Racconti

Storie di ordinaria follia

Bukowski Charles

Descrizione: La biografia di Bukowski include due tentativi di lavorare come impiegato, dimissioni dal "posto fisso" a cinquant'anni suonati, "per non uscire di senno del tutto" e vari divorzi. Questi scarsi elementi ricorrono con insistenza nella narrativa di Bukowski, più un romanzo a disordinate puntate che non racconti a sé, dove si alternano e si mischiano a personaggi ed eventi di fantasia. "Rispetto alla tradizione letteraria americana si sente che Bukowski realizza uno scarto, ed è uno scarto significativo", ha scritto Beniamino Placido su "La Repubblica", aggiungendo: "in questa scrittura molto "letteraria", ripetitiva, sostanzialmente prevedibile, Bukowski fa irruzione con una cosa nuova. La cosa nuova è lui stesso, Charles Bukowski. Lui che ha cinquant'anni, le tasche vuote, lo stomaco devastato, il sesso perennemente in furore; lui che soffre di emorragie e di insonnia; lui che ama il vecchio Hemingway; lui che passa le giornate cercando di racimolare qualche vincita alle corse dei cavalli; lui che ci sta per salutare adesso perché ha visto una gonna sollevarsi sulle gambe di una donna, lì su quella panchina del parco. Lui, Charles Bukowski, "forse un genio, forse un barbone". "Charles Bukowski, detto gambe d'elefante, il fallito", perché questi racconti sono sempre, rigorosamente in prima persona. E in presa diretta". Un pazzo innamorato beffardo, tenero, cinico, i cui racconti scaturiscono da esperienze dure, pagate tutte di persona, senza comodi alibi sociali e senza falsi pudori.

Categoria: Racconti

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica

Anno: 2012

ISBN: 9788807880551

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Le Storie di ordinaria follia di Charles Bukowski possono essere idealmente classificate in cinque categorie, tutte designate dalla lettera E di ego (da “Quattro chiacchiere in pace”: “ecco UNA COSA che non va con gl’intellettuali e gli scrittori: sono sensibili solo alle loro gioie e ai loro dolori. Il che è normale ma schifoso”):

  • Erotici (o presunti tali)
  • Equestri
  • Estetici
  • Egoriferiti (o, più semplicemente, autobiografici)
  • Extra-surreali

Al primo gruppo appartengono le storie nelle quali Charles declina il proprio machismo (“Tre donne”) in una concezione materialistica del sesso che vede nella donna (sempre designata dal pronome “essa”) lo strumento di un piacere meccanico, da perseguire a ogni costo. Anche attraverso uno scambio d’identità (Ne “Il giorno in cui parlammo di James Thurber”, si finge il poeta francese André per conquistare le grazie di una ragazza e, in qualche modo, del suo compagno) o ricorrendo alla “Violenza carnale” (“la seguii. Non si volse mai indietro… Essa, sempre più bona”).

Sono “equestri” alcuni deliranti racconti ambientati all’ippodromo (come “Cavalli, mica cavoli”), tempio nel quale convergono le velleità economiche (“mi resi conto ch’è molto, molto difficile campare sulle corse…”) e la natura azzardata (“Lo scommettitore è un misto di estrema presunzione, pazzia e avidità”) del poeta americano, che dispensa consigli ai suoi lettori (“domandatelo agli agenti di borsa: muoversi… sempre in senso contrario a quello in cui si muove il parco buoi…”).

I racconti “estetici” – si fa per dire – sono quelli nei quali il Buk decanta la propria concezione poetica (“La poesia dice troppo in pochissimo tempo, la prosa dice poco e ci mette un bel po’”) che assume l’alcol come agente disinibitore (“se non sono sbronzo, non ho niente da dire”) dello spirito artistico (“E c’era droga a stufo… Era un fatto d’Arte… Non mancava manco il vino, né il whiskey, né la birra: per gente superata come me, che ancora fumava tabacco, come in passato, stupidamente”). In una sintesi trasversale rispetto alla cultura hippie (“Ho ucciso un uomo a Reno”: “scrivi sempre… per quel giornale hippie?”) e all’esperimento underground (“Nascita, vita e morte di un giornale underground”), con premature incursioni nel punk (si veda l’autolesionista protagonista del primo racconto, “La più bella donna della città”) e con uno sguardo al detto “pecunia non olet” (In “Dodici scimmie volanti che non volevano fornicare come si deve”, l’autore si propone di scrivere un racconto per far cassa, ma si scontra con un’empasse creativa, che ha conseguenze funeste sul racconto partorito).

I paragrafi “egoriferiti” (autobiografici) consentono di intravedere episodi ed eventi della vita di Bukowski: l’instabilità lavorativa (“Kid polvere di stelle”), la renitenza alla leva (“In galera col nemico pubblico n. 1”: “cos’avrò fatto mai, e l’unica era che avessi ammazzato qualcuno mentre ero ubriaco”), il ricovero in ospedale (“Vita e morte all’ospedale dei poveri”), qualche arresto per ebbrezza, un pensiero per la figlia (“A San Francisco, una bambina di cinque anni c’era mia figlia, l’unica cosa al mondo che io amassi, e che aveva bisogno di me: di scarpe e vestitini e da mangiare e lettere e qualche giocattolo e una visita ogni tanto”)… Fino all’esperienza di celebrità letteraria (“Il mio soggiorno al villino del poeta”) ospite dell’università (“altro che poeta in residenza! Beone in residenza sarebbe stato più appropriato…”) ove il Buk non tiene certamente lezioni classiche (“ogni giorno mi scolavo quattro o cinque confezioni da sei bottiglie”).

