Narrativa

Storia d’amore e perdizione

Burgess Melvin

Descrizione: Bristol, anni '80. Tar vuole fuggire da casa e soprattutto da suo padre, e Gemma, che lo ama benché contrastata dalla famiglia, decide di andare con lui. Ben presto si ritrovano a precipitare nella spirale dell'eroina, della quale pensavano di potersi liberare in ogni momento con la sola forza di volontà. Questa è la loro storia: una lotta costante per procurarsi l'eroina, a qualunque costo, sfidando la prigione e la morte; ma è anche una storia di rinascita e riscatto, di scelte coraggiose per liberarsi della dipendenza e di un nuovo inizio. Un diario a più mani, sullo sfondo di una Bristol cupa e notturna, tra case occupate e ritrovi punk. Età di lettura: da 13 anni.

Categoria: Narrativa

Editore: Salani

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788862566537

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La “Storia d’amore e perdizione” che Melvin Burgess racconta è quella fra David (soprannominato Tar) e Gemma, due quattordicenni che reagiscono in malo modo ai rispettivi problemi.

Tar, ragazzo fragile e sensibile, è vittima di una situazione familiare devastata dall’etilismo: un padre manesco, una madre alcolizzata. Dopo l’ennesima violenza subita per difendere la mamma, Tar decide di allontanarsi dai genitori e ripara a Bristol, presso gli anarchici Richard e Vonny, che vivono occupando case abbandonate e organizzano spedizioni vandaliche contro le banche.

La fidanzatina Gemma, volitiva e capricciosa (lo ama, non lo ama?), lo raggiunge poco dopo, per punire i genitori che cercano di imporle delle regole più che per allontanarsi da problemi reali (“Lei aveva tutto il tempo del mondo. Non aveva problemi, non di quelli veri”).

Nel corso di una festa, Gemma subisce il fascino trasgressivo della coetanea Lily (“Lily è buffa: a volte non sopporta un abracadabra, e altre si comporta come se fosse la Regina delle Streghe”), che decide di seguire e di emulare (“Una volta deciso di punkeggiare, Gemma ci si è tuffata dentro fino agli occhi”). La curiosità (“Prova qualunque cosa, almeno una volta”) la induce ad assaggiare l’eroina, che Lily già assume insieme al compagno Rob. Anche Tar si lascia coinvolgere nel vortice della droga. La storia degli adolescenti si incanala poi nel solco inevitabile, in un crescendo facilmente immaginabile: escalation nell’assunzione di stupefacenti dallo sniffo (“Quel fumo è il tuo drago cinese; e quando lo respiri ti si srotola nelle vene, ti senti meglio di chiunque altro”) all’endovena, furti, assuefazione, prostituzione, schiavitù, lo spettro della morte per overdose…

Dopo alcuni vani tentativi di uscire dall’abbruttimento della droga (“È uno dei problemi dell’esserci dentro tutti. C’è sempre qualcuno di noi che ha voglia di uno sniffo”), il destino di Tar e Gemma passa attraverso le crisi di astinenza, le retate della polizia, i ricoveri in ospedale. Fino a un finale in parte prevedibile (“Non posso farcela da solo. Se hai una personalità incline all’assuefazione, devi trovare un aiuto esterno”), in parte inaspettato.

Il racconto è policentrico per narrazione, polifonico nella colonna sonora scandita dai versi di rocker alternativi (Lurky, Sex Pistols…), e ricorre a espressioni rituali (“… quel fine-settimana eravamo filati su a razzo ed è importante planare lentamente”). Dopo decenni afflitti dalla piaga sociale della droga, la trama non è nuova, ma consente di riflettere ancora sulle possibili cause, sulle dinamiche e sulle sorti di chi, per debolezza o per disperazione, si lascia irretire dal desiderio di risolvere i problemi con espedienti artificiali e mortiferi.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Melvin

Burgess

Libri dallo stesso autore

Intervista a Burgess Melvin


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Cliff (il nipote di Boyd e Alma) è un giovane soldato sul fronte della guerra di Corea, la cui improvvisa scomparsa piomba a turbare il sonnolento paesino dove viveva con gli zii. Scossa dall'accaduto, Alma tenterà di ricostruire la vera personalità di un nipote con cui da sempre ha avuto un rapporto contrastato e che in fondo non ha mai conosciuto davvero, coinvolgendo nella sua indagine gli altri abitanti della cittadina. Romanzo sull'assenza, Il nipote è un'appassionata opera corale in cui lo stile visionario e ribelle di Purdy cede il passo alla rappresentazione piana ma acutissima della provincia americana di quegli anni, mostrando come anche sotto la placida immobilità della campagna si nascondano incomunicabilità, segreti, bugie e pregiudizi propri del nostro tempo.

Il nipote

Purdy James

Giudicando la propria vita di uomo e l'opera politica, Adriano non ignora che Roma finirà un giorno per tramontare; e tuttavia il suo senso dell'umano, eredità che gli proviene dai Greci, lo sprona a pensare e servire sino alla fine. "Mi sentivo responsabile della bellezza del mondo" afferma, personaggio che porta su di sé i problemi degli uomini di ogni tempo, alla ricerca di un accordo tra la felicità e il metodo, fra l'intelligenza e la volontà. I "Taccuini di appunti" dell'autrice (annotazioni di studio, lampi di autobiografia, ricordi, vicissitudini della scrittura) perfezionano la conoscenza di un'opera che fu pensata, composta, smarrita, corretta per quasi un trentennio.

MEMORIE DI ADRIANO

Yourcenar Marguerite

IL DELFINO

Morelli Elettra

Con la protervia della bellezza giovane, Chéri, ragazzo «coi capelli dai riflessi blu come le penne dei merli», irrompe nella vita di Léa, donna leggera e sapiente - ma nel triangolo amoroso apparirà il rivale più temibile: il Tempo, corruttore di corpi. L'autunnale opulenza di lei e l'acerbo smalto di lui vengono spiati, attimo dopo attimo, da un occhio a cui nulla sfugge, talché la vicenda, scandita dalle scene di una magistrale commedia demi-mondaine, diventa la cronaca della catastrofe di Léa, dove il sentimento è delicatamente avvolto nella fisiologia e brama di sprofondare «in quell'abisso da cui l'amore risale pallido, taciturno e pieno del rimpianto della morte». Quanto a Chéri, giunto all'acme della sua esistenza di 'bello' dinanzi a cui le donne si inchinano, percepisce una vaga inquietudine: «Non distingueva i punti precisi in cui il tempo, con tocchi impercettibili, segna su un bel viso l'ora della perfezione e poi quella di una bellezza più evidente, che annuncia già la maestà di un declino». E quel declinomaestoso vivremo nella Fine di Chéri, dove la punta avvelenata della storia del giovane emerge con fredda chiarezza dalla prosa avvolgente, atmosferica, precisa di Colette.

Chéri – La fine di Chéri

Colette