Narrativa

STRIX SIVE ARS MORIENDI

Bocchi Vittorio

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Filios

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788895518480

Trama

Le Vostre recensioni

“L’autunno incalzava i contadini che brulicavano come formiche fra i campi e i canali in vista dell’inverno. Questo orizzonte ammirava Don Carlo, dall’alto della torre campanaria, almeno una volta alla settimana, quando vi si arrampicava per la stretta scala a chiocciola. Non finiva mai di stupirlo quello spettacolo, ripetuto dalle generazioni ogni anno del Signore. Ottobre donava ancora tiepide giornate, traboccanti di sfumature ambrate sui vapori in lontananza.

Il romanzo “Strix sive Ars moriendi” dello scrittore mantovano Vittorio Bocchi è un testo elegante, dalla prosa asciutta. Ambientato nel XVIII secolo, narra la storia di un prete, Don Carlo, che attende la fine dei suoi giorni in una tranquilla zona campestre a ridosso di un fiume. Nella serenità bucolica che lo circonda, l’uomo di chiesa si lascia andare a fantasie e pensieri conturbanti, tanto da lasciarsi catturare dalla bellissima e intelligente Costanza, una donna che lo porterà fino al peccato che tanto ha rifuggito per tutta la sua carriera ecclesiastica.

Chiuse gli occhi e si abbandonò al ricordo di Costanza. La vedeva lì, nel salone, avvolta dai vapori lillà del vestito, contemplare alla finestra la notte tiepida settembrina; ancora imbronciata con lui, ma pronta al perdono e alla passione. Allungò la mano nella penombra per toccare quella visione.

Una storia d’altri tempi, anche per lo stile demodé scelto dall’autore. Una storia di pettegolezzi, confessioni, superstizioni che scandiscono il tempo di tutta la popolazione del borgo. Un romanzo “classico”, in cui ricercare e trovare risvolti e riflessioni certamente attuali, come la lotta eterna dell’uomo con le proprie scelte e le proprie repressioni, fisiche e mentali. Un conflitto sempre aperto difficile da gestire e da accettare.

Don Carlo stava per reagire con veemenza e rabbia, perché proprio non ne poteva più di sentire in bocca a quelle bestie l’ultima parola, che non apparteneva a loro. L’avevano rubata in notti di ascolto dietro i cespugli; ma, più incoffesabilmente, apparteneva a lei, a Costanza, era il suo affettuoso e intimo mon ami per lui, per il ricordo del loro amore. Queste cose ebbe il tempo di dirle solo con uno sguardo fulminante e irato verso l’Andreasso, il quale, contemporaneamente fece un gesto con la mano, come per scacciare un fastidioso insetto, e arrivò un colpo di bastone tra la schiena e la nuca del povero Don Carlo.

Vittorio Bocchi è nato nel 1964 e risiede a Poggio Rusco, in provincia di Mantova. Accanto all’attività professionale, conduce una vita parallela dedicata alla letteratura, alla ricerca storica e all’organizzazione di eventi in ambito culturale. Ha pubblicato: Altitudo (Il Filo, 2006), Il Cigno degli Andreasi (Antiche Porte, 2006), Il Cavalier Francesco Bisighini – Ritorno da Buenos Aires (Antiche Porte, 2008) e Tre concerti (Edizioni Pontegobbo, 2012). 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vittorio

Bocchi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bocchi Vittorio

La nuova silloge poetica di Gabriele Galloni

L’estate del mondo

Galloni Gabriele

Il primo romanzo di Stefano Tura e il sequel inedito in un unico thriller. Il killer delle ballerine: Rimini, anni '90. Fabrizio Dentice è un pericoloso psicopatico, condannato e rinchiuso in un manicomio per l'omicidio di cinque cubiste. Ma il verdetto non convince Luca Rambaldi, giovane giornalista di provincia e fidanzato di una delle ragazze orrendamente assassinate. Tanto più che i brutali delitti riprendono. E così Luca, aiutato da Carmen, un'intraprendente e coraggiosa ragazza, e da Samantha, transgender che sembra conoscere tutti i segreti della vita dei locali notturni della riviera, mette in atto una personale indagine per dare un volto allo spietato serial-killer. Fino a scoprire una perversa e sconvolgente verità. L'ultimo ballo: Rimini, 20 anni dopo. La riviera romagnola ha cambiato completamente volto, molte delle discoteche hanno chiuso, alcune sono state addirittura abbattute. È un mondo dominato dalla "rete", dagli smartphone, dai social network, un mondo in cui il livello di discriminazione e violenza è aumentato esponenzialmente. E quando due terribili delitti sconvolgono la notte riminese, riaffiorano paure mai superate e incubi che sembravano appartenere al passato.I sopravvissuti alla vicenda di 20 anni prima si rendono subito conto dell'agghiacciante realtà: il killer delle ballerine è tornato.

Il killer delle ballerine

Tura Stefano

Buenos Aires, 2001. Perla Correa è sempre riuscita a ingannare tutti quelli che la circondano. Ogni mattina si sveglia e lucida la sua superficie di studentessa modello, bella ragazza radiosa, irreprensibile figlia di buona famiglia. Sua madre è avvolta di bellezza e foulard importati e suo padre è un uomo forte e fiero nella sua uniforme militare perfettamente stirata. Perla è sempre stata considerata molto fortunata ad averli come genitori. Eppure questa è solo una maschera che la ragazza indossa per nascondere il dubbio che le si agita dentro, e sul quale invano tenta di chiudere gli occhi. Un dubbio che si nutre di mezze frasi delle compagne di classe, sguardi impauriti dei vicini, libri di storia sui "desaparecidos" che suo padre le ha tassativamente proibito di leggere. Ma una notte, mentre è sola in casa, un uomo entra nel suo salotto. Sembra solo, disperato e affamato. È lì per raccontarle una storia. Una storia che narra di due ragazzi giovani che si amavano, di pesanti stivali neri che sfondano la porta di casa, di un carcere senza scampo e di un ultimo volo sul Rio de La Piata. E che incendia la vita perfetta di Perla riducendola in fumo. Inizia così un viaggio che la costringe a confrontarsi con la vera sé stessa e con la storia più dolorosa del suo paese. Dove solo il fuoco del coraggio che ha sempre nascosto tra le pieghe di una falsa tranquillità l'aiuterà a rinascere una seconda volta dalle sue ceneri.

LA RAGAZZA DAI CAPELLI DI FIAMMA

De Robertis Carolina

Yambo, il protagonista del romanzo, si risveglia dopo un incidente e scopre di aver perso la memoria. Non la memoria che i neurologi chiamano “semantica” (egli ricorda tutto di Giulio Cesare e sa recitare tutte le poesie che ha letto in vita sua), bensì quella “autobiografica”: non sa più il proprio nome, non riconosce la moglie e le figlie, non ricorda nulla della sua infanzia. La moglie lo convince a tornare nella casa di campagna, dove ha conservato i libri e i giornali letti da ragazzo, i quaderni di scuola, i dischi ascoltati allora. Così, in un immenso solaio, l’uomo rivive la storia della propria generazione, arrestandosi soltanto di fronte a due vuoti ancora nebbiosi: le tracce di un’esperienza atroce vissuta negli anni della resistenza e l’immagine vaga di una ragazza amata a sedici anni e poi perduta.

La misteriosa fiamma della regina Loana

Eco Umberto