Nei racconti “extra-surreali” potrebbero forse confluire gli spunti creativi più interessanti, non fosse che anche queste storie sono sempre infestate da ossessioni sessuali – come  “La macchina da fottere”, la necrofilia di “Una sirena scopereccia” (“Dico, freghiamo un morto e via, tanto per ridere”), la zoofilia di “Animali in libertà” (“Era intollerabile, Uomo e Superuomo, Superuomo e Superbestia. Era del tutto impossibile. E mi guardava, guardava me, suo padre, uno dei suoi padri, uno dei tanti e tanti padri…”) – che finiscono per menomare lo slancio immaginifico a metà strada tra il delirium tremens e l’incubo. In questo ambito si può collocare anche “Sei pollici”, storia di una regressione fisica con ritorno alla normalità, che riproduce le mutazioni di “Alice nel paese delle meraviglie”.

Con questa classificazione so di aver compiuto un atto che Bukowski non approverebbe. Lo dimostra anche il suo stile (“scrivo un paio di righe noncemale”), libero dalle regole ortografiche e sintattiche.
E allora cedo a lui l’ultima parola:
Bukowski pianse quando Judy Garland cantò al Philarmonic di N.Y… Bukowski ha pianto in squallidi albergucci; Bukowski non sa vestire, Bukowski non sa parlare, Bukowski ha paura delle donne, Bukowski ha lo stomaco in cattivo arnese, Bukowski è pieno di terrori, odia i vocabolari, le monache, gli autobus, le chiese, le panchine del parco, i ragni, le mosche…
E chiudo con un suo aforisma: “il codardo è uno che prevede il futuro. Il coraggioso è privo d’ogni immaginazione”.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Charles

Bukowski

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bukowski Charles


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Poker Faces

Luca Moricca

C'è una piccola isola tra la Toscana e la Corsica, simile a una lancia di granito, che fora il Mediterraneo e punta minacciosa il cielo. Su quell'isola si sogna. Un uomo che ha perso l'amore e desidera solo lasciarsi morire. Un gruppo di persone che fanno della sopravvivenza il loro credo. Un clandestino cresciuto nelle fogne di Bucarest. Uno scienziato visionario e uno strano esperimento. Un delitto orribile, tra le rovine degli antichi Druidi. E la Fine del Mondo. Il libro di Morgan Perdinka, scritto nel 2003 - quattro anni prima del misterioso suicidio dell'autore -, pubblicato riscoperto e presentato dal maestro Danilo Arona.

MALAPUNTA

Perdinka Morgan

In un futuro non troppo lontano, tutti i sopravvissuti alle deportazioni nazifasciste sono ormai scomparsi e l'Italia è scossa da un rigurgito antisemita. In un clima ostile, Pacifico Lattes, giovane studioso del museo della Shoah di Roma, prepara un'importante mostra sugli ultimi superstiti ai campi di concentramento. Il suo minuzioso lavoro di archiviazione e conservazione però, svolto per anni dietro a una scrivania, sembra improvvisamente crollare di fronte alla notizia della possibile esistenza di un sopravvissuto ancora in vita: tra le mura di una casa di riposo di Tor Sapienza, infatti, ce Attilio Amati, novantottenne aspro e taciturno custode di un segreto all'apparenza inconcepibile. Dall'incontro tra Attilio e Pacifico, dapprima scettico nei confronti di un vecchio il cui nome non compare sulle liste dei deportati, inizia una ricerca difficile e ostinata, un confronto serrato che porterà entrambi a riconoscersi nella dolorosa esperienza dell'altro. Un gioco inestricabile di scambi e silenzi che nasconde una drammatica «scelta di Sophie», un terribile segreto legato alla travagliata esperienza del lager.

Il museo delle penultime cose di Massimiliano Boni

Boni Massimiliano

Cosa turba la serenita di Yayoi? Diciannove anni, Yayoi vive una vita apparentemente idilliaca in seno a una "famiglia felice della classe media che sembra uscita da un film di Spielberg", il giardino e ben curato, gli abiti perfettamente stirati, i fiori sempre freschi sul tavolo. Che cosa la inquieta? E' la sua sensibilita paranormale che le fa percepire presenze invisibili? E' l'incapacita a ricordare gli anni dell'infanzia, stranamente cancellati dalla sua memoria? O forse e il suo trasporto per Tetsuo che valica i limiti dell'affetto fraterno? Un presagio triste si insinua nell'armonia della vita di Yayoi. Un presagio che potrebbe trovare risposta in una casa molto diversa dalla sua, buia, dove il giardino e in perenne disordine e nessuno risponde quando squilla il telefono. In questa casa vive la zia di Yayoi, una donna sola sui trent'anni, insegnante di musica, bella ma trascurata e avvolta da un'ombra di malinconia. Yayoi intuisce che la zia e depositaria di un segreto, forse la chiave per illuminare i misteri della propria infanzia. Ma la zia sparisce senza lasciare tracce, e Yayoi parte alla sua ricerca. Una Banana Yoshimoto in stato di grazia. In puro stile "Kitchen".

PRESAGIO TRISTE

Yoshimoto Banana