Giallo - thriller - noir

Solitude Creek

Deaver Jeffery

Descrizione: Una tragedia si consuma al Solitude Creek, un piccolo disco-pub nella penisola di Monterrey. Qualcuno grida “al fuoco!” e gli avventori, in preda al panico, si precipitano alle uscite, trovandole sbarrate. Il bilancio è di sei morti e di diversi feriti gravi. Tuttavia, a causare il disastro è stata la calca, non un incendio. Kathryn Dance, ottimo agente dell’FBI, capisce che la disgrazia è stata provocata di proposito e che il colpevole, un uomo intenzionato a servirsi delle paure delle persone per seminare il panico, è pronto a sferrare altri attacchi. L’agente Dance e il suo team devono intraprendere una pericolosa corsa contro il tempo prima che altri innocenti ne paghino le conseguenze.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Rizzoli

Collana: Rizzoli narrativa

Anno: 2015

ISBN: 9788817083232

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il Solitude Creek di Jeffery Deaver è un locale affollato ove si esibisce una rock band. Durante il concerto, l’odore di fumo, presagio d’incendio, diffonde il panico tra i presenti. La calca si trasforma in tragedia. Gli inquirenti ben presto ravvisano indizi che dimostrano l’origine dolosa della strage. Difficile comprendere quali possano essere le motivazioni di chi l’ha causata.

Si occupa del caso Kathryn Dance, “esperta di cinesica (linguaggio del corpo)”. Ma se ne occupa con una penalizzazione (“Quindi sono sospesa. Dalla Criminal Division”), in quanto ha fallito e compromesso la cattura di un malavitoso. Per questo viene privata dell’arma di ordinanza e retrocessa in un pool non armato (“Civ-Div: sì, il riferimento era sprezzante quanto sembrava”).

Il folle che semina il panico prima al Solitude Creek, poi durante il reading di uno scrittore, nel Parco Global Adventure World e nell’ascensore di un ospedale, sembra attratto dall’idea di innescare i meccanismi irrazionali (“Preferisce che si uccidano da sole”) che portano alla strage  (“Insieme, tutte quelle persone erano diventate qualcos’altro”).

Per quali motivazioni agisce (“La progenie di Antioch March”)?
Turbe psicologiche (“Una sottocategoria della paura delle mutilazioni… Le altre quattro paure fondamentali erano: paura della morte fisica, paura della morte dell’io, imbarazzo e vergogna, paura della separazione… e paura di perdere l’autonomia, si spaziava dalla claustrofobia… E adesso stava per verificarne tre. Paura della morte fisica, paura della mutilazione, paura della perdita di autonomia, tutte insieme”)?
Motivazioni di ordine economico?

Dell’odioso misfatto vengono sospettati in molti: il marito di una vittima, un politico di origine giapponese, l’espropriato Otto Grant…

Intanto la mente va ai disastri umani che nella realtà degli stadi così come dei ritrovi religiosi (“La Mecca. Mai andare alla Mecca”) hanno scritto tristi pagine sui quotidiani.

Come sempre accade nei romanzi di Jeffery Deaver, la trama principale s’interseca con un’indagine collaterale, qui quella su un’organizzazione criminale, con le vicende familiari – dei figli Maggie (impegnata in esibizioni canore) e Wes, pericolosamente coinvolto in amicizie con bulli e vandali – e amorose della bella Kathryn, che in questo romanzo riceverà ben due proposte di matrimonio…

A parer mio azionismo, sensazionalismo e passione per il colpo di scena non assolvono Jeffery Deaver da un pericolo insidioso: quello di contribuire a mistificare eroi negativi che, nel nostro mondo malato, hanno già sin troppa risonanza.

Bruno Elpis

Qui il sito personale dell’autore del romanzo!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jeffery

Deaver

Libri dallo stesso autore

Intervista a Deaver Jeffery


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Torino 1821. Nel clima turbolento del primo Ottocento, due fratelli di famiglia aristocratica, entrambi ufficiali dei carabinieri, compiono scelte radicalmente opposte: uno si schiera con i liberali, l'altro con i conservatori favorevoli alla restaurazione. Ventotto anni dopo i loro figli si incontreranno sul campo di battaglia di Novara, e in nome del sogno di unità nazionale ricomporranno una frattura che pareva insanabile.

Nell’ombra e nella luce

De Cataldo Giancarlo

Nell'estremo lembo della provincia ferrarese, dove il Po incontra il mare, Giovanni e Iolanda, fratelli e nemici, devono patteggiare per sopravvivere...

D’argine al male

Conventi Gaia

"In bilico. Storie di animali terrestri" contiene dodici racconti inediti. Questi nuovi racconti italiani, scritti da autori nati tra gli anni Settanta e gli anni Ottanta, descrivono la realtà del nostro paese, tra speranze, desideri, tra crisi del lavoro e volontà di cambiamento, in cerca di un nuovo possibile destino. Con racconti di: Paolo Colavero, Gianluca Conte, Luigi De Gregorio, Marco Goi, Belisario Laveneziana, Angela Leucci, Valentina Luberto, Paolo Merenda, Antonio Montefusco, Annarita Pavone, Marina Piconese.

In bilico. Storie di animali terrestri

Autori Vari

Quando giunge dal suo torbido passato nella sua nuova casa in un tranquillo quartiere inglese, Annie pensa che a ventisette anni la sua vita è finalmente iniziata. Si fissa su Neil, un giovane vicino di casa, scambiando la sua gentilezza per interesse sentimentale, Annie immagina un futuro di coppia assieme a Neil nonostante lui conviva felicemente con Lucy. Portando avanti il proprio programma di miglioramento personale, Annie organizza una catastrofica festa per conoscere i vicini di casa, si regala una nuova acconciatura e inizia a tormentare Lucy frugandole nella spazzatura, calpestandole i fiori e indossando vestiti identici a quelli della rivale. Ma poco alla volta emergono dettagli inquietanti del suo passato: dove sono finiti il. suo ex-marito e la loro figlioletta? Chi sono gli uomini che Annie, cicciottella, ha incontrato attraverso la rivista erotica Abundance? È una vittima della solitudine e di un'infanzia infelice oppure una pericolosa sociopatica bugiarda e con gravi disturbi mentali? Un romanzo straordinario che ci tiene in bilico tra umorismo nero, raffinata indagine su una mente disturbata e un misto di horror tra Stephen King, Patricia Highsmith e Ruth Rendell. Certamente è letteratura di gran classe.

UN CERTO TIPO DI INTIMITA’

Ashworth Jenn