Narrativa

Storia d’amore e perdizione

Burgess Melvin

Descrizione: Bristol, anni '80. Tar vuole fuggire da casa e soprattutto da suo padre, e Gemma, che lo ama benché contrastata dalla famiglia, decide di andare con lui. Ben presto si ritrovano a precipitare nella spirale dell'eroina, della quale pensavano di potersi liberare in ogni momento con la sola forza di volontà. Questa è la loro storia: una lotta costante per procurarsi l'eroina, a qualunque costo, sfidando la prigione e la morte; ma è anche una storia di rinascita e riscatto, di scelte coraggiose per liberarsi della dipendenza e di un nuovo inizio. Un diario a più mani, sullo sfondo di una Bristol cupa e notturna, tra case occupate e ritrovi punk. Età di lettura: da 13 anni.

Categoria: Narrativa

Editore: Salani

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788862566537

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La “Storia d’amore e perdizione” che Melvin Burgess racconta è quella fra David (soprannominato Tar) e Gemma, due quattordicenni che reagiscono in malo modo ai rispettivi problemi.

Tar, ragazzo fragile e sensibile, è vittima di una situazione familiare devastata dall’etilismo: un padre manesco, una madre alcolizzata. Dopo l’ennesima violenza subita per difendere la mamma, Tar decide di allontanarsi dai genitori e ripara a Bristol, presso gli anarchici Richard e Vonny, che vivono occupando case abbandonate e organizzano spedizioni vandaliche contro le banche.

La fidanzatina Gemma, volitiva e capricciosa (lo ama, non lo ama?), lo raggiunge poco dopo, per punire i genitori che cercano di imporle delle regole più che per allontanarsi da problemi reali (“Lei aveva tutto il tempo del mondo. Non aveva problemi, non di quelli veri”).

Nel corso di una festa, Gemma subisce il fascino trasgressivo della coetanea Lily (“Lily è buffa: a volte non sopporta un abracadabra, e altre si comporta come se fosse la Regina delle Streghe”), che decide di seguire e di emulare (“Una volta deciso di punkeggiare, Gemma ci si è tuffata dentro fino agli occhi”). La curiosità (“Prova qualunque cosa, almeno una volta”) la induce ad assaggiare l’eroina, che Lily già assume insieme al compagno Rob. Anche Tar si lascia coinvolgere nel vortice della droga. La storia degli adolescenti si incanala poi nel solco inevitabile, in un crescendo facilmente immaginabile: escalation nell’assunzione di stupefacenti dallo sniffo (“Quel fumo è il tuo drago cinese; e quando lo respiri ti si srotola nelle vene, ti senti meglio di chiunque altro”) all’endovena, furti, assuefazione, prostituzione, schiavitù, lo spettro della morte per overdose…

Dopo alcuni vani tentativi di uscire dall’abbruttimento della droga (“È uno dei problemi dell’esserci dentro tutti. C’è sempre qualcuno di noi che ha voglia di uno sniffo”), il destino di Tar e Gemma passa attraverso le crisi di astinenza, le retate della polizia, i ricoveri in ospedale. Fino a un finale in parte prevedibile (“Non posso farcela da solo. Se hai una personalità incline all’assuefazione, devi trovare un aiuto esterno”), in parte inaspettato.

Il racconto è policentrico per narrazione, polifonico nella colonna sonora scandita dai versi di rocker alternativi (Lurky, Sex Pistols…), e ricorre a espressioni rituali (“… quel fine-settimana eravamo filati su a razzo ed è importante planare lentamente”). Dopo decenni afflitti dalla piaga sociale della droga, la trama non è nuova, ma consente di riflettere ancora sulle possibili cause, sulle dinamiche e sulle sorti di chi, per debolezza o per disperazione, si lascia irretire dal desiderio di risolvere i problemi con espedienti artificiali e mortiferi.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Melvin

