Narrativa

A sud del confine, a ovest del sole

Murakami Haruki

Descrizione: Fino ad allora Hajime aveva vissuto in un universo abitato solo da lui: figlio unico quando, nel Giappone degli anni Cinquanta, era rarissimo non avere fratelli o sorelle, aveva fatto della propria eccezionalità una fortezza in cui nascondersi, un modo per zittire quella sensazione costante di non essere mai lí dove si vorrebbe veramente. Invece un giorno scopre che la solitudine è solo un'abitudine, non un destino: lo capisce quando, a dodici anni, stringe la mano di Shimamoto, una compagna di classe sola quanto lui, forse di piú: a distinguerla non c'è solo la condizione di figlia unica, ma anche il suo incedere zoppicante, come se in quel passo faticoso e incerto ci fosse tutta la sua difficoltà a essere una creatura di questo mondo. Quando capisci che non sei destinato alla solitudine, che il tuo posto nel mondo è solo là dove è lei, capisci anche un'altra cosa: che sei innamorato. Ma Hajime se ne rende conto troppo tardi - è uno di quegli insegnamenti che si imparano solo con l'esperienza - quando ormai la vita l'ha separato da lei. Come il dolore di un arto fantasma, come una leggera zoppía esistenziale, Hajime diventerà uomo e accumulerà amori, esperienze, dolori, errori, ma sempre con la consapevolezza che la vita, la vita vera, non è quella che sta dissipando, ma quell'altra, quella che sarebbe potuta essere con Shimamoto, quella in un altrove indefinito, a sud del confine, a ovest del sole. Una vita che forse, venticinque anni dopo, quando lei riappare dal nulla, diventerà realtà. Torna in libreria, in una traduzione completamente rivista, uno dei romanzi piú amati di Murakami Haruki: un'opera malinconica e romantica, una storia di raffinata delicatezza, in cui l'esplorazione dei piú diafani movimenti dell'anima riesce a descrivere l'universale, umanissimo conflitto tra necessità e desiderio, destino e libertà.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Anno: 2013

ISBN: 9788806206239

Recensito da moloko33

Le Vostre recensioni

Hajime, il cui nome significa “inizio”, nasce simbolicamente nella prima settimana del primo mese del primo anno della seconda metà del ventesimo secolo, ed è figlio unico – condizione alquanto singolare per il Giappone dell’epoca. Sembra destinato alla solitudine e all’isolamento, finché a scuola conosce Shimamoto: anche lei figlia unica e con qualcosa di speciale, dalla quale non riesce a staccare il pensiero.

Dall’unione delle loro solitudini nasce un’amicizia che scorre pacifica tra pomeriggi passati ad ascoltare vecchi dischi jazz e l’innocenza della compagnia reciproca di due bambini, le loro menti solo sfiorate dal pensiero di un coinvolgimento romantico a cui non sanno dare un nome o una forma. Ma la fine della scuola segna anche la loro separazione: Shimamoto si trasferisce in un quartiere diverso e i due si allontanano fino a perdersi di vista. Hajime, frastornato dai cambiamenti dell’adolescenza, si limita a conservare di lei un ricordo in un angolo del cuore, «come in un ristorante in cui venga poggiato, senza che nessuno se ne accorga, un cartellino con su scritto riservato sul tavolo più tranquillo e in fondo al locale».

Il passaggio all’età adulta e la relativa scoperta di sé corrisponde per Hajime a un periodo di profondo smarrimento e di inadeguatezza; la solitudine che lo ha sempre accompagnato cresce a tal punto da frenarlo dal vivere appieno la vita e le relazioni, le esperienze che incontra lo lasciano profondamente amareggiato e ferito. Poi, finalmente, a 30 anni Hajime conosce una ragazza di cui si innamora sinceramente e si sposa e in pochi anni diventa un uomo realizzato: una famiglia, due locali jazz di successo (come Murakami prima di diventare scrittore), ma tutto gli sembra preparato per lui, non reale: “Quella non sembrava la mia vita, mi dicevo, era come se qualcuno l’avesse preparata per me. Fino a che punto ero veramente me stesso?

