Narrativa

Le sultane

Oliva Marilù

Descrizione: Tre donne regnano sovrane sul palazzo popolare di via Damasco, a Bologna. Sono soprannominate le sultane e hanno dai settant’anni in su. C’è Wilma, che nomina incessantemente il suo morto: è piccola e astuta, un’abile mercante che venderebbe l’acqua santa al diavolo. C’è Mafalda, la donna più tirchia sulla faccia della Terra. E infine Nunzia, bigotta fuori e golosa dentro, incapace di contenersi. Le loro imperfezioni sono state marchiate a fuoco da una vita poco gentile: Wilma non sa fare i conti col suo lutto e litiga in continuazione con la figlia Melania, una disgraziata adescata da una setta satanica che bussa alla porta solo quando necessita di un piatto caldo. Mafalda è costretta ad accudire il marito malato di Alzheimer. Nunzia, in delirio tra i suoi crocifissi, trova sempre il tempo per estorcere pettegolezzi e per concedersi i peccati che riesce ad arraffare. I loro desideri sono palliativi al grande sconforto dell’indifferenza che suscitano. Sono ignorate da un mondo a misura di giovinezza, un mondo incarnato dalla frastornante vicina del secondo piano, Carmela, cui Wilma prova a chiedere maggiore educazione e rispetto delle regole. Ma niente, quella continua a riderle in faccia. Le vecchie sono abituate a non ricevere considerazione, ragion per cui, quando improvvisamente l’esistenza le costringe a una svolta forzata, osano quello che non hanno mai osato fare e rompono tutti i tabù. Così, come tre parche potenti che inseguono disperate lo scoccare del loro tempo, nell’ombra filano i destini di chi ha tentato di metter loro i bastoni tra le ruote...

Categoria: Narrativa

Editore: Elliot

Collana: Scatti

Anno: 2014

ISBN: 9788861925571

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Chi sono “Le sultane” di Marilù Oliva?

Sono tre donne che hanno irrimediabilmente imboccato la via del tramonto anagrafico, ma che – non per questo – sono sprovviste di vitalità, sogni e desideri.
Le sultane (“Ci chiama le Sultane quando vuole canzonarci, perché dice che siamo le signore indiscusse di questo palazzotto di via Damasco”) sono Wilma, Mafalda e Nunzia: tre personaggi perfettamente caratterizzati nel crescendo di un romanzo che ci fa scoprire le sue eroine attraverso gesti, azioni, pensieri.

Wilma, narratrice in prima persona in capitoli alternati alla storia raccontata dalla scrittrice, è ancora attiva come instancabile venditrice. Ha la vita massacrata da vicende familiari dolorose: l’amato figlio Juri è tragicamente morto in un incidente stradale; la figlia Melania è blandamente ostaggio di una setta satanica; a lei – nondimeno – Wilma riserva un amore imperfetto, che ambisce al riscatto… Nei momenti d’intimità, la Sultana narrante indossa guepière e scarpette griffate e si ammira nello specchio sulle note di un disco di Mina.
Mafalda è taccagna fino al midollo… non fosse che il suo midollo è prosciugato da un marito affetto da demenza senile e da due figli che hanno sempre preso, senza mai ricambiare.
Nunzia ha un fisico a imbuto per via dell’elefantiasi delle gambe, è bigotta all’inverosimile, superstiziosa, e vive ignara delle vicende sentimentali della figlia. Nonostante queste caratteristiche recessive, riserva al lettore una sorpresa con la “S” maiuscola.

Le tre donne si tengono compagnia, si spalleggiano, sono legate da un’amicizia vera che non recede nemmeno di fronte al crimine…  un crimine che ha la leggerezza di “Arsenico e vecchi merletti” (“Chi mai potrebbe sospettare di due inoffensive vecchiette che trascorrono il sabato sera insieme per svagarsi a scala quaranta?”) e i risvolti truci del ”Grottesco” di Patrick McGrath (“Io non ho mangiato Carmela”), costituisce il sottofondo umoristicamente nero (“E basta con quella faccia. Non hai mica ammazzato nessuno”) che Marilù Oliva imbastisce per condurre il proprio ragionamento