Giallo - thriller - noir

Lo spaventapasseri

Morchio Bruno

Descrizione: Un cellulare che squilla nella notte, una voce irriconoscibile e poche taglienti parole: una minaccia di morte. Cesare Almansi, avvocato di successo, ha da poco deciso di entrare in politica quando sono iniziate ad arrivare queste misteriose telefonate. C'è solo una persona a cui può rivolgersi: il suo vecchio amico del liceo, il detective Bacci Pagano. Sono passati anni da quel lontano '68 e dai cortei a cui i due partecipavano per le vie di Genova, trascinati dall'idea di cambiare il mondo puntando su valori diversi, quasi rivoluzionari. Valori in cui Cesare crede ancora e che ha trasferito nella nuova avventura elettorale. Ora qualcuno vuole fermarlo, anche se l'avvocato non ha idea di chi possa essere. Nessuna pista per Bacci Pagano che inizia a indagare nell'intricato sistema di potere dei partiti e dei favori per ottenere voti. Eppure su quel fronte tutto si risolve in buco nell'acqua. L'investigatore dei carruggi avrebbe bisogno del suo intuito infallibile, ma per la prima volta nella sua carriera, è distratto da qualcosa, o meglio da qualcuno: Lou, la responsabile dell'ufficio stampa di Almansi, capelli biondi e occhi azzurri come due squarci feroci di cielo. Bacci Pagano rimane invischiato in una relazione fatta di tira e molla, di passione e di fughe improvvise. Quando l'indagine porta a galla una verità che viene dal passato, il detective deve fare i conti con una terribile notte di trent'anni prima. Una notte che lui e Cesare volevano dimenticare.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2013

ISBN: 9788811684978

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Nella geografia del giallo italiano, molte città hanno il loro eroe di riferimento. Genova accoglie Bacci Pagano, la creatura che Bruno Morchio ha collocato tra crose e carrugi (“Canneto il Lungo è un carrugio che scivola lento verso il mare”) nell’atmosfera affascinante, ibrida e multietnica della città della Lanterna (“Genova, la mia maledetta città frastornata dalle campane delle chiese e dalle sirene delle navi…”).

Bacci Pagano ha genitori dal passato partigiano (“Tuo padre? Era comunista, ha fatto il partigiano e credeva nella giustizia”), una gioventù legata ai movimenti studenteschi, un’ingiusta esperienza di detenzione per presunto terrorismo… Con tale retroterra esistenziale e culturale, il presente del detective risulta inadeguato e conflittuale (“Non avete perso il vizio di considerarvi l’ultima generazione che voleva fare la rivoluzione”); un nuovo incarico investigativo acuisce i contrasti personali, perché proviene dall’amico di sempre (“Non eravate compagni nel Sessantotto?”), Cesare Almansi, avvocato di ottima famiglia, abituato a recitare la parte del vincitore…

Cesare, “sceso in campo” per un seggio di senatore, riceve minacce telefoniche (“quattro telefonate in quindici giorni”), che mirano a dissuaderlo dalla carriera politica.

Bacci accetta la proposta e, con essa, si getta tra le braccia della bella Lou, addetta stampa che incoraggia il sentimento in modo alterno (“I numeri di telefono non si interpretano. Si digitano o si dimenticano”).

Tra violenze della ‘ndrangheta e losche figure di imprenditori faccendieri, Bacci Pagano finirà con l’occuparsi del femminicidio che – molti anni prima – ha coinvolto Adele, la sorella di Lou, e che rappresenta un mistero irrisolto negli archivi della cronaca nera.

Tra incertezze e aforismi (“Il guaio dell’esperienza è che ciascuno deve farsela in proprio. Quella degli altri non ha alcun valore”), Bacci è in costante tensione tra passato (“il passato è un alibi, l’ultima favola che ci raccontiamo quando non vediamo futuro davanti a noi”), presente e futuro (“…dalla scomparsa del passato ci si consola facilmente. È dalla sparizione del futuro che non ci si riprende”).

L’ispirazione psicologica dell’autore è palpabile sia nella costruzione plastica dei personaggi, sia negli spunti investigativi (“boccacce, facce e scherzare” è il verso di una canzone di Bennato – Nel covo dei pirati – che affiora dai ricordi per suggerire una pista da seguire, quasi con la tecnica delle associazioni), sia nell’efficace scelta di un titolo emblematico: “Lo spaventapasseri” (“Gli servivo solo come spauracchio…”) che – richiamando il mondo onirico di Oz – pone l’inquietante domanda: “Chi meglio di me poteva tenere le cornacchie lontane dal raccolto?”

