Narrativa

STRIX SIVE ARS MORIENDI

Bocchi Vittorio

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Filios

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788895518480

Trama

Le Vostre recensioni

“L’autunno incalzava i contadini che brulicavano come formiche fra i campi e i canali in vista dell’inverno. Questo orizzonte ammirava Don Carlo, dall’alto della torre campanaria, almeno una volta alla settimana, quando vi si arrampicava per la stretta scala a chiocciola. Non finiva mai di stupirlo quello spettacolo, ripetuto dalle generazioni ogni anno del Signore. Ottobre donava ancora tiepide giornate, traboccanti di sfumature ambrate sui vapori in lontananza.

Il romanzo “Strix sive Ars moriendi” dello scrittore mantovano Vittorio Bocchi è un testo elegante, dalla prosa asciutta. Ambientato nel XVIII secolo, narra la storia di un prete, Don Carlo, che attende la fine dei suoi giorni in una tranquilla zona campestre a ridosso di un fiume. Nella serenità bucolica che lo circonda, l’uomo di chiesa si lascia andare a fantasie e pensieri conturbanti, tanto da lasciarsi catturare dalla bellissima e intelligente Costanza, una donna che lo porterà fino al peccato che tanto ha rifuggito per tutta la sua carriera ecclesiastica.

Chiuse gli occhi e si abbandonò al ricordo di Costanza. La vedeva lì, nel salone, avvolta dai vapori lillà del vestito, contemplare alla finestra la notte tiepida settembrina; ancora imbronciata con lui, ma pronta al perdono e alla passione. Allungò la mano nella penombra per toccare quella visione.

Una storia d’altri tempi, anche per lo stile demodé scelto dall’autore. Una storia di pettegolezzi, confessioni, superstizioni che scandiscono il tempo di tutta la popolazione del borgo. Un romanzo “classico”, in cui ricercare e trovare risvolti e riflessioni certamente attuali, come la lotta eterna dell’uomo con le proprie scelte e le proprie repressioni, fisiche e mentali. Un conflitto sempre aperto difficile da gestire e da accettare.

Don Carlo stava per reagire con veemenza e rabbia, perché proprio non ne poteva più di sentire in bocca a quelle bestie l’ultima parola, che non apparteneva a loro. L’avevano rubata in notti di ascolto dietro i cespugli; ma, più incoffesabilmente, apparteneva a lei, a Costanza, era il suo affettuoso e intimo mon ami per lui, per il ricordo del loro amore. Queste cose ebbe il tempo di dirle solo con uno sguardo fulminante e irato verso l’Andreasso, il quale, contemporaneamente fece un gesto con la mano, come per scacciare un fastidioso insetto, e arrivò un colpo di bastone tra la schiena e la nuca del povero Don Carlo.

Vittorio Bocchi è nato nel 1964 e risiede a Poggio Rusco, in provincia di Mantova. Accanto all’attività professionale, conduce una vita parallela dedicata alla letteratura, alla ricerca storica e all’organizzazione di eventi in ambito culturale. Ha pubblicato: Altitudo (Il Filo, 2006), Il Cigno degli Andreasi (Antiche Porte, 2006), Il Cavalier Francesco Bisighini – Ritorno da Buenos Aires (Antiche Porte, 2008) e Tre concerti (Edizioni Pontegobbo, 2012). 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vittorio

Bocchi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bocchi Vittorio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Tom Smith e Jerry Wesson si incontrano davanti alle cascate del Niagara nel 1902. Nei loro nomi e nei loro cognomi c’è il destino di un’impresa da vivere. E l’impresa arriva insieme a Rachel, una giovanissima giornalista che vuole una storia memorabile, e che, quella storia, sa di poterla scrivere. Ha bisogno di una prodezza da raccontare, e prima di raccontarla è pronta a viverla. Per questo ci vogliono Smith e Wesson, la coppia più sgangherata di truffatori e di falliti che Rachel può legare al suo carro di immaginazione e di avventura. Ci vuole anche una botte, una botte per la birra, in cui entrare e poi farsi trascinare dalla corrente. Nessuno lo ha mai fatto. Nessuno è sceso giù dalle cascate del Niagara dentro una botte di birra. È il 21 giugno 1902. Nessuno potrà mai più dimenticare il nome di Rachel Green? E sarà veramente lei a raccontarla quella storia?

Smith & Wesson

Baricco Alessandro

Ostaggi – 8 aprile 2017, ore 20:45, al Nuovo Teatro Ariberto di Milano

«Nell’anno 2000. Un giorno di aprile». Siamo sull’East River. Il giovane miliardario Eric Packer sale sulla limousine per andare a tagliarsi i capelli a Hell’s Kitchen, il quartiere dove è nato e cresciuto. È l’inizio di un viaggio che lo porterà ad attraversare Manhattan per andare incontro al proprio destino. Eric Packer non pare intenzionato a uscire dal proprio mondo e, blindato nella limousine su cui viaggia, controlla i mercati finanziari globali da cui è ossessionato, racchiuso nella sua bolla di lusso. Ma il mondo esterno è più forte di ogni suo tentativo di starne alla larga. In un solo giorno, perciò, incontrerà gli uomini e le donne della sua vita, si troverà a partecipare al funerale di un famoso rapper, a un rave party all’interno di un teatro abbandonato, a una protesta no-global repressa con violenza dalla polizia, in una spirale di autodistruzione che sembra non giungere mai alla fine. A nove anni dall’uscita del libro, David Cronenberg porta in concorso a Cannes 2012 Cosmopolis con Robert Pattinson che interpreta il giovane miliardario Eric Packer.

Cosmopolis

DeLillo Don

Dopo la liberazione doveva essere tutto finito. Ma non è stato così. Sono passati dieci anni da quando Sarah è fuggita da quello scantinato, il teatro delle torture fisiche e psicologiche che Jack Derber le ha inferto per oltre mille giorni. Ma per Sarah non esiste ancora un «dopo»: vittima delle proprie fobie, vive rinchiusa nel suo appartamento di Manhattan. Fino a quando l’FBI non la informa che Jack Derber, accusato e imprigionato per rapimento, sta per essere rilasciato. Sarah non può consentirlo, perché lei sa. Sa che Derber non è soltanto un rapitore. È un assassino. Lo sa perché lei non era da sola, in quello scantinato. Con lei c’erano altre due ragazze, Christine e Tracy, e per i primi mesi di reclusione ce n’era stata anche una terza: Jennifer, la sua migliore amica. E Sarah sa, con certezza, che Jennifer è morta per mano di Derber. C’è una sola speranza, per tenere Derber in prigione: ritrovare il corpo di Jennifer. Per questo, Sarah deve trovare la forza di riallacciare i contatti con le altre sopravvissute, nonostante l’odio che loro provano per lei e nonostante i segreti che le dividono. Perché quel capitolo della loro vita non si è mai veramente chiuso. Perché quello che succede dopo è ancora più terribile.

Dopo

Zan Koethi