Narrativa

SONO IL NUMERO QUATTRO

Lore Pittacus

Descrizione: Siamo arrivati in nove. In apparenza, siamo uguali a voi: vestiamo come voi, parliamo come voi, viviamo come voi. Ma non siamo affatto come voi. Siamo più forti, più veloci e più abili di qualsiasi essere vivente del vostro pianeta. Avete presente i supereroi dei fumetti e quelli che ammirate al cinema? Una cosa del genere, però con una grossa differenza: noi siamo reali. Ci siamo rifugiati sulla Terra e ci siamo divisi per prepararci: dovevamo allenarci, scoprire tutti i nostri poteri e imparare a usarli. Poi ci saremmo riuniti, tutti e nove, e saremmo stati pronti. A combatterli. Ma loro hanno scoperto che siamo qui e adesso ci stanno dando la caccia. Così siamo costretti a scappare, a spostarci in continuazione. Attualmente mi faccio chiamare John Smith, e mi nascondo a Paradise, in Ohio. Credevo di essere al sicuro, ma ho commesso un errore gravissimo: mi sono innamorato di una mia compagna di scuola. E non potevo scegliere un momento peggiore. Perché loro hanno preso il Numero Uno in Malesia Il Numero Due in Inghilterra. Il Numero Tre in Kenya. E li hanno uccisi. Io sono il Numero Quattro. Io sono il prossimo...

Categoria: Narrativa

Editore: Nord

Collana: Narrativa Nord

Anno: 2011

ISBN: 9788842916673

Trama

Le Vostre recensioni

Con questo primo volume si apre una saga che dovrebbe comporsi di ben sei romanzi, scritta dai James Frey e Jobie Hughes, sotto lo pseudonimo “Pittacus Lore”. Il primo dei due sarà noto ai più per aver scritto il romanzo semi autobiografico (le troppo fantasiose aggiunte narrative alla realtà sottoposero lo scrittore alla gogna mediatica) In un milione di piccoli pezzi.

Abbandonata l’indagine pseudo pulp su tossicodipendenze e alcol, in questo grande successo internazionale, gli autori entrano in una ben diversa dimensione narrativa e stilistica, creando un’opera sostanzialmente per ragazzi che sarà letta sicuramente anche da molti adulti appassionati del genere.

La vicenda è narrata in puro stile urban fantasy, e il tentativo di alcuni di porlo sotto l’egida dello sci-fi pare alquanto azzardato.

Il protagonista dell’opera, Danny, è un alieno, ma questo, lungi dall’avvicinare il romanzo alla tradizionale fantascienza, genera semplicemente una diversa tipologia di eroe non umano, che potrebbe essere tranquillamente sostituito da un giovane superman o da un vampiro (buono) alla Twilight.

Il giovane Danny, si trova sulla Terra con il suo Custode, così come altri otto della sua stessa specie dotati di poteri superiori, nella speranza di poter salvare il proprio pianeta d’origine, Lorien, conquistato dai Mogadoriani, ora giunti nel nostro mondo alla ricerca di nuove terre da conquistare.

Dovendosi nascondere, come gli altri otto, dai temibili alieni, Danny è costretto a cambiare continuamente identità e Stato, preparandosi al contempo allo scontro con i suoi nemici.

Giunto in Ohio, dovrà riambientarsi nella nuova scuola, dove farà i conti per la prima volta con l’amore e con i poteri che inizieranno a manifestarsi, dopo la morte dei primi tre nativi giunti sul nostro pianeta e prepararsi alla battaglia. La sconfitta dei nove potrà avvenire solo in sequenza, di qui il titolo del romanzo, Sono il numero quattro.

Il libro contiene sicuramente tutti gli ingredienti giusti per un successo quasi assicurato tra i più giovani, trovandosi nello sviluppo della trama perfettamente equilibrati gli spazi dedicati all’istinto più avventuroso dell’opera, tra addestramento e scontri con temibili nemici, e la vicenda romantica tra l’alieno protagonista e Sarah, una compagna di scuola.

