Teatro

Sofà

Conventi Gaia

Descrizione: "Gentili lettori, questa quarta di copertina promette molte cose, le più strane. In effetti il libro che andrete a sfogliare ha poco di convenzionale. Si tratta di una innovativa visione del teatro o forse di un passatempo vintage con risvolti social: in quest'opera l'antico e il moderno coesistono, così come la burla e il dramma. Quello di un'attrice che sopravvive alla scomparsa del cinema muto e che, circondata di gemme e di rose, viene irretita da un bellimbusto. Un noir ferrarese degli anni Trenta che vi vede spettatori e protagonisti, note esplicative con curiosità e gossip d'epoca, un kit per la messa in scena e un pubblico che vi attende online. Del resto, se siamo fatti della stessa sostanza dei sogni - come sosteneva Shakespeare -, conviene forse sognare in grande: i fasti di Broadway dal divano di casa. Anzi, dal Sofà".

Categoria: Teatro

Editore: Le Mezzelane

Collana: Comodìa

Anno: 2019

ISBN: 9788833283388

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Sofà. Pièce per divano e diretta social. Include il dramma teatrale «Scacco alla regina» di Gaia Conventi

L’opera ha una costruzione composita: il prologo (Sofà… si fa!) “inventa” un nuovo modo di fare teatro, che potremmo definire artigianale, social, domestico e coinvolgente; il dramma (Scacco alla regina) in dieci atti coniuga la vocazione noir dell’autrice con il suo amore per il teatro; l’appendice, costituita dalle note al testo, fornisce uno spaccato su epoca e ambientazione; la postfazione traccia le più recenti e innovative evoluzioni del “fare teatro”.

Sofà… si fa!

Ed eccola dunque una nuova modalità di fare teatro.
Artigianale (o “minimalista”, a detta dell’autrice): alcuni fogli per i titoli, una scenografia basica – il sofà del titolo -, un cameraman d’accatto e tanto spazio all’interpretazione delle regine.
Social: al passo con i tempi, la diretta Facebook e la radio online possono ben rappresentare il canale per la rappresentazione.
Domestico: la nostra casa diviene teatro e ciò rivoluziona il teatro classico fondato sul dualismo palcoscenico-platea.
Coinvolgente: un teatro così concepito darà modo anche ai più timidi di sfogare la propria soffocata vocazione di attori!

Scacco alla regina

I primi nove atti sono monologhi alternati tra la regina nera – un’attrice che vive più tragedie: il tempo che passa, la rivoluzione del sonoro dopo il cinema muto e il tradimento dell’amato (“Povera la mia signora, gabbata da un viveur e da un’anonima servetta!”) – e la regina bianca, l’inserviente che coltiva un sogno d’amore (“Mi baciava la mano con galanteria, come gli avevo visto fare tante volte con la mia signora prima di richiudere la porta sulla loro alcova“) e di protagonismo. Nella decima scena recitano entrambe le regine. Il re sulla scacchiera tra Ferrara e Tripoli è Nello (“Nello conosceva la povertà,  per questo aveva giurato di barare, di estrarre dal mazzo solo le carte migliori“): impostore, fedifrago, truffaldino. Gaia Conventi sta, naturalmente, dalla parte delle donne che rivaleggiano e non dimentica che, in ogni partita di scacchi, la mossa vincente è lo scaccomatto a lui: al re!

Le note

Nelle note leggiamo la ricostruzione storica di un’epoca: i favolosi Trenta, gli anni a  ridosso della terribile crisi economica del ’29, con i sussulti colonialistici in Libia (“Un’agiata signorina in vacanza sulla Quarta Sponda“) e – nello spettacolo – l’avvento del sonoro. Nelle note troviamo anche la colonna sonora suggerita dall’autrice, con una soundtrack che spazia da Parlami d’amore Mariù a Non dimenticar le mie parole. In sottofondo, una velata nostalgia per i successi del trio Lescano, Alberto Rabagliati, Beniamino Gigli e Natalino Otto…

La postfazione

È una colta riflessone sull’evoluzione storica della rappresentazione teatrale: il teatro immersivo, il LARP (acronimo che sta per Live Action Role-Playing), ecc.

