Fantascienza

Stella meravigliosa

Mishima Yukio

Descrizione: Giappone, anni Sessanta, una notte d'estate Juichiro, un uomo che conduce una vita tranquilla, attratto dal chiarore della luna, esce di casa e raggiunge una radura ai marigni della città. Lì incontra un'astronave luminosa che si schiude davanti ai suoi occhi. L'uomo la contempla estatsiato e scopre un segreto sepolto nella sua memoria...

Categoria: Fantascienza

Editore: Guanda

Collana: Le fenici tascabili

Anno: 2002

ISBN: 9788882464875

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

È fantascienza sui generis – non poteva che essere tale – quella concepita da Yukio Mishima in “Stella meravigliosa”.
In questo commento cercheremo di cogliere in quale accezione – del tutto filosofica e umanistica – il Maestro giapponese declini la sua personale concezione estetica del disagio cosmico (“Se qualcosa non esiste è proprio quello che dovrebbe esistere. I miracoli che si erano manifestati a Takemiya, i dischi volanti stessi, poggiavano tutti, e si erano materializzati su tali esigenze estetiche”) e della preoccupazione per le sorti di un pianeta (“che essa possa ridiventare il meraviglioso astro di un tempo”) attanagliato dall’incubo nucleare.

La famiglia Ōsugi (“Era Kazuo, il fratello, a guidare. Accanto a lui era seduta la sorella minore Akiko. I genitori, i coniugi Ōsugi – ndr: Jūichirō e Iyoko – occupavano i sedili posteriori”) ha una connotazione insolita (“Sulle loro labbra le belle espressioni racchiudevano un tono sarcastico, e perfino le banali parole d’amore erano foderate dell’argento del disprezzo”)  che deriva da una composizione eterogenea, multi-planetaria: il padre proviene da Marte (“Un tempo contemplavo la terra da Marte, il mio pianeta”), la madre da Giove (“Ma è possibile vedere al crepuscolo Giove, il tuo pianeta, mamma”), il figlio da Mercurio, la figlia da Venere (“Partenogenesi… adesso finalmente ho capito come si riproducono i venusiani”).

La famiglia trae la consapevolezza della propria genesi avvistando dischi volanti (“I miei contatti con i dischi volanti dipendono, per quanto strano possa apparire, da una maschera del Nō”) e conduce una vita particolare, contemplando la volta celeste (“Le stelle scintillavano nella volta notturna simile a una pelliccia di leopardo maculata”), manifestando l’impegno politico (“Chruščëv e Kennedy dovrebbero camminare spalla contro spalla e annunciare ai giornalisti in attesa sotto il sole mattutino: L’umanità è concorde nella decisione di sopravvivere”) a salvaguardia del pericolo atomico (“Verrà il tempo in cui comprenderanno il loro errore e torneranno alle nostre concezioni d’infinita armonia e di pace eterna. Ad ogni modo bisognerà scrivere al più presto una lettera a Chruščëv”) e quello sociale nell’attività di propaganda pacifista (“Che ne dite di unire le nostre energie affinché quei due uomini si stringano la mano il più presto possibile?”), con l’obiettivo di restituire alla Terra un improbabile futuro di pace (“L’Unione Sovietica ha iniziato una serie di esperimenti nucleari con bombe da cinquanta megaton. Sta per commettere un terribile delitto che potrebbe sconvolgere l’armonia dell’universo, e se l’America ne seguisse l’esempio la fine dell’umanità sarebbe vicina. Evitare un simile disastro è la nostra missione…”).

Nonostante la derivazione extra-terrestre, la figlia vive una storia d’amore totalizzante per Takemiya, forse anch’egli venusiano (“L’unico particolare che lo distingueva dai terrestri era un’eco inorganica della sua voce, simile allo sfregamento di metalli arrugginiti”); il figlio si dimostra sensibile ai richiami del potere, la madre attende alle attività domestiche, mentre il capofamiglia con il suo attivismo (“… un annuncio della Associazione degli amici dell’universo: Chi si interessa agli Θ ci scriva. Collaboriamo per la pace nel mondo”) conquista le attenzioni di oppositori che hanno ben altri, bellicosi intendimenti.

