Narrativa

SONO IL NUMERO QUATTRO

Lore Pittacus

Descrizione: Siamo arrivati in nove. In apparenza, siamo uguali a voi: vestiamo come voi, parliamo come voi, viviamo come voi. Ma non siamo affatto come voi. Siamo più forti, più veloci e più abili di qualsiasi essere vivente del vostro pianeta. Avete presente i supereroi dei fumetti e quelli che ammirate al cinema? Una cosa del genere, però con una grossa differenza: noi siamo reali. Ci siamo rifugiati sulla Terra e ci siamo divisi per prepararci: dovevamo allenarci, scoprire tutti i nostri poteri e imparare a usarli. Poi ci saremmo riuniti, tutti e nove, e saremmo stati pronti. A combatterli. Ma loro hanno scoperto che siamo qui e adesso ci stanno dando la caccia. Così siamo costretti a scappare, a spostarci in continuazione. Attualmente mi faccio chiamare John Smith, e mi nascondo a Paradise, in Ohio. Credevo di essere al sicuro, ma ho commesso un errore gravissimo: mi sono innamorato di una mia compagna di scuola. E non potevo scegliere un momento peggiore. Perché loro hanno preso il Numero Uno in Malesia Il Numero Due in Inghilterra. Il Numero Tre in Kenya. E li hanno uccisi. Io sono il Numero Quattro. Io sono il prossimo...

Categoria: Narrativa

Editore: Nord

Collana: Narrativa Nord

Anno: 2011

ISBN: 9788842916673

Trama

Le Vostre recensioni

Con questo primo volume si apre una saga che dovrebbe comporsi di ben sei romanzi, scritta dai James Frey e Jobie Hughes, sotto lo pseudonimo “Pittacus Lore”. Il primo dei due sarà noto ai più per aver scritto il romanzo semi autobiografico (le troppo fantasiose aggiunte narrative alla realtà sottoposero lo scrittore alla gogna mediatica) In un milione di piccoli pezzi.

Abbandonata l’indagine pseudo pulp su tossicodipendenze e alcol, in questo grande successo internazionale, gli autori entrano in una ben diversa dimensione narrativa e stilistica, creando un’opera sostanzialmente per ragazzi che sarà letta sicuramente anche da molti adulti appassionati del genere.

La vicenda è narrata in puro stile urban fantasy, e il tentativo di alcuni di porlo sotto l’egida dello sci-fi pare alquanto azzardato.

Il protagonista dell’opera, Danny, è un alieno, ma questo, lungi dall’avvicinare il romanzo alla tradizionale fantascienza, genera semplicemente una diversa tipologia di eroe non umano, che potrebbe essere tranquillamente sostituito da un giovane superman o da un vampiro (buono) alla Twilight.

Il giovane Danny, si trova sulla Terra con il suo Custode, così come altri otto della sua stessa specie dotati di poteri superiori, nella speranza di poter salvare il proprio pianeta d’origine, Lorien, conquistato dai Mogadoriani, ora giunti nel nostro mondo alla ricerca di nuove terre da conquistare.

Dovendosi nascondere, come gli altri otto, dai temibili alieni, Danny è costretto a cambiare continuamente identità e Stato, preparandosi al contempo allo scontro con i suoi nemici.

Giunto in Ohio, dovrà riambientarsi nella nuova scuola, dove farà i conti per la prima volta con l’amore e con i poteri che inizieranno a manifestarsi, dopo la morte dei primi tre nativi giunti sul nostro pianeta e prepararsi alla battaglia. La sconfitta dei nove potrà avvenire solo in sequenza, di qui il titolo del romanzo, Sono il numero quattro.

Il libro contiene sicuramente tutti gli ingredienti giusti per un successo quasi assicurato tra i più giovani, trovandosi nello sviluppo della trama perfettamente equilibrati gli spazi dedicati all’istinto più avventuroso dell’opera, tra addestramento e scontri con temibili nemici, e la vicenda romantica tra l’alieno protagonista e Sarah, una compagna di scuola.

