Saggi

Solo con gli occhi

Vignolo Claudia

Descrizione: Valentina è una neonata imprigionata nel corpo di un'adulta. A causa di una rara malattia genetica, la sindrome di Rett, vive, fin dalla nascita, in un mondo ovattato, senza la possibilità di parlare, camminare... completamente in balia di chi si prende cura di lei. Assorbe, come una spugna, gli stati d'animo delle persone che ha attorno: felicità, tristezza o dolore. Comunica solo con gli occhi, usa lo sguardo per richiamare l'attenzione, per scegliere ciò che vuole o che non vuole. La sua giornata, con l'immancabile sottofondo musicale, è scandita da movimenti ripetitivi e sempre uguali. Questa è la sua storia ed è anche la storia della sua famiglia che, a volte col sorriso, a volte con il pianto, ha imparato a convivere con la consapevolezza di essere stata scelta per un compito diverso, difficile e impegnativo.

Categoria: Saggi

Editore: Booksprint

Collana:

Anno: 2015

ISBN: 9788869900631

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Claudia Vignolo pubblica un toccante romanzo, dal titolo Solo con gli occhi. Il libro è un’autobiografia, poiché racconta la storia della stessa autrice, mamma di una bambina affetta dalla sindrome di Rett. Che cosa è?

Bisogna sapere che, pur avendo già il difetto molecolare, la malattia vera e propria si può sviluppare fra i sei mesi e i due anni di età “.

La sindrome fa sì che Valentina, la figlia, sia “una neonata imprigionata nel corpo di un’adulta. (…) Vive, fin dalla nascita, in un mondo ovattato, senza la possibilità di camminare, parlare… completamente in balia di chi si prende cura di lei.”

Il libro narra il difficile e doloroso percorso compiuto dalla famiglia per giungere non solo all’individuazione di questa rara malattia, con tutte le sue complicanze, ma anche la loro accettazione dello stato in cui la figlia è costretta a vivere. La ricerca di un clima di serenità tanto agognato che conduca a una vita migliore per la malata e per tutti i famigliari è lo scopo per il quale il libro è stato scritto.

È un testo emozionante, che va letto e affrontato con una rara sensibilità. Quel sentimento che anima la stessa autrice e che le consente di affrontare quotidianamente le difficoltà e i problemi. È un saggio che insegna ad affrontare con coraggio e determinazione la malattia, in nome di quel bene supremo che non può che essere l’amore filiale. Un testo di rara e pregevole delicatezza.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Claudia

Vignolo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vignolo Claudia

Marianna Scamardella giovanissima giallista

Lunedì o martedì, un racconto di Virginia Woolf

Composto da Albert Camus prima de "Lo straniero" e lasciato intenzionalmente inedito, "La morte felice" è già opera autonoma, sguardo lucido e solidissimo sull'umano nelle sue manifestazioni più estreme. Un romanzo che un altro grande scrittore francese contemporaneo di Camus, Andre Gide, considerava la crisalide nella quale si formava la larva delle sue opere successive. Un romanzo che è dunque al contempo narrazione e progetto di narrazioni.

La morte felice

Camus Albert

C’è una strana donna che se ne sta buttata come un pacco alla stazione di Firenze Santa Maria Novella. Incurante di sé, immemore di tutto, sprofonda di tanto in tanto in visioni inquietanti di Medioevo, durante le quali si esprime in latino o in fiorentino antico. Ricoverata in ospedale, finalmente ricorderà qualcosa, il proprio nome: Beatrice. In realtà la giovane ragazza custodisce un grande segreto, la chiave per un manoscritto di incredibile valore, storico e alchemico. Come sa bene chi sta cercando in ogni modo di rapirla... E’ possibile che Dante Alighieri non si sia fermato alla terza cantica, ma abbia volutamente celato al mondo la parte finale, la più importante, del suo capolavoro, la cosiddetta quarta cantica? Che ne abbia rimandato la divulgazione in attesa di tempi più favorevoli e più predisposti alla comprensione del suo sconvolgente testamento spirituale? E’ il Dante Alighieri occulto, il Grande Maestro che si nasconde sotto “il velame delli versi strani”, il centro di tutto questo thriller esoterico. Una caccia al manoscritto inedito, ricca di delitti e colpi di scena, che arriva a svelare il significato più recondito sotteso all’opera dantesca.

LA QUARTA CANTICA

Tamà Patrizia