Narrativa

STRIX SIVE ARS MORIENDI

Bocchi Vittorio

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Filios

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788895518480

Trama

Le Vostre recensioni

“L’autunno incalzava i contadini che brulicavano come formiche fra i campi e i canali in vista dell’inverno. Questo orizzonte ammirava Don Carlo, dall’alto della torre campanaria, almeno una volta alla settimana, quando vi si arrampicava per la stretta scala a chiocciola. Non finiva mai di stupirlo quello spettacolo, ripetuto dalle generazioni ogni anno del Signore. Ottobre donava ancora tiepide giornate, traboccanti di sfumature ambrate sui vapori in lontananza.

Il romanzo “Strix sive Ars moriendi” dello scrittore mantovano Vittorio Bocchi è un testo elegante, dalla prosa asciutta. Ambientato nel XVIII secolo, narra la storia di un prete, Don Carlo, che attende la fine dei suoi giorni in una tranquilla zona campestre a ridosso di un fiume. Nella serenità bucolica che lo circonda, l’uomo di chiesa si lascia andare a fantasie e pensieri conturbanti, tanto da lasciarsi catturare dalla bellissima e intelligente Costanza, una donna che lo porterà fino al peccato che tanto ha rifuggito per tutta la sua carriera ecclesiastica.

Chiuse gli occhi e si abbandonò al ricordo di Costanza. La vedeva lì, nel salone, avvolta dai vapori lillà del vestito, contemplare alla finestra la notte tiepida settembrina; ancora imbronciata con lui, ma pronta al perdono e alla passione. Allungò la mano nella penombra per toccare quella visione.

Una storia d’altri tempi, anche per lo stile demodé scelto dall’autore. Una storia di pettegolezzi, confessioni, superstizioni che scandiscono il tempo di tutta la popolazione del borgo. Un romanzo “classico”, in cui ricercare e trovare risvolti e riflessioni certamente attuali, come la lotta eterna dell’uomo con le proprie scelte e le proprie repressioni, fisiche e mentali. Un conflitto sempre aperto difficile da gestire e da accettare.

Don Carlo stava per reagire con veemenza e rabbia, perché proprio non ne poteva più di sentire in bocca a quelle bestie l’ultima parola, che non apparteneva a loro. L’avevano rubata in notti di ascolto dietro i cespugli; ma, più incoffesabilmente, apparteneva a lei, a Costanza, era il suo affettuoso e intimo mon ami per lui, per il ricordo del loro amore. Queste cose ebbe il tempo di dirle solo con uno sguardo fulminante e irato verso l’Andreasso, il quale, contemporaneamente fece un gesto con la mano, come per scacciare un fastidioso insetto, e arrivò un colpo di bastone tra la schiena e la nuca del povero Don Carlo.

Vittorio Bocchi è nato nel 1964 e risiede a Poggio Rusco, in provincia di Mantova. Accanto all’attività professionale, conduce una vita parallela dedicata alla letteratura, alla ricerca storica e all’organizzazione di eventi in ambito culturale. Ha pubblicato: Altitudo (Il Filo, 2006), Il Cigno degli Andreasi (Antiche Porte, 2006), Il Cavalier Francesco Bisighini – Ritorno da Buenos Aires (Antiche Porte, 2008) e Tre concerti (Edizioni Pontegobbo, 2012). 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vittorio

Bocchi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bocchi Vittorio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Pubblicato nel 1942, "Lo straniero", un classico della letteratura contemporanea, sembra tradurre in immagini quel concetto dell'assurdo che Albert Camus andava allora delineando e che troverà teorizzazione nel coevo "Il mito di Sisifo". Protagonista è Meursault, un modesto impiegato che vive ad Algeri in uno stato di indifferenza, di estraneità a se stesso e al mondo. Un giorno, dopo un litigio, inesplicabilmente Meursault uccide un arabo. Viene arrestato e si consegna, del tutto impassibile, alle inevitabili conseguenze del fatto - il processo e la condanna a morte - senza cercare giustificazioni, difese o menzogne. Come Sisifo, Meursault è un eroe "assurdo": la sua lucida coscienza del reale gli permette di giungere attraverso una logica esasperata alla verità di essere e di sentire. "E una verità ancora negativa," ebbe a scrivere Camus in una prefazione per un'edizione americana dello "Straniero", "senza la quale però nessuna conquista di sé e del mondo sarà mai possibile."

Lo straniero

Camus Albert

"... La noia implica un'analisi sconsolata dei danni causati all'uomo dalla tecnologia e, sembra, insanabili politicamente e clinicamente..." (dall'introduzione di Michel David) Considerato come il cardine di una ideale trilogia iniziatasi con i memorabili Indifferenti e conclusa con La vita interiore, La noia (1960) ci offre un ritratto profondo e spietato di un individuo senza strutture, senza appoggi, alienato dalla vita sociale. E' una storia di crisi, di fallimenti, di delusioni. Analizzato nei suoi tre aspetti, di artista, di uomo, di amante, il protagonista finisce per scontrarsi inevitabilmente con la realtà; una realtà che in modo tautologico si nega, perche a conclusione di ogni tentativo (ad esempio di raggiungere la donna amata) si erge sempre lo stesso assioma: la realtà è la realtà.

La noia

Moravia Alberto

La guerra del cinema

Puttnam David

Viviamo il tempo dell'incertezza, dell'intolleranza, della paura, dell'ingiustizia. Tornare ai classici e riflettere sulla natura delle virtù cardinali - prudenza, temperanza, fortezza e giustizia - da sempre al centro della riflessione filosofica oltre che teologica, può orientare il nostro agire sia personale che collettivo. Da Aristotele a Machiavelli, da Locke a Hobbes, da Freud ad Arendt fino a Rawls scopriamo come la prudenza, la virtù deliberativa per eccellenza, sia l'unica capace di discernere il bene dal male e orientare le nostre decisioni; come la temperanza consenta agli uomini e alle donne di vivere in una società in cui nessuno impone la propria regola contro le altre; come il coraggio sia conoscenza dei propri limiti e condizione per vincere la paura; e infine come la giustizia faccia sì che i diritti non restino inchiodati entro i confini di comunità politiche chiuse.

Le virtù cardinali

Autori vari