Narrativa

Stoner

Williams John

Descrizione: William Stoner ha una vita che sembra essere assai piatta e desolata. Non si allontana mai per più di centocinquanta chilometri da Booneville, il piccolo paese rurale in cui è nato, mantiene lo stesso lavoro per tutta la vita, per quasi quarantanni è infelicemente sposato alla stessa donna, ha sporadici contatti con l'amata figlia e per i suoi genitori è un estraneo, per sua ammissione ha soltanto due amici, uno dei quali morto in gioventù. Non sembra materia troppo promettente per un romanzo e tuttavia, in qualche modo, quasi miracoloso, John Williams fa della vita di William Stoner una storia appassionante, profonda e straziante. Come riesce l'autore in questo miracolo letterario? A oggi ho letto Stoner tre volte e non sono del tutto certo di averne colto il segreto, ma alcuni aspetti del libro mi sono apparsi chiari. E la verità è che si possono scrivere dei pessimi romanzi su delle vite emozionanti e che la vita più silenziosa, se esaminata con affetto, compassione e grande cura, può fruttare una straordinaria messe letteraria. È il caso che abbiamo davanti. (Dalla postfazione di Peter Cameron)

Categoria: Narrativa

Editore: Fazi - Lain

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788864112367

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Estendendo alla personalità la bipartizione dei fenotipi ereditari individuati da Mendell, potremmo dire che anche nel consesso umano s’incontrano caratteri predominanti e caratteri recessivi. A quest’ultima categoria – quella delle persone pacate, rispettose, tolleranti, attente ai particolari – appartiene Stoner di John Williams.
I romanzi dei nostri giorni abbondano di protagonisti “predominanti”, nei quali gli scrittori trasfondono narcisismo, esibizionismo, esasperazioni e mistificazioni che trionfano nella vita reale. Più difficile è interpretare la normalità, l’ordinarietà della lotto quotidiana per la sopravvivenza sociale e individuale o quell’endemico confronto con le difficoltà che invece statisticamente rappresentano l’id quod plerumque accidit in molte vite.

In quest’impresa letteraria – rendere protagonista un uomo realisticamente rappresentato – riesce pienamente John Williams. Perché William Stoner, per lo più designato dall’autore con il solo cognome – quasi lo scrittore volesse mantenere una distanza con la sua creatura, in un universo ove l’autore generalmente s’immedesima nel superomismo interpretativo – affronta esperienze comuni e ordinarie, generalmente deludenti.
Nella vita di Stoner scorrono così il distacco culturale dalla famiglia d’origine contadina (“Chi sei tu, veramente? Un umile figlio della terra, come ti ripeti davanti allo specchio? Oh no… sei il sognatore, il folle in un mondo ancora più folle di lui, il nostro Don Chisciotte del Midwest… Tu credi che ci sia qualcosa qui, che va trovato… Anche tu sei votato al fallimento”), una scelta universitaria sofferta che lo porta a migrare dalla facoltà di  agraria a quella di letteratura (“Inglese… e non sono un professore, sono un lettore”), poche amicizie ordinarie (“Finch. Con tutto il rispetto, direi che di noi tre sei il più incompetente”), la scelta inerte del futuro professionale, un matrimonio sbagliato con Edith (“Con l’abito bianco indosso, era come un lampo di luce fredda che inondava la stanza”) una donna isterica che su di lui riversa ferocemente le proprie frustrazioni (“La forza che attraeva i loro corpi aveva ben poco a che fare con l’amore: si accoppiavano con una determinazione feroce eppure distaccata…”), i compromessi familiari (“Alla fine Stoner accettò il prestito”), il fallimentare rapporto con la figlia infelice Grace (“Ho un bisogno disperato di bere”), la pubblicazione di un’opera letteraria senza infamia né lode (“Le sue aspettative nei confronti del primo libro erano state insieme caute e modeste, rivelandosi appropriate”), una relazione extra-coniugale con Katherine Driscoll (“E così ebbe la sua storia d’amore”), una carriera universitaria non folgorante anche a causa di un dissidio con il capo del dipartimento Lomax (“E per oltre vent’anni non si rivolsero più la parola”), le schermaglie e i giochi di potere nel mondo accademico (“Mr Walker… la commissione non è riuscita a trovare un accordo in merito al suo esame”) sino al pensionamento forzoso (“Voglio ringraziarvi tutti per avermi concesso di insegnare”)…
Intanto sullo sfondo scorrono, in prospettiva americana, gli eventi storici dalla prima grande guerra, l’avvento del totalitarismo hitleriano (“Quell’incubo che irrompeva nel mondo reale”), il secondo conflitto mondiale (“Cinque giorni prima del matrimonio – ndr di Grace - i giapponesi avevano bombardato Pearl Harbor”).

