Saggi

Sulle spalle dei giganti

Eco Umberto

Descrizione: "Sulle spalle dei giganti" rappresenta per i lettori di Eco un evento festoso. Lontano dalle aule universitarie, dai congressi accademici, dalle cerimonie onorarie, Eco scrive questi testi, nel corso di tre lustri, per intrattenere gli spettatori (che ogni volta per lui accorrono a frotte) della Milanesiana, il festival ideato e diretto da Elisabetta Sgarbi. Testi che il più delle volte traggono spunto dal tema stesso che ogni anno la Milanesiana si dà, per poi scorrere lungo rivoli di un repertorio che attinge alla filosofia quanto alla letteratura, all'estetica, all'etica e ai mass media. Come dire: la quintessenza dell'universo echiano, raccontato con un linguaggio affabile, intriso di ironia, talora giocoso, affilato quando necessario. Le radici della nostra civiltà, i canoni mutevoli della bellezza, il falso che si invera e modifica il corso della storia, l'ossessione del complotto, gli eroi emblematici della grande narrativa, le forme dell'arte, aforismi e parodie sono alcuni degli spunti di attrazione di un libro arricchito dalle immagini che l'autore usava proiettare nel corso del suo dire.

Categoria: Saggi

Editore: La nave di Teseo

Collana: I fari

Anno: 2017

ISBN: 9788893442718

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

Umberto Eco, Sulle spalle dei giganti

Ma i peggiori diagnostici di ogni epoca sono proprio i contemporanei. I miei giganti mi hanno insegnato che ci sono spazi di transizione, in cui vengono a mancare le coordinate, e non si intravede bene il futuro, non si comprendono ancora le astuzie della Ragione.”

In un bel saggio che raccoglie gli interventi tenuti per le Reith Lectures negli Stati Uniti, Edward Said definisce il compito dell’intellettuale come «tentativo di abbattere gli stereotipi e le categorie riduttive che tanto limitano il pensiero e le comunicazioni umane». Ma se la parola intellettuale designa qualcosa di talmente ampio da essere difficilmente contenibile in una riflessione univoca, tutti concordiamo, seguendo ancora il ragionamento lineare di Said, che «l’intellettuale necessita di due strumenti essenziali: saper usare bene il linguaggio e sapere quando intervenire sul linguaggio». Il linguaggio, se “usato” pienamente, muove ed esalta, distrugge e costruisce, annienta e immagina, ma soprattutto persuade. Lo sa bene (presente doveroso) Umberto Eco, che nella sua lunga carriera ha giocato, in maniera raffinata e altissima, a più riprese con il linguaggio. Sulle spalle dei giganti, edito da La nave di Teseo per la collana Fari nel 2017, è questo, un enorme gioco di linguaggi, di alta caratura però, e mai senza scopo. Il volume eterogeneo, composto dagli interventi tenuti alla Milanesiana dal 2001 al 2015, non è solo un esteso exemplum di inarrivabile erudizione (e il Professore, in effetti, ci ha dato più volte prova di questo). I dodici testi, ispirati di volta in volta al tema del festival milanese di cui lo stesso Eco si fa ispiratore, attraversano secoli di storia, tessendo le trame di idee sempre brillanti e accecanti che si rivelano, nella loro compiutezza, al termine di ogni intervento. Il testo che dà il titolo all’intera raccolta ci chiarisce immediatamente come leggere l’intera opera: le continue citazioni, i brani riportati, le immagini scelte non formano una sovrapposizione scomposta (e patetica) di informazioni. L’intento è una ricerca accurata di Giganti da cui partire per arrivare a “capirci qualcosa”. «La storia dei nani e dei giganti mi ha sempre affascinato» annuncia nell’incpit l’autore, che identifica i giganti con i grandi della storia del pensiero occidentale. «Noi, pur essendo nani, sedendo sulle loro spalle, e cioè approfittando della loro saggezza, possiamo vedere meglio di loro». Sarà vero? Le tesi addotte persuadono, con l’analisi dettagliata di alcuni “figli” che uccidono i “padri” per guardare oltre, ma solo ritornando ai “nonni”, i loro giganti. E un monito: nella “liquidità” dei nostri giorni, i giganti si sono dispersi nel pasticcio generale “postmoderno”, e nella confusione rumorosa i figli si sono confusi con i padri. È nostro dovere allora recuperare e far vivere i giganti, anche se «forse il sano ideale del parricidio sta già risorgendo in forme diverse».

Parlare di Bellezza e di Bruttezza a cosa porta? O dell’Assoluto, di Paradossi e aforismi, di falso o ancora di teoria del complotto? La mole dell’opera, volendo analizzare la serie di citazioni letterarie, filosofiche e visive, è immensa e densa, eppure la lettura e la riflessione scorrono con una freschezza sorprendente. Il lavoro sul linguaggio, come accennavamo all’inizio, è qui sapiente e naturale, un esempio alto e duraturo. Gli argomenti, alcuni dei quali già affrontati nelle più ristrette Bustine di Minerva, sono qui ampliati ed estesi, arricchiti e modellati in modo tale da risultare limpidi e precisi, ma anche rivelatori e necessari, oltre che estremamente piacevoli. Insomma, non c’è dubbio. Scorrendo le pagine di Sulle spalle dei giganti ci si fa sempre più chiara una certezza precisa, rassicurante: un gigante lo abbiamo trovato. Ora non ci resta altro che scalare la sua mole (intellettuale, si intende) e trovare il nostro posto più in alto possibile, sulle sue ampie spalle.

