Teatro

Sofà

Conventi Gaia

Descrizione: "Gentili lettori, questa quarta di copertina promette molte cose, le più strane. In effetti il libro che andrete a sfogliare ha poco di convenzionale. Si tratta di una innovativa visione del teatro o forse di un passatempo vintage con risvolti social: in quest'opera l'antico e il moderno coesistono, così come la burla e il dramma. Quello di un'attrice che sopravvive alla scomparsa del cinema muto e che, circondata di gemme e di rose, viene irretita da un bellimbusto. Un noir ferrarese degli anni Trenta che vi vede spettatori e protagonisti, note esplicative con curiosità e gossip d'epoca, un kit per la messa in scena e un pubblico che vi attende online. Del resto, se siamo fatti della stessa sostanza dei sogni - come sosteneva Shakespeare -, conviene forse sognare in grande: i fasti di Broadway dal divano di casa. Anzi, dal Sofà".

Categoria: Teatro

Editore: Le Mezzelane

Collana: Comodìa

Anno: 2019

ISBN: 9788833283388

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Sofà. Pièce per divano e diretta social. Include il dramma teatrale «Scacco alla regina» di Gaia Conventi

L’opera ha una costruzione composita: il prologo (Sofà… si fa!) “inventa” un nuovo modo di fare teatro, che potremmo definire artigianale, social, domestico e coinvolgente; il dramma (Scacco alla regina) in dieci atti coniuga la vocazione noir dell’autrice con il suo amore per il teatro; l’appendice, costituita dalle note al testo, fornisce uno spaccato su epoca e ambientazione; la postfazione traccia le più recenti e innovative evoluzioni del “fare teatro”.

Sofà… si fa!

Ed eccola dunque una nuova modalità di fare teatro.
Artigianale (o “minimalista”, a detta dell’autrice): alcuni fogli per i titoli, una scenografia basica – il sofà del titolo -, un cameraman d’accatto e tanto spazio all’interpretazione delle regine.
Social: al passo con i tempi, la diretta Facebook e la radio online possono ben rappresentare il canale per la rappresentazione.
Domestico: la nostra casa diviene teatro e ciò rivoluziona il teatro classico fondato sul dualismo palcoscenico-platea.
Coinvolgente: un teatro così concepito darà modo anche ai più timidi di sfogare la propria soffocata vocazione di attori!

Scacco alla regina

I primi nove atti sono monologhi alternati tra la regina nera – un’attrice che vive più tragedie: il tempo che passa, la rivoluzione del sonoro dopo il cinema muto e il tradimento dell’amato (“Povera la mia signora, gabbata da un viveur e da un’anonima servetta!”) – e la regina bianca, l’inserviente che coltiva un sogno d’amore (“Mi baciava la mano con galanteria, come gli avevo visto fare tante volte con la mia signora prima di richiudere la porta sulla loro alcova“) e di protagonismo. Nella decima scena recitano entrambe le regine. Il re sulla scacchiera tra Ferrara e Tripoli è Nello (“Nello conosceva la povertà,  per questo aveva giurato di barare, di estrarre dal mazzo solo le carte migliori“): impostore, fedifrago, truffaldino. Gaia Conventi sta, naturalmente, dalla parte delle donne che rivaleggiano e non dimentica che, in ogni partita di scacchi, la mossa vincente è lo scaccomatto a lui: al re!

Le note

Nelle note leggiamo la ricostruzione storica di un’epoca: i favolosi Trenta, gli anni a  ridosso della terribile crisi economica del ’29, con i sussulti colonialistici in Libia (“Un’agiata signorina in vacanza sulla Quarta Sponda“) e – nello spettacolo – l’avvento del sonoro. Nelle note troviamo anche la colonna sonora suggerita dall’autrice, con una soundtrack che spazia da Parlami d’amore Mariù a Non dimenticar le mie parole. In sottofondo, una velata nostalgia per i successi del trio Lescano, Alberto Rabagliati, Beniamino Gigli e Natalino Otto…

La postfazione

È una colta riflessone sull’evoluzione storica della rappresentazione teatrale: il teatro immersivo, il LARP (acronimo che sta per Live Action Role-Playing), ecc.