La minaccia (“Avrebbe cominciato a soffiare lo splendido vento del cannibalismo”) è rappresentata da una congregazione di trucidi alieni (“Noi proveniamo da un pianeta sconosciuto, vicino alla sessantunesima stella della costellazione del Cigno”) che covano programmi velenosi (“Bisognava rendere sterili tutte le donne della terra”) e distruttivi (“Dunque siamo venuti su questa terra… per distruggere l’umanità”).

Come contrastare i pericoli incombenti (“D’altronde era logico che l’esperimento nucleare sovietico dell’autunno precedente avrebbe provocato un’imponente ricaduta di ceneri radioattive”)?
Come realizzare il desiderio di pace e di benessere (“Per il giovane il mondo era illusione: l’unica certezza… lo splendore che traboccava sul pianeta Venere”)?
Come affrontare le disillusioni alle quali i terrestri condannano i loro simili (“Delusa com’era dallo squallore della terra intendeva imprimere alla conversazione un senso di disprezzo per il genere umano. Insomma, essi usavano, trasformata dalle regole di un lessico celeste, l’ipocrita conversazione solitamente utilizzata dagli esseri umani per scopi impuri…”)?

La filosofia di Mishima (“Più si avvicina il momento in cui si inizia a essere in sintonia con l’armonia universale e più l’ineluttabilità celeste procede come una macchina incandescente”) oscilla tra disperata coscienza culturale (“Gli dei sono morti, lo spirito è morto, il pensiero è morto”), ansia millenaristica (“Gli incendi sulle montagne avvamperanno… e intanto la terra vista dall’universo sembrerà una stella meravigliosa ancor più splendente di quanto lo sia ora… La terra diventerà come tu desideri: una stella meravigliosa”) e prospettiva di fuga metafisica (“Gli esseri umani sono caratterizzati da tre malattie congenite, ovvero da tre difetti predestinati. Il primo è l’interesse per gli oggetti, il secondo l’interesse per gli esseri umani, il terzo l’interesse per la divinità… Ad ogni modo, qualsiasi dei tre interessi porterà ineluttabilmente l’essere umano a premere il bottone”).

Stella meravigliosa” (“Della sensazione reale che la terra fosse un astro adorabile…”) è un romanzo storico come testimonianza di un momento nel quale la contrapposizione tra i due blocchi e i due modelli era fonte di angoscia planetaria (“La morte che ormai circondava gli esseri umani aveva le sembianze di una bella nuvola… un’incessante infiltrazione di morte invisibile… le ossa umane, tenute nascoste e prigioniere fino alla morte, avrebbero risuonato, ancora vive, come una tromba”. Per avere una visione completa della minaccia nucleare così come percepita da Mishima si vedano le pp. 132-133 dell’edizione Guanda).
Stella meravigliosa” è anche la storia dell’inquietudine cosmica dell’uomo, atomo impotente e solitario nella galassia dei misteri universali e delle incognite infinite.

Bruno Elpis

“Qui giace la specie umana che abitava in un pianeta chiamato terra.
Mentivano spudoratamente.
Ornavano di fiori sia la gioia sia il dolore.
Tenevano in gabbia gli uccellini.
Arrivavano in ritardo agli appuntamenti.
Ridevano sovente.
Riposino in pace nel sonno eterno.
Che, tradotto nella vostra lingua, suona:
Qui giace la specie umana che abitava in un pianeta chiamato terra.
Erano degli artisti.
Usavano gli stessi simboli sia per la gioia sia per il dolore.
Privavano gli altri della libertà affermando per contrasto la propria.
Non riuscendo a fermare il tempo si limitavano a essergli infedeli.
Conoscevano l’arte di spazzare via temporaneamente il vuoto con il loro fiato.
Riposino in pace nel sonno eterno.”

(Yukio Mishima)

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Yukio

Mishima

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mishima Yukio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La storia si snoda tra Italia e Argentina, intrecciando temi storici e politici in una trama avvincente, a metà tra thriller e spionaggio. Un anziano signore, Vincenzo Binetti, abita da solo in un appartamento nel quartiere Esquilino a Roma. Un giorno il vecchio sparisce e il suo vicino di casa, Flavio Bertone, commissario di polizia, cinquantenne, separato e con la delusione esistenziale di non essere diventato padre, si mette sulle sue tracce e scopre che il vero nome del vecchio non è Vincenzo Binetti, bensì Evaristo Torriani: un argentino dal passato avventuroso e contraddittorio, amico di Che Guevara, ma poi agente dei servizi segreti e, infine, nel ’78, anche cameriere personale di Jorge Luis Borges. Alcuni indizi, insieme all’intuito del commissario, fanno pensare che Torriani possa essere tornato nella sua città natale, Buenos Aires, dove vive ancora sua figlia Isabella. A Buenos Aires, il commissario incontra Isabella, convinta che il padre sia morto nel ’79, e poi scopre che i servizi segreti stanno cercando Torriani da trent’anni perché ritenuto responsabile di aver sottratto al governo una lista di nomi dei veri genitori degli orfani del regime di Videla.

