Narrativa

Storia del pinguino che tornò a nuotare

Michell Tom

Descrizione: Per Tom è l'ultimo giorno di vacanza in Uruguay prima di tornare a Buenos Aires, dove insegna inglese, quando sulla spiaggia si imbatte in un pinguino coperto di petrolio. Riesce a salvarlo, ma nel momento in cui tenta di ricondurlo al mare, il pinguino inizia a seguirlo. Tom non se la sente di abbandonarlo e lo porta a Buenos Aires con sé. Così ha inizio la grande amicizia fra Tom e Juan Salvador il pinguino, fatta di corse su una motocicletta per vedere il mare, di cene a base di pesce crudo e partite della squadra di rugby, nella scuola in cui il professore insegna e di cui l'animale diventa la mascotte. Perché Juan Salvador è un pinguino speciale e cambia la vita di tutti quelli che lo conoscono. Soprattutto quella di un ragazzo che ha troppa paura dell'acqua: insieme a lui, forse, anche il pinguino troverà il coraggio di tornare a nuotare...

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori moderni

Anno: 2016

ISBN: 9788811670841

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Storia del pinguino che tornò a nuotare

Punta del Este, Uruguay.
Lì comincia la Storia del pinguino che tornò a nuotare  di Tom Michell.
Proprio mentre sta per finire la vacanza dell’autore, che insegna inglese presso un college di Buenos Aires, una vera e propria avventura di amicizia incomincia inaspettatamente.
Sulla spiaggia di Punta del Este si spalanca uno spettacolo di morte, uno sterminio di pinguini causato dal petrolio. C’è appena il tempo di qualche riflessione sull’insensatezza delle azioni umane (“Non potei fare a meno di chiedermi quale futuro attendesse una civiltà capace di tollerare… una profanazione simile”) per accorgersi che, nella chiazza nera della morte, la vita manda un suo segnale disperato (“Un valoroso pennuto era vivo; una singola anima lottava nel bel mezzo di tanta morte”).
Senza esitare, Tom s’impegna a salvare l’unico superstite di quella moria e a lui appioppa il nome di Juan Salvado (“Il gabbiano Jonathan Livingstone.. lo stavo leggendo nell’edizione spagnola, intitolata Juan Salvador Gaviota”).
Dopo un inizio difficile (“Difficilmente gli appartamenti in cui si trascorrono le vacanze sono equipaggiati con il necessario per rimuovere il catrame dai pinguini…”), tra uomo e pinguino scocca la scintilla dell’amore e della comprensione reciproca (“L’animale, da terrorizzato, ostile e risentito… divenne docile e collaborativo”), in nome della quale Tom affronta il rischio del viaggio di ritorno a Buenos Aires, attraverso la dogana (“E’ sicuro che sia un pinguino argentino?”) che separa l’Uruguay dall’Argentina degli anni 70, ove il regime peronista è stato soppiantato da quello militare del generale Jorge Videla, per poi essere ripristinato da Isabel Péron.

Al college Juan Salvado diventa una celebrità e la sua comunicativa lo promuove al ruolo di confidente di studenti e personale docente e non. Intanto Tom pensa al futuro del suo simpaticissimo amico (“Quelli dello zoo davano l’idea di essere gravemente depressi”)…

L’epilogo non è scontato e celebra l’istinto; il titolo stesso nasconde una sorpresa.

Perché un’opera del genere sta mietendo un successo così vivace?
Che sia il desiderio di storie semplici a suscitare l’interesse collettivo?
Forse il lettore si ritrova in un eroismo che è alla portata di tutti, ma che pochi praticano?
Qualunque sia la causa, una cosa è certa: questa storia affascina, conduce in un viaggio incantevole tra le Ande, i gauchos e le meraviglie ecologiche della penisola di Valdés e ha il sapore della fiaba, senza avere gli aspetti truci che certe favole hanno…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tom

