Narrativa

Storia del nuovo cognome

Ferrante Elena

Descrizione: Storia del nuovo cognome è il seguito dell’amica geniale, pubblicato nel 2011. L’amica geniale racconta l’infanzia e l’adolescenza di due ragazze napoletane, Lila e Lenù, seguite nelle intense peripezie della loro amicizia, in un quartiere povero e feroce negli anni del passaggio a un benessere conquistato con ogni mezzo. Al cuore del romanzo c’è il rapporto tra le due amiche, un rapporto di affetto, di gelosia, di competizione, di emulazione, di rifiuto e di attrazione vertiginosa. Ritroviamo le due protagoniste e la loro straordinaria amicizia nelle nuove prove che la vita mette loro davanti. Lila si sposa a soli diciassette anni con un giovane del quartiere arricchitosi con commerci e traffici non sempre limpidi, e diventa la signora Carracci in una nuova esistenza dove agio e violenza, frustrazione e potere si mischiano. Lenù continua invece a studiare, suscitando l’ammirazione e l’invidia dell’amica. È una gara a chi delle due riuscirà a uscire dal quartiere che le imprigiona, a liberarsi da un ambiente che entrambe odiano. Ameranno anche lo stesso uomo.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal mondo

Anno: 2012

ISBN: 9788866321811

Recensito da Arianna

Le Vostre recensioni

Storia del nuovo cognome è la seconda parte della storia di Elena e Lila, il secondo capitolo di un romanzo che, seppur diviso in quattro parti, è un’unica, grande, narrazione.

Elena Ferrante getta in un istante, di nuovo, il lettore fra i tavoli e il rumore del matrimonio di Lila, ormai signora Carracci; la storia riparte dove si era interrotta e riprende anche lo sconcerto di Elena Greco – voce narrante e amica eterna di Raffaella Cerullo – per lo smacco fatto alla sposa: un gesto piccolo, come regalare un paio di scarpe, diventa sinonimo feroce dell’umiliazione cui le donne narrate dall’autrice sono costantemente costrette, della violenza addomesticata dalla normalità delle mazzate, delle logiche di potere e camorra che infettano ogni parola del libro, anche la più distante dal rione in cui si muovono Lenù e Lila, in cui crescono e si perdono senza mai separarsi davvero.

In questo libro le due ragazze si trasformano come succede solo da adolescenti, cambiando tutto in preda alla scoperta dell’esistenza, dei sentimenti e di se stessi.

Lila cancella ogni rigurgito di indipendenza rinchiudendosi fra le mura linde della sua nuova casa e quelle luride di una salumeria, Elena studia ossessivamente, prende il diploma sempre più impegnata a togliersi di dosso la maledizione della miseria e dell’ignoranza, scappa dai confini disgraziati del rione, nasconde il dialetto come si fa con un oggetto sporco, tesse relazioni con chiunque sia capace di aprirle la mente o, almeno, di svuotargliela dalle vite dei personaggi che riempiono questo libro, tragiche e infelici in mille modi diversi.

Eppure, nessuna delle due riesce del tutto nel suo intento.

Le fatiche di Lenù – che la Ferrante fa sentire a chi legge come se le frasi fossero un intreccio di ferro e piombo – però, non bastano mai: Lila la rimpicciolisce sempre, talvolta intenzionalmente, talvolta spiazzandola con la sua dolcezza; l’amica geniale (sempre che quest’espressione sia riferita a Lila) la tira a terra nella polvere, vanificando ogni suo sforzo e rimettendo in prospettiva ogni successo. Ma, allo stesso tempo, i passi avanti dell’amica sembrano essere l’unica vera felicità di Lila, la sua unica possibilità di riscatto attraverso la vita di un altro.

Elena Ferrante riesce in un’impresa che pare difficilissima: man mano che impariamo a conoscere le due protagoniste trasforma la cattiveria di un personaggio letterario incredibile – Lila – in energia e in disperazione, addirittura in bontà. Lila non smette mai di aiutare Elena, ma non smette mai neanche di ferirla: incantevole la parentesi della vacanza a Citara; fra le righe, fra una passeggiata sulla spiaggia e i profumi della Campania, la Ferrante racconta il dolore di Elena per essere arrivata ancora una volta seconda, per aver perso, o almeno così sembra, l’amore di Nino Sarratore.

