Giallo - thriller - noir

Lo spettro

Nesbø Jo

Descrizione: Sono passati tre anni da quando Harry Hole è andato via. Via da Oslo, via dalla Centrale di polizia, via dalla donna che ha amato e ferito troppo, e troppe volte. Ma dai suoi fantasmi no, da quelli non è riuscito a fuggire: l'hanno inseguito a Hong Kong e ora lo reclamano, e Harry non può non rispondere, non può non tornare. Oleg, il figlio di Rakel, il ragazzo che lui ha cresciuto come fosse anche figlio suo, è in carcere. Accusa: l'omicidio di Gusto Hanssen, il suo migliore amico. Movente: secondo gli investigatori, un regolamento di conti nel mondo della droga. Ma Harry non ci crede. Oleg, il suo Oleg, il bambino che lo teneva per mano e lo chiamava papà, può essere diventato un tossicodipendente, ma non un assassino. E a lui non resta che correre a casa, correre contro il tempo, in cerca di una verità diversa da quella già decretata. Una verità che si nasconde tanto nelle maglie dei sentimenti piú profondi che legano le persone, quanto nei quartieri dello spaccio, con l'ombra misteriosa di un nemico inafferrabile che lo vuole morto.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Einaudi

Collana: Stile libero Big

Anno: 2012

ISBN: 9788806210892

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Lo spettro” rappresenta l'ennesima opera del prolifico scrittore norvegese Jo Nesbo avente come protagonista Harry Hole, poliziotto sui generis ex alcolista dal fiuto infallibile.

In questo romanzo, il penultimo in ordine cronologico rispetto a “Polizia”, uscito proprio recentemente in Italia, Harry ormai è un ex poliziotto stabilitosi ad Hong Kong ma che ora  torna ad Oslo, in Norvegia, per cercare di scagionare dall’accusa di omicidio il figlio della sua ex fiamma, che si trova in carcere perché ritenuto il responsabile della morte di un amico a causa di dissidi legati al consumo di stupefacenti. Harry, pur non essendo più un in organico nella polizia, si lancia pieno di entusiasmo e motivazione in questa avventura finalizzata ad individuare il vero colpevole dell’omicidio. Il protagonista entra in contatto con il mondo dello spaccio cittadino, che sembra ruotare attorno alla figura di un misterioso e ricco criminale proveniente dalla Siberia, il vero padrone del business della violina, una nuova super droga che pare abbia soppiantato eroina e cocaina nel mercato dei consumatori di stupefacenti. Come già accaduto in precedenti romanzi, la vita di Harry sarà messa fortemente in pericolo a causa dei suoi progressi nell’indagine che lo porteranno a scoprire il legame e la corruzione che coinvolge malavita, alcuni politici locali e la polizia, in un continuo crescendo di colpi di scena.

Anche in questo lavoro Nesbo è molto bravo nel tracciare il quadro della vicenda con il suo stile crudo, asciutto e scorrevole, che prevede dialoghi serrati tra i vari personaggi e invita a proseguire velocemente nella lettura, creando una sorta di “dipendenza da libro” analoga a quella che prova il consumatore di violina, anche se sicuramente molto meno nociva per la salute! Nesbo, inoltre, ama particolarmente illudere e confondere, capovolgendo la realtà di fatti e presentando sotto una nuova luce aspetti che parrebbero già acquisiti e dimostrati. Accade anche in questo romanzo, seppur in maniera non così innovativa in quanto ispirata a tecniche già sperimentate, tanto nella letteratura quanto nel cinema, ma che in ogni caso costituiscono un elemento di sicuro effetto ed impatto. 

Interessanti anche le ambientazioni dark e claustrofobiche create dall’autore, che ci fanno conoscere i bassifondi di Oslo e le precarie condizioni di vita dei tossicodipendenti della città norvegese, rappresentando pertanto una realtà abbastanza distante dalla nostra idea di paese scandinavo perfetto, pulito e sicuro che solitamente ci viene presentata dai media.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jo

