Giallo - thriller - noir

Solitude Creek

Deaver Jeffery

Descrizione: Una tragedia si consuma al Solitude Creek, un piccolo disco-pub nella penisola di Monterrey. Qualcuno grida “al fuoco!” e gli avventori, in preda al panico, si precipitano alle uscite, trovandole sbarrate. Il bilancio è di sei morti e di diversi feriti gravi. Tuttavia, a causare il disastro è stata la calca, non un incendio. Kathryn Dance, ottimo agente dell’FBI, capisce che la disgrazia è stata provocata di proposito e che il colpevole, un uomo intenzionato a servirsi delle paure delle persone per seminare il panico, è pronto a sferrare altri attacchi. L’agente Dance e il suo team devono intraprendere una pericolosa corsa contro il tempo prima che altri innocenti ne paghino le conseguenze.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Rizzoli

Collana: Rizzoli narrativa

Anno: 2015

ISBN: 9788817083232

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il Solitude Creek di Jeffery Deaver è un locale affollato ove si esibisce una rock band. Durante il concerto, l’odore di fumo, presagio d’incendio, diffonde il panico tra i presenti. La calca si trasforma in tragedia. Gli inquirenti ben presto ravvisano indizi che dimostrano l’origine dolosa della strage. Difficile comprendere quali possano essere le motivazioni di chi l’ha causata.

Si occupa del caso Kathryn Dance, “esperta di cinesica (linguaggio del corpo)”. Ma se ne occupa con una penalizzazione (“Quindi sono sospesa. Dalla Criminal Division”), in quanto ha fallito e compromesso la cattura di un malavitoso. Per questo viene privata dell’arma di ordinanza e retrocessa in un pool non armato (“Civ-Div: sì, il riferimento era sprezzante quanto sembrava”).

Il folle che semina il panico prima al Solitude Creek, poi durante il reading di uno scrittore, nel Parco Global Adventure World e nell’ascensore di un ospedale, sembra attratto dall’idea di innescare i meccanismi irrazionali (“Preferisce che si uccidano da sole”) che portano alla strage  (“Insieme, tutte quelle persone erano diventate qualcos’altro”).

Per quali motivazioni agisce (“La progenie di Antioch March”)?
Turbe psicologiche (“Una sottocategoria della paura delle mutilazioni… Le altre quattro paure fondamentali erano: paura della morte fisica, paura della morte dell’io, imbarazzo e vergogna, paura della separazione… e paura di perdere l’autonomia, si spaziava dalla claustrofobia… E adesso stava per verificarne tre. Paura della morte fisica, paura della mutilazione, paura della perdita di autonomia, tutte insieme”)?
Motivazioni di ordine economico?

Dell’odioso misfatto vengono sospettati in molti: il marito di una vittima, un politico di origine giapponese, l’espropriato Otto Grant…

Intanto la mente va ai disastri umani che nella realtà degli stadi così come dei ritrovi religiosi (“La Mecca. Mai andare alla Mecca”) hanno scritto tristi pagine sui quotidiani.

Come sempre accade nei romanzi di Jeffery Deaver, la trama principale s’interseca con un’indagine collaterale, qui quella su un’organizzazione criminale, con le vicende familiari – dei figli Maggie (impegnata in esibizioni canore) e Wes, pericolosamente coinvolto in amicizie con bulli e vandali – e amorose della bella Kathryn, che in questo romanzo riceverà ben due proposte di matrimonio…

A parer mio azionismo, sensazionalismo e passione per il colpo di scena non assolvono Jeffery Deaver da un pericolo insidioso: quello di contribuire a mistificare eroi negativi che, nel nostro mondo malato, hanno già sin troppa risonanza.

Bruno Elpis

Qui il sito personale dell’autore del romanzo!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jeffery

Deaver

Libri dallo stesso autore

Intervista a Deaver Jeffery


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Roma 1903: la morte di una guardia svizzera e di una giovane cameriera scuote il Vaticano. Il papa Leone XIII decide che per risolvere il mistero è necessaria la consulenza di un giovane medico viennese esperto nell'indagare la mente: Sigmund Freud. Il suo compito sarà individuare l'individuo che sta dietro alla tragica morte dei giovani. Non per assicurarlo alla giustizia, però, perché uno scandalo metterebbe a repentaglio la missione della Chiesa. E in fondo, pensa il papa, il colpevole riceverà l'adeguata punizione nell'aldilà. Il risultato dell'indagine servirà a impedire che, alla morte ormai prossima di Leone, il soglio di Pietro venga occupato da un empio, da un assassino. E Freud potrà contare sull'assistenza della bellissima cameriera Maria e di un giovane seminarista dal cuore puro, un certo Giuseppe Angelo Roncalli...

La scelta di Sigmund

Martigli Carlo A.

Etor è il personaggio nato dalla matita del disegnatore, writer e motion grapher Totore Nilo, e rappresenta il suo "alter ego", il Totore Nilo/bambino, raffigurato con casco e occhiali da aviatore e accompagnato dal suo immancabile aeroplano. Il casco è magico e consente di viaggiare nello spazio e nel tempo, per evadere dalla banalità, dal grigiore, dalle tante gabbie metaforiche e psicologiche che condizionano la vita dell'uomo. Età di lettura: da 7 anni.

Etor nel paese delle carabattole salvate

Pezzetta Cristiana

Pilar ritrova a Madrid l'amico d'infanzia. Insieme a lui, che ha girato il mondo facendo esperienza di tutte le religioni, compie un viaggio di sei giorni durante il quale la donna ritrova se stessa attraverso una riflessione mistico-iniziatica. I due si recheranno a Lourdes, dove cementeranno il loro amore alla luce di una fede che esalta i valori della missione nel mondo.

SULLA SPONDA DEL FIUME PIEDRA MI SONO SEDUTA E HO PIANTO

Coelho Paulo

Siamo di passaggio, poesia Sioux