Teatro

Sofà

Conventi Gaia

Descrizione: "Gentili lettori, questa quarta di copertina promette molte cose, le più strane. In effetti il libro che andrete a sfogliare ha poco di convenzionale. Si tratta di una innovativa visione del teatro o forse di un passatempo vintage con risvolti social: in quest'opera l'antico e il moderno coesistono, così come la burla e il dramma. Quello di un'attrice che sopravvive alla scomparsa del cinema muto e che, circondata di gemme e di rose, viene irretita da un bellimbusto. Un noir ferrarese degli anni Trenta che vi vede spettatori e protagonisti, note esplicative con curiosità e gossip d'epoca, un kit per la messa in scena e un pubblico che vi attende online. Del resto, se siamo fatti della stessa sostanza dei sogni - come sosteneva Shakespeare -, conviene forse sognare in grande: i fasti di Broadway dal divano di casa. Anzi, dal Sofà".

Categoria: Teatro

Editore: Le Mezzelane

Collana: Comodìa

Anno: 2019

ISBN: 9788833283388

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Sofà. Pièce per divano e diretta social. Include il dramma teatrale «Scacco alla regina» di Gaia Conventi

L’opera ha una costruzione composita: il prologo (Sofà… si fa!) “inventa” un nuovo modo di fare teatro, che potremmo definire artigianale, social, domestico e coinvolgente; il dramma (Scacco alla regina) in dieci atti coniuga la vocazione noir dell’autrice con il suo amore per il teatro; l’appendice, costituita dalle note al testo, fornisce uno spaccato su epoca e ambientazione; la postfazione traccia le più recenti e innovative evoluzioni del “fare teatro”.

Sofà… si fa!

Ed eccola dunque una nuova modalità di fare teatro.
Artigianale (o “minimalista”, a detta dell’autrice): alcuni fogli per i titoli, una scenografia basica – il sofà del titolo -, un cameraman d’accatto e tanto spazio all’interpretazione delle regine.
Social: al passo con i tempi, la diretta Facebook e la radio online possono ben rappresentare il canale per la rappresentazione.
Domestico: la nostra casa diviene teatro e ciò rivoluziona il teatro classico fondato sul dualismo palcoscenico-platea.
Coinvolgente: un teatro così concepito darà modo anche ai più timidi di sfogare la propria soffocata vocazione di attori!

Scacco alla regina

I primi nove atti sono monologhi alternati tra la regina nera – un’attrice che vive più tragedie: il tempo che passa, la rivoluzione del sonoro dopo il cinema muto e il tradimento dell’amato (“Povera la mia signora, gabbata da un viveur e da un’anonima servetta!”) – e la regina bianca, l’inserviente che coltiva un sogno d’amore (“Mi baciava la mano con galanteria, come gli avevo visto fare tante volte con la mia signora prima di richiudere la porta sulla loro alcova“) e di protagonismo. Nella decima scena recitano entrambe le regine. Il re sulla scacchiera tra Ferrara e Tripoli è Nello (“Nello conosceva la povertà,  per questo aveva giurato di barare, di estrarre dal mazzo solo le carte migliori“): impostore, fedifrago, truffaldino. Gaia Conventi sta, naturalmente, dalla parte delle donne che rivaleggiano e non dimentica che, in ogni partita di scacchi, la mossa vincente è lo scaccomatto a lui: al re!

Le note

Nelle note leggiamo la ricostruzione storica di un’epoca: i favolosi Trenta, gli anni a  ridosso della terribile crisi economica del ’29, con i sussulti colonialistici in Libia (“Un’agiata signorina in vacanza sulla Quarta Sponda“) e – nello spettacolo – l’avvento del sonoro. Nelle note troviamo anche la colonna sonora suggerita dall’autrice, con una soundtrack che spazia da Parlami d’amore Mariù a Non dimenticar le mie parole. In sottofondo, una velata nostalgia per i successi del trio Lescano, Alberto Rabagliati, Beniamino Gigli e Natalino Otto…

La postfazione

È una colta riflessone sull’evoluzione storica della rappresentazione teatrale: il teatro immersivo, il LARP (acronimo che sta per Live Action Role-Playing), ecc.

In quest’opera Gaia Conventi (a proposito, in queste foto la scrittrice ferrarese non ricorda la mitologica Liza Minnelli di Cabaret?) dà corpo al suo modo personale e inconfondibile di essere scrittrice e interprete – spesso teatrale e ironica – delle sue creazioni, ma questa volta ancor di più invita il suo pubblico a diventare protagonista insieme a lei, grazie a lei…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gaia

Conventi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Conventi Gaia

La sera in cui a Liliana viene detto che non potrà più andare a scuola, lei non sa nemmeno di essere ebrea. In poco tempo i giochi, le corse coi cavalli e i regali di suo papà diventano un ricordo e Liliana si ritrova prima emarginata, poi senza una casa, infine in fuga e arrestata. A tredici anni viene deportata ad Auschwitz. Parte il 30 gennaio 1944 dal binario 21 della stazione Centrale di Milano e sarà l'unica bambina di quel treno a tornare indietro. Ogni sera nel campo cercava in cielo la sua stella. Poi ripeteva dentro di sé: finché io sarò viva, tu continuerai a brillare. Età di lettura: da 11 anni.

Fino a quando la mia stella brillerà

Segre Liliana

Tutto ruota attorno a una latteria, che la giovane Belinda vuole aprire nel centro di un delizioso paesino medievale. Certo, il paesino più che delizioso sembra sonnolento, a causa di una giunta comunale poco attiva; certo, nel negozio che Belinda sta ristrutturando si dice aleggi la presenza di un fantasma. Ma la ragazza vuol cambiar vita a tutti i costi, per superare il divorzio dei suoi, per riprendersi da una delusione amorosa, per rompere con tanti legami. La circonda una folla di personaggi divertenti e scombinati, sinceri e misteriosi... come la vita.

BORGO PROPIZIO

Limone Loredana

Gli autori Alberto Ghè, Andrea Lombardo e Pablo Renzi propongono la loro geniale "ARTErnativa". Opere d'arte di ogni stile ed epoca puntualmente fraintese da un trittico di pseudo-critici che, pur mantenendo una encomiabile nonchalance, si arrampicano agilmente sugli specchi fornendo titoli e commenti del tutto fantasiosi per ogni opera. E così la Gioconda altro non è che un'intrusa paratasi davanti al sommo Leonardo mentre questi cercavo ai ritrarre un paesaggio, o la testa del povero Oloferne diviene uno strano portachiavi nelle mani di Giuditta.

Arternativa

Renzi Pablo

Spesso considerata, con tono benevolo e sprezzante, "un reportage", il capolavoro della Serao ha la forza della verità che si fa letteratura, del rifiuto per quella "retorichetta a base di golfo e colline fiorite che serve per quella parte di pubblico che non vuole essere seccata con racconti di miserie". La sua denuncia resta, a un secolo di distanza, di straordinaria attualità: "Questo ventre di Napoli, se non lo conosce il governo, chi lo deve conoscere? A che sono buoni tutti questi impiegati alti e bassi, questo immenso ingranaggio burocratico che ci costa tanto?"

Il ventre di Napoli

Serao Matilde