Narrativa

Storia del pinguino che tornò a nuotare

Michell Tom

Descrizione: Per Tom è l'ultimo giorno di vacanza in Uruguay prima di tornare a Buenos Aires, dove insegna inglese, quando sulla spiaggia si imbatte in un pinguino coperto di petrolio. Riesce a salvarlo, ma nel momento in cui tenta di ricondurlo al mare, il pinguino inizia a seguirlo. Tom non se la sente di abbandonarlo e lo porta a Buenos Aires con sé. Così ha inizio la grande amicizia fra Tom e Juan Salvador il pinguino, fatta di corse su una motocicletta per vedere il mare, di cene a base di pesce crudo e partite della squadra di rugby, nella scuola in cui il professore insegna e di cui l'animale diventa la mascotte. Perché Juan Salvador è un pinguino speciale e cambia la vita di tutti quelli che lo conoscono. Soprattutto quella di un ragazzo che ha troppa paura dell'acqua: insieme a lui, forse, anche il pinguino troverà il coraggio di tornare a nuotare...

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori moderni

Anno: 2016

ISBN: 9788811670841

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Storia del pinguino che tornò a nuotare

Punta del Este, Uruguay.
Lì comincia la Storia del pinguino che tornò a nuotare  di Tom Michell.
Proprio mentre sta per finire la vacanza dell’autore, che insegna inglese presso un college di Buenos Aires, una vera e propria avventura di amicizia incomincia inaspettatamente.
Sulla spiaggia di Punta del Este si spalanca uno spettacolo di morte, uno sterminio di pinguini causato dal petrolio. C’è appena il tempo di qualche riflessione sull’insensatezza delle azioni umane (“Non potei fare a meno di chiedermi quale futuro attendesse una civiltà capace di tollerare… una profanazione simile”) per accorgersi che, nella chiazza nera della morte, la vita manda un suo segnale disperato (“Un valoroso pennuto era vivo; una singola anima lottava nel bel mezzo di tanta morte”).
Senza esitare, Tom s’impegna a salvare l’unico superstite di quella moria e a lui appioppa il nome di Juan Salvado (“Il gabbiano Jonathan Livingstone.. lo stavo leggendo nell’edizione spagnola, intitolata Juan Salvador Gaviota”).
Dopo un inizio difficile (“Difficilmente gli appartamenti in cui si trascorrono le vacanze sono equipaggiati con il necessario per rimuovere il catrame dai pinguini…”), tra uomo e pinguino scocca la scintilla dell’amore e della comprensione reciproca (“L’animale, da terrorizzato, ostile e risentito… divenne docile e collaborativo”), in nome della quale Tom affronta il rischio del viaggio di ritorno a Buenos Aires, attraverso la dogana (“E’ sicuro che sia un pinguino argentino?”) che separa l’Uruguay dall’Argentina degli anni 70, ove il regime peronista è stato soppiantato da quello militare del generale Jorge Videla, per poi essere ripristinato da Isabel Péron.

Al college Juan Salvado diventa una celebrità e la sua comunicativa lo promuove al ruolo di confidente di studenti e personale docente e non. Intanto Tom pensa al futuro del suo simpaticissimo amico (“Quelli dello zoo davano l’idea di essere gravemente depressi”)…

L’epilogo non è scontato e celebra l’istinto; il titolo stesso nasconde una sorpresa.

Perché un’opera del genere sta mietendo un successo così vivace?
Che sia il desiderio di storie semplici a suscitare l’interesse collettivo?
Forse il lettore si ritrova in un eroismo che è alla portata di tutti, ma che pochi praticano?
Qualunque sia la causa, una cosa è certa: questa storia affascina, conduce in un viaggio incantevole tra le Ande, i gauchos e le meraviglie ecologiche della penisola di Valdés e ha il sapore della fiaba, senza avere gli aspetti truci che certe favole hanno…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tom

Michell

Libri dallo stesso autore

Intervista a Michell Tom


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il ballo ha la perfezione esemplare di un piccolo classico, poiché riesce a mescolare, pur nella sua brevità, i temi più ardui: la rivalità madre-figlia, l’ipocrisia sociale, le goffe vertigini della ricchezza improvvisata, le vendette smisurate dell’adolescenza – che passano, in questo caso eccezionale, dall’immaginazione alla realtà. Perché è proprio una vendetta, quella della quattordicenne Antoinette nei confronti della madre: non premeditata, e per questo ancora più terribile. In poche pagine folgoranti, con la sua scrittura scarna ed essenziale, Irène Némirovsky condensa, senza nulla celare della sua bruciante crudeltà, un dramma di amore respinto, di risentimento e di ambizione. Nel 1929, quando Némirovsky pubblica David Golder, il suo primo romanzo (a cui l’anno dopo seguirà Il ballo), la critica manifesta tutta la sua sbalordita ammirazione di fronte a questa giovane donna elegante e mondana, appartenente a una ricca famiglia di émigré russi di origine ebrea, che si rivela una brillante scrittrice. Per tutti gli anni Trenta Irène Némirovsky continuerà a pubblicare con immutato successo. Nel dopoguerra, tuttavia, sulla sua opera cala il silenzio. Solo a partire dall’autunno del 2004 la critica, ma soprattutto i lettori, hanno cominciato a restituire a Irène Némirovsky il posto che le spetta fra i più grandi, e i più amati, narratori del Novecento.

Il ballo

Némirovsky Irène

Le storie di Natale scritte da Silvana Sanna

Orano è colpita da un'epidemia inesorabile e tremenda. Isolata con un cordone sanitario dal resto del mondo, affamata, incapace di fermare la pestilenza, la città diventa il palcoscenico e il vetrino da esperimento per le passioni di un'umanità al limite tra disgregazione e solidarietà. La fede religiosa, l'edonismo di chi non crede alle astrazioni, ma neppure è capace di "essere felice da solo", il semplice sentimento del proprio dovere sono i protagonisti della vicenda; l'indifferenza, il panico, lo spirito burocratico e l'egoismo gretto gli alleati del morbo. Scritto da Camus secondo una dimensione corale e con una scrittura che sfiora e supera la confessione, "La peste" è un romanzo attuale e vivo, una metafora in cui il presente continua a riconoscersi. Cronologia di Annalisa Ponti

La peste

Camus Albert

Francesco è un quarantenne che si è appena lasciato, a un passo dalle nozze. Una mattina di primavera, mentre passeggiando a San Gimignano cerca di riafferrare il senso della sua vita, incontra un signore francese con il quale entra subito in sintonia e che gli propone di lavorare per lui, presso la sua azienda vinicola in Borgogna. Quella per la Francia è una passione che Francesco ha sempre coltivato. Si trova quindi di fronte alla possibilità di realizzare veramente il sogno di una vita. Così lascia il suo lavoro e si trasferisce pieno di entusiasmo. Le sue aspettative sono subito appagate: il posto è splendido, la collega Ludivine affascinante, il lavoro interessante. Fino a quando, oltre i colori pastello di quel paesaggio così tipicamente francese, non cominceranno a emergere i segni di un passato inquietante che riguarda sia il suo datore di lavoro, sia la bella Ludivine, della quale si sta ormai innamorando. Una prova decisiva per Francesco che, in un crescendo di colpi di scena, riuscirà a portare luce nel passato della donna e nel suo presente.

Primavera in Borgogna

Terenzoni Luca