Nesbø

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nesbø Jo

Antologia sui confini voluta da ARCI Nazionale e composta da Emmanuela Carbé, Francesca Genti, Carlo Lucarelli, Monica Massari, Giuseppe Palumbo, Antonio Pascale, Gipi, Christian Raimo. Verrà presentata al festival di «Internazionale» a Ferrara, settembre zoi6."Scrivo questa nota la notte del 7 marzo 2016, nell'ottantesimo anniversario della nascita di Georges Perec, che subito dopo la seconda guerra mondiale era un bambino senza ricordi d'infanzia. 'Non ho ricordi d'infanzia' scrive. 'Fino ai dodici anni, più o meno, la mia storia occupa qualche riga: ho perduto mio padre a quattro anni, mia madre a sei; ho passato la guerra in varie pensioni di Villard-de-Lans. Nel 1945, la sorella di mio padre e suo marito mi hanno adottato. Questa assenza di storia mi ha, a lungo, rassicurato: la sua secchezza oggettiva, la sua apparente evidenza, la sua innocenza mi proteggevano"."Perec è nato in Francia, ma non è francese. 'Ho un nome francese' scrive `Georges, un cognome francese o quasi: Perec che tutti scrivono Pérec o Perrec: il mio cognome non si scrive esattamente come si pronuncia. A questa contraddizione insignificante si associa il sentimento tenue, ma insistente, insidioso, ineluttabile, di essere in un certo modo straniero rispetto a qualcosa di me stesso, di essere 'diverso', ma non tanto diverso dagli 'altri' quanto diverso dai 'miei'; non parlo la lingua che parlavano i miei genitori, non condivido nessuno dei ricordi che essi poterono avere"."Perec è cresciuto in un mondo, l'Europa occidentale del dopoguerra, che a me sembra l'abbia protetto dalla sua solitudine e abbia avuto interesse a tramandare la sua storia. Una delle domande che credo salteranno fuori da questa antologia è: il nostro mondo, è in grado di proteggere qualcuno dalla sua solitudine? Gli interessa tramandare le storie dei Perec di oggi?” (Paolo Nori)

Ma il mondo non era di tutti?

A cura di Paolo Nori

Per pagarsi gli studi di recitazione, Lisa lavora in un bar di Manhattan. Una sera conosce Arthur, un giovane medico di pronto soccorso che sembra avere tutte le carte in regola per piacerle, e Lisa in effetti ne rimane subito affascinata. Ma Arthur nasconde una storia che lo rende diverso da chiunque abbia incontrato prima d'ora: possiede un faro, ricevuto in eredità dal padre, una torre battuta dai venti in riva all'oceano nelle cui acque suo nonno è misteriosamente scomparso alcuni decenni prima. Il dono gli è stato fatto a una condizione: Arthur non deve aprire la porta metallica della cantina. Malgrado la promessa fatta al padre, il giovane non trattiene la sua curiosità, spalancando la porta su un terribile segreto da cui sembra impossibile poter tornare indietro. Riuscirà l'amore per Lisa a dargli la forza necessaria per superare le insidie di una folle corsa contro il tempo?

L’istante presente

Musso Guillaume

In seguito all'uragano Kathrina, due residenti di lunga data a New Orleans, Abdulrahman e Kathy Zeitoun, si ritrovano a dover combattere una battaglia assurda contro forze che vanno ben oltre quelle del vento e dell'acqua. In questa opera di non fiction, sorprendente e profondamente umana, i lettori potranno vedere con occhi nuovi il peggior disastro naturale degli Stati Uniti, scoprendo tutte le speranze e le contraddizioni di un momento unico della storia americana.

Zeitoun

Eggers Dave

W. Somerset Maugham non ha mai dovuto dilungarsi troppo a spiegare che cosa fosse il suo secondo e più celebre romanzo, quello che già alla sua uscita, nel 1915, fece di lui uno scrittore immensamente popolare. In diverse occasioni, si limitò infatti a precisare che Schiavo d’amore non era «un’autobiografia, ma un romanzo autobiografico» – e che Philip Carey, pur essendo orfano come lui, medico come lui, e come lui attratto dai lati meno dominabili dell’esistenza, era solo il protagonista di una finzione, e non la controfigura del suo autore. I lettori (allora come oggi) erano quindi liberi di seguire Philip prima durante gli studi a Heidelberg, poi negli anni della bohème parigina, e alla fine per tutto il lungo, tormentoso e distruttivo amore per Mildred, la cameriera reprensibile, perfida e perciò ancor più desiderabile (di cui non a caso Bette Davis è stata la definitiva incarnazione cinematografica) che finirà quasi per ucciderlo. Ma se si può anche fingere di credere a quel diabolico illusionista di Maugham quando sostiene di aver prestato a Philip solo i sentimenti, è legittimo sospettare che poche altre volte, in letteratura, la menzogna romanzesca – anche la più sofisticata e avvincente, come questa – abbia coinciso in modo tanto fedele e tanto necessario con una personale, e quasi feroce, autenticità.

Schiavo d’amore

Maugham W. Somerset