Luigi Bianco

Il blog di Luigi Bianco

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Luigi Bianco, «Recensioni». “Sulle spalle dei giganti” di Umberto Eco – Louis Book World

[…] Pubblicazione I-Libri […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Umberto

Eco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Eco Umberto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Maya cerca nell'arte un sentire lontano dalle convenzioni. Edoardo parte per una feroce missione in Medio Oriente lasciando sola sua moglie incinta. Mentre una postina ribalta ogni cosa, uno psichiatra lacaniano tenta di ricomporre il caleidoscopio. L'estate dell'umanità scompare. Ma c'è ancora qualcosa che Maya ed Edoardo possono fare per salvarsi.

Una volta l’estate

Palomba Ilaria, Annibaldi Luigi

Cosa fare per trasformare le cose che non ci piacciono? Come cambiare per essere felici? Non esiste una risposta giusta o una sbagliata. Esiste solo la domanda giusta. Questo libro ha il potere di rivelarci che cosa è meglio per noi. Nella coppia, in famiglia, nel lavoro, nelle relazioni interpersonali. Una serie di domande-chiave che dissipando le insicurezze e sbloccando schemi mentali di cui non siamo consapevoli, stimolano la conoscenza di noi stessi e mettono a fuoco i nostri reali desideri, fino a farci scoprire quali scelte ci porteranno alla felicità.

Il potere delle domande

Giovannini Lucia

W. Somerset Maugham non ha mai dovuto dilungarsi troppo a spiegare che cosa fosse il suo secondo e più celebre romanzo, quello che già alla sua uscita, nel 1915, fece di lui uno scrittore immensamente popolare. In diverse occasioni, si limitò infatti a precisare che Schiavo d’amore non era «un’autobiografia, ma un romanzo autobiografico» – e che Philip Carey, pur essendo orfano come lui, medico come lui, e come lui attratto dai lati meno dominabili dell’esistenza, era solo il protagonista di una finzione, e non la controfigura del suo autore. I lettori (allora come oggi) erano quindi liberi di seguire Philip prima durante gli studi a Heidelberg, poi negli anni della bohème parigina, e alla fine per tutto il lungo, tormentoso e distruttivo amore per Mildred, la cameriera reprensibile, perfida e perciò ancor più desiderabile (di cui non a caso Bette Davis è stata la definitiva incarnazione cinematografica) che finirà quasi per ucciderlo. Ma se si può anche fingere di credere a quel diabolico illusionista di Maugham quando sostiene di aver prestato a Philip solo i sentimenti, è legittimo sospettare che poche altre volte, in letteratura, la menzogna romanzesca – anche la più sofisticata e avvincente, come questa – abbia coinciso in modo tanto fedele e tanto necessario con una personale, e quasi feroce, autenticità.

Schiavo d’amore

Maugham W. Somerset

Un'amica. Ecco cosa vorrebbe più di ogni altra cosa Cecelia Rose Honeycutt, detta CeeCee. Un desiderio normale, per una dodicenne. Ma CeeCee, fuori dalla scuola, evita i coetanei, per sfuggire alle loro battute e alle domande inopportune sulle stramberie di sua madre, che se ne va in giro vestita a festa con fascia e corona da reginetta di bellezza: quanto basta per farne lo zimbello di quella piccola città. Mentre suo padre è sempre assente, con la scusa del lavoro, CeeCee deve prendersi cura della mamma, nei suoi momenti di follia e in quelli di tristezza, quando fa volare i piatti in cucina imprecando contro le bugie del marito e quando dimentica di lavarsi, con lo sguardo fisso nel vuoto. Sono i libri gli unici amici di CeeCee, le storie il suo unico rifugio: un mondo fantastico scoperto grazie a Mrs Odell, la vicina ottantenne il cui pranzo della domenica ha il sapore di una famiglia vera. Finché, un giorno, la mamma perde la vita in un incidente. Il padre di CeeCee sembra non vedere l'ora di affidarla a una prozia, spuntata all'improvviso con l'intenzione di occuparsi della bambina. Comincia così un nuovo capitolo nel Libro della sua Vita, come le spiega Mrs Odell. Messo qualche romanzo in valigia, CeeCee parte con la bizzarra zia Tootie alla volta di una lontana città del Sud. Là, sarà accolta da un mondo variopinto e profumato tutto al femminile: da Mrs Goodpepper - che crede nel karma e nel kamasutra ma anche in qualsiasi rimedio antietà - a Oletta, la cuoca di colore, che custodisce gelosamente la ricetta dei suoi favolosi dolcetti alla cannella. Un mondo pronto ad amarla e a proteggerla. E ad aiutarla a trovare la sua strada, la più luminosa possibile.

LEZIONI DI VOLO PER PRINCIPIANTI

Hoffman Beth