Narrativa

Solo per un giorno

Boni Massimiliano

Descrizione: Massimiliano Boni non è un eroe, se non per un giorno in un anno. Questa è la storia degli altri trecentosessantaquattro. In quel tempo fa due cose: corre e scrive. Poi, certo: lavora, legge, si occupa della famiglia, ricorda, rimpiange, sogna. Ma queste altre cose accadono di lato: al centro, corre e scrive. Si prepara alla maratona e tiene un diario. Non è spavaldo, in nessuna delle due sfide. Sa di non essere più un principiante, ma non ancora un campione. Abbassa la testa, cerca di imparare dai grandi e da chi gli viaggia a fianco. Lo accompagnano, tra gli altri, un amico straniero, la nonna "Baccajella", Murakami Haruki, Cormac McCarthy, la memoria di uno sciatore chiamato Roberto Grigis e la fantasia di un nuovo figlio in arrivo. È uno di noi, uno di voi, una delle migliaia di figure smilze e colorate che vediamo ansimare mentre le superiamo motorizzati, domandandoci: "Chi glielo fa fare?". Porta questo interrogativo a un livello più profondo. Scava dentro le proprie tracce per trovare il solco di un impegno che comprende molto più dell'allenamento per una gara. Ne fa una questione di fede: nelle proprie possibilità, nella legge umana e, infine, in quella divina. Il suo linguaggio si scioglie avanzando verso il traguardo dove la vita è in agguato, come sempre comica e tragica, pronta a dare in modo inatteso e a togliere quel che ci si aspettava. In entrambe le sue sfide Boni è un outsider, ma arriva in fondo. La fatica avvera i desideri.

Categoria: Narrativa

Editore: 66thand2nd

Collana: Attese

Anno: 2015

ISBN: 9788898970193

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

“Solo per un giorno” è un diario che Massimiliano Boni ha scritto innanzitutto per se stesso, ma in cui il lettore condivide volentieri le sue sensazioni durante il cammino verso la maratona di Roma del 2014.

Dopo aver partecipato a quella dell’anno precedente, il protagonista decide di cimentarsi nella sua seconda corsa, per più di quaranta chilometri lungo la capitale. Inizia allora la sua preparazione di dodici mesi, durante i quali gli allenamenti si intensificano e fanno i conti con gli acciacchi. Tra una sessione e l’altra compaiono inframezzi davvero piacevoli in cui sono descritte con delicatezza vicende personali e intimistiche, come le vacanze nelle Marche, dove si viene accolti da un clima di pace e si resta affascinati dagli anziani che mostrano anche nei gesti una preziosa saggezza.

Questi excursus sono azzeccati perché la corsa qui non è solo un’attività fisica, ma raccoglie in sé tanti significati, si mescola con le ispirazioni letterarie, la vita vissuta e le suggestioni musicali, tra cui anche quella che ha dato il nome al libro. “We can be heroes, just for one day“, cantava infatti David Bowie, perché si può essere eroi, anche se solo per un giorno. Eroico non è chi riesce a superare gli altri, quanto piuttosto colui che si pone degli obiettivi al limite o poco sopra le sue possibilità e ci arriva con consapevolezza, magari anche una volta sola, andando incontro a frustrazioni e dispiaceri.

Su un’unica pista “corrono” appunto le passioni del protagonista: la corsa, studiata e ben calata nell’ambiente intorno, la letteratura, come mondo cui attingere ispirazione e “comunità” cui appartenere, la famiglia, come germe da nutrire e da vivere intensamente. I tre canali si intrecciano e il risultato è di una intensità profonda, come nella conclusione, in cui l’autore riesce davvero a emozionarci e a strapparci un sorriso.

“Solo per un giorno” non è un libro pensato solo per gli amanti della corsa: scorre piacevole, coinvolge anche per le piccole incombenze quotidiane in cui spesso ci si riconosce, appassiona e porta a fare il tifo per il tenace corridore che, speriamo, non si fermerà.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Massimiliano

Boni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Boni Massimiliano


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"La voce di un poeta che nel seguire le intermittenze della coscienza ci indica una volta di più la necessità della poesia, unica via di salvezza..." (dalla prefazione di Andrea Matucci)

La morte di Empedocle

Di Carlo Franco

Sulle tracce di La testa ben fatta e I sette saperi necessari all’educazione del futuro, Edgar Morin auspica una riforma profonda dell’educazione, fondata sulla sua missione essenziale, che già Rousseau aveva individuato: insegnare a vivere. Si tratta di permettere a ciascuno di sviluppare al meglio la propria individualità e il legame con gli altri ma anche di prepararsi ad affrontare le molteplici incertezze e difficoltà del destino umano Questo nuovo libro non si limita a ricapitolare le idee dei precedenti ma sviluppa tutto ciò che significa insegnare a vivere nel nostro tempo, che è anche quello di Internet, e nella nostra civiltà planetaria, nella quale ci sentiamo così spesso disarmati e strumentalizzati.

Insegnare a vivere

Morin Edgar

In questo lavoro l'Autore racconta gli anni Ottanta, una stagione magica per la boxe. Un decennio segnato dalle imprese di Marvin Hagler. Protagonista di mitiche sfide con Thomas Hearns, Roberto Duran, John Mugabi, Ray Leonard. Erano gli anni in cui un italiano, il pugliese Vito Antuofermo, riusciva a conquistare il titolo dei medi e Mike Tyson diventava il più giovane campione del mondo nella storia dei massimi. Torromeo ho visto tre indimenticabili riprese tra Hagler ed Hearns, assistito al tragico balletto di Trevor Berbick, messo ko da Mike Tyson. Era a bordo ring quando Hagler ha sofferto contro Juan Domingo Roldan, ma poi l´ha distrutto come solo lui sapeva fare. La battaglia di Marvin contro John Mugabi l´ha guardata davanti alla tv. In quei giorni era a Sanremo prima, e a Montecarlo poi, per raccontare il vittorioso assalto di Patrizio Oliva al mondiale dei superleggeri. Ospite di Roberto Duran nella sua casa di Miami, ho passeggiato nell´inferno di Brownsville, a Brooklyn, dove Mike Tyson è nato. Ha viaggiato con Ray Boom Boom Mancini dopo la tragedia della morte di Duk Koo Kim. Ha parlato con Thomas Hearns nello scenario di una Detroit in piena crisi economica. L'Autore racconto i magici anni Ottanta. La linea guida è la rincorsa di Marvin Hagler e Sugar Ray Leonard verso la grande sfida. Un match, datato 6 aprile 1987, che ha saputo conservare intatto negli anni un alone di mistero. Il libro svela vicende e segreti di quel periodo indimenticabile, quando la boxe era una cosa seria.

Meraviglioso

Torromeo Dario

La sera in cui a Liliana viene detto che non potrà più andare a scuola, lei non sa nemmeno di essere ebrea. In poco tempo i giochi, le corse coi cavalli e i regali di suo papà diventano un ricordo e Liliana si ritrova prima emarginata, poi senza una casa, infine in fuga e arrestata. A tredici anni viene deportata ad Auschwitz. Parte il 30 gennaio 1944 dal binario 21 della stazione Centrale di Milano e sarà l'unica bambina di quel treno a tornare indietro. Ogni sera nel campo cercava in cielo la sua stella. Poi ripeteva dentro di sé: finché io sarò viva, tu continuerai a brillare. Età di lettura: da 11 anni.

Fino a quando la mia stella brillerà

Segre Liliana