Narrativa

Solo per un giorno

Boni Massimiliano

Descrizione: Massimiliano Boni non è un eroe, se non per un giorno in un anno. Questa è la storia degli altri trecentosessantaquattro. In quel tempo fa due cose: corre e scrive. Poi, certo: lavora, legge, si occupa della famiglia, ricorda, rimpiange, sogna. Ma queste altre cose accadono di lato: al centro, corre e scrive. Si prepara alla maratona e tiene un diario. Non è spavaldo, in nessuna delle due sfide. Sa di non essere più un principiante, ma non ancora un campione. Abbassa la testa, cerca di imparare dai grandi e da chi gli viaggia a fianco. Lo accompagnano, tra gli altri, un amico straniero, la nonna "Baccajella", Murakami Haruki, Cormac McCarthy, la memoria di uno sciatore chiamato Roberto Grigis e la fantasia di un nuovo figlio in arrivo. È uno di noi, uno di voi, una delle migliaia di figure smilze e colorate che vediamo ansimare mentre le superiamo motorizzati, domandandoci: "Chi glielo fa fare?". Porta questo interrogativo a un livello più profondo. Scava dentro le proprie tracce per trovare il solco di un impegno che comprende molto più dell'allenamento per una gara. Ne fa una questione di fede: nelle proprie possibilità, nella legge umana e, infine, in quella divina. Il suo linguaggio si scioglie avanzando verso il traguardo dove la vita è in agguato, come sempre comica e tragica, pronta a dare in modo inatteso e a togliere quel che ci si aspettava. In entrambe le sue sfide Boni è un outsider, ma arriva in fondo. La fatica avvera i desideri.

Categoria: Narrativa

Editore: 66thand2nd

Collana: Attese

Anno: 2015

ISBN: 9788898970193

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

“Solo per un giorno” è un diario che Massimiliano Boni ha scritto innanzitutto per se stesso, ma in cui il lettore condivide volentieri le sue sensazioni durante il cammino verso la maratona di Roma del 2014.

Dopo aver partecipato a quella dell’anno precedente, il protagonista decide di cimentarsi nella sua seconda corsa, per più di quaranta chilometri lungo la capitale. Inizia allora la sua preparazione di dodici mesi, durante i quali gli allenamenti si intensificano e fanno i conti con gli acciacchi. Tra una sessione e l’altra compaiono inframezzi davvero piacevoli in cui sono descritte con delicatezza vicende personali e intimistiche, come le vacanze nelle Marche, dove si viene accolti da un clima di pace e si resta affascinati dagli anziani che mostrano anche nei gesti una preziosa saggezza.

Questi excursus sono azzeccati perché la corsa qui non è solo un’attività fisica, ma raccoglie in sé tanti significati, si mescola con le ispirazioni letterarie, la vita vissuta e le suggestioni musicali, tra cui anche quella che ha dato il nome al libro. “We can be heroes, just for one day“, cantava infatti David Bowie, perché si può essere eroi, anche se solo per un giorno. Eroico non è chi riesce a superare gli altri, quanto piuttosto colui che si pone degli obiettivi al limite o poco sopra le sue possibilità e ci arriva con consapevolezza, magari anche una volta sola, andando incontro a frustrazioni e dispiaceri.

Su un’unica pista “corrono” appunto le passioni del protagonista: la corsa, studiata e ben calata nell’ambiente intorno, la letteratura, come mondo cui attingere ispirazione e “comunità” cui appartenere, la famiglia, come germe da nutrire e da vivere intensamente. I tre canali si intrecciano e il risultato è di una intensità profonda, come nella conclusione, in cui l’autore riesce davvero a emozionarci e a strapparci un sorriso.

“Solo per un giorno” non è un libro pensato solo per gli amanti della corsa: scorre piacevole, coinvolge anche per le piccole incombenze quotidiane in cui spesso ci si riconosce, appassiona e porta a fare il tifo per il tenace corridore che, speriamo, non si fermerà.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Massimiliano

Boni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Boni Massimiliano

Nei primi anni ottanta il terrorismo seminava vittime e paura con stragi sommarie ed esecuzioni mirate. Il 1981 era stato anche l’anno degli attentati al Papa, a Reagan, a Sadat e a parecchi altri meno famosi. In Polonia, Solidarnosch aveva tirato la prima picconata a quel muro che si sarebbe sgretolato soltanto anni dopo. Il medio-oriente era una polveriera nella quale ogni giorno qualcuno, fosse stato un semplice civile o un capo di stato, saltava in aria. è proprio in quegli anni Gigi scopre il mondo guardandolo dalla Sardegna, con un papà così felice e innamorato da vedere anche sua moglie felice e innamorata. Un po’ come fanno gli ubriachi che vedono tutti sbronzi. Ma, purtroppo, si sbagliava.

L’anno di vento e sabbia

Delogu Roberto

Da quanto tempo sono qui? Non saprei dirlo. So che sono morta, questo sì. Quindi nessuno può vedermi, nessuno può dirmi cosa mi è successo. Mi sento molto sola, eppure non posso allontanarmi da questo fiume, che è la mia prigione. Non augurerei nemmeno al mio peggior nemico di rimanere per sempre legato a un luogo così triste. Ecco perché, quando ho visto un ragazzo che stava annegando, ho cercato con tutte le mie forze di salvarlo. E ci sono riuscita. Adesso lui mi vede. Dice che mi aiuterà a scoprire la verità e che mi proteggerà dalle ombre oscure che vogliono distruggermi...

SE FOSSE PER SEMPRE

Hudson Tara

Il romanzo che ha dato origine al film-culto di Spike Lee. L’opera che ci svela il lato oscuro della New York di oggi, tra i club privati di Downtown e i freddi locali di Wall Street, dove si aggirano brokers e uomini d’affari, gangster senza scrupoli e giovani senza illusioni.

La 25ª ora

Benioff David

«Giorni lieti s'avvicinavano per la famiglia Portolu, di Nuoro. Agli ultimi di aprile doveva ritornare il figlio Elias, che scontava una condanna in un penitenziario del continente; poi doveva sposarsi Pietro, il maggiore dei tre giovani Portolu. Si preparava una specie di festa: la casa era intonacata di fresco, il vino ed il pane pronti; pareva che Elias dovesse ritornare dagli studi, ed era con un certo orgoglio che i parenti, finita la sua disgrazia, lo aspettavano. Finalmente arrivò il giorno tanto atteso, specialmente da Zia Annedda, la madre, una donnina placida, bianca, un po' sorda, che amava Elias sopra tutti i suoi figliuoli.»

Elias Portolu

Deledda Grazia