Burgess

Libri dallo stesso autore

Intervista a Burgess Melvin


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

E’ notte e il silenzio avvolge la baia di Salem. Zee Finch è ferma sul molo e fissa il mare. Il tempo sembra essersi fermato. Le stelle brillano nel cielo senza una e si riflettono sulle acque dell’oceano disegnando un sentiero luminoso. Una volta Zee conosceva bene quel sentiero. Aveva tredici anni e passava le notti in mare aperto a guidare barche rubate, ma trovava sempre la strada grazie alle stelle. Eppure, un giorno, aveva perso quella rotta, e aveva giurato a se stessa di non percorrerla più. Perché quel giorno sua madre sia era suicidata, all’improvviso. Zee era fuggita da tutto e da tutti, dedicandosi agli studi in psicologia. Sono passati quindici anni da allora. Ma adesso è venuto il momento di ripercorrere quella rotta perduta. Il suicidio di Lily Braedon, una delle pazienti più difficili di Zee, che ora fa la psicoterapeuta, la costringe a fare ritorno. Le analogie fra il caso della donna e quello della madre sono troppe. Zee è sconvolta, ma non ha altra scelta: l’unico modo per fare luce sulla morte di Lily è capire la verità sul suo passato irrisolto. Un passato pieno di menzogne e segreti che molti, nella chiusa comunità di Salem, hanno cercato di rimuovere. Zee non può fidarsi di nessuno. Forse nemmeno di suo padre, ormai un uomo vecchio e malato. Non le resta che fare affidamento su se stessa, imparare a non dare nulla per scontato, rimettere tutto in discussione, anche quando la fuga sembra l’unica via d’uscita. Ma deve fare in fretta. Perché una nuova spirale di violenza rischia di rendere ogni sforzo vano. La verità corre su un’unica strada, che Zee ha dimenticato per troppo tempo, ma che se troverà il coraggiosi ripercorrere, la porterà a casa. Qui potrà finalmente realizzarsi il destino che l’aspetta.

LA RAGAZZA CHE RUBAVA LE STELLE

Barry Brunonia

Come si spiega che nei Paesi occidentali (Italia compresa) l’evoluzionismo sia diventato terreno di scontro politico tra destra e sinistra? Che c’entra Darwin con la politica? In realtà, dicono gli autori, questo è stato il suo destino da sempre, fin da prima della pubblicazione di L’origine delle specie. Da allora la polemica non si è mai estinta. Dai comunisti ai liberali, dalle chiese ai tribunali, dal creazionismo americano a quello di matrice islamica, Compagno Darwin ricostruisce l’accoglienza del darwinismo in politica, mostrando che il naturalista con la barba è buono o cattivo a seconda di chi osserva e di cosa viene osservato attraverso le lenti della sua teoria. Da destra e da sinistra, l’evoluzionismo darwiniano è stato sposato per giustificare – non senza forzature – questa o quella posizione, salvo poi essere attaccato quando risultava scomodo. Lesa maestà nei confronti della scienza? Gli autori credono di no: in parte anche i ricercatori hanno un atteggiamento oscillante; e occuparsi del posto dell’uomo nel mondo, proprio come ha fatto Darwin, è l’essenza stessa della politica. Se si lamenta la distanza tra scienza e cittadini, lo spettacolo di una teoria scientifica che entra prepotentemente nel dibattito pubblico andrebbe guardato con interesse e casomai con sollievo, non temuto.

Compagno Darwin

Nosengo Nicola

Il Minotauro trent’anni dopo. Un giovane ufficiale dei servizi segreti israeliani specializzato nella prevenzione degli attentati, in seguito alla morte di un prigioniero, ha un incarico differente dal solito. Deve avvicinare, fingendo di essere un aspirante romanziere, l’affascinante e misteriosa scrittrice Daphna. La donna è israeliana ma per qualche motivo i servizi segreti vogliono usarla per avvicinare il suo amico Hani, conosciutissimo poeta palestinese. L’innominato protagonista è in crisi, non sa più cosa è giusto e cosa è sbagliato nel suo lavoro, ma anche nella sua famiglia e nei rapporto con la moglie e con “il bambino”. Anche la famiglia di Daphna è in crisi a causa dei problemi del figlio tossicodipendente inseguito da un trafficante di Tel Aviv. L’unica famiglia a sembrare unita è quella di Hani, una famiglia palestinese tradizionale con legami molto stretti tra Hani e i figli, uno dei quali è il vero obiettivo dei servizi segreti. Man mano che il protagonista penetra nelle vite di Daphna e Hani i muri delle sue certezze crollano: i due fanno riemergere in lui sentimenti soffocati da anni di attentati, interrogatori muscolari e torture. Tuttavia porta avanti la sua missione obbligato dal senso del dovere e dai suoi solidi riflessi da soldato. Ma per quanto tempo ancora durerà? Un libro stupendo sulle contraddizioni dell’Israele di oggi, dei rapporti tra i vari settori della società, sul vivere sempre sotto pressione in un paese in guerra e su come ciò influenzi l’etica pubblica e personale.

IL POETA DI GAZA

Sarid Yishai

IL DELFINO

Morelli Elettra