Un vero punto di merito deve essere riconosciuto alla marcata impronta ambientalista che attraversa tutta la narrazione, positiva soprattutto se si pensa che il pubblico di destinazione è essenzialmente molto giovane e non viene spesso sensibilizzato efficacemente al riguardo.

In Italia è da poco uscita anche la trasposizione cinematografica del romanzo, prodotta tra gli altri da Steven Spielberg, che ha visto come protagonista femminile quella Dianne Agron del telefilm Glee (la bionda cheerleader Quinn), che proprio in questi mesi sta conquistando migliaia di adolescenti in tutto il mondo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Pittacus

Lore

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lore Pittacus


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un crimine, due diari, la vittima e il suo assassino.Una donna diabolica e affascinante trascina il commissario Cristiani nel vortice del delitto.

Diario di un delitto d’amore

Panzacchi Francesca

Succede in Provenza, d'autunno, stagione che mescola le prime umide nebbie con un lungo strascico di calore quasi estivo. I borghi e le ville si stanno vuotando di abitanti e turisti. Ancora un grande evento però si prepara. Quasi a sorpresa, sul locale campo di aviazione, si terrà il concerto di una celebre band inglese, i Bebonkers, un po' per fini umanitari, un po' per celebrare il terzo matrimonio di Nick Cruickshank, vocalist del gruppo e carismatico leader. I preparativi fervono, tutti organizzati con piglio fermo da Aileen, futura moglie di Nick. In paese c'è una gelateria gestita da Milena Migliari, una giovane donna italiana che i gelati li crea, li pensa, li esperimenta con tensione d'artista. Un rovello continuo che ruota attorno all'equilibrio instabile del gelato, alla sua imperfetta meraviglia perché concepita per essere consumata o per liquefarsi, per non durare. Milena ha detto addio agli uomini e convive da qualche anno con Viviane. Un rapporto solido, quasi a compensare l'evanescenza dei gelati, l'appoggio di una donna stabile e forte, al punto che, tra qualche giorno, Milena si sottoporrà alla fecondazione assistita. Eppure, in fondo, Milena non ha voglia di farlo davvero questo passo che forse non ha proprio deciso. Incerta senza confessarselo, Milena. Come Nick, che si domanda da quando il suo rapporto con Aileen ha perso l'incanto dei primi tempi.

L’imperfetta meraviglia

De Carlo Andrea

Si può ricordare l'estate di un lutto come la più bella di sempre? Si può tornare a sorridere dopo aver perso ciò che avevamo di più caro? Ventitré autori rispondono, cercando nuovi occhi per guardare la morte, senza nascondere le ferite, scegliendo non di dimenticarla, ma di accettarla e, semmai, assecondarla, esorcizzando il loro lutto in racconti piena di vitalità. Ci sono tanti modi per raccontare la morte, che sia essa la perdita di una persona cara o la fine di un amore. In «Lutto libero» c'è la volontà di rispondere alla morte con l'ironia, per liberarsi in modo catartico di un momento durissimo. E soprattutto con il desiderio di tornare a sorridere, di abbracciare un amico, di fare l'amore perché «l'unico modo che abbiamo per rispondere alla morte è la vita». Storie di: Ezio Azzollini, Donato Barile, Matteo Bianconi, Matteo Caccia, Ilaria Calamandrei, Cristiano Carriero, Giusy Cascio, Michele Dalai, Tommy Dibari, Fabio Fanelli, Virginia Gaspardo, Marco Maddaloni, Marco Napoletano, Giulia Olivi, Fulvio Paglialunga, Giuliano Pavone, Claudio Pellecchia, Lucia Perrucci, Alessandro Piemontese, Francesco Poroli, Ferdinando Sallustio, Ivan Tabanelli, Roberto Venturini.

Lutto libero allo Scriptorium Cafè

AA. VV.

Πεταλούδες