IL CAMERIERE DI BORGES

Bussotti Mario

Vent'anni fa, un'estate in Riviera, una di quelle estati che segnano la vita per sempre. Elio ha diciassette anni, e per lui sono appena iniziate le vacanze nella splendida villa di famiglia nel Ponente ligure. Figlio di un professore universitario, musicista sensibile, decisamente colto per la sua età, il ragazzo aspetta come ogni anno "l'ospite dell'estate, l'ennesima scocciatura": uno studente in arrivo da New York per lavorare alla sua tesi di post dottorato. Ma Oliver, il giovane americano, conquista tutti con la sua bellezza e i modi disinvolti. Anche Elio ne è irretito. I due condividono, oltre alle origini ebraiche, molte passioni: discutono di film, libri, fanno passeggiate e corse in bici. E tra loro nasce un desiderio inesorabile quanto inatteso, vissuto fino in fondo, dalla sofferenza all'estasi. "Chiamami col tuo nome" è la storia di un paradiso scoperto e già perduto, una meditazione proustiana sul tempo e sul desiderio, una domanda che resta aperta finché Elio e Oliver si ritroveranno un giorno a confessare a se stessi che "questa cosa che quasi non fu mai ancora ci tenta".

Chiamami col tuo nome

Aciman André

Perché, poco prima delle Idi di marzo, il giorno fatidico in cui venne ucciso, Giulio Cesare rinunciò a essere accompagnato dalla scorta? E perché proprio Bruto e Decimo, gli uomini più vicini al dittatore, avrebbero dovuto desiderarne e organizzarne la fine? Perché, mentre si recava alla Curia, il dittatore di Roma ignorò tutti coloro che lo avvertivano che sarebbe stato vittima di un complotto? E infine perché, quando venne portato via dopo essere stato accoltellato a morte, un lembo della tonaca gli copriva il viso? Secondo Cicerone il dittatore avrebbe provato vergogna per le smorfie di dolore che gli contraevano il volto nel momento della morte, e si sarebbe coperto per nasconderle. Ma se la ragione fosse un'altra? Furono gli schiavi dello stesso Cesare a portare via il corpo del padrone, con il viso nascosto dalla toga. E solo dopo un certo tempo il medico Antistione dichiarò che Cesare era stato colpito da diciotto coltellate, di cui una mortale. Ai tanti enigmi che si affollano intorno alla più famosa congiura della storia, Franco Forte dà un'incredibile risposta nelle pagine di questo romanzo: e se Giulio Cesare non fosse affatto morto alle Idi di marzo? Forse la congiura non aveva la finalità di ucciderlo, ma di sottrarlo allo scomodo e gravoso incarico di padre-padrone di Roma. Offrendogli così la possibilità di tornare a dedicarsi a ciò che nella vita aveva sempre amato: essere alla testa di una legione, la Legio Caesaris, e combattere per la gloria personale e dell'Urbe. Con un ulteriore obiettivo, che solo una mente ambiziosa come quella di Cesare poteva escogitare: raggiungere i confini del mondo alla ricerca della dimora degli dèi, per strappare loro il segreto della vita eterna. Tra colpi di scena strabilianti e gustosissimi cammei di personaggi storici, Franco Forte ci regala la prima epica avventura di Cesare e della sua nuova legione.

Cesare l’immortale

Forte Franco

In occasione del giorno della memoria, un diario di ricordi sull'occupazione. Pagine di memoria da custodire e tramandare. Roma, 1943. I tedeschi occupano la “città aperta”. Il diario di un bambino tiene traccia di quei giorni terribili e degli anni che seguirono. I bombardamenti, i rastrellamenti, il papà partigiano e la Resistenza, la Liberazione e la lenta ripresa del dopoguerra vengono raccontati con un'impronta serena, senza polemiche, come solo un bambino potrebbe fare.

LA BICICLETTA DI MIO PADRE

Roccheggiani Fabrizio