Saggi

Storia delle terre e dei luoghi leggendari

Eco Umberto

Descrizione: Dai poemi omerici alla fantascienza contemporanea, dai testi sacri ai fumetti, passando per tutti i capisaldi della nostra educazione alla lettura (dai "Ventimila leghe sotto i mari" ad "Alice nel paese delle meraviglie", dal "Milione" di Marco Polo a Tolkien), l'umanità ha continuamente inventato terre immaginarie e leggendarie, proiettando lì desideri, sogni, utopie, incubi troppo ingombranti e impegnativi per il nostro limitato mondo reale. Umberto Eco ci conduce in un vero e proprio viaggio illustrato in queste terre lontane e sconosciute, facendoci scoprire da chi sono abitate, quali passioni le attraversano, quali eroi le abitano e, soprattutto, quale importanza rivestono per noi. Un percorso erudito e godibile insieme che accosta testi antichi e medievali a testi contemporanei, film a poemi, fumetti a romanzi che hanno segnato la sensibilità e la formazione di tutti noi.

Categoria: Saggi

Editore: Bompiani

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788845273926

Recensito da Silvia Borghi

Le Vostre recensioni

Guardando la copertina e poi leggendo il titolo, Storia delle terre e dei luoghi leggendari, sembra di avere fra le mani un libro per ragazzi, un viaggio tra folletti e gnomi, cavalieri e maghi, fate e ipogrifi.

Volendo, si potrebbe affrontarlo anche con animo “etereo”, questo libro, ma sappiamo cheUmberto Eco è ben altro, ci mancherebbe. E infatti dentro troviamo cultura in tutte le salse.

Tecnicamente il volume è diviso in capitoli, in ognuno dei quali si affronta la storia di un luogo leggendario, attraverso lo studio dei racconti di storici, filosofi, pensatori, viaggiatori di ogni epoca: da Plinio il Vecchio e Aristotele, attraverso Marco Polo, Dante Alighieri, Edgar Allan Poe, Voltaire e fino a Collodi, Nietzsche, Borges, per fare solo pochissimi esempi degli autori utilizzati. Quindi ogni capitolo è composto di una prima parte di ricostruzione storica, frutto dei vari scritti, e una seconda parte di estratti dai documenti originali. Il tutto accompagnato da immagini di quadri, arazzi e opere d’arte varie riferite ai contenuti.

Perciò, a porvi un po’ di attenzione, nella lettura di questo testo, che è un po’ un viaggio, si viene colpiti dall’evoluzione del sapere dell’uomo. Subito si percepisce una certa stonatura nel costatare che fino a due secoli fa ancora c’era chi dubitava del fatto che la terra fosse tonda. E pensare che ne parlavano già Aristotele, Agostino e Cosma Indicopleuste! E poi si scopre che, negli ultimi duecento anni, si è finalmente smesso di credere a creature strane, quali gli sciapodi che avevano un piede solo molto grande, che abitavano terre assurde come il regno del Prete Gianni, eppure nel frattempo qualche pazzo ha approfondito la (non) esistenza di Iperborea per giustificare la razza ariana e il nazismo!

Insomma, provando a riflettere sugli spunti che Umberto Eco ci propone, ci si accorge che l’intelligenza dell’uomo forse fa parte di uno di questi luoghi leggendari, ahimè!

In ogni caso la lettura è facile e piacevole, dispensatrice di chicche storiche molto apprezzabili. Ovviamente l’uso della lingua è molto curato nella sua accessibile semplicità.

Belle le pagine patinate, che danno valore al libro, sia economico sia emotivo (immaginatevi una biblioteca casalinga, un divano o una comoda poltrona, il camino acceso, un buon whisky e fuori la pioggia). Peccato l’eccessivo peso che lo rende poco “trasportabile”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Umberto

