Narrativa

Storia d’amore e perdizione

Burgess Melvin

Descrizione: Bristol, anni '80. Tar vuole fuggire da casa e soprattutto da suo padre, e Gemma, che lo ama benché contrastata dalla famiglia, decide di andare con lui. Ben presto si ritrovano a precipitare nella spirale dell'eroina, della quale pensavano di potersi liberare in ogni momento con la sola forza di volontà. Questa è la loro storia: una lotta costante per procurarsi l'eroina, a qualunque costo, sfidando la prigione e la morte; ma è anche una storia di rinascita e riscatto, di scelte coraggiose per liberarsi della dipendenza e di un nuovo inizio. Un diario a più mani, sullo sfondo di una Bristol cupa e notturna, tra case occupate e ritrovi punk. Età di lettura: da 13 anni.

Categoria: Narrativa

Editore: Salani

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788862566537

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La “Storia d’amore e perdizione” che Melvin Burgess racconta è quella fra David (soprannominato Tar) e Gemma, due quattordicenni che reagiscono in malo modo ai rispettivi problemi.

Tar, ragazzo fragile e sensibile, è vittima di una situazione familiare devastata dall’etilismo: un padre manesco, una madre alcolizzata. Dopo l’ennesima violenza subita per difendere la mamma, Tar decide di allontanarsi dai genitori e ripara a Bristol, presso gli anarchici Richard e Vonny, che vivono occupando case abbandonate e organizzano spedizioni vandaliche contro le banche.

La fidanzatina Gemma, volitiva e capricciosa (lo ama, non lo ama?), lo raggiunge poco dopo, per punire i genitori che cercano di imporle delle regole più che per allontanarsi da problemi reali (“Lei aveva tutto il tempo del mondo. Non aveva problemi, non di quelli veri”).

Nel corso di una festa, Gemma subisce il fascino trasgressivo della coetanea Lily (“Lily è buffa: a volte non sopporta un abracadabra, e altre si comporta come se fosse la Regina delle Streghe”), che decide di seguire e di emulare (“Una volta deciso di punkeggiare, Gemma ci si è tuffata dentro fino agli occhi”). La curiosità (“Prova qualunque cosa, almeno una volta”) la induce ad assaggiare l’eroina, che Lily già assume insieme al compagno Rob. Anche Tar si lascia coinvolgere nel vortice della droga. La storia degli adolescenti si incanala poi nel solco inevitabile, in un crescendo facilmente immaginabile: escalation nell’assunzione di stupefacenti dallo sniffo (“Quel fumo è il tuo drago cinese; e quando lo respiri ti si srotola nelle vene, ti senti meglio di chiunque altro”) all’endovena, furti, assuefazione, prostituzione, schiavitù, lo spettro della morte per overdose…

Dopo alcuni vani tentativi di uscire dall’abbruttimento della droga (“È uno dei problemi dell’esserci dentro tutti. C’è sempre qualcuno di noi che ha voglia di uno sniffo”), il destino di Tar e Gemma passa attraverso le crisi di astinenza, le retate della polizia, i ricoveri in ospedale. Fino a un finale in parte prevedibile (“Non posso farcela da solo. Se hai una personalità incline all’assuefazione, devi trovare un aiuto esterno”), in parte inaspettato.

Il racconto è policentrico per narrazione, polifonico nella colonna sonora scandita dai versi di rocker alternativi (Lurky, Sex Pistols…), e ricorre a espressioni rituali (“… quel fine-settimana eravamo filati su a razzo ed è importante planare lentamente”). Dopo decenni afflitti dalla piaga sociale della droga, la trama non è nuova, ma consente di riflettere ancora sulle possibili cause, sulle dinamiche e sulle sorti di chi, per debolezza o per disperazione, si lascia irretire dal desiderio di risolvere i problemi con espedienti artificiali e mortiferi.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Melvin

Burgess

Libri dallo stesso autore

Intervista a Burgess Melvin


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Blanca Perea è una donna all¿apparenza invulnerabile, stimata docente universitaria e pilastro di una famiglia felice. Improvvisamente, vede crollare tutte le sue certezze quando scopre che il marito sta per avere un figlio da un'altra donna. Fuggire da Madrid sembra essere l'unico modo per salvarsi e, senza pensarci, accetta una borsa di studio di tre mesi in California, all'Università di Santa Cecilia. Deve catalogare e archiviare tutte le carte di Andrés Fontana, importante letterato spagnolo trasferitosi negli Stati Uniti e morto già da trent'anni, un lavoro apparentemente noioso ma che si rivela invece decisamente intrigante. Ad aiutarla c'è l'ex allievo prediletto di Fontana, Daniel Carter, che si precipita a Santa Cecilia appena viene a sapere che qualcuno sta finalmente mettendo mano al lascito del suo maestro. Insieme esplorano una parte di documenti fino ad allora sconosciuta, gli studi che il professore aveva dedicato al Camino Real, la catena di missioni che i frati francescani fondarono in tutta la California. Ma l'interesse di Daniel per l'impresa e le ricerche sul nuovo materiale non fanno che scatenare in Blanca una serie di interrogativi via via più urgenti. Perché nessuno - soprattutto Daniel - ha finora recuperato l'eredità di Fontana? E perché farlo proprio ora? Per ottenere le risposte che sta cercando, Blanca dovrà scavare nel passato, indagare il legame che univa Daniel e Fontana, affrontare retroscena impensati e svelare interessi politici nascosti. Ma dovrà soprattutto tornare a credere in se stessa e riscoprire la voglia di aprirsi all'amore, per trovare finalmente la chiave per cambiare il suo futuro. Dopo il grande successo di La notte ha cambiato rumore, María Dueñas torna a parlare ai suoi lettori attraverso la voce di una donna capace di affrontare le sconfitte con il coraggio di mettersi in discussione. Un amore più forte di me è una storia luminosa che si sviluppa tra la Spagna e la California, tra gli anni Cinquanta e oggi, dove si intrecciano le vicende di personaggi carichi di passione e umanità, convinti che l'avventura più emozionante della propria vita è sempre quella che si sta per vivere.

