Narrativa

Storia di una ladra di libri

Zusak Markus

Descrizione: Nella Germania della Seconda guerra mondiale, quando ogni cosa è in rovina, una bambina di nove anni, Liesel, inizia la sua carriera di ladra. All'inizio è la fame a spingerla, e il suo bottino consiste in qualche mela, ma poi il vero, prezioso oggetto dei suoi furti sono i libri. Perché rubarli significa salvarli, e soprattutto salvare se stessa. Liesel infatti sta fuggendo dalle rovine della sua casa e della sua famiglia, accompagnata dal fratellino più piccolo e diretta al paese vicino a Monaco dove l'aspetta la famiglia che li ha adottati. Nell'inverno gelido e bianco di neve, il bambino non ce la fa, ed è proprio vicino alla sua tomba che lei trova il primo libro. Il secondo, invece, lo salva dal fuoco di uno dei tanti roghi accesi dai nazisti. Col passare del tempo il numero dei libri cresce e le parole diventano compagne di viaggio, ciascuna testimone di eventi terribili ai quali la bambina sopravvive, protetta da quei suoi immortali, straordinari, amorevoli angeli custodi.

Categoria: Narrativa

Editore: Narrativa Frassinelli

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788820055905

Recensito da Maria Darida

Le Vostre recensioni

Prima i colori. Poi gli esseri umani. Ė così che di solito vedo le cose. O almeno ci provo… Un semplice fatto… Prima o poi morirai”. Con questo breve incipit ha inizio “Storia di una ladra di Libri”, romanzo d’esordio nonché fenomeno editoriale che ha concesso fama e notorietà all’allora esordiente trentaquattrenne Markus Zusak.
Era il non lontano 2009 quando Frassinelli presentò l’opera di questo neofita, una storia semplice dal titolo “La bambina che salvava i libri”, un testo che spiccava tra gli scaffali delle librerie già solo per l’impatto visivo; aveva infatti una copertina accuratamente scelta per esaltare i due elementi pregnanti e costituenti del contenuto: una giovane fanciulla e il suo tesoro più grande, i libri.

Molching, Germania 1939. Liesel Meminger ha già conosciuto la morte in quello che doveva essere il viaggio della salvezza, pertanto, ben poco si aspetta quando giunge al numero trentatré di Himmelstrasse – la via del Paradiso – e incontra i due tedeschi, Herr e Frau Hubermann, che da quel momento avrebbero costituito la sua nuova famiglia. A queste figure si alternano e si uniscono svariati singolari personaggi che scandiranno l’adolescenza della fanciulla, in un contesto che le consentirà di scoprire la lealtà, l’affetto, il coraggio, il terrore, la forza e la potenza delle parole, tanto scritte quanto rubate. Non solo: curando, ospitando e proteggendo dalle persecuzioni naziste l’ex pugile ebreo Max Vandenburg, la ragazza imparerà quanto è importante avere rispetto degli (e per gli) altri, quanto le libertà siano essenziali, quanto l’uomo sia meritevole di tutela in quanto tale a prescindere da razze, religioni, sesso, etnie, preferenze sessuali, etc. etc.
Così, in quello che è il semplice scorrere delle giornate, la piccola Liesel abbandonerà i panni della “ladra di libri” per rivestire quelli della “scuotitrice di parole”, perché le parole possono distruggere, manipolare, devastare, ma anche creare, plasmare e salvare vite.

Molto si è detto su questo romanzo, opinioni discordanti si sono susseguite, in particolare per il diverso modo con cui il tema dell’olocausto viene trattato. Ma è proprio in questa diversità che risiede la bellezza dell’opera. L’io narrante tanto improbabile quanto originale, la morte, accarezza l’anima di chi legge, accompagna l’esploratore pagina dopo pagina e lo conducendolo tra le fila dei vocaboli, dei significati, dei gesti in un clima che a tratti può apparire fiabesco. Poi, d’un tratto, la magia della novella viene spezzata; la brutalità della realtà storica prende il sopravvento. Max deve scappare. Liesel perderà inesorabilmente tutto quello che ha faticosamente costruito. Ne uscirà distrutta per poi nuovamente trovare la forza di ricominciare, perché la vita, nonostante tutto, va avanti.
E nel suo proseguire, trascorrere e consumarsi come in un battito di ciglia, la vita, come la storia, ci invita a non dimenticare quel che è stato, a non relegarlo nella pagina buia che è stata la persecuzione, a non viverlo come qualcosa che non riaccadrà, come una parentesi passata e conclusa, un ricordo lontano che i nonni potrebbero raccontare ai nipoti, a non percepirlo come un qualcosa di irreale o di intangibile per effetto del passare del tempo… L’Olocausto è una realtà, è attualità.

Una lettura originale, genuina, che lascia il segno.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Markus

Zusak

Libri dallo stesso autore

Intervista a Zusak Markus


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La sera in cui a Liliana viene detto che non potrà più andare a scuola, lei non sa nemmeno di essere ebrea. In poco tempo i giochi, le corse coi cavalli e i regali di suo papà diventano un ricordo e Liliana si ritrova prima emarginata, poi senza una casa, infine in fuga e arrestata. A tredici anni viene deportata ad Auschwitz. Parte il 30 gennaio 1944 dal binario 21 della stazione Centrale di Milano e sarà l'unica bambina di quel treno a tornare indietro. Ogni sera nel campo cercava in cielo la sua stella. Poi ripeteva dentro di sé: finché io sarò viva, tu continuerai a brillare. Età di lettura: da 11 anni.

Fino a quando la mia stella brillerà

Segre Liliana

Montechiasso è un borgo toscano arroccato sulle colline: nelle giornate di cielo nitido, scarno di nubi e con l'aria frizzante e pulita, si scorgono le vette delle Apuane, il mar Tirreno, le colline Metallifere, gli Appennini tosco-emiliani, il Casentino. Lì vive Sara, diciannove anni, figlia di Attilio, un tempo militante comunista nonché voce e chitarra del gruppo rock I Timidi. Ma a Montechiasso sono arrivati anche nuovi abitanti: per esempio il suo amico Averroè, giovane promessa dell'atletica nonché figlio dell'imam. Tutto sembra andare per il meglio, finché non arriva la notizia bomba: nel paese verrà costruita una gigantesca moschea, un'astronave aliena edificata tra le vigne e i campanili. Verranno tutti coinvolti in una discussione che rischia di degenerare, tra razzismi e idealismi, solidarietà e diffidenze: anziani con il pannolone e casalinghe disperate, preti troppo intraprendenti e affaristi senza scrupoli, politicanti di provincia e giornalisti ficcanaso, vecchi militanti e giovani rampanti, sciampiste pettegole e commesse della Coop.

Le querce non fanno limoni

Calamini Cosimo

Periferia di Milano, anni Settanta. Gli anni del terrorismo e della droga, dei sogni di Oriente e di liberazione. Una mattina, nella classe di un Istituto Agrario, fa la sua apparizione Giulia, una giovane professoressa di lettere che parla di letteratura e di poesia con una passione sconosciuta. È quell'incontro a «salvare» Massimo Recalcati che, in questo libro dedicato alla pratica dell'insegnamento, riflette su cosa significa essere insegnanti in una società senza padri e senza maestri, svelandoci come un bravo insegnante sia colui che sa fare esistere nuovi mondi, che sa fare del sapere un oggetto del desiderio in grado di mettere in moto la vita e di allargarne l'orizzonte. È il piccolo miracolo che può avvenire nell'ora di lezione: l'oggetto del sapere si trasforma in un oggetto erotico, il libro in un corpo. Un elogio dell'insegnamento che non può accontentarsi di essere ridotto a trasmettere informazioni e competenze. Un elogio della stortura della vite che non deve essere raddrizzata ma coltivata con cura e riconquistata nella sua singolare bellezza.

L’ora di lezione

Recalcati Massimo

Uno degli aspetti più straordinari dei disturbi dello spettro autistico è l'elevata frequenza di abilità speciali che in essi si rileva. È frequente che molte delle persone affette da questi disturbi possiedano abilità speciali nel campo della musica, dell'arte, del calcolo o della memoria. Perché soggetti con gravi compromissioni sul piano sociale e comunicativo sembrano predisposti a sviluppare l'orecchio assoluto, una memoria fotografica o la capacità di eseguire calcoli a velocità lampo? Questo libro esplora l'enigma del talento e il suo stretto legame con l'autismo indagando le numerose questioni che esso pone: esistono effetti genetici simili che predispongono al talento e all'autismo? Cosa c'è di speciale nei cervelli delle persone con abilità savant? Qual'è il modo migliore di promuovere i talenti in bambini e adulti con difficoltà comunicative e sociali? Con il contributo di alcune delle maggiori autorità mondiali, il volume cerca di districare il mistero delle abilità savant e di riflettere sul modo molto diverso in cui le persone con autismo vedono e comprendono il mondo. Una lettura stimolante per un pubblico interessato e scienze, arti e discipline umanistiche.

Autismo e talento

Happé Francesca