Narrativa

Stoner

Williams John

Descrizione: William Stoner ha una vita che sembra essere assai piatta e desolata. Non si allontana mai per più di centocinquanta chilometri da Booneville, il piccolo paese rurale in cui è nato, mantiene lo stesso lavoro per tutta la vita, per quasi quarantanni è infelicemente sposato alla stessa donna, ha sporadici contatti con l'amata figlia e per i suoi genitori è un estraneo, per sua ammissione ha soltanto due amici, uno dei quali morto in gioventù. Non sembra materia troppo promettente per un romanzo e tuttavia, in qualche modo, quasi miracoloso, John Williams fa della vita di William Stoner una storia appassionante, profonda e straziante. Come riesce l'autore in questo miracolo letterario? A oggi ho letto Stoner tre volte e non sono del tutto certo di averne colto il segreto, ma alcuni aspetti del libro mi sono apparsi chiari. E la verità è che si possono scrivere dei pessimi romanzi su delle vite emozionanti e che la vita più silenziosa, se esaminata con affetto, compassione e grande cura, può fruttare una straordinaria messe letteraria. È il caso che abbiamo davanti. (Dalla postfazione di Peter Cameron)

Categoria: Narrativa

Editore: Fazi - Lain

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788864112367

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Estendendo alla personalità la bipartizione dei fenotipi ereditari individuati da Mendell, potremmo dire che anche nel consesso umano s’incontrano caratteri predominanti e caratteri recessivi. A quest’ultima categoria – quella delle persone pacate, rispettose, tolleranti, attente ai particolari – appartiene Stoner di John Williams.
I romanzi dei nostri giorni abbondano di protagonisti “predominanti”, nei quali gli scrittori trasfondono narcisismo, esibizionismo, esasperazioni e mistificazioni che trionfano nella vita reale. Più difficile è interpretare la normalità, l’ordinarietà della lotto quotidiana per la sopravvivenza sociale e individuale o quell’endemico confronto con le difficoltà che invece statisticamente rappresentano l’id quod plerumque accidit in molte vite.

In quest’impresa letteraria – rendere protagonista un uomo realisticamente rappresentato – riesce pienamente John Williams. Perché William Stoner, per lo più designato dall’autore con il solo cognome – quasi lo scrittore volesse mantenere una distanza con la sua creatura, in un universo ove l’autore generalmente s’immedesima nel superomismo interpretativo – affronta esperienze comuni e ordinarie, generalmente deludenti.
Nella vita di Stoner scorrono così il distacco culturale dalla famiglia d’origine contadina (“Chi sei tu, veramente? Un umile figlio della terra, come ti ripeti davanti allo specchio? Oh no… sei il sognatore, il folle in un mondo ancora più folle di lui, il nostro Don Chisciotte del Midwest… Tu credi che ci sia qualcosa qui, che va trovato… Anche tu sei votato al fallimento”), una scelta universitaria sofferta che lo porta a migrare dalla facoltà di  agraria a quella di letteratura (“Inglese… e non sono un professore, sono un lettore”), poche amicizie ordinarie (“Finch. Con tutto il rispetto, direi che di noi tre sei il più incompetente”), la scelta inerte del futuro professionale, un matrimonio sbagliato con Edith (“Con l’abito bianco indosso, era come un lampo di luce fredda che inondava la stanza”) una donna isterica che su di lui riversa ferocemente le proprie frustrazioni (“La forza che attraeva i loro corpi aveva ben poco a che fare con l’amore: si accoppiavano con una determinazione feroce eppure distaccata…”), i compromessi familiari (“Alla fine Stoner accettò il prestito”), il fallimentare rapporto con la figlia infelice Grace (“Ho un bisogno disperato di bere”), la pubblicazione di un’opera letteraria senza infamia né lode (“Le sue aspettative nei confronti del primo libro erano state insieme caute e modeste, rivelandosi appropriate”), una relazione extra-coniugale con Katherine Driscoll (“E così ebbe la sua storia d’amore”), una carriera universitaria non folgorante anche a causa di un dissidio con il capo del dipartimento Lomax (“E per oltre vent’anni non si rivolsero più la parola”), le schermaglie e i giochi di potere nel mondo accademico (“Mr Walker… la commissione non è riuscita a trovare un accordo in merito al suo esame”) sino al pensionamento forzoso (“Voglio ringraziarvi tutti per avermi concesso di insegnare”)…
Intanto sullo sfondo scorrono, in prospettiva americana, gli eventi storici dalla prima grande guerra, l’avvento del totalitarismo hitleriano (“Quell’incubo che irrompeva nel mondo reale”), il secondo conflitto mondiale (“Cinque giorni prima del matrimonio – ndr di Grace - i giapponesi avevano bombardato Pearl Harbor”).