 

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Un conto aperto con la morte (dialogando con l'autore) – i-LIBRI

[…] di Bruno Morchio è il sequel de “Lo spaventapasseri”, il romanzo che abbiamo presentato a questo link intervistando l’autore. Oggi proponiamo una nuova formula d’interazione con uno degli scrittori […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Bruno

Morchio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Morchio Bruno


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Milano, estate 1981: siamo nella fase più tarda, e più feroce, della stagione terroristica in Italia. Non ancora quarantenne, Giacomo Colnaghi a Milano è un magistrato sulla linea del fronte. Coordinando un piccolo gruppo di inquirenti, indaga da tempo sulle attività di una nuova banda armata, responsabile dell’assassinio di un politico democristiano. Il dubbio e l’inquietudine lo accompagnano da sempre. Egli è intensamente cattolico, ma di una religiosità intima e tragica. È di umili origini, ma convinto che la sua riuscita personale sia la prova di vivere in una società aperta. È sposato con figli, ma i rapporti con la famiglia sono distanti e sofferti. Ha due amici carissimi, con i quali incrocia schermaglie polemiche, ama le ore incerte, le periferie, il calcio, gli incontri nelle osterie. Dall’inquietudine è avvolto anche il ricordo del padre Ernesto, che lo lasciò bambino morendo in un’azione partigiana. Quel padre che la famiglia cattolica conformista non poté mai perdonare per la sua ribellione all’ordine, la cui storia eroica Colnaghi ha sempre inseguito, per sapere, e per trattenere quell’unica persona che ha forse amato davvero, pur senza conoscerla. L’inchiesta che svolge è complessa e articolata, tra uffici di procura e covi criminali, tra interrogatori e appostamenti, e andrà a buon fine. Ma la sua coscienza aggiunge alla caccia all’uomo una corsa per capire le ragioni profonde, l’origine delle ferite che stanno attraversando il Paese. Si risveglia così il bisogno di immergersi nella condizione degli altri, dall’assassino che gli sta davanti al vecchio ferroviere incontrato al bar, per riconciliare la giustizia che amministra con l’esercizio della compassione. Una corsa e un’immersione pervase da un sentimento dominante di morte. Un lento disvelarsi che segue parallelo il ricordo della vicenda del padre che, come Giacomo Colnaghi, fu dominato dal desiderio di trovare un senso, una verità. Anche a costo della vita.

Morte di un uomo felice

Fontana Giorgio

UNA GOCCIA TRA DUE OCEANI

Corrà Marcello

Blanca Perea è una donna all¿apparenza invulnerabile, stimata docente universitaria e pilastro di una famiglia felice. Improvvisamente, vede crollare tutte le sue certezze quando scopre che il marito sta per avere un figlio da un'altra donna. Fuggire da Madrid sembra essere l'unico modo per salvarsi e, senza pensarci, accetta una borsa di studio di tre mesi in California, all'Università di Santa Cecilia. Deve catalogare e archiviare tutte le carte di Andrés Fontana, importante letterato spagnolo trasferitosi negli Stati Uniti e morto già da trent'anni, un lavoro apparentemente noioso ma che si rivela invece decisamente intrigante. Ad aiutarla c'è l'ex allievo prediletto di Fontana, Daniel Carter, che si precipita a Santa Cecilia appena viene a sapere che qualcuno sta finalmente mettendo mano al lascito del suo maestro. Insieme esplorano una parte di documenti fino ad allora sconosciuta, gli studi che il professore aveva dedicato al Camino Real, la catena di missioni che i frati francescani fondarono in tutta la California. Ma l'interesse di Daniel per l'impresa e le ricerche sul nuovo materiale non fanno che scatenare in Blanca una serie di interrogativi via via più urgenti. Perché nessuno - soprattutto Daniel - ha finora recuperato l'eredità di Fontana? E perché farlo proprio ora? Per ottenere le risposte che sta cercando, Blanca dovrà scavare nel passato, indagare il legame che univa Daniel e Fontana, affrontare retroscena impensati e svelare interessi politici nascosti. Ma dovrà soprattutto tornare a credere in se stessa e riscoprire la voglia di aprirsi all'amore, per trovare finalmente la chiave per cambiare il suo futuro. Dopo il grande successo di La notte ha cambiato rumore, María Dueñas torna a parlare ai suoi lettori attraverso la voce di una donna capace di affrontare le sconfitte con il coraggio di mettersi in discussione. Un amore più forte di me è una storia luminosa che si sviluppa tra la Spagna e la California, tra gli anni Cinquanta e oggi, dove si intrecciano le vicende di personaggi carichi di passione e umanità, convinti che l'avventura più emozionante della propria vita è sempre quella che si sta per vivere.

Un amore più forte di me

Dueñas María

La storia di Brooke Shields, una delle donne più belle del mondo, che partorisce a 38 anni la piccola Rowan e non smette di piangere dal primo istante in cui gliela mettono in braccio e scivola in una tremenda depressione da cui si riprenderà solo molti mesi dopo, e quella di Valentina Vezzali, il "cobra", che dopo appena diciotto giorni dalla nascita del figlio Pietro riprende gli incontri di scherma e le bastano tre mesi di allenamento per vincere i campionati del mondo. La storia delle madri di Plaza de Mayo, a cui la dittatura argentina ha rubato i figli, capaci di un amore assoluto per le proprie creature scomparse, perché l'amore materno perfetto è solo quello per chi non c'è più, e quella di Mercè Anglada, ostetrica di 44 anni, che per aver dedicato l'intera vita a far nascere i figli degli altri non si è mai sposata e non ne ha mai avuti di propri. Storie di madri e di maternità, storie di amore e di paura, storie di gioia e di terribili depressioni. Concita De Gregorio compie un viaggio, attraverso venti racconti di maternità, in una realtà circondata da moltissimi luoghi comuni, per cercare di dare voce a una realtà silenziosa: la fatica di essere madri in un mondo in cui per le madri non c'è posto.

Una madre lo sa

De Gregorio Concita