In quest’opera Gaia Conventi (a proposito, in queste foto la scrittrice ferrarese non ricorda la mitologica Liza Minnelli di Cabaret?) dà corpo al suo modo personale e inconfondibile di essere scrittrice e interprete – spesso teatrale e ironica – delle sue creazioni, ma questa volta ancor di più invita il suo pubblico a diventare protagonista insieme a lei, grazie a lei…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gaia

Conventi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Conventi Gaia

Anche nel commissariato di Pozzuoli arriva la primavera piovosa e fredda: il commissario Martusciello rimpiange la capacità di memoria degli anni passati, la sovrintendente Blanca vive una crisi amorosa con l’ispettore Liguori, l’agente scelto Carità è tornato nei suoi silenzi. Dovranno dimenticare le loro irrequietezze per occuparsi di due omicidi; le vittime lavoravano nello stesso ufficio postale di zona, ma pare l’unico legame, perché le morti si riferiscono a contesti diversi: spiriti e voyeurismo pseudo artistico da una parte e crimine di rapine e ricatti dall’altra. Intanto Gianni Russo, il padre di Ninì, la figlia adottiva di Blanca, in carcere per aver confessato l’omicidio della moglie, scappa dall’ospedale dove è ricoverato. Cerca Ninì e la fa sprofondare di nuovo nell’incertezza da cui la ragazza si sta liberando. Il rapporto tra Blanca e Ninì si incrina, Russo ferisce gravemente il commissario e le vite di tutti si frantumano. Martusciello ce la farà, i misteri saranno decifrati: gli spiriti sono solo tormento dato dai vivi ai vivi e le relazioni e gli irrisolti di tutti troveranno un nuovo ordine.

Rosso caldo

Rinaldi Patrizia

Scritto nel 1795 con il titolo di Elinor and Marianne, "Ragione e sentimento" viene pubblicato nel 1811. Come gli altri maggiori romanzi della Austen, descrive le vicende di un'anima ingenuamente romantica che, attraverso l'esperienza, giunge a comprendere infine la realtà dell'esistenza. Protagoniste sono le giovani sorelle Dashwood, Elinor e Marianne, che, alla morte del padre, sono costrette a fare i conti con le ristrettezze economiche nella loro nuova e modesta casa nel Devonshire. Qui conosceranno le pene e le gioie dell'amore e, imparando a conciliare la ragione con il sentimento, diventeranno donne. Attorno a questo processo di maturazione la Austen tesse una trama piena di grazia e ironia, in cui con la sua elegantissima prosa riesce ad analizzare e descrivere con straordinaria sottigliezza il contrasto e il dissidio tra istanze psicologiche e morali.

Ragione e sentimento

Austen Jane

Scritto nel 1964 e pubblicato nel 1965 dalla Doubleday, "Le tre stimmate di Palmer Eldritch" è stato osannato come un grande romanzo psichedelico, una navigazione allucinata in un mondo surreale creato dalla droga e dominato dall'inquietante figura di un mostruoso imprenditore-spacciatore, non del tutto umano e forse strumento di un'oscura divinità. Ma dietro la storia di una delle più originali invasioni aliene mai raccontate si nascondono diversi livelli di lettura, dove la provocatoria meditazione teologica va a braccetto con la denuncia politica e sociale. Palmer Eldritch, produttore e spacciatore del Chew-Z, è forse un abominevole Cristo negativo, forse personificazione di una Tecnica che tutto vede, afferra e mastica; ma forse è solo una povera vittima, un uomo qualunque... Droghe illegali, stimmate divine, tesi gnostiche, Barbie Dolls: "Le tre stimmate di Palmer Eldritch" è tutto questo e in piú una grandiosa storia di invasione della Terra.

LE TRE STIMMATE DI PALMER ELDRITCH

Dick Philip K.

Un investigatore infallibile, i suoi colleghi ottusi e altezzosi, un delitto raccapricciante la cui vittima è un bambino di sette anni e, infine, la rivelazione dell'assassino.

LA PROMESSA

Dürrenmatt Friedrich