Narrativa

Storia del nuovo cognome

Ferrante Elena

Descrizione: Storia del nuovo cognome è il seguito dell’amica geniale, pubblicato nel 2011. L’amica geniale racconta l’infanzia e l’adolescenza di due ragazze napoletane, Lila e Lenù, seguite nelle intense peripezie della loro amicizia, in un quartiere povero e feroce negli anni del passaggio a un benessere conquistato con ogni mezzo. Al cuore del romanzo c’è il rapporto tra le due amiche, un rapporto di affetto, di gelosia, di competizione, di emulazione, di rifiuto e di attrazione vertiginosa. Ritroviamo le due protagoniste e la loro straordinaria amicizia nelle nuove prove che la vita mette loro davanti. Lila si sposa a soli diciassette anni con un giovane del quartiere arricchitosi con commerci e traffici non sempre limpidi, e diventa la signora Carracci in una nuova esistenza dove agio e violenza, frustrazione e potere si mischiano. Lenù continua invece a studiare, suscitando l’ammirazione e l’invidia dell’amica. È una gara a chi delle due riuscirà a uscire dal quartiere che le imprigiona, a liberarsi da un ambiente che entrambe odiano. Ameranno anche lo stesso uomo.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal mondo

Anno: 2012

ISBN: 9788866321811

Recensito da Arianna

Le Vostre recensioni

Storia del nuovo cognome è la seconda parte della storia di Elena e Lila, il secondo capitolo di un romanzo che, seppur diviso in quattro parti, è un’unica, grande, narrazione.

Elena Ferrante getta in un istante, di nuovo, il lettore fra i tavoli e il rumore del matrimonio di Lila, ormai signora Carracci; la storia riparte dove si era interrotta e riprende anche lo sconcerto di Elena Greco – voce narrante e amica eterna di Raffaella Cerullo – per lo smacco fatto alla sposa: un gesto piccolo, come regalare un paio di scarpe, diventa sinonimo feroce dell’umiliazione cui le donne narrate dall’autrice sono costantemente costrette, della violenza addomesticata dalla normalità delle mazzate, delle logiche di potere e camorra che infettano ogni parola del libro, anche la più distante dal rione in cui si muovono Lenù e Lila, in cui crescono e si perdono senza mai separarsi davvero.

In questo libro le due ragazze si trasformano come succede solo da adolescenti, cambiando tutto in preda alla scoperta dell’esistenza, dei sentimenti e di se stessi.

Lila cancella ogni rigurgito di indipendenza rinchiudendosi fra le mura linde della sua nuova casa e quelle luride di una salumeria, Elena studia ossessivamente, prende il diploma sempre più impegnata a togliersi di dosso la maledizione della miseria e dell’ignoranza, scappa dai confini disgraziati del rione, nasconde il dialetto come si fa con un oggetto sporco, tesse relazioni con chiunque sia capace di aprirle la mente o, almeno, di svuotargliela dalle vite dei personaggi che riempiono questo libro, tragiche e infelici in mille modi diversi.

Eppure, nessuna delle due riesce del tutto nel suo intento.

Le fatiche di Lenù – che la Ferrante fa sentire a chi legge come se le frasi fossero un intreccio di ferro e piombo – però, non bastano mai: Lila la rimpicciolisce sempre, talvolta intenzionalmente, talvolta spiazzandola con la sua dolcezza; l’amica geniale (sempre che quest’espressione sia riferita a Lila) la tira a terra nella polvere, vanificando ogni suo sforzo e rimettendo in prospettiva ogni successo. Ma, allo stesso tempo, i passi avanti dell’amica sembrano essere l’unica vera felicità di Lila, la sua unica possibilità di riscatto attraverso la vita di un altro.

Elena Ferrante riesce in un’impresa che pare difficilissima: man mano che impariamo a conoscere le due protagoniste trasforma la cattiveria di un personaggio letterario incredibile – Lila – in energia e in disperazione, addirittura in bontà. Lila non smette mai di aiutare Elena, ma non smette mai neanche di ferirla: incantevole la parentesi della vacanza a Citara; fra le righe, fra una passeggiata sulla spiaggia e i profumi della Campania, la Ferrante racconta il dolore di Elena per essere arrivata ancora una volta seconda, per aver perso, o almeno così sembra, l’amore di Nino Sarratore.

