di birra. È il 21 giugno 1902. Nessuno potrà mai più dimenticare il nome di Rachel Green? E sarà veramente lei a raccontarla quella storia?

Categoria: Teatro

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2014

ISBN: 9788807031229

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Smith & Wesson” formano la strana coppia protagonista dell’ultima opera di Alessandro Baricco.
I due personaggi hanno un profilo che lascia intravedere vite incerte, trascorse all’insegna di trucchi ed espedienti.
Wesson vive in una baracca in prossimità delle cascate del Niagara (“La chiamano il Pescatore. Ma non pesca pesci, lo so. Pesca… Corpi?”) ed è figlio di un eroe (“Ma il vero Pescatore era suo padre, una specie di eroe locale, una leggenda. Perché lui li pescava vivi…”).
Smith è un truffatore creativo (“Io faccio il meteorologo…. Dispongo di un metodo tutto mio per prevedere il tempo… Uso la statistica…”), che alle cascate (“Considerato che questa è la capitale mondiale dei suicidi, promette di essere un lavoro redditizio”) giunge per motivi poco chiari (“Nell’Iowa invece ricercato per truffa…”).

Ai due intrepidi si unisce Rachel, ventitreenne alla ricerca di successo.
Le abilità dei due truffatori si combinano con l’ambizione (“Ti do dieci giorni per portarmi un pezzo da prima pagina, mi ha detto”) dell’aspirante scrittrice e ne deriva un progetto folle per conquistare l’attenzione dell’opinione pubblica: “Abbiamo deciso che il 21 giugno, solstizio d’estate, il primo essere umano nella storia degli esseri umani salterà dalle cascate del Niagara non per farsi fuori, ma per vivere, una volta buona, e vivere davvero”.

Le scene si svolgono nella baracca di Wesson, sulle sponde del fiume, nelle isole che sovrastano la cascata (“Le Tre Sorelle… sono tre isole, piccolissime, un po’ più su delle cascate”), nel teatro che si trasforma in botte al momento dell’esperimento, in Messico (“Ce la caviamo con un tirassegno”) ove Smith e Wesson riparano nel finale.

Una storia simbolica, che ritrae il desiderio di affermazione, il senso di claustrofobia che ingabbia l’uomo (“Non ho paura del salto, mi disse, non ho paura di morire, ho paura di stare là dentro”), il contagio emotivo e comportamentale che spesso si propaga nelle vicende umane (“Dove diavolo finiranno, se muoio, i libri che non scriverò?”).

Bruno Elpis

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Lo spettacolo delle cascate del Niagara gelate, Marylin e Baricco – i-LIBRI

[…] Lì, sulle cascate del Niagara, Alessandro Baricco ha ambientato la sua ultima opera, “Smith e Wesson”, che abbiamo appena […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Baricco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Baricco Alessandro

Quentin è innamorato di Margo Roth Spiegelman da sempre. Tra loro c'è un legame speciale da quando, all'età di nove anni, hanno ritrovato insieme in un parco il corpo di un ragazzo morto suicida. Dopo anni di amicizie ed esperienze diverse, poco prima del diploma Margo riappare alla finestra di Quentin e lo trascina in piena notte in un'avventura indimenticabile. Sembra l'inizio di una nuova fase insieme. E invece no. La mattina dopo Margo scompare misteriosamente, come ha già fatto altre volte. Solo che questa è diversa. Questa fuga da Orlando, la sua città di carta, dopo che tutti i fili dentro di lei si sono spezzati, potrebbe essere l'ultima. Età di lettura: da 14 anni.

Città di carta

Green John

Gaia, 38 anni, porta la taglia 38, vive nel centro di Milano e in equilibrio perfetto sul suo tacco dodici si muove disinvolta tra sfilate e locali alla moda: del resto ha un marito che le garantisce una grande agiatezza, un amante il cui profilo su Facebook dice sempre "innamorato", una figlia che va alla scuola steineriana, due amiche di nome Ilaria e Solaria, un iPhone, un iPod, un iPad e una psicanalista che a ogni seduta pronuncia queste parole: "Sono trecento euro". Madre in carriera, può vantare l'invenzione dell'apericena, rito che ha ormai contagiato l'intera penisola, e la soddisfazione di non avere fatto mancare nulla alla figlia Elettra senza per questo trascurare il lavoro. Nessuna sbavatura, insomma. Eppure il passato bussa, implacabile, nel sonno. Un incubo ricorrente, che sembra voler riportare a galla qualcosa... Prima o poi Gaia dovrà decidersi a parlare di suo padre. E dei suoi tre anni di black-out. Anche perché a un tratto nel suo presente si è aperta una piccola crepa, destinata ad allargarsi come la tela di un ragno e a mandare in pezzi le sue sicurezze: il licenziamento dall'agenzia di comunicazione dove lavora, un'impasse sentimentale inattesa, la carta di credito bloccata, Elettra che lancia segnali di un disagio sempre più ineludibile... Con irresistibile vena satirica, unita qui però a uno sguardo profondamente partecipe, Giuseppe Culicchia dà vita a un personaggio femminile tragico e grottesco, risucchiato in una spirale di menzogne e forzature che mostrano il volto più fasullo della borghesia d'inizio millennio, celebrandone i riti e insieme il declino; e al tempo stesso scrive un libro civile, capace di svelare il bene nascosto sotto la patina del nostro vivere quotidiano come le radici di un albero frondoso che spezzino la crosta dell'asfalto per dare ossigeno alla città. Attraverso una vertiginosa capacità di scavare nei cliché linguistici e umani, Culicchia procede insinuando variazioni minime nell'infinito gioco di specchi nel quale nostro malgrado ci muoviamo. E - in bilico tra il dolore e il sorriso - libera sulla pagina quelle piccole rivelazioni che sono il nucleo di un cambiamento possibile. Perché, toccato il fondo della crisi, si può ricominciare a vivere, spogli di tutto ma ricchi come mai prima.

VENERE IN METRO’

Culicchia Giuseppe

La realtà che Tris ha sempre conosciuto ormai non esiste più, cancellata nel modo più violento possibile dalla terrificante scoperta che il "sistema per fazioni" era solo il frutto di un esperimento. Circondata solo da orrore e tradimento, la ragazza non si lascia sfuggire l'opportunità di esplorare il mondo esterno, desiderosa di lasciarsi indietro i ricordi dolorosi e di cominciare una nuova vita insieme a Tobias. Ma ciò che trova è ancora più inquietante di quello che ha lasciato. Verità ancora più esplosive marchieranno per sempre le persone che ama, e ancora una volta Tris dovrà affrontare la complessità della natura umana e scegliere tra l'amore e il sacrificio.

Allegiant

Roth Veronica

C'è un giorno, un giorno soltanto, in cui in condizioni particolari è possibile rivedere i propri cari defunti. Dicono che qualcuno è pure in grado di sentirli e parlar loro. Che sia possibile per Satsuki, che non riesce in alcun modo a scordare il ragazzo perduto, e Hiiragi, che per ricordare Yumiko ne indossa tutti i giorni la divisa alla marinara? La misteriosa Urara, che intuisce i numeri di telefono delle persone al primo sguardo, ne sembra convinta. Tratto da “Kitchen”, pubblicato da Feltrinelli. Numero di caratteri: 62223.

Moonlight Shadow

Yoshimoto Banana