Narrativa

SPARIRE

Viola Fabio

Descrizione: Alla vigilia del cataclisma che colpisce il Giappone l'11 marzo 2011, Ennio, un giovane romano ricco, annoiato e disincantato, parte per Osaka alla ricerca di Elisa, la sua ex fidanzata scomparsa alcune settimane prima, che si era trasferita nel Sol Levante come insegnante di italiano presso un alienante centro multimediale per la didattica a distanza. Nel giro di poco Ennio si troverà a sostituire Elisa sul lavoro, mentre la sua ricerca sembra farlo girare a vuoto e un Giappone quanto mai sinistro e inquietante lo inghiotte nel suo gorgo di luci e segni, fino a portarlo sulle zone del disastro in uno scenario dominato dalla devastazione e la neve. Sparire è una storia d'amore e malinconia, della ricerca di un sentimento che esiste solo nel ricordo e nel racconto di se stesso, di un Paese che affascina e tiene a distanza in egual misura, e della presunzione di poterlo raccontare. Denso di riferimenti alla cultura nipponica, Sparire è una storia sull'impossibilità del raccontare la realtà e sulla supremazia del racconto sulla vita stessa.

Categoria: Narrativa

Editore: Marsilio

Collana: Romanzi e racconti

Anno: 2013

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Ennio vive a Osaka, una città  multiforme e vorace capace di fagocitare i suo abitanti e rigurgitarne l’assenza, come quella di Elisa e degli altri insegnanti della scuola Hoshi scomparsi nel nulla.  

Ennio, protagonista e voce narrante di queste pagine, ancora innamorato della ragazza, nonostante la fine della loro storia, decide di lasciare Roma e di coprire la distanza fisica che lo separa dalla sua ex fidanzata, per ritrovarla.

Le già poche certezze del giovane, figlio viziato e benestante della borghesia romana e di una società di aperitivi e di poco altro, si sgretolano irrimediabilmente contro l’anonimato di una città e di un ambiente – quello lavorativo – in cui Ennio è solo un numero. Uno dei numerosi docenti che lavorano per la Hoshi, un centro multimediale in cui gli studenti giapponesi, interessati a imparare altre lingue, seguono a distanza le lezioni degli insegnanti gaijin (stranieri) attraverso lo schermo di un computer. Ennio prende il posto lasciato vuoto da Elisa e dalla sua misteriosa scomparsa, a cui nessuno sembra però aver fatto troppo caso.

L’arroganza e la supponenza con cui Ennio entra in contatto con la città e con le persone che incrociano il suo cammino, non lo aiuteranno però a fare chiarezza. Ben presto la ricerca di Elisa verrà soppiantata dal desiderio egoistico di ritrovare, nei frammenti di vita lasciati dietro di sé dalla giovane, le ragioni della fine della loro storia. La gelosia, la rabbia e la delusione trasformeranno i giorni di Ennio in un susseguirsi di eventi incomprensibili, di fughe e ritorni, di  violenza fisica e verbale contro il muro del silenzio che circonda la sua nuova vita a Osaka.

Theresa, Gerald e Greta sono solo alcune delle comparse con cui il giovane si ritroverà ad interagire, in un delirante andirivieni di incontri senza senso che accentueranno la confusione del protagonista e quella del lettore, fino a quando il devastante terremoto che colpirà il Paese non ridarà alle cose la loro giusta  collocazione.

Ennio è un personaggio che non piace: inetto e vile è del tutto inadeguato al ruolo che si attribuisce. Incapace di indagare la realtà e di vedere oltre il suo limitato raggio d’azione, di fronte alle conseguenze della propria imbarazzante inutilità, utilizza la menzogna – anche con le persone a lui più vicine – con una disarmante naturalezza.

I rifiuti, i silenzi, le fughe e i pugni in faccia che riceve – numerosi nel corso della storia – sono decisamente meritati. Capace di suscitare nel lettore una reazione urticante, Ennio è il prototipo del giovane italiano privo di progettualità, coraggio e immaginazione. Un personaggio riuscito nelle intenzioni dell’autore.

Fabio Viola costruisce una storia al limite della realtà, visionaria quanto basta per coinvolgere il lettore e trascinarlo fino alla fine con una curiosità quasi morbosa. La trama – complice una scrittura priva di sbavature e cavilli, snella e immediata – funziona e corre verso il finale attraverso una serie di efficaci escamotage narrativi. 