Un vero punto di merito deve essere riconosciuto alla marcata impronta ambientalista che attraversa tutta la narrazione, positiva soprattutto se si pensa che il pubblico di destinazione è essenzialmente molto giovane e non viene spesso sensibilizzato efficacemente al riguardo.

In Italia è da poco uscita anche la trasposizione cinematografica del romanzo, prodotta tra gli altri da Steven Spielberg, che ha visto come protagonista femminile quella Dianne Agron del telefilm Glee (la bionda cheerleader Quinn), che proprio in questi mesi sta conquistando migliaia di adolescenti in tutto il mondo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Pittacus

Lore

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lore Pittacus


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Delirio a due

Teddy Garnett è un arzillo vecchietto e non vuole saperne di lasciare la casa in cima agli Appalachi dove ha vissuto per anni con la compianta Rose. Non gli importa della pioggia incessante, un diluvio catastrofico che ha messo in ginocchio l'intero pianeta, né di essere l'unico essere umano ancora vivo nella piccola comunità di Punkin' Center, ormai ridotta a un isolotto in mezzo alle acque. Senza paura, Teddy aspetta il giorno in cui si avvererà il suo unico desiderio: riabbracciare la moglie. Ma quando riceve la visita di Carl, il suo migliore amico creduto morto o portato in salvo dalla Guardia Nazionale, scopre che ci sono cose peggiori della pioggia. Cose che serpeggiano sottoterra, creature striscianti che tarlano il sottosuolo e scavano verso la superficie per rivelarsi al mondo. E conquistarlo.

I VERMI CONQUISTATORI

Keene Brian

Con la protervia della bellezza giovane, Chéri, ragazzo «coi capelli dai riflessi blu come le penne dei merli», irrompe nella vita di Léa, donna leggera e sapiente - ma nel triangolo amoroso apparirà il rivale più temibile: il Tempo, corruttore di corpi. L'autunnale opulenza di lei e l'acerbo smalto di lui vengono spiati, attimo dopo attimo, da un occhio a cui nulla sfugge, talché la vicenda, scandita dalle scene di una magistrale commedia demi-mondaine, diventa la cronaca della catastrofe di Léa, dove il sentimento è delicatamente avvolto nella fisiologia e brama di sprofondare «in quell'abisso da cui l'amore risale pallido, taciturno e pieno del rimpianto della morte». Quanto a Chéri, giunto all'acme della sua esistenza di 'bello' dinanzi a cui le donne si inchinano, percepisce una vaga inquietudine: «Non distingueva i punti precisi in cui il tempo, con tocchi impercettibili, segna su un bel viso l'ora della perfezione e poi quella di una bellezza più evidente, che annuncia già la maestà di un declino». E quel declinomaestoso vivremo nella Fine di Chéri, dove la punta avvelenata della storia del giovane emerge con fredda chiarezza dalla prosa avvolgente, atmosferica, precisa di Colette.

Chéri – La fine di Chéri

Colette

Convocata inaspettatamente dall’unità “Casi irrisolti” della polizia di Charlotte, la dottoressa Temperance Brennan si trova davanti a una storia che la sconvolge: due omicidi di bambini, avvenuti a migliaia di chilometri di distanza l’uno dall’altro, hanno una cosa in comune… l’assassina. Anni prima, Anique Pomerleau ha rapito e ucciso numerose ragazze in Canada, scampando per un soffio alla cattura. E' stata una sconfitta devastante per i suoi inseguitori, Brennan e il detective Ryan. E ora la più letale delle psicopatiche è riemersa dai loro incubi. Quando rapisce un altro bambino, Brennan capisce di doverla fermare a ogni costo. E accetta di inseguirla giù negli oscuri abissi della sua follia.

Le ossa non mentono

Reichs Kathy