Giallo - thriller - noir

Lo spaventapasseri

Morchio Bruno

Descrizione: Un cellulare che squilla nella notte, una voce irriconoscibile e poche taglienti parole: una minaccia di morte. Cesare Almansi, avvocato di successo, ha da poco deciso di entrare in politica quando sono iniziate ad arrivare queste misteriose telefonate. C'è solo una persona a cui può rivolgersi: il suo vecchio amico del liceo, il detective Bacci Pagano. Sono passati anni da quel lontano '68 e dai cortei a cui i due partecipavano per le vie di Genova, trascinati dall'idea di cambiare il mondo puntando su valori diversi, quasi rivoluzionari. Valori in cui Cesare crede ancora e che ha trasferito nella nuova avventura elettorale. Ora qualcuno vuole fermarlo, anche se l'avvocato non ha idea di chi possa essere. Nessuna pista per Bacci Pagano che inizia a indagare nell'intricato sistema di potere dei partiti e dei favori per ottenere voti. Eppure su quel fronte tutto si risolve in buco nell'acqua. L'investigatore dei carruggi avrebbe bisogno del suo intuito infallibile, ma per la prima volta nella sua carriera, è distratto da qualcosa, o meglio da qualcuno: Lou, la responsabile dell'ufficio stampa di Almansi, capelli biondi e occhi azzurri come due squarci feroci di cielo. Bacci Pagano rimane invischiato in una relazione fatta di tira e molla, di passione e di fughe improvvise. Quando l'indagine porta a galla una verità che viene dal passato, il detective deve fare i conti con una terribile notte di trent'anni prima. Una notte che lui e Cesare volevano dimenticare.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2013

ISBN: 9788811684978

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Nella geografia del giallo italiano, molte città hanno il loro eroe di riferimento. Genova accoglie Bacci Pagano, la creatura che Bruno Morchio ha collocato tra crose e carrugi (“Canneto il Lungo è un carrugio che scivola lento verso il mare”) nell’atmosfera affascinante, ibrida e multietnica della città della Lanterna (“Genova, la mia maledetta città frastornata dalle campane delle chiese e dalle sirene delle navi…”).

Bacci Pagano ha genitori dal passato partigiano (“Tuo padre? Era comunista, ha fatto il partigiano e credeva nella giustizia”), una gioventù legata ai movimenti studenteschi, un’ingiusta esperienza di detenzione per presunto terrorismo… Con tale retroterra esistenziale e culturale, il presente del detective risulta inadeguato e conflittuale (“Non avete perso il vizio di considerarvi l’ultima generazione che voleva fare la rivoluzione”); un nuovo incarico investigativo acuisce i contrasti personali, perché proviene dall’amico di sempre (“Non eravate compagni nel Sessantotto?”), Cesare Almansi, avvocato di ottima famiglia, abituato a recitare la parte del vincitore…

Cesare, “sceso in campo” per un seggio di senatore, riceve minacce telefoniche (“quattro telefonate in quindici giorni”), che mirano a dissuaderlo dalla carriera politica.

Bacci accetta la proposta e, con essa, si getta tra le braccia della bella Lou, addetta stampa che incoraggia il sentimento in modo alterno (“I numeri di telefono non si interpretano. Si digitano o si dimenticano”).

Tra violenze della ‘ndrangheta e losche figure di imprenditori faccendieri, Bacci Pagano finirà con l’occuparsi del femminicidio che – molti anni prima – ha coinvolto Adele, la sorella di Lou, e che rappresenta un mistero irrisolto negli archivi della cronaca nera.

Tra incertezze e aforismi (“Il guaio dell’esperienza è che ciascuno deve farsela in proprio. Quella degli altri non ha alcun valore”), Bacci è in costante tensione tra passato (“il passato è un alibi, l’ultima favola che ci raccontiamo quando non vediamo futuro davanti a noi”), presente e futuro (“…dalla scomparsa del passato ci si consola facilmente. È dalla sparizione del futuro che non ci si riprende”).

L’ispirazione psicologica dell’autore è palpabile sia nella costruzione plastica dei personaggi, sia negli spunti investigativi (“boccacce, facce e scherzare” è il verso di una canzone di Bennato – Nel covo dei pirati – che affiora dai ricordi per suggerire una pista da seguire, quasi con la tecnica delle associazioni), sia nell’efficace scelta di un titolo emblematico: “Lo spaventapasseri” (“Gli servivo solo come spauracchio…”) che – richiamando il mondo onirico di Oz – pone l’inquietante domanda: “Chi meglio di me poteva tenere le cornacchie lontane dal raccolto?”

 

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Un conto aperto con la morte (dialogando con l'autore) – i-LIBRI

[…] di Bruno Morchio è il sequel de “Lo spaventapasseri”, il romanzo che abbiamo presentato a questo link intervistando l’autore. Oggi proponiamo una nuova formula d’interazione con uno degli scrittori […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Bruno

Morchio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Morchio Bruno


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Qual è il segreto che custodisce un libro? Quali sono i libri che non abbiamo dimenticato e perché? Come può un libro essere un incontro? Cosa significa leggere un libro? In che modo l’inconscio può aprire un libro? Tutti questi interrogativi tracciano le vie lungo le quali Massimo Recalcati ci accompagna verso una nuova teoria della lettura con il racconto suggestivo dei libri che hanno segnato la sua formazione umana e intellettuale, dall’Odissea agli Scritti di Lacan. Ne scaturisce un’opera davvero unica: teorica e intima insieme, un intenso spaccato autobiografico di cosa può significare per una vita l’esperienza della lettura, un grande e appassionato elogio del libro in un’epoca che vorrebbe decretarne la morte. “I libri sono tagli nel corso delle nostre vite. Ogni incontro d’amore ha la natura traumatica del taglio. L’incontro con un libro è un incontro d’amore."

A libro aperto

Recalcati Massimo

Si dice che si vive una volta sola, ma purtroppo non sempre è così

Paul A. Valenti

Loro ci sono. Loro sono di là. O forse sono altrove. Se li chiami, c'è anche il rischio che rispondano. Ma con che risultato? Loro sono riconoscibilissimi - ma chi li ha visti crescere teme sempre che possano essere stati sostituiti. Inquietanti o inquieti? Loro passano gran parte del tempo in una posizione orizzontale che non è necessariamente quella del sonno. Ma certamente dormono quando gran parte del mondo è sveglia. Loro sono gli adolescenti, anzi i figli adolescenti. Così se li immagina Michele Serra: sdraiati. Gli sdraiati fanno paura, fanno tenerezza, fanno incazzare. Eppure se interrogati a volte sorprendono per intelligenza, buon senso, pertinenza. E allora? Bisogna raccontarli, guardarli, spiarli. Cosa che Michele Serra fa con l'ansia del padre, con lo spirito del moralista, con l'acutezza del comico. Gli sdraiati è un romanzo, un saggio, un'avventura. Ed è anche il "monumento" a una lunga generazione che si è allungata orizzontalmente nel mondo, nella società, e forse da quella posizione sta riuscendo a vedere cose che gli "eretti" non vedono più, non vedono ancora, hanno smesso di vedere.

Gli sdraiati

Serra Michele

Antonio Ligabue, Poe e i delitti della Rue Morgue