In Hajime manca qualcosa, che prende un nome quando una sera ricompare Shimamoto, e manda all’aria le poche certezze che si era costruito con fatica.

A sud del confine, a ovest del sole è un romanzo pubblicato per la prima volta nel 1992 e riproposto di recente con una traduzione italiana rivista. È forse tra i testi più delicati e realistici dello scrittore: il tema centrale è rappresentato dalla storia d’amore tra queste due anime solitarie e accompagnate per tutta la vita da un perenne senso di perdita e di sofferenza (come già in Norwegian Wood).

Nel romanzo ritroviamo alcuni dei temi cari all’autore: l’amore malinconico, fatto di privazioni più che di sostanza concreta, la ricerca di qualcosa di perduto, il vivere insoddisfatto del protagonista: “Le illusioni di un tempo non mi avrebbero più aiutato, non avrebbero più creato sogni per me. Non rimaneva che il vuoto, quel semplice vuoto che mi aveva accompagnato per anni e al quale avevo cercato di adattarmi. Ero tornato al punto di partenza, pensai, e dovevo abituarmici”.

Non mancano, come già in altri testi, i riferimenti musicali, a partire dal titolo: “A sud del confine” è una canzone del 1936 che parla di un uomo che si lascia sfuggire il vero amore, per poi ritrovarlo quando è troppo tardi. L’altra parte del titolo del romanzo, “A ovest del sole”, si riferisce – come cita lo stesso Murakami – a una sindrome che colpisce i contadini dei territori Inuit, i quali se ne vengono colpiti camminano verso il sole che tramonta senza sapersi fermare, finché muoiono di stenti.

La stessa nostalgia trascinante è ciò che colpisce i due protagonisti, un sentimento talmente forte che rischia di rovinare le loro vite per sempre, che li fa perdere il senso della realtà. La loro è una fuga dal mondo, verso un passato irrecuperabile: questi “Star-crossed lovers” (ovvero “Amanti nati sotto una cattiva stella”, altra canzone di Duke Ellington che viene citata più volte nel testo) vivono i momenti insieme come sotto l’influsso di una febbre che li consuma, e il conflitto interiore che li tormenta finisce per svuotarli del tutto, portandoli a una morte dell’anima mentre inseguono il loro sole che tramonta.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Haruki

Murakami

Libri dallo stesso autore

Intervista a Murakami Haruki

Un'amica. Ecco cosa vorrebbe più di ogni altra cosa Cecelia Rose Honeycutt, detta CeeCee. Un desiderio normale, per una dodicenne. Ma CeeCee, fuori dalla scuola, evita i coetanei, per sfuggire alle loro battute e alle domande inopportune sulle stramberie di sua madre, che se ne va in giro vestita a festa con fascia e corona da reginetta di bellezza: quanto basta per farne lo zimbello di quella piccola città. Mentre suo padre è sempre assente, con la scusa del lavoro, CeeCee deve prendersi cura della mamma, nei suoi momenti di follia e in quelli di tristezza, quando fa volare i piatti in cucina imprecando contro le bugie del marito e quando dimentica di lavarsi, con lo sguardo fisso nel vuoto. Sono i libri gli unici amici di CeeCee, le storie il suo unico rifugio: un mondo fantastico scoperto grazie a Mrs Odell, la vicina ottantenne il cui pranzo della domenica ha il sapore di una famiglia vera. Finché, un giorno, la mamma perde la vita in un incidente. Il padre di CeeCee sembra non vedere l'ora di affidarla a una prozia, spuntata all'improvviso con l'intenzione di occuparsi della bambina. Comincia così un nuovo capitolo nel Libro della sua Vita, come le spiega Mrs Odell. Messo qualche romanzo in valigia, CeeCee parte con la bizzarra zia Tootie alla volta di una lontana città del Sud. Là, sarà accolta da un mondo variopinto e profumato tutto al femminile: da Mrs Goodpepper - che crede nel karma e nel kamasutra ma anche in qualsiasi rimedio antietà - a Oletta, la cuoca di colore, che custodisce gelosamente la ricetta dei suoi favolosi dolcetti alla cannella. Un mondo pronto ad amarla e a proteggerla. E ad aiutarla a trovare la sua strada, la più luminosa possibile.

LEZIONI DI VOLO PER PRINCIPIANTI

Hoffman Beth

Figlia naturale di Lord Byron e Claire Clairmont, giovanissima sorellastra della scrittrice Mary Shelley, Allegra viene riconosciuta dal poeta inglese e strappata alla madre. Dopo un periodo trascorso a casa Shelley, raggiunge il padre prima a Venezia, poi a Ravenna dove Byron era ospite della contessa Guiccioli, sua nuova fiamma. Nell’Italia del primo Ottocento, Byron – idolatrato dalle donne, celebre per i suoi atteggiamenti da dandy demoniaco – trascina con sé nelle sue avventure, tra Carbonari e nobildonne, questa bambina di pochi anni, straordinariamente intelligente e graziosa che morirà tragicamente nel 1822, a soli cinque anni. In questo breve, intenso romanzo (pubblicato per la prima volta nel 1935 da Leonard e Virginia Woolf) la Origo rievoca con passione un’esistenza straordinaria e commovente.

Allegra, la figlia di Byron

Origo Iris

Un giallo-verità che l’autore racconta vent’anni dopo esserne venuto a conoscenza: questo è Il caso Piegari, coda imprevista di un vecchio libro che a suo tempo sollevò scandalo e indignazione, Mistero napoletano. Un omissis finalmente svelato? Proprio così, lungo soltanto sei brevi capitoli ma non meno drammatici e incalzanti di quelli relativi alla storia del suicidio di Francesca Spada. Raccontano la follia che colse il geniale fondatore del Gruppo Gramsci dopo la sua espulsione dal Partito comunista (1954) per volontà di Giorgio Amendola, accusato da Guido Piegari di essere l’ispiratore di un meridionalismo “perverso”. Una storia che sembra appartenere soltanto al passato e che in effetti si svolge in gran parte in un’Italia che non esiste più. Ma il presente, lo sappiamo, ha un cuore antico. Soprattutto in una città come Napoli dove il Gruppo Gramsci continua a sopravvivere, sia pure in forma traslata, attraverso l’Istituto italiano per gli studi filosofici fondato da Gerardo Marotta che fu, all’alba degli anni cinquanta, il braccio destro di Guido Piegari e magna pars del Gruppo stesso.

Il caso Piegari

Rea Ermanno

Mezzanotte. Nell'ascensore di un albergo una donna si alza la gonna per controllare le autoreggenti. Sta salendo al quinto piano. Ad attenderla, nella stanza 58, c'è un uomo che ha conosciuto un anno e mezzo prima. I due non si sono più visti da allora; per sei mesi non si sono nemmeno cercati, poi hanno cominciato a scriversi, per e-mail. La stanza è immersa nella penombra, così come hanno concordato. La donna entra. Si guardano, si spogliano. Lui le chiede di sdraiarsi sul letto. Lei cerca di trascinarlo con sé, lo desidera da troppo tempo. È questo l'inizio di un travolgente gioco al rialzo lungo sette notti di passione e disciplina della volontà, esplorazione reciproca del corpo e della mente. Sette notti in cui una donna e il suo amante si seducono e si scoprono, in una vertiginosa ascesa verso il culmine del piacere, verso una pienezza mai paga di se stessa.

LA SETTIMA NOTTE

Reyes Alina