Narrativa

Sogni di Bunker Hill

Fante John

Descrizione: Il romanzo estremo dello sradicamento sotto le luci iperboliche e miserabili della mecca del cinema.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana:

Anno: 2004

ISBN: 9788806168063

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Mi misi in ginocchio e pregai:

- Che cosa ti ho fatto, Signore? Perché mi punisci? Tutto quello che chiedo è la possibilità di scrivere, di avere uno o due amici, di cessare la mia corsa. Portami un po’ di pace, Signore. Plasmami in qualcosa che valga la pena. Fà cantare la macchina per scrivere. Trova la canzone dentro di me. Sii buono con me perché io sono solo”.

“Sogni di Bunker Hill” è l’ultimo, bellissimo capitolo della saga di Arturo Bandini, ma rappresenta una lettura piacevole e commovente anche per chi non abbia letto gli altri libri di John Fante. L’autore, ormai gravemente ammalato, lo dettò alla moglie Joyce, regalando forti emozioni soprattutto a chi, come il protagonista, sogna di diventare uno scrittore famoso…

La trama è un progressivo infittirsi di incontri, viaggi, passioni ed imprevisti, in un tragicomico alternarsi di speranze e delusioni.

Bandini comincia come cameriere, poi finisce a correggere bozze ed infine viene ingaggiato come sceneggiatore. Anche la nuova avventura hollywoodiana ed i nuovi amori si rivelano, però, molto effimeri ed insoddisfacenti, così Arturo decide di cambiare ancora…

Consigliato a chi, sotto sotto, non ha smesso di sognare, eppure seguita a raccontar balle sulla sua meravigliosa vita e poi si accorge tristemente di aver lasciato la macchina da scrivere in una stanza d’albergo…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Fante

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fante John


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il tenente dei lancieri

Rovetta Gerolamo

Il volume raccoglie testi di: Cristina Babino, Maria Angela Bedini, Allì Caracciolo, Alessandra Carnaroli, Elena Frontaloni, Maria Lenti, Enrica Loggi, Maria Grazia Maiorino, Franca Mancinelli, Caterina Morgantini, Renata Morresi, Natalia Paci, Anuska Pambianchi, Daniela Simoni, Eleonora Tamburrini, Lucia Tancredi, Luana Trapè.

Femminile plurale. Le donne scrivono le Marche

a cura di Babino Cristina

Una saga familiare che si intreccia a un capitolo poco conosciuto del nostro Novecento. Una vicenda tutta al femminile che emoziona e sorprende: inattesa, profonda, viva. "Non avevo mai pensato di scrivere della mia famiglia. Cosa c'era da raccontare? Finché non ho trovato il diario di Rosa, la mia bisnonna. E ho capito che tra quelle pagine c'era anche la storia di un popolo e di una regione, quella in cui sono nata. Una storia che in Italia conoscono in pochi e che potrebbe, invece, insegnarci molto. Rosa comincia il suo diario ai primi del Novecento, quando il Sudtirolo è territorio austriaco. È l'8 aprile 1902, il giorno del suo matrimonio con Jakob Rizzolli. Lungo la linea dei secoli e di due altre generazioni di donne ­ mia nonna Elsa, mia madre Herlinde ­ la sua eredità è arrivata fino a me".

EREDITA’

Gruber Lilli

Anime assassine. I casi dell’Ispettore Quetti

Diego Collaveri