Con stile cristallino e diretto, vengono messe in risalto la medietà, le sconfitte pacatamente accolte (“Ci sono guerre, sconfitte e vittorie della razza umana che non sono di natura militare e non vengono registrate negli annali di storia”), il senso di estraneità (“A volte gli sembrava di essere una specie di vegetale e sperava che qualcosa – anche il dolore – lo trafiggesse per riportarlo in vita”) e di distacco che, per paradosso psicologico,  spesso accompagna i momenti più tragici della vita (“Fu lieto che avesse almeno quello, fu grato che potesse bere”).
Il romanzo è molto triste, diviene sempre più commovente sino a farsi straziante. Ho chiuso le ultime pagine, quelle della malattia e dell’agonia di Willie, con la sensazione di voler bene a Bill. Perché al lettore – per identificazione catartica? – viene naturale non soltanto chiamare Stoner per nome, ma addirittura rivolgersi a lui affettuosamente, con l’abbreviativo…

Bruno Elpis

_____________________________________________

E cliccando qui sarete rimandati al commento di Augustus di John Williams a cura di Luigi Bianco

Leggi l’articolo intitolato Il più bel romanzo americano cliccando qui

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Williams

Libri dallo stesso autore

Intervista a Williams John

Anana e un uomo che fa. Come un pioniere, si e aperto la strada in una terra ostile - lo stato indiano somiglia al nostro, invadente e dispotico quando chiede, inesistente quando serve - e intravede finalmente l'orizzonte: la sua è una fabbrica modello, pronta a decollare sul mercato internazionale. Anche i suoi figli gli sembrano un miracolo, mentre la moglie è capricciosa e insicura. Nei sogni Anand accarezza un'altra donna: accanto a Kavika, non è più solo. E quando di colpo tutto si complica, perché politici rapaci lo tormentano con un subdolo ricatto, Kavika è l'unica che lo sa ascoltare. Ma qual è il karma di Anand? Proteggere sua moglie per amore dei figli, o dare ascolto ai propri bisogni più intimi e abbandonarsi tra le braccia di Kavika? Cedere al ricatto che minaccia la sua fabbrica e adeguarsi alla corruzione imperante, o combattere e dire di no? Kamala è una vita che combatte. Ha lavorato nei cantieri con il figliolino al collo, dormendo sul marciapiede in una tenda improvvisata. Fare la serva per la famiglia di Anand le sembra una conquista: ha una casa minuscola in cui tornare la sera, può mandare a scuola il suo amato Narayan. La sua vita è distante mille miglia da quella dei suoi datori di lavoro, che spendono in un pomeriggio di shopping quello che lei guadagna in un anno, ma Kamala sarebbe contenta così. Se non fosse per la speculazione edilizia che minaccia la sua casa. Se non fosse per la calunnia che rischia di distruggere tutto quello che ha.

