Narrativa

STORIA DI UNA VITA

Appelfeld Aharon

Descrizione: "La memoria custodisce ciò che sceglie di custodire. Come il sogno, anche la memoria cerca di attribuire agli eventi un qualche significato." Aharon Appelfeld in questo libro autobiografico accetta infine il confronto con la propria memoria. Impresa dolorosa che scortica l'anima perché la sua memoria nasconde l'esperienza di un'infanzia spezzata dall'orrore della Storia, nasconde la solitudine di un bambino costretto a vagare da solo per mesi nei boschi con l'incubo di essere riconosciuto, nasconde il suo peregrinare per mezza Europa fino all'arrivo in Israele e il suo difficile inserimento in una nuova realtà. Appelfeld sfida il dolore e disseppellisce quei ricordi che per poter continuare a vivere aveva spinto nelle zone buie e cieche della propria memoria, ci racconta la lotta di un ragazzo che ricostruisce la propria identità a partire dallo sradicamento degli affetti, della cultura, della lingua.

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2011

ISBN: 9788860889065

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

 

“Alla fine del primo anno di scuola terminarono per me gli studi regolari: era scoppiata la Seconda guerra mondiale e la nostra vita ne fu sconvolta. Nel giro di poche settimane il bambino di sette anni, circondato da molto calore e amore, si trasformó in un orfano di madre, in un trascurato bambino del ghetto, che più tardi finì col trascinarsi dietro a suo padre nelle marce punitive attraverso le steppe dell’Ucraina”.
Appelfeld racconta la sua storia con la spontaneità di chi si lascia guidare dai ricordi e non si preoccupa di mettere ordine tra i frammenti di memoria.
La sensazione che se ne ricava è di una confessione liberatoria e matura, di quelle che la penna riesce a cogliere solo dopo un travagliato percorso interiore che conduce alla consapevolezza.
“Molto si è perso e molto è stato consumato dall’oblio. Ció che è rimasto a tratti sembra un nulla e, malgrado ció, quando ho accostato le parti ho sentito che non solo gli anni le uniscono, ma anche un senso”.
L’autore passa dalla serena infanzia nella casa dei genitori agli orrori della guerra, dal lavoro nei campi agli anni dell’università sino alla scoperta di sè e del proprio destino nel mondo, il tutto senza appesantire la narrazione con facili pietismi: sono i luoghi stessi ad esprimere le emozioni, diventando protagonisti e simboli eloquenti.
“Il destino delle astrazioni è di colpirti per un momento e poi svanire: solo le parole che producono immagini si conservano dentro di noi, tutto il resto è vanità”.
“Storia di una vita” è un esempio interessante di tecnica-non tecnica, di pensieri abilmente strappati al turbinio della mente. Dopo il mutismo a cui lo avevano costretto il ghetto e il campo di concentramento, Appelfeld riesce a recuperare faticosamente la propria voce grazie alla scrittura, prima sogno ambizioso e poi difficile conquista, e ci regala pagine di intensa immediatezza.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aharon

Appelfeld

Libri dallo stesso autore

Intervista a Appelfeld Aharon


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Marianna Scamardella giovanissima giallista

La ciociara

Moravia Alberto

Gli Implaccabili sono stati - e sono - così tanti che hanno costretto a un sequel. Dicono sia il sintomo di un successo iniziale e tutto sommato è stato proprio così. Forse non sarà l’unico perché il pianeta ovale è più grande di Giove, più misterioso di Marte, più ammantato di nebbie da squarciare di Mercurio, più fascinoso del Parnaso dipinto da Mantegna. E così, se il professor Umberto Eco si è lanciato nella classificazione delle terre e dei luoghi leggendari, è venuto naturale proseguire su questa strada di uomini e fatti che leggendari non sono, ma che il trascorrer del tempo sta mutando in ruvidi semidei, in momenti che val la pena tornare a accarezzare. La nostalgia non è tristezza, è solo l’amo per ripescare dentro di noi Nelson Mandela che diventa Springbok, Jean Prat che smonta gli All Blacks, Danie Craven che, come lo zio Sam, invita ad arruolarsi, i Natives che giocano una partita lunga un anno e mezzo. Tra gli attori di Implaccabili 2 ci sono anche loro e non solo loro.

GLI IMPLACCABILI

Cimbrico Giorgio

Gaia, 38 anni, porta la taglia 38, vive nel centro di Milano e in equilibrio perfetto sul suo tacco dodici si muove disinvolta tra sfilate e locali alla moda: del resto ha un marito che le garantisce una grande agiatezza, un amante il cui profilo su Facebook dice sempre "innamorato", una figlia che va alla scuola steineriana, due amiche di nome Ilaria e Solaria, un iPhone, un iPod, un iPad e una psicanalista che a ogni seduta pronuncia queste parole: "Sono trecento euro". Madre in carriera, può vantare l'invenzione dell'apericena, rito che ha ormai contagiato l'intera penisola, e la soddisfazione di non avere fatto mancare nulla alla figlia Elettra senza per questo trascurare il lavoro. Nessuna sbavatura, insomma. Eppure il passato bussa, implacabile, nel sonno. Un incubo ricorrente, che sembra voler riportare a galla qualcosa... Prima o poi Gaia dovrà decidersi a parlare di suo padre. E dei suoi tre anni di black-out. Anche perché a un tratto nel suo presente si è aperta una piccola crepa, destinata ad allargarsi come la tela di un ragno e a mandare in pezzi le sue sicurezze: il licenziamento dall'agenzia di comunicazione dove lavora, un'impasse sentimentale inattesa, la carta di credito bloccata, Elettra che lancia segnali di un disagio sempre più ineludibile... Con irresistibile vena satirica, unita qui però a uno sguardo profondamente partecipe, Giuseppe Culicchia dà vita a un personaggio femminile tragico e grottesco, risucchiato in una spirale di menzogne e forzature che mostrano il volto più fasullo della borghesia d'inizio millennio, celebrandone i riti e insieme il declino; e al tempo stesso scrive un libro civile, capace di svelare il bene nascosto sotto la patina del nostro vivere quotidiano come le radici di un albero frondoso che spezzino la crosta dell'asfalto per dare ossigeno alla città. Attraverso una vertiginosa capacità di scavare nei cliché linguistici e umani, Culicchia procede insinuando variazioni minime nell'infinito gioco di specchi nel quale nostro malgrado ci muoviamo. E - in bilico tra il dolore e il sorriso - libera sulla pagina quelle piccole rivelazioni che sono il nucleo di un cambiamento possibile. Perché, toccato il fondo della crisi, si può ricominciare a vivere, spogli di tutto ma ricchi come mai prima.

VENERE IN METRO’

Culicchia Giuseppe