Eco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Eco Umberto

Nel condominio alla periferia di una grande città senza nome vivono Serena e il Professore. Il Professore è un pensionato senza pensione che conta le stelle cadenti e sta mettendo a punto un progetto segreto. Serena ha diciotto anni, ama i cani e divide la sua esistenza tra Sogni e Sogni Possibili: è impaurita da tutto e da tutti, eppure allo stesso tempo è piena di coraggio. Grazie all’aiuto del Professore, è riuscita a superare l’esame di maturità come privatista e ora si prepara ad affrontare il test di Medicina, sempre guidata dalle parole, dai consigli, dai libri del Professore. L’unica pausa dallo studio, Serena la prende per portare a spasso i suoi cani e talvolta anche quelli di altri condomini. Ed è in quei momenti, passeggiando nel buio della sera, che incontra le persone più diverse, alcune ostili e minacciose, altre incredibilmente affascinanti, come il lunare Ottavio Celeste – smemorato e intenso. I Sogni Possibili di Serena, tuttavia, vengono stravolti il giorno in cui si sveglia e il Professore è stato ricoverato. L’uomo ha infatti deciso di testare il misterioso oggetto a cui stava lavorando sulla mano di un ufficiale giudiziario che si è presentato alla sua porta. Poiché l’oggetto in questione è una ghigliottina (!), la quiete del vecchio e della ragazza viene inevitabilmente turbata e i due finiscono nelle spire dell’inarrestabile forza di gravità che governa le nostre vite. Con uno stile misurato e allusivo, Piersanti costruisce un romanzo gotico ricco di personaggi e situazioni surreali e poetiche, che come mai ci restituiscono le domande fondamentali sul senso del nostro stare al mondo.

La forza di gravità

Piersanti Claudio

"Il libro più intelligente - ma anche il più divertente - di questi ultimi anni." Lars Gustafsson, Der Spiegel "Il libro è così ricco che permette tutti i livelli di lettura... Eco, ancora bravo!" Robert Maggiori, Liberation "Brio e ironia. Eco è andato a scuola dai migliori modelli." Richard Ellmann, The New York Review of Books "Precisamente il genere di libro che, se fossi un milionario, comanderei su misura." Punch "Quando Baskerville e Adso entrarono nella stanza murata allo scoccare della mezzanotte e all'ultima parola del capitolo, ho sentito, anche se è fuori moda, un caratteristico sobbalzo al cuore." Nicholas Shrimpton, The Sunday Times "E' riuscito a scrivere un libro che si legge tutto d'un fiato, accattivante, comico, inatteso..." Mario Fusco, Le Monde "E' un tipo di libro che ci trasforma, che sostituisce la nostra realtà con la sua... ci presenta un mondo nuovo nella tradizione di Rabelais, Cervantes, Sterne, Melville, Dostoevskij, lo stesso Joyce e Garcfa Marquez." Kenneth Atchity, Los Angeles Times "Mi rallegro e tutto il mondo delle lettere si rallegrerà con me, che si possa diventare best seller contro i pronostici cibernetici, e che un'opera di letteratura genuina possa soppiantare il ciarpame... L'alta qualità e il successo non si escludono a vicenda." Anthony Burgess, The Observer

Il nome della rosa

Eco Umberto

Arrivato da lontano, saggio, elegante, il Professore suscita rispetto e ammirazione in tutti. È una figura venerabile, un maestro, in un tempo che i maestri non li sa riconoscere. Di lui si sa poco, o forse tantissimo. Un giorno il Professore annuncia la sua scomparsa a tutti gli abitanti del paese, e quello che rimane di lui è un quaderno lasciato nelle mani del panettiere Matteo e da lui consegnato al narratore. Il taccuino contiene, in forma di dialogo semifilosofico, la summa della visione del mondo del Professore: di più, una vera e propria storia dell'universo fino ai nostri giorni...

Il professore di Viggiù

Nove Aldo

Londra, i ricordi, la giovinezza trascorsa ma non ancora sepolta, una libreria molto particolare, un'amica che sembra svanita nel nulla, un buffo editore, una vitalità che si rifiuta di essere domata, nonostante le disillusioni. Uno scavo leggero e spesso ironico nei miti giovanili, in ciò che ci si aspetta dalla vita, nella forza di rigenerazione di chi sa mantenere, nonostante tutto, la grande dote della leggerezza.

Dare il resto e poi sorridere di Laura Angeloni

Angeloni Laura