Un amore più forte di me

Dueñas María

W. Somerset Maugham non ha mai dovuto dilungarsi troppo a spiegare che cosa fosse il suo secondo e più celebre romanzo, quello che già alla sua uscita, nel 1915, fece di lui uno scrittore immensamente popolare. In diverse occasioni, si limitò infatti a precisare che Schiavo d’amore non era «un’autobiografia, ma un romanzo autobiografico» – e che Philip Carey, pur essendo orfano come lui, medico come lui, e come lui attratto dai lati meno dominabili dell’esistenza, era solo il protagonista di una finzione, e non la controfigura del suo autore. I lettori (allora come oggi) erano quindi liberi di seguire Philip prima durante gli studi a Heidelberg, poi negli anni della bohème parigina, e alla fine per tutto il lungo, tormentoso e distruttivo amore per Mildred, la cameriera reprensibile, perfida e perciò ancor più desiderabile (di cui non a caso Bette Davis è stata la definitiva incarnazione cinematografica) che finirà quasi per ucciderlo. Ma se si può anche fingere di credere a quel diabolico illusionista di Maugham quando sostiene di aver prestato a Philip solo i sentimenti, è legittimo sospettare che poche altre volte, in letteratura, la menzogna romanzesca – anche la più sofisticata e avvincente, come questa – abbia coinciso in modo tanto fedele e tanto necessario con una personale, e quasi feroce, autenticità.

Schiavo d’amore

Maugham W. Somerset

Una piccola città. L’esplosione di una bomba uccide un’innocente. Il magistrato che volevano assassinare ne esce incolume. La figlia, Eleonora, ne rimane segnata per sempre. Anni dopo, Eleonora osserva nel cielo la diagonale perfetta disegnata da tre pianeti: una coincidenza sorprendente, come quella che presto la costringerà a lasciare tutto per inseguire il suo passato. Un viaggio nei ricordi di una donna e nelle strade della provincia italiana.

Una diagonale perfetta

Di Martino Antonella

Nella vivace Istanbul, la vita della libraia turco-tedesca Kati Hirschel scorre fin troppo tranquilla. Il nuovo appartamento che condivide con lo spagnolo Fofo è ormai sistemato, tutti i debiti sono stati pagati e la libreria di cui va tanto fiera - l’unica in tutta la città specializzata in libri gialli - è ben frequentata da locali e turisti. Forse per noia, o per la mancanza di un fidanzato che la tenga occupata, Kati si lascia trascinare da una chiaroveggente che dovrebbe aiutare Fofo a risolvere i suoi problemi di cuore. Le cose prendono una piega inaspettata quando la lettrice di fondi di caffè «vede» la morte di una giovane donna. Temendo che possa trattarsi della fidata collaboratrice Pelin, la libraia corre in ospedale e scopre che la vita in pericolo è un’altra: quella di Nil, ricoverata in terapia intensiva dopo un misterioso malore. Com’è possibile che una donna di neanche trent’anni, in perfetta salute, sia improvvisamente colpita da un attacco cardiaco? E perché aveva la schiuma alla bocca? Il caso è decisamente sospetto e risveglia subito la proverbiale curiosità di Kati, che insieme a Hakan, fratello della «vittima», comincia a scavare nella vita di Nil e a notare altre stranezze. Ad esempio che la giovane, pur essendo disoccupata da sei mesi, poteva permettersi oggetti costosi e una lussuosa abitazione in uno dei quartieri più eleganti di Istanbul. Ce n’è abbastanza per ipotizzare un coinvolgimento in affari loschi. O la presenza di un ricco amante, magari sposato e interessato a sbarazzarsi di lei. Ancora più singolare risulta però la passione di Nil per il tango, legata probabilmente alla decisione di scrivere un romanzo ambientato tra Turchia e Argentina, due paesi accomunati da anni di dittatura militare, da violenze e ingiustizie nei confronti di oppositori e minoranze. E così, grazie al solito mix di intuito, faccia tosta e conoscenza della società turca, Kati porterà avanti anche quest’indagine a modo suo, tra chiacchiere e bicchieri di tè.

Tango a Istanbul

Aykol Esmahan