Michell

Libri dallo stesso autore

Intervista a Michell Tom

Tre giovani seminaristi sono testimoni involontari della morte misteriosa dello scultore Gianni Malatesta mentre, di prima mattina, attraversano il sagrato della Basilica di San Michele Maggiore, a Pavia, avvolto nella nebbia. Ingaggiati dalla moglie del Malatesta per far luce sulla vicenda - e sul passato del marito - Sambuco e Dell'Oro dovranno riannodare i fili di una storia popolata da "fantasmi" del passato e del presente, che si radica molti anni addietro - durante la Resistenza, negli anni '70 e ai giorni nostri - tra l'Oltrepò, la Riviera Ligure e Pavia. Relazioni sospette tra loschi personaggi, atmosfere familiari solo in apparenza tranquille e colpi di scena caratterizzano la nuova indagine di Sambuco e Dell'Oro all'ombra della maestosa Basilica di San Michele.

Il fantasma di San Michele

Reali Alessandro

Non ci pensa due volte la terribile, dispotica signora Pontreau a spingere giù dalla finestrella del granaio il genero immobilizzato da una crisi di epilessia. La morte di quel buono a nulla, di quella «marionetta» dalle gambe molli, le permetterà di annettersi la sua proprietà e soprattutto di riprendere il controllo sulle tre figlie. Ma c’è un’altra donna, altrettanto terribile, una vecchia domestica rancorosa, che ha dei sospetti e che potrebbe parlare, o ricattarla. Il prezzo da pagare perché tutto venga soffocato, perché una greve cappa di silenzio scenda sulle vittime e i colpevoli, e perché ogni cosa – il paese come la grande casa dalle finestre sprangate – ripiombi in una calma sinistra, sarà altissimo.

Il grande male

Simenon Georges

Tanti anni prima Lorenza era una ragazza bella e insopportabile, dal fascino abbagliante. La donna che un pomeriggio di fine inverno Guido Guerrieri si trova di fronte nello studio non le assomiglia. Non ha nulla della lucentezza di allora, è diventata una donna opaca. Gli anni hanno infierito su di lei e, come se non bastasse, il figlio Iacopo è in carcere per omicidio volontario. Guido è tutt'altro che convinto, ma accetta lo stesso il caso; forse anche per rendere un malinconico omaggio ai fantasmi, ai privilegi perduti della giovinezza. Comincia così, quasi controvoglia, una sfida processuale ricca di colpi di scena, un appassionante viaggio nei meandri della giustizia, insidiosi e a volte letali. Una scrittura inesorabile e piena di compassione, in equilibrio fra il racconto giudiziario - distillato purissimo della vicenda umana - e le note dolenti del tempo che trascorre e si consuma.

La misura del tempo

Gianrico Carofiglio

La prima volta che Teresa li vede stanno facendo il bagno in piscina, nudi, di nascosto. Lei li spia dalla finestra. Le sembrano liberi e selvaggi. Sono tre intrusi, dice suo padre. O tre ragazzi e basta, proprio come lei. Bern. Tommaso. Nicola. E Teresa che li segue, li studia, li aspetta. Teresa che si innamora di Bern. In lui c'è un'inquietudine che lei non conosce, la nostalgia per un'idea assoluta in cui credere: la religione, la natura, un figlio. Sono uno strano gruppo di randagi, fratelli non di sangue, ciascuno con un padre manchevole, carichi di nostalgia per quello che non hanno mai avuto. Il corpo li guida e li stravolge: la passione, la fatica, le strade tortuose e semplici del desiderio. Il corpo è il veicolo fragile e forte della loro violenta aspirazione al cielo. E la campagna pugliese è il teatro di questa storia che attraversa vent'anni, quattro vite, un amore. Coltivare quella terra rossa, curare gli ulivi, sgusciare montagne di mandorle, un anno dopo l'altro, fino a quando Teresa rimarrà la sola a farlo. Perché il giro delle stagioni è un potente ciclo esistenziale, e la masseria il centro esatto del mondo.

Divorare il cielo

Giordano Paolo