Lo scrittore romano – già autore di altri lavori come il romanzo Gli intervistatori (2010) – ci racconta di un Giappone in cui ha vissuto per anni. Per la rivista “Galatea” ha curato tre reportage narrativi sul cataclisma che ha colpito il Giappone nel marzo del 2011.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Fabio

Viola

Libri dallo stesso autore

Intervista a Viola Fabio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Blanca Perea è una donna all¿apparenza invulnerabile, stimata docente universitaria e pilastro di una famiglia felice. Improvvisamente, vede crollare tutte le sue certezze quando scopre che il marito sta per avere un figlio da un'altra donna. Fuggire da Madrid sembra essere l'unico modo per salvarsi e, senza pensarci, accetta una borsa di studio di tre mesi in California, all'Università di Santa Cecilia. Deve catalogare e archiviare tutte le carte di Andrés Fontana, importante letterato spagnolo trasferitosi negli Stati Uniti e morto già da trent'anni, un lavoro apparentemente noioso ma che si rivela invece decisamente intrigante. Ad aiutarla c'è l'ex allievo prediletto di Fontana, Daniel Carter, che si precipita a Santa Cecilia appena viene a sapere che qualcuno sta finalmente mettendo mano al lascito del suo maestro. Insieme esplorano una parte di documenti fino ad allora sconosciuta, gli studi che il professore aveva dedicato al Camino Real, la catena di missioni che i frati francescani fondarono in tutta la California. Ma l'interesse di Daniel per l'impresa e le ricerche sul nuovo materiale non fanno che scatenare in Blanca una serie di interrogativi via via più urgenti. Perché nessuno - soprattutto Daniel - ha finora recuperato l'eredità di Fontana? E perché farlo proprio ora? Per ottenere le risposte che sta cercando, Blanca dovrà scavare nel passato, indagare il legame che univa Daniel e Fontana, affrontare retroscena impensati e svelare interessi politici nascosti. Ma dovrà soprattutto tornare a credere in se stessa e riscoprire la voglia di aprirsi all'amore, per trovare finalmente la chiave per cambiare il suo futuro. Dopo il grande successo di La notte ha cambiato rumore, María Dueñas torna a parlare ai suoi lettori attraverso la voce di una donna capace di affrontare le sconfitte con il coraggio di mettersi in discussione. Un amore più forte di me è una storia luminosa che si sviluppa tra la Spagna e la California, tra gli anni Cinquanta e oggi, dove si intrecciano le vicende di personaggi carichi di passione e umanità, convinti che l'avventura più emozionante della propria vita è sempre quella che si sta per vivere.

Un amore più forte di me

Dueñas María

Mona Gray, vent'anni, è innamorata dei numeri fino all'ossessione: l'ordine e la precisione dell'aritmetica le servono a difendersi dall'instabilità del mondo. Da quando il padre ha contratto una misteriosa malattia, infatti, Mona ha bloccato ogni propria aspirazione, ha paura di innamorarsi e si rifugia in una serie di piccoli gesti e oggetti scaramantici. Ma quando viene assunta come insegnante d matematica alle elementari, la sua vita - grazie a un'allieva fuori dal comune e a un collega capace di fare breccia nella sua timidezza - comincia a cambiare irreversibilmente. Tenero, spassoso, commovente, acclamato dal «Los Angeles Times» come uno dei libri dell'anno, questo romanzo ha lanciato Aimee Bender come una delle migliori voci della nuova narrativa americana. Ne è stato tratto un omonimo film con Jessica Alba, uscito negli Stati Uniti nel 2011.

UN SEGNO INVISIBILE E MIO

Bender Aimee

James è un vero talento quando si tratta di suonare la cornamusa. È così bravo che ben presto è il suo stesso insegnante a rendersi conto che non ha più nulla da imparare, e che probabilmente si tratta del miglior suonatore di tutto lo Stato. Tuttavia, ci sono molte ragioni che rendono la Thornking-Ash la scuola perfetta per James: tanto per cominciare, ha il compito segreto di difendere i suoi studenti dalle mire di fate ed elfi. E poi c'è il vero motivo che lo ha spinto a iscriversi: la presenza della sua ex compagna di scuola Deirdre, Dee, di cui è ancora innamorato. Ma una fata di nome Nuala, che vuole succhiargli l'energia vitale, finisce per invaghirsi di lui, mettendo così a rischio il rapporto di James con Deirdre. Dee è al centro di un gioco mortale, e mentre James fatica a venire a capo dell'intricata situazione, Nuala lo segue di continuo, considerandolo una sorta di specchio della sua anima. Spera che prima o poi il suo affetto venga ricambiato, e che lui suoni per lei le sue bellissime musiche. Ma mentre James comincia a realizzare i suoi sentimenti per entrambe, Dee e Nuala stanno mutando e Samhain – meglio conosciuta come Halloween – si avvicina, con i suoi fuochi e i suoi riti, mortali per entrambe... E così James sarà costretto a salvare solo una delle due, e la scelta non sarà affatto facile.

DESTINY

Stiefvater Maggie

Bartleby lo scrivano