Poesia

Sonetti reali di Jacopo Ricciardi

Ricciardi Jacopo

Descrizione: Sonetti reali di Jacopo Ricciardi, Iride, ed. Rubbettino

Categoria: Poesia

Editore: Rubbettino

Collana: Iride

Anno: 2016

ISBN: 9788864920658

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Freschi freschi di pubblicazione i Sonetti reali di Jacopo Ricciardi sorprendono per diversi aspetti.
Sbalordiscono perché rispettano costruzione e metrica del sonetto in una nostalgia classica che il poetare attuale ignora, trascura o omette.
Sorprendono perché sono ritmati, talvolta allitterati e spesso in rima.
E poi stupiscono per il contenuto: inatteso, imprevedibile, talvolta misterioso, frequentemente inaccessibile come ha già rilevato Caproni in un suo lusinghiero commento alla silloge.
E dunque questi versi incuriosiscono. Il seguente apparentemente quasi mai anticipato dal precedente.
E dunque questi versi coinvolgono.
Regalano emozioni.
Sempre sfidano e provocano chi voglia penetrare l’ermetismo di un artista che si esprime anche nelle arti figurative, quasi a testare una gamma più ampia di possibilità espressive che nel colore e nelle parole spesso trovano adeguato sbocco.
Tra i componimenti ne abbiamo scelti due. Il primo per l’interessante, inconsueta costruzione dialogica. Il secondo perché consente a Jacopo di spiegarci come la sua sensibilità intenda il mare…

Bruno Elpis

_____________________________________

«Ti amo.» «Ho bisogno di un amico.»

«Ti amo.» «Ho bisogno di un amico.»
«Che bella giornata.» «Fumo e non rido.»
«Ti chiamo.» «Il mio pensiero non piace.»
«Sono una donna.» «Bronzi di Riace.»

«Il mare ti assomiglia.» «Sì, ma giura.»
«Terra di nessuno.» «Moda futura.»
«È digitale, guarda!» «Ho mal di testa.»
«Apro la finestra.» «È questa la cesta.»

«Sono malato.» «Mi piace sognarlo.»
«Questo è mio figlio.» «Di questo non parlo.»
«Olio sale pepe.» «È una radura.»

«È morto.» «Vivere tra queste mura.»
Ogni momento è un disallineato
Tempo con l’altro mai ancora nato. 

Mare

È trasparentissima l’acqua e sale
Sui granuli arancio della battigia.
Gli yachts lucenti sono le vestigia
Sparse di un paradiso nostro attuale.

Una valanga d’aria è un’ingordigia
Sul corpo che ha i piedi affossati male.
Aspetto che venga un raggio che uguale
Riallinei sole terra e luna in sizigia.

L’acqua si aggrappa innocua alle caviglie.
Ero sul punto di chiamare Apollo.
Di sera il mare sussurra alle chiglie.

Andandomene l’arco del tuo collo
Vedrò nel bianco narciso, e striglie
Anche riavrò nei rhamnòs sotto al mio accollo.

____________________________________

siżìgia s. f. [dal lat. tardo syzygia, gr. συζυγία, «unione, congiunzione», der. di σύζυγος «aggiogato, accoppiato» (comp. di σύν «insieme» e ζυγόν «giogo»)] (pl. -gie). – 1. In astronomia, posizione di congiunzione (novilunio) o di opposizione (plenilunio) della Luna, che in ogni lunazione viene a trovarsi per due volte sulla stessa linea del Sole e della Terra. Anche, lo stesso che marea sizigiale. (Vocabolario Treccani)

_____________________________________

Jacopo Ricciardi è nato nel 1976 a Roma dove vive e lavora. Ha diretto la collana di letteratura e arte Libri Scheiwiller – PlayOn. Tra i suoi libri di poesia, Ataraxia (Manni, 2000), Poesie della non morte (Scheiwiller, 2003),Plastico (Il Melangolo, 2006). Pubblica due romanzi Will (Campanotto,1997) eAmsterdam (PlayOn, 2008), e un testo dialogato Quinto pensiero (Il Melangolo, 2015). Suoi versi sono apparsi nell’antologia Nuovissima poesia italiana(Mondadori, 2004) e sull’Almanacco dello specchio 2010-2011 (Mondadori, 2011). Come pittore ha tenuto mostre in tutta Italia.