La fabbrica della speranza

Sankaran Lavanya

Seduta di fronte all’antica scrivania di rovere, Rachel ascolta a malapena il borbottio dell’anziano notaio che sta sbrigando le formalità testamentarie: lo sguardo è fissato verso la sua eredità. Un muso piegato di lato e pieno di comprensione, due enormi occhi color ghiaccio e un orecchio nero floscio e l’altro bianco e dritto. Gem non è un cane come tutti gli altri, è il border collie dell’eccentrica zia Dot che, morendo, ha deciso di lasciare alla nipote tutti i suoi averi: una grande tenuta in campagna, un rifugio per cani abbandonati e soprattutto Gem, l’amico prediletto. Rachel non è certo un tipo da cani e la sua sofisticata e mondana vita a Londra non l’ha preparata al faticoso lavoro in campagna. Ma tutta la sua vecchia esistenza è appena andata a rotoli, perché la sua relazione con Oliver, che era anche il suo capo, è appena finita e Rachel è rimasta senza lavoro, senza soldi e senza amore. Non tutto però è perduto e, proprio grazie a Gem e al suo amore incondizionato, Rachel scopre di avere un vero e proprio sesto senso nel trovare i padroni più adatti a prendersi cura dei piccoli trovatelli del rifugio. Nathalie e Johnny sono una giovane coppia senza figli e solo le corte zampette di Bertie, un tenero basset hound, possono far tornare il sorriso sulle loro labbra, come quando si sono conosciuti. Zoe crede che la piccola Labrador Toffee sia uno scomodo regalo che l’ex mrito ha fatto si suoi figli, ma presto deve riconoscere che il vero regalo l’ha ricevuto lei. E Bill, un incallito cuore solitario, non sa resistere ai dolci occhi neri della barboncina Lulu, che lo guardano adoranti da sotto i ciuffi di pelo. A tutti loro Rachel dona una nuova opportunità per una vita migliore, ma dovrà essere forte abbastanza da dare una seconda occasione anche al suo cuore spezzato…

IL RIFUGIO DEI CUORI SOLITARI

Dillon Lucy

Glen Runciter comunica con la moglie defunta per avere i suoi consigli dall’aldilà. Joe Chip scompare dal mondo del 1992 e si ritrova nell’America degli anni Trenta, mentre riceve misteriosi e cupi messaggi. Una trappola mortale sembra aver annientato i migliori precognitivi del sistema solare. È in corso una lotta per scrutare il futuro nel corso di un’impossibile dissoluzione del presente; mondi e tempi diversi vivono e fluiscono contemporaneamente, la vita si scambia con la morte. In Ubik Philip Dick affronta con grande ispirazione alcuni dei suoi temi piú profondi: l’illusione che chiamiamo realtà, la mancanza di un tessuto connettivo e di un principio unificatore al di sotto dell’apparenza delle cose, il mistero di un Dio che tiene i dadi della vita e della morte. Scritto nel 1966 e pubblicato nel 1969, Ubik è una delle opere più sconcertanti e riuscite di Philip K. Dick. per il suo dirompente surrealismo, per l’ironia e la passione con cui analizza la società umana, Ubik è davvero un classico di quella letteratura che sempre si spinge a esplorare i paradossi dell’esistenza con le armi della visione e della fantasia, di uno sguardo anarchico, insaziabile e curioso."Io sono vivo, voi siete morti", scrisse Philip K. Dick in Ubik.

UBIK

Dick Philip K.

Qual è il vergognoso segreto che Cirene Selva confida alla figlia Ortelia? In verità c'è più di un segreto dietro la vicenda di Amleto Selva, giovane garzone senza arte né parte ma molto ambizioso arrivato in paese nel 1919 al seguito di un sensuale di bestiame. Tanto per cominciare c'è il vero motivo del suo matrimonio con Cirene, timida e bruttina ma destinata a ereditare la macelleria del padre. Poi c'è la lunga guerra con la bottega rivale, quella del Bereni. Soprattutto c'è la passione del Selva per un'altra carne, un'esuberante vitalità sessuale che nel quieto tran tran del paese genera turbolenze e scandali subito soffocati ma destinati a generare lunghe ombre sul futuro.

IL SEGRETO DI ORTELIA

Vitali Andrea