Non c’è distanza dalla storia, la si vive insieme ai suoi personaggi; si finisce dentro a vicende come la surreale distruzione del cartellone pubblicitario nel negozio di scarpe, come lo smarginamento che ogni tanto sconvolge Lila, non lo si comprende ma lo si intuisce e questo basta per sapere che siamo di fronte a un libro che ha una forza spaventosa.

Con “Storia del nuovo cognome” Elena Ferrante riesce a spalancare gli occhi a chi legge, permettendogli di vedere le centinaia di sfumature di un sentimento che, in questo libro, è complesso come lo scheletro di una cattedrale: l’amicizia fra due donne.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elena

Ferrante

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ferrante Elena


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una saga familiare del nostro secolo in cui si rispecchiano la storia e il destino di tutto un popolo, quello cileno, nei racconti delle donne di una importante e stravagante famiglia. Un grande affresco che per fascino ed emozione può ricordare al lettore, nell'ambito della narrativa sudamericana, soltanto "Cent'anni di solitudine" di García Márquez.

LA CASA DEGLI SPIRITI

Allende Isabel

La Rosa del deserto

Annalisa Giordano

Spagna, località di Las Marinas. La luce si è ritirata verso qualche luogo nel cielo. Il buio della notte avvolge le viuzze del paese e il mare è nero come la pece. Julia ha perso la strada di casa: è circondata dal silenzio e sente solo la voce del vento che soffia dal mare, e profuma di sale e di fiori. Non ricorda cosa sia successo: era uscita a prendere il latte per suo figlio, ma sulla strada del ritorno all'improvviso si è ritrovata in macchina senza soldi, documenti e cellulare. In pochi minuti quella che doveva essere una vacanza da sogno si è trasformata in un incubo. Per le strade non c'è nessuno, le case sulla spiaggia sembrano tutte uguali e Julia non riesce a ritrovare l'appartamento nel quale l'attendono il marito Felix e il figlio di pochi mesi. Prova a contattarli da un telefono pubblico, ma la linea è sempre occupata. Tutto, intorno a lei, è così familiare eppure così stranamente irreale. Tra le vie oscure e labirintiche c'è solo una luce, quella di un locale notturno. A Julia non resta altra scelta che raggiungerlo, nella speranza di trovare qualcuno che l'aiuti. Qui, quasi ad aspettarla, c'è un uomo, un tipo affascinante, con la barba incolta e l'accento dell'Est Europa, che sembra sapere tante, troppe cose su di lei. Si chiama Marcus: Julia ha la sensazione di averlo già incontrato da qualche parte. Fidarsi di lui è facile. Eppure Marcus non è quello che sembra e nasconde qualcosa.

LA VOCE INVISIBILE DEL VENTO

Sanchez Clara

Questa è una storia che comincia una sera a cena, quando Libero Marsell, dodicenne, intuisce come si può imparare ad amare. La famiglia si è da poco trasferita a Parigi. La madre ha iniziato a tradire il padre. Questa è la storia, raccontata in prima persona, di quel dodicenne che da allora si affaccia nel mondo guidato dalla luce cristallina del suo nome. Si muove come una sonda dentro la separazione dei genitori, dentro il grande teatro dell’immaginazione onanistica, dentro il misterioso mondo degli adulti. Misura il fascino della madre, gli orizzonti sognatori del padre, il labirinto magico della città. Avverte prima con le antenne dell’infanzia, poi con le urgenze della maturità, il generoso e confidente mondo delle donne. Le Grand Liberò – così lo chiama Marie, bibliotecaria del IV arrondissement, dispensatrice di saggezza, innamorata dei libri e della sua solitudine – è pronto a conoscere la perdita di sé nel sesso e nell’amore. Lunette lo porta sin dove arrivano, insieme alla dedizione, la gelosia e lo strazio. Quando quella passione si strappa, per Libero è tempo di cambiare. Da Parigi a Milano, dallo Straniero di Camus al Deserto dei Tartari di Buzzati, dai Deux Magots, caffè esistenzialista, all’osteria di Giorgio sui Navigli, da Lunette alle “trentun tacche” delle nuove avventure che lo conducono, come un destino di libertà, al sentimento per Anna. Libero Marsell, le Grand Liberò, LiberoSpirito, è un personaggio “totale” che cresce con noi, pagina dopo pagina, leggero come la giovinezza nei film di Truffaut, sensibile come sono sensibili i poeti, guidato dai suoi maestri di vita a scoprire l’oscenità che lo libera dalla dipendenza di ogni frase fatta, di ogni atto dovuto, in nome dello stupore di esistere.

Atti osceni in luogo privato

Missiroli Marco