In quest’opera Gaia Conventi (a proposito, in queste foto la scrittrice ferrarese non ricorda la mitologica Liza Minnelli di Cabaret?) dà corpo al suo modo personale e inconfondibile di essere scrittrice e interprete – spesso teatrale e ironica – delle sue creazioni, ma questa volta ancor di più invita il suo pubblico a diventare protagonista insieme a lei, grazie a lei…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gaia

Conventi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Conventi Gaia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Tasso è un uomo con un piolo conficcato in testa, un po' lento (direbbe sua madre), ma molto sensibile alle attenzioni della signora Pilar. Anchise è disposto a pagare di tasca propria per poter continuare a suonare ogni sabato con la sua band, e scambiare quello sguardo di profondissima intesa con Diana, la bassista, prima che lei torni dal marito. E poi c'è una Polaroid che a un certo punto comincia a catturare non solo le immagini ma anche i pensieri, e una sala d'attesa in cui perdere la cognizione del tempo mentre aspetti invano che l'Assegnatore chiami il tuo numero. Insomma, questi racconti - cosi diversi fra loro e cosi inseparabili, quasi una classe scolastica eterogenea ma affiatata - sono un tripudio di fantasia e vividezza. E soprattutto irrompono sulla scena due elementi nuovissimi nella scrittura di Ligabue: la cornice surreale e la musica. La musica in tutte le sue declinazioni. La musica che, come il sesso e l'amore, sfugge fortunatamente a ogni tentativo di imbrigliarla. Perché solo nell'abbandono, nell'accettazione del mistero, nello stupore che ci afferra ogni volta come fosse la prima, possiamo sperimentare la loro - e la nostra - quotidiana spettacolare magia.

Scusate il disordine

Ligabue, Luciano

Il principe della Marsiliana

Perodi Emma

È domenica pomeriggio 22 marzo 1981 e al Bar Marco tra i tavoli da carte e il rumore dei flipper riecheggiano le partite di calcio. Tutti seguono la radiocronaca e controllano la schedina. A Sanremo, a pochi passi dai lustrini luccicanti del Casinò, dall'aristocratica clientela degli hotel dell'Imperatrice e dagli splendori delle ville liberty, il Bar illumina un quartiere sorto rapidamente, senza anima apparente ma stracolmo di umanità parallele. Qui sui tavoli del biliardo si sfiorano senza incontrarsi, destini impegnati a sopravvivere alla vita e vite impegnate a sopravvivere ad un destino. Vite in movimento apparente, vacuamente oscillanti al caso come la pallina della roulette, e destini sfilacciati, duri da mordere, incatenati ad un filo di necessità. Destini appesi al bancone del Bar Marco, fra un bicchiere di troppo e una sigaretta mai spenta, in attesa del tredici che ne cambierà per sempre segno e direzione. Una vincita milionaria, il furto della schedina, un mistero da risolvere in un intreccio di emozioni e traiettorie. Un ingorgo di miserie, furbizie, espedienti e sudore che trova la sua perfezione provvisoria nella geometria euclidea del biliardo, nella esatta corrispondenza della sponda, nella fredda pazienza del ragno che tesse l'ineludibile disegno della tela. Una melodia distillata in infinite modulazioni fra tonalità maggiori e minori, scale ascendenti e discendenti, alla ricerca di una cifra armonica che riempia e sazi gli spazi dell'anima ruota intorno a Mario, il barista-investigatore dalla debordante umanità.

Un pastis al bar Marco

Fellegara Morena

Delfina è una ragazza in coma a seguito di un incidente, chiusa in quello stato che i medici definiscono minimal responsive. Attorno a lei i personaggi che fanno parte della sua esistenza: la madre, donna ingombrante e perfezionista; un padre lontano, mite e un po' egoista; un fidanzato inconsistente che nasconde una colpa terribile; la fisioterapista; le amiche. Una girandola di amici e parenti che si affolla sul guscio apparentemente vuoto della protagonista e, nel bene e nel male, porta avanti la sua vita. Eppure ognuno di loro è prima di tutto a se stesso che parla, mettendo a nudo le meschinerie e le paure che stanno a fondamento di ogni relazione, in una rappresentazione della normalità che sconfina pericolosamente con il suo opposto, quella sottile e banale follia del quotidiano in cui è immersa la nostra vita. Fuori Delfina, un succedersi di storie e di colpi di scena. Dentro, l'inquieto vaneggiare di Delfina in attesa del risveglio. Ma se fosse proprio lei a non voler aprire gli occhi?

NUDA VITA

Frascati Daniela