 Un dipinto di Jacopo Ricciardi

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

L'immagine può contenere: sMS

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jacopo

Ricciardi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ricciardi Jacopo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L’esordio di un nuovo, straordinario personaggio destinato a restare a lungo nel cuore e nella mente dei lettori: il detective Carl Mørk. «Buon compleanno, Merete. Oggi sono centoventisei giorni che sei qui, e questo è il nostro regalo per te. Lasceremo la luce accesa per un anno, a meno che tu non sia capace di rispondere a una domanda. Perché ti abbiamo rinchiusa?» In una bella giornata d’inverno, la giovane parlamentare Merete Lynggaard scompare senza lasciare tracce. I media si lanciano avidamente sulla storia e le ipotesi si avvicendano nei titoli: dal suicidio all’omicidio, dal tragico incidente al rapimento, fi no alla sparizione volontaria. La polizia mette in campo tutte le forze, ma senza risultato. Merete Lynggaard sembra inghiottita dalla terra. Solo quando Carl Mørk, un poliziotto tenace e polemico, decide anni dopo di impegnarsi nel caso con la sua sezione Q, il reparto speciale per i casi irrisolti, le indagini fanno un decisivo passo in avanti. Carl e il suo misterioso assistente siriano, Assad, si lanciano in una battaglia contro il tempo e contro il disegno delirante di un criminale folle.

LA DONNA IN GABBIA

Adler-Olsen Jussi

La poesia è un bisogno universale, com’è universale il bisogno di scoprire sfumature inedite dei sentimenti, per dare più profondità a quelli che ci portiamo dentro. Questo volume di Walter Siti – nato da una serie di 52 articoli scritti per “la Repubblica” nel 2014 – è un percorso tra autori e testi di tutti i Paesi e di ogni epoca, raccontati senza timori reverenziali o accademici, alla ricerca di emozioni, ossessioni, paure e virtù che attraversano i secoli e ci appartengono ancora oggi. Dante, Petrarca, Shakespeare, Whitman, Szymborska e molti altri autori in cui qualunque tipo di lettore, anche quello non specializzato, troverà qualcosa che parla di lui.

La voce verticale

Siti Walter

Gli ospiti dell’Hotel Haworth hanno trascorso un Capodanno davvero indimenticabile. L’albergo non è tra i più lussuosi, e oltre tutto è in via di ristrutturazione, ma le tariffe, cenone compreso, sono un affare e l’offerta di intrattenimenti ricca e varia. Così una nutrita clientela composta di famiglie con pargoli al seguito, pensionati e coppie più o meno regolari si è ritrovata, la notte del 31, nella sala ristorante dell’albergo per partecipare all’eccitante serata in maschera a tema, questa volta dedicata al «Misterioso Oriente». Alla luce soffusa delle candele, si sono susseguite portate dai nomi pretenziosi, alcol a volontà, giochi e danze, il tutto pervaso dall’allegria un po’ sopra le righe delle feste comandate. Insomma, un vero successo. Ma il programma per il primo dell’anno ha in serbo una sorpresa di troppo per gli ospiti ancora frastornati dai postumi della lunga nottata. In una delle stanze dell’hotel riposa - in eterno - un uomo per il quale l’anno nuovo si è già concluso con un brutale colpo alla testa. Neanche per Morse e Lewis l’anno inizia sotto i migliori auspici, costretti come sono ad abbandonare le innocenti distrazioni delle vacanze natalizie dall’infaticabile quotidianità del male. La caccia all’assassino insinuatosi tra seducenti danzatrici del ventre, finti sceicchi e misteriose donne velate, tuttavia, sarà abbastanza intrigante da non far rimpiangere al capo ispettore l’abituale Quizzone del primo dell’anno al suo pub preferito. Mentre il povero sergente Lewis, strappato al calore della vita familiare, riuscirà a superare la malinconia solo grazie al suo impeccabile senso del dovere e alla ruvida amicizia di Morse. Tra le tante maschere e menzogne che occultano la realtà, non sarà facile per i due poliziotti dare un volto e un nome al cadavere sfigurato della stanza numero 3 e al suo misterioso carnefice.

Il segreto della camera 3

Dexter Colin

STRIX SIVE ARS MORIENDI

Bocchi Vittorio