Narrativa

Stoner

Williams John

Descrizione: William Stoner ha una vita che sembra essere assai piatta e desolata. Non si allontana mai per più di centocinquanta chilometri da Booneville, il piccolo paese rurale in cui è nato, mantiene lo stesso lavoro per tutta la vita, per quasi quarantanni è infelicemente sposato alla stessa donna, ha sporadici contatti con l'amata figlia e per i suoi genitori è un estraneo, per sua ammissione ha soltanto due amici, uno dei quali morto in gioventù. Non sembra materia troppo promettente per un romanzo e tuttavia, in qualche modo, quasi miracoloso, John Williams fa della vita di William Stoner una storia appassionante, profonda e straziante. Come riesce l'autore in questo miracolo letterario? A oggi ho letto Stoner tre volte e non sono del tutto certo di averne colto il segreto, ma alcuni aspetti del libro mi sono apparsi chiari. E la verità è che si possono scrivere dei pessimi romanzi su delle vite emozionanti e che la vita più silenziosa, se esaminata con affetto, compassione e grande cura, può fruttare una straordinaria messe letteraria. È il caso che abbiamo davanti. (Dalla postfazione di Peter Cameron)

Categoria: Narrativa

Editore: Fazi - Lain

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788864112367

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Estendendo alla personalità la bipartizione dei fenotipi ereditari individuati da Mendell, potremmo dire che anche nel consesso umano s’incontrano caratteri predominanti e caratteri recessivi. A quest’ultima categoria – quella delle persone pacate, rispettose, tolleranti, attente ai particolari – appartiene Stoner di John Williams.
I romanzi dei nostri giorni abbondano di protagonisti “predominanti”, nei quali gli scrittori trasfondono narcisismo, esibizionismo, esasperazioni e mistificazioni che trionfano nella vita reale. Più difficile è interpretare la normalità, l’ordinarietà della lotto quotidiana per la sopravvivenza sociale e individuale o quell’endemico confronto con le difficoltà che invece statisticamente rappresentano l’id quod plerumque accidit in molte vite.

In quest’impresa letteraria – rendere protagonista un uomo realisticamente rappresentato – riesce pienamente John Williams. Perché William Stoner, per lo più designato dall’autore con il solo cognome – quasi lo scrittore volesse mantenere una distanza con la sua creatura, in un universo ove l’autore generalmente s’immedesima nel superomismo interpretativo – affronta esperienze comuni e ordinarie, generalmente deludenti.
Nella vita di Stoner scorrono così il distacco culturale dalla famiglia d’origine contadina (“Chi sei tu, veramente? Un umile figlio della terra, come ti ripeti davanti allo specchio? Oh no… sei il sognatore, il folle in un mondo ancora più folle di lui, il nostro Don Chisciotte del Midwest… Tu credi che ci sia qualcosa qui, che va trovato… Anche tu sei votato al fallimento”), una scelta universitaria sofferta che lo porta a migrare dalla facoltà di  agraria a quella di letteratura (“Inglese… e non sono un professore, sono un lettore”), poche amicizie ordinarie (“Finch. Con tutto il rispetto, direi che di noi tre sei il più incompetente”), la scelta inerte del futuro professionale, un matrimonio sbagliato con Edith (“Con l’abito bianco indosso, era come un lampo di luce fredda che inondava la stanza”) una donna isterica che su di lui riversa ferocemente le proprie frustrazioni (“La forza che attraeva i loro corpi aveva ben poco a che fare con l’amore: si accoppiavano con una determinazione feroce eppure distaccata…”), i compromessi familiari (“Alla fine Stoner accettò il prestito”), il fallimentare rapporto con la figlia infelice Grace (“Ho un bisogno disperato di bere”), la pubblicazione di un’opera letteraria senza infamia né lode (“Le sue aspettative nei confronti del primo libro erano state insieme caute e modeste, rivelandosi appropriate”), una relazione extra-coniugale con Katherine Driscoll (“E così ebbe la sua storia d’amore”), una carriera universitaria non folgorante anche a causa di un dissidio con il capo del dipartimento Lomax (“E per oltre vent’anni non si rivolsero più la parola”), le schermaglie e i giochi di potere nel mondo accademico (“Mr Walker… la commissione non è riuscita a trovare un accordo in merito al suo esame”) sino al pensionamento forzoso (“Voglio ringraziarvi tutti per avermi concesso di insegnare”)…
Intanto sullo sfondo scorrono, in prospettiva americana, gli eventi storici dalla prima grande guerra, l’avvento del totalitarismo hitleriano (“Quell’incubo che irrompeva nel mondo reale”), il secondo conflitto mondiale (“Cinque giorni prima del matrimonio – ndr di Grace - i giapponesi avevano bombardato Pearl Harbor”).