Non c’è distanza dalla storia, la si vive insieme ai suoi personaggi; si finisce dentro a vicende come la surreale distruzione del cartellone pubblicitario nel negozio di scarpe, come lo smarginamento che ogni tanto sconvolge Lila, non lo si comprende ma lo si intuisce e questo basta per sapere che siamo di fronte a un libro che ha una forza spaventosa.

Con “Storia del nuovo cognome” Elena Ferrante riesce a spalancare gli occhi a chi legge, permettendogli di vedere le centinaia di sfumature di un sentimento che, in questo libro, è complesso come lo scheletro di una cattedrale: l’amicizia fra due donne.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elena

Ferrante

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ferrante Elena

L'aria tersa tremola per la calura di giugno. Judith, in piedi all'ombra di un albero ai bordi della spiaggia di Narbonne, si guarda intorno. Niente è come dovrebbe essere. È tutto falso. È tutta una menzogna. Sul sentiero non c'è anima viva. È su questa strada che Judith, uno zaino in spalla e tanta confusione in testa, sta per ricominciare la sua vita. Ha appena perso il marito Arne, e non ha che una certezza: per chiudere con il passato deve ripercorrere i passi di lui, seguendo gli appunti del diario che Arne aveva scritto durante il suo ultimo viaggio verso Santiago de Compostela. Con lei ci sono le amiche più care, quelle del martedì: la selvaggia Kiki, la fredda Caroline, l'eccentrica Estelle e la perfetta Eva. Per loro quello è un viaggio ribelle e scanzonato, come ai vecchi tempi quando dormivano sotto lo scintillio notturno delle costellazioni. Ma per Judith quel viaggio assume immediatamente una dimensione diversa. Sconvolgente. Bastano pochi chilometri per capire che nel diario di Arne c'è qualcosa di strano: le indicazioni sono sbagliate, nulla di quello che lui descrive corrisponde a ciò che lei vede. È tutto inventato o copiato da internet. Judith non riesce ad accettare che l'uomo che le è stato accanto non era quello che credeva. Eppure deve imparare a leggere dietro quelle parole per capire cosa nascondesse Arne. E deve imparare a leggere anche dietro le parole delle sue amiche. Judith non si può più fidare di niente e di nessuno. A guidarla adesso c'è solo una stella, solo una costellazione, quella del suo cuore. Solo così potrà finalmente imparare a credere in sé stessa.

LA QUINTA COSTELLAZIONE DEL CUORE

Peetz Monika

Dettagli del prodotto Chi ha rapito l'ex cane poliziotto Ginko? È quasi Natale a Torino e Manuel, un ragazzo che frequenta le medie, con i compagni di scuola del Komitaten deve calarsi nei panni di un navigato detective alla ricerca del quattro zampe in pensione che vive con la nonna appena rimasta vedova. L'obiettivo è riportare Ginko a casa entro il venticinque dicembre. Tra vetrine natalizie e canti di Natale, i ragazzi indagano utilizzando ogni metodo per arrivare a scoprire un disegno malvagio perpetrato ai danni di esseri più deboli. False piste, colpi di scena che mettono Manuel e la sua amica Bea in serio pericolo, la nascita di nuove e profonde amicizie contribuiscono a costruire una storia avvincente dalle tinte fosche condita dalla sana ironia dei teenagers.

È Natale per tutti

Schembri Volpe Daniela

Giacomo Leopardi: Pensieri e parole

Il boulevard... delle ossa" è una nuova puntata della serie "I Nuovi Misteri di Parigi", con Nestor Burma nei panni dell'investigatore fuori dagli schemi. Questa volta il detective privato della Fiat Lux, accompagnato dalla fidata segretaria Hélène che avrà un ruolo di primissimo piano, ci porta alla scoperta del centralissimo XI arrondissement, dove si troverà coinvolto in una vicenda del tanto inedita quanto mai complicata e movimentata che ha come protagonisti un mercante di diamanti ebreo, la malavita cinese, un giro di prostitute russe d'alto bordo che porta fino a Shangai, ma anche scheletri femminili con una gamba sola e cadaveri che non si rivelano tali fino in fondo.

Il boulevard delle ossa

Malet Leo