Con stile cristallino e diretto, vengono messe in risalto la medietà, le sconfitte pacatamente accolte (“Ci sono guerre, sconfitte e vittorie della razza umana che non sono di natura militare e non vengono registrate negli annali di storia”), il senso di estraneità (“A volte gli sembrava di essere una specie di vegetale e sperava che qualcosa – anche il dolore – lo trafiggesse per riportarlo in vita”) e di distacco che, per paradosso psicologico,  spesso accompagna i momenti più tragici della vita (“Fu lieto che avesse almeno quello, fu grato che potesse bere”).
Il romanzo è molto triste, diviene sempre più commovente sino a farsi straziante. Ho chiuso le ultime pagine, quelle della malattia e dell’agonia di Willie, con la sensazione di voler bene a Bill. Perché al lettore – per identificazione catartica? – viene naturale non soltanto chiamare Stoner per nome, ma addirittura rivolgersi a lui affettuosamente, con l’abbreviativo…

Bruno Elpis

_____________________________________________

E cliccando qui sarete rimandati al commento di Augustus di John Williams a cura di Luigi Bianco

Leggi l’articolo intitolato Il più bel romanzo americano cliccando qui

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Williams

Libri dallo stesso autore

Intervista a Williams John

RINASCIMENTO PRIVATO

Bellonci Maria

Che si tratti del sagrato di Santa Maria in Vado o dell'antica Biblioteca Ariostea, a Ferrara, la morte sa dove dare appuntamento senza risultare invadente. Probabilmente le dipartite letterarie sono le poche ad avere un senso: avviano il meccanismo di una trama e in qualche caso ne sono la soluzione ultima. Che siate accaniti lettori di noir o che questa sia la vostra prima volta, scoprirete che nella vita e nella morte c'è sempre un pizzico d'ironia che spesso risulta salvifica. Magari non per la vittima predestinata - dal fato e dall'autore - ma certamente per il lettore che, in quanto tale, deve ritenersi complice di ogni delitto qui narrato.

Lamé. Delitti in abito buono

Conventi Gaia

In "Storie della preistoria", Moravia narra le avventure e disavventure di una grande folla di animali umanizzati. O meglio: di uomini che si nascondono dietro una maschera animalesca. Ma le sue storie, libere da schematismi e da certezze usurate dal tempo, si propongono piane, efficaci, più spesso esilaranti, per una lettura accattivante e per un'interpretazione autonoma e personalissima.

Storie della preistoria

Moravia Alberto

Dove sono gli uomini, fisicamente e psicologicamente? Soprattutto a fare cosa, dove se non qui, e perché? Perché le donne sono tutte in giro, tutte in viaggio, tutte da qualche parte, spesso tra di loro, intente a fare o progettare qualcosa, mentre gli uomini sembra che si siano chiusi in casa, a doppia mandata, e non rispondano neppure a chi bussa con forza alle loro porte? Dove sono i protagonisti della scena, gli uomini del Mediterraneo, quelli che trovavi sempre al centro della piazza, al centro della spiaggia, al centro del bar, al centro della scena? Perché sul palco ora sembra che ci siano soltanto donne? Perché gli uomini non escono dai percorsi codificati del lavoro e della società? Perché sono sempre protetti da convenzioni e ruoli codificati, e quando non lo sono entrano subito in difficoltà? Perché gli uomini non parlano (se non di alcuni, pochi, argomenti estranei tanto a loro quanto a me), perché non chiamano, perché sembrano chiusi, rassegnati, stanchi prima ancora di aver iniziato a fare qualsiasi cosa? Per parlare degli uomini, oggi più che mai, occorre parlare con le donne, ascoltare le loro storie, farsi raccontare le loro avventure e disavventure, sfidando le leggi della riservatezza, tentando di collegare fatti e circostanze che ogni donna considera isolati, per cui spesso prova sentimenti di colpa, e che invece sono profondamente collegati tra loro.

Dove sono gli uomini?

Perotti Simone