Narrativa

Uno splendido disastro

McGuire Jamie

Descrizione: Camicetta immacolata, coda di cavallo, gonna al ginocchio. Abby Abernathy sembra la classica ragazza perbene, timida e studiosa. Ma in realtà Abby è una ragazza in fuga. In fuga dal suo passato, dalla sua famiglia, da un padre in cui ha smesso di credere. E ora che è arrivata alla Eastern University insieme alla sua migliore amica per il primo anno di università, ha tutta l'intenzione di dimenticare la sua vecchia vita e ricominciare da capo. Travis Maddox di notte guida troppo veloce sulla sua moto, ha una ragazza diversa per ogni festa e attacca briga con molta facilità. Dietro di sé ha una scia di adoratrici disposte a tutto per un suo bacio. C'è una definizione per quelli come lui: Travis è il ragazzo sbagliato per eccellenza. Abby lo capisce subito appena i suoi occhi incontrano quelli profondi di lui e sente uno strano nodo allo stomaco: Travis rappresenta tutto ciò da cui ha solennemente giurato di stare lontana. Eppure Abby è assolutamente determinata a non farsi affascinare. Lei no, non ci cadrà come tutte, lei sa quello che deve fare, quel ragazzo porta solo guai. Ma quando, a causa di una scommessa fatta per gioco, i due si ritrovano a dover condividere lo stesso tetto per trenta giorni, Travis dimostra un'inaspettata mistura di dolcezza e passionalità. Solo lui è in grado di leggere fino in fondo all'anima tormentata di Abby e capire cosa si nasconde dietro i suoi silenzi e le sue improvvise malinconie. Solo lui è in grado di dare una casa al cuore sempre in fuga della ragazza. Ma Abby ha troppa paura di affidargli la chiave per il suo ultimo e più profondo segreto…

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2014

ISBN: 978881168444-2

Recensito da Ornella Lodin

Le Vostre recensioni

Osannato come un fenomeno editoriale negli USA, con le migliori case editrici a contendersene i diritti, salito sempre più in alto nelle classifiche e in rete e su Goodreads – social network dedicato ai lettori – toccando cifre da record per i commenti tra i più alti mai registrati, scala la classifica della top ten del NewYork Times e in Italia alcuni blogger organizzano addirittura una petizione per chiederne la traduzione in italiano il prima possibile. Nel 2012 la Warner Bros decide che lavorerà alla sceneggiatura per la trasposizione cinematografica. La Garzanti ne acquisisce i diritti esclusivi per l’Italia.

Il libro si presenta quindi con ottime referenze ma, a dispetto delle grandi aspettative, si rivela un compendio di cliché ormai sdoganati, con l’aggravante di un linguaggio elementare e spesso ripetitivo.

Eastern University, tra lo studentato Morgan Hall, la mensa, le aule del college, la sede della confraternita Sigma Tau e un appartamento, si svolgono le vite di Abby, all’apparenza candida e immacolata studentessa modello con i suoi maglioncini di cachemire e le perle; Travis, il macho bello e dannato della situazione che passa da una ragazza all’altra refrattario all’amore; Finch, l’amico gay; la coppia costituita da America, la migliore amica di Abby, e Shap, il cugino e coinquilino di Travis; Parker, il bravo ragazzo di buona famiglia perfetto Mister Charming.

Ovviamente Travis si innamorerà a prima vista di Abby, l’unica ragazza che lo evita e non vuole avere nulla a che fare con lui. Ma non perchè Travis sia all’apparenza un poco di buono, quanto perchè ella stessa nasconde un passato burrascoso da cui fugge e che ha paura di rivivere: lei è la famigerata tredici fortunato. Alle spalle il quadretto perfetto su cui ricamare il profilo psicologico dei due protagonisti: Trav, orfano di madre da bambino, costretto a combattere con le unghie e con i denti per non soccombere ai fratelli più grandi e divenuto uno da fight club; Abby con una madre alcolizzata e un padre, ex giocatore professionista di poker caduto in disgrazia, inaffidabile.

Avventure inverosimili e i soliti colpi di scena che si susseguono con la scansione precisa di un diapason fino a culminare in un finale improbabile seppur scontato. Uno splendido disastro è il classico prodotto hollywoodiano dalle grandi lenti rosa a forma di cuore, un Harmony per adolescenti – il linguaggio lo rievoca molto – con troppi baci, troppe braccia che cingono la vita, asciugamani su fianchi virili, tatuaggi, motociclette, tacchi alti.