Con stile cristallino e diretto, vengono messe in risalto la medietà, le sconfitte pacatamente accolte (“Ci sono guerre, sconfitte e vittorie della razza umana che non sono di natura militare e non vengono registrate negli annali di storia”), il senso di estraneità (“A volte gli sembrava di essere una specie di vegetale e sperava che qualcosa – anche il dolore – lo trafiggesse per riportarlo in vita”) e di distacco che, per paradosso psicologico,  spesso accompagna i momenti più tragici della vita (“Fu lieto che avesse almeno quello, fu grato che potesse bere”).
Il romanzo è molto triste, diviene sempre più commovente sino a farsi straziante. Ho chiuso le ultime pagine, quelle della malattia e dell’agonia di Willie, con la sensazione di voler bene a Bill. Perché al lettore – per identificazione catartica? – viene naturale non soltanto chiamare Stoner per nome, ma addirittura rivolgersi a lui affettuosamente, con l’abbreviativo…

Bruno Elpis

_____________________________________________

E cliccando qui sarete rimandati al commento di Augustus di John Williams a cura di Luigi Bianco

Leggi l’articolo intitolato Il più bel romanzo americano cliccando qui

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Williams

Libri dallo stesso autore

Intervista a Williams John

Un ufficiale che diserta e intraprende un viaggio attraverso l'Italia devastata dalla guerra. Una ragazza di buona famiglia che diventa una partigiana pronta a uccidere un fascista dopo l'altro. Un ingegnere aeronautico che si nasconde in attesa che passi la bufera. Matteo, sua sorella Adele, il cognato Aldo: sono i personaggi di "In territorio nemico", tre giovani separati dalla guerra che, dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943, cercano di ritrovarsi in un paese in preda al caos. Nei venti mesi terribili dell'occupazione nazista, i tre protagonisti faranno esperienza della battaglia, dell'isolamento, dell'amore, del conflitto con se stessi, fino ad affrontare la prova più difficile: scegliere da che parte stare mentre la morte li minaccia a ogni passo. "In territorio nemico" è una nuova epica della Resistenza. Un'epopea corale resa possibile dal lavoro di oltre cento scrittori e ispirata alle testimonianze di chi la guerra l'ha vissuta e non ha cessato di raccontarla. Un romanzo vivo e toccante che, tenendo ben presente l'eredità di Fenoglio, Malaparte e Calvino, apre una rinnovata prospettiva sull'esperienza tragica e fondativa della seconda guerra mondiale in Italia.

In territorio nemico

Basato in parte su una storia autobiografica, questo libro mette in scena, in modo estremo, il muro che separa il mondo aspro della ribellione adolescenziale dalle regole della vita sociale degli adulti: è la cronaca dell'esistenza di una diciassettenne "ragazza perduta". Chloe viene strappata alla strada - dove si prostituisce, dopo essere scappata di casa a causa degli abusi sessuali del patrigno e della morte della sorella, che questi ha ucciso - e rinchiusa insieme a un manipolo di "ragazze sbandate" in un istituto per personalità autodistruttive. Qui, invece di redimersi, ingaggia ad armi pari una furiosa battaglia psicologica contro il suo terapeuta.

STORIA DI CHLOE

Phillips Suzanne

Il viaggio non è solamente un'occasione di conoscenza del mondo. Viaggiare ci allena a considerare la vita quella continua novità che è, non dimenticando il passato ma guardando al futuro. L'Etiopia è entrata nella mia vita all'improvviso, sulle ali dell'entusiasmo dell'amica Lorella che me l'ha fatta scoprire. Quando l'avventura è iniziata non immaginavo quanti doni mi avrebbe lasciato. D'altra parte, viaggiare ci insegna che al nostro arrivo non siamo mai gli stessi di quando siamo partiti.

Per valli e altopiani

Romano Spadoni

Pedrara. La Sicilia dei Monti Iblei. Una villa perduta sotto alte pareti di roccia tra l’occhieggiare di antiche tombe e il vorticare di corsi d’acqua carezzati dall’opulenza degli oleandri. È qui che la famiglia Carpinteri si raduna intorno al capezzale di zia Anna, scivolata in una svagata ma presaga demenza senile. Esistono davvero le pietre di cui la donna vaneggia nel suo letto? Dove sono nascoste? Ma soprattutto, qual è il nodo che lega la zia al bellissimo Bede, vero custode della proprietà e ambiguo factotum? Come acqua nel morbido calcare i Carpinteri scavano nel passato, cercano negli armadi, rivelano segreti - vogliono, all’unisono, verità mai dette e ricchezze mai avute. Tra le ombre del giorno e i chiarori della notte, emergono influenze di notabili locali, traffici con i poteri occulti, e soprattutto passioni ingovernabili. Le voci di Mara, nipote prediletta di Anna, e di Bede ci guidano dentro questo sinuoso labirinto di relazioni, rimozioni, memorie, fino a scavalcare il confine della stessa morte. Simonetta Agnello Hornby mette a fuoco, con la sapienza di una immaginazione maestosa, un micromondo che pare allargarsi, con un brivido, a rappresentare i guasti, le ambizioni e le ansie di liberazione dell’universo famigliare, tutto intero.

IL VELENO DELL’OLEANDRO

Agnello Hornby Simonetta