Saggi

Sulle spalle dei giganti

Eco Umberto

Descrizione: "Sulle spalle dei giganti" rappresenta per i lettori di Eco un evento festoso. Lontano dalle aule universitarie, dai congressi accademici, dalle cerimonie onorarie, Eco scrive questi testi, nel corso di tre lustri, per intrattenere gli spettatori (che ogni volta per lui accorrono a frotte) della Milanesiana, il festival ideato e diretto da Elisabetta Sgarbi. Testi che il più delle volte traggono spunto dal tema stesso che ogni anno la Milanesiana si dà, per poi scorrere lungo rivoli di un repertorio che attinge alla filosofia quanto alla letteratura, all'estetica, all'etica e ai mass media. Come dire: la quintessenza dell'universo echiano, raccontato con un linguaggio affabile, intriso di ironia, talora giocoso, affilato quando necessario. Le radici della nostra civiltà, i canoni mutevoli della bellezza, il falso che si invera e modifica il corso della storia, l'ossessione del complotto, gli eroi emblematici della grande narrativa, le forme dell'arte, aforismi e parodie sono alcuni degli spunti di attrazione di un libro arricchito dalle immagini che l'autore usava proiettare nel corso del suo dire.

Categoria: Saggi

Editore: La nave di Teseo

Collana: I fari

Anno: 2017

ISBN: 9788893442718

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

Umberto Eco, Sulle spalle dei giganti

Ma i peggiori diagnostici di ogni epoca sono proprio i contemporanei. I miei giganti mi hanno insegnato che ci sono spazi di transizione, in cui vengono a mancare le coordinate, e non si intravede bene il futuro, non si comprendono ancora le astuzie della Ragione.”

In un bel saggio che raccoglie gli interventi tenuti per le Reith Lectures negli Stati Uniti, Edward Said definisce il compito dell’intellettuale come «tentativo di abbattere gli stereotipi e le categorie riduttive che tanto limitano il pensiero e le comunicazioni umane». Ma se la parola intellettuale designa qualcosa di talmente ampio da essere difficilmente contenibile in una riflessione univoca, tutti concordiamo, seguendo ancora il ragionamento lineare di Said, che «l’intellettuale necessita di due strumenti essenziali: saper usare bene il linguaggio e sapere quando intervenire sul linguaggio». Il linguaggio, se “usato” pienamente, muove ed esalta, distrugge e costruisce, annienta e immagina, ma soprattutto persuade. Lo sa bene (presente doveroso) Umberto Eco, che nella sua lunga carriera ha giocato, in maniera raffinata e altissima, a più riprese con il linguaggio. Sulle spalle dei giganti, edito da La nave di Teseo per la collana Fari nel 2017, è questo, un enorme gioco di linguaggi, di alta caratura però, e mai senza scopo. Il volume eterogeneo, composto dagli interventi tenuti alla Milanesiana dal 2001 al 2015, non è solo un esteso exemplum di inarrivabile erudizione (e il Professore, in effetti, ci ha dato più volte prova di questo). I dodici testi, ispirati di volta in volta al tema del festival milanese di cui lo stesso Eco si fa ispiratore, attraversano secoli di storia, tessendo le trame di idee sempre brillanti e accecanti che si rivelano, nella loro compiutezza, al termine di ogni intervento. Il testo che dà il titolo all’intera raccolta ci chiarisce immediatamente come leggere l’intera opera: le continue citazioni, i brani riportati, le immagini scelte non formano una sovrapposizione scomposta (e patetica) di informazioni. L’intento è una ricerca accurata di Giganti da cui partire per arrivare a “capirci qualcosa”. «La storia dei nani e dei giganti mi ha sempre affascinato» annuncia nell’incpit l’autore, che identifica i giganti con i grandi della storia del pensiero occidentale. «Noi, pur essendo nani, sedendo sulle loro spalle, e cioè approfittando della loro saggezza, possiamo vedere meglio di loro». Sarà vero? Le tesi addotte persuadono, con l’analisi dettagliata di alcuni “figli” che uccidono i “padri” per guardare oltre, ma solo ritornando ai “nonni”, i loro giganti. E un monito: nella “liquidità” dei nostri giorni, i giganti si sono dispersi nel pasticcio generale “postmoderno”, e nella confusione rumorosa i figli si sono confusi con i padri. È nostro dovere allora recuperare e far vivere i giganti, anche se «forse il sano ideale del parricidio sta già risorgendo in forme diverse».

Parlare di Bellezza e di Bruttezza a cosa porta? O dell’Assoluto, di Paradossi e aforismi, di falso o ancora di teoria del complotto? La mole dell’opera, volendo analizzare la serie di citazioni letterarie, filosofiche e visive, è immensa e densa, eppure la lettura e la riflessione scorrono con una freschezza sorprendente. Il lavoro sul linguaggio, come accennavamo all’inizio, è qui sapiente e naturale, un esempio alto e duraturo. Gli argomenti, alcuni dei quali già affrontati nelle più ristrette Bustine di Minerva, sono qui ampliati ed estesi, arricchiti e modellati in modo tale da risultare limpidi e precisi, ma anche rivelatori e necessari, oltre che estremamente piacevoli. Insomma, non c’è dubbio. Scorrendo le pagine di Sulle spalle dei giganti ci si fa sempre più chiara una certezza precisa, rassicurante: un gigante lo abbiamo trovato. Ora non ci resta altro che scalare la sua mole (intellettuale, si intende) e trovare il nostro posto più in alto possibile, sulle sue ampie spalle.

Luigi Bianco

Il blog di Luigi Bianco

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Luigi Bianco, «Recensioni». “Sulle spalle dei giganti” di Umberto Eco – Louis Book World

[…] Pubblicazione I-Libri […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Umberto

Eco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Eco Umberto

In quarant’anni è cambiato tutto. Se una volta nelle audizioni discografiche era bandita la cover di un brano famoso, oggi nei pre-casting dei talent show è proibito eseguire un inedito. Negli anni Settanta gli aspiranti talenti erano musicisti, gruppi e cantautori che si esibivano cantando e suonando brani originali. Nei talent show di oggi si è scelti cantando a cappella, a voce nuda, senza l’utilizzo di strumenti musicali di accompagnamento. Le cover di brani noti sono obbligatorie. Il pop televisivo è ormai l’unico codice riconosciuto dai network generalisti. Attraverso le molteplici esperienze dirette dell’autore, “Talent Shop” racconta la storia dei giovani talenti di ieri e di oggi e le diverse quanto opposte modalità di scouting: dalle audizioni negli uffici discografici negli anni Settanta e Ottanta ai “Karaoke casting” televisivi degli anni Novanta, fino ai grandi raduni di massa dei pre-casting dei talent show odierni. Tra romanzo, autobiografia e saggio, il libro si avvale di numerose testimonianze di autorevoli personaggi del mondo discografico e televisivo come Alberto Fortis, Morgan, Mara Maionchi, Ivan Cattaneo, Karima, Marco Mengoni e tanti altri.

Talent shop

Manfredi Roberto

Cronache di un’illusione

Nicola D'Avino

Un misantropo appassionato di Stendhal, nascosto in un villaggio della Savoia, viene misteriosamente rapito e abbandonato in una foresta. Una bella signora bionda, esperta guidatrice, perde il controllo dell’auto e finisce fuori strada. Intanto in Bretagna un uomo che ogni giorno faceva la sua passeggiata in riva al mare incontra due sconosciuti che lo terrorizzano. Ma il lettore capisce presto che questo non è un classico romanzo poliziesco. Gli aggressori non sono né agenti segreti né trafficanti. Non aggrediscono dei duri ma delle persone miti. Ce l’hanno in particolare con un libraio ribelle, con una malinconica ereditiera e con la libreria che i due hanno creato senza mai pensare che potesse suscitare tanto odio. Chi, tra gli appassionati della letteratura, non ha mai sognato di aprire una libreria ideale dove si vendessero solo i libri più amati? Lanciandosi nell’avventura, Francesca e Ivan, i due librai, sapevano che non sarebbe stato facile. Come scegliere i libri? Come far quadrare i conti? Ma ciò che non avevano previsto era il successo. Un successo che però scatena una sorprendente sfilza di invidie e aggressioni.

LA LIBRERIA DEL BUON ROMANZO

Cossé Laurence

Protagonista di questo romanzo breve - che segnò l'esordio di Pontiggia nel segno di una grande maturità stilistica - è un giovane poco più che adolescente, costretto dalla situazione economica a entrare in un universo che gli è alieno - il mondo spersonalizzato e frustrante dell'impiego in banca. Inizialmente egli spera di poter conciliare il lavoro quotidiano con le sue aspirazioni segrete ma, quando il progetto si rivela irrealizzabile, sprofonda nel grigiore della sua condizione, facendo di essa il proprio unico, esclusivo orizzonte. Al lungo racconto che dà il titolo al volume seguono sedici storie: immagini realistiche e grottesche dei nostri vizi quotidiani, realizzate con ironia e distacco sostenuti da una grande tensione drammatica.

La morte in banca

Pontiggia Giuseppe