La passione che viene descritta è la tipica passione adolescenziale, l’amore assoluto che solo a quell’età si prova, quella del “con te è per sempre, senza di te non posso vivere”. Per un pubblico più adulto, che ha tolto le lenti rosa da diverso tempo, la storia appare “una bozza raffazzonata e tirata per le lunghe” che poteva essere elaborata in modo migliore.

Un prodotto del genere, creato da un autore italiano, difficilmente sarebbe stato accettato da una casa editrice.

Non paga, Jamie McGuire ha messo in commercio la medesima storia dal punto di vista di Trav “Il mio disastro sei tu”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jamie

Mcguire

Libri dallo stesso autore

Intervista a McGuire Jamie

La vita di Alice è apparentemente perfetta: 28 anni, un lavoro a tempo indeterminato e un fidanzato che ama, ricambiata. Non le resta che cercare casa e fare dei figli, guadagnandosi il paradiso terrestre di una vita normale. Eppure di perfetto non c’è nulla. Il surreale sarcasmo di Alice fa scoprire al lettore situazioni che suo malgrado conosce fin troppo bene, nascoste dietro la maschera della normalità di un’ordinaria giornata in ufficio. Il badge che scandisce malignamente il tempo. La routine del ritmo aziendale che diventa ossessione. Le manie degli impiegati a un passo dalla psicosi. La sindrome antisociale dell’open-space. Le figure clownesche dei capufficio, tronfi della loro incompetenza. I giorni che invece di allargarsi in un presente vivo si spengono con monotonia uno sull’altro. Le pause – pausa-mela, pausa aria, pausa-sclero – sono le uniche boccate di sollievo. Finché Alice non scopre la pausa-papera! Osservando da dietro la recinzione dell’azienda i pennuti che vivono liberi nel loro stagno, ad Alice si rivela una nuova filosofia di vita, una possibilità di salvezza, di liberazione…

ALICE IN GABBIA

Gasbarro Arianna

Torte di mele, brownies al cioccolato, muffin e tisane profumate... È questo il regno di Estelle, l’intraprendente proprietaria del Café Crumb. Ma gestire una piccola pasticceria non è facile: come allargare il giro di affari, spingendo nuovi clienti a varcare la soglia del delizioso caffè dalle tovaglie bianche e rosse? Rattristata dalla chiusura della libreria accanto al suo locale, Estelle, fervida lettrice, ha un’idea: perché non provare a risollevare le sorti del Café con un book club, affiancando ai dolci qualche buona lettura? La partenza non è delle migliori. Gli iscritti al club, oltre a Estelle, sono solo quattro: Gracie, giovane bibliotecaria femminista e fissata con la moda vintage; Rebecca, un’insegnante trentenne sposata da poco più di un anno; la neopensionata Sue, ansiosa di fuggire da casa e da un marito in pantofole, e il timidissimo Reggie, presente solo per fare ricerche per la propria tesi. Un piccolo gruppo fin troppo eterogeneo, con gusti che non potrebbero essere più diversi tra loro. Il primo libro preso in esame non scatena alcun dibattito. Estelle decide allora di giocare il tutto per tutto aggiungendo un pizzico di pepe agli incontri. La lettura successiva verterà sul bestseller del momento: una piccante storia d’amore e sesso, condita da sculacciate e frustini. Il successo è sfrenato, tanto che il book club decide di focalizzarsi solo sulla letteratura erotica. Libro dopo libro, spaziando dai classici ai casi editoriali più recenti e peccaminosi, Gracie, Rebecca, Sue, Reggie ed Estelle lasceranno da parte inibizioni e paure, dando un salutare scossone alle loro vite. Perché, come direbbe Mae West, che senso ha resistere a una tentazione, se tanto poi ce n’è subito un’altra?

Il club delle cattive ragazze

Hart Sophie

"Bestiario di vite disgraziate" è tutto quello che ci circonda e che a tratti ci spaventa, ma soprattutto ci fa ridere. Il bestiario è composto da storie allegramente disperate che, mano a mano, come in un percorso di smarrimento, si riempiono di personaggi disgraziati e sognatori, mentre l'occhio si sposta dall'interno all'esterno, dal personale al collettivo, e tutto diventa favolistico. Dalla risata amara di questi racconti nasce la convinzione di essere parte, assieme all'autrice, di questo affresco surreale e tragicomico dell'umanità. In definitiva il libro è un contenitore di bestie venute male, un po' storpie, eternamente tragiche, che serpeggiano fuori e dentro di noi, ma di cui, alla fine, non possiamo che innamorarci.

Bestiario di vite disgraziate

porcedda ambra

L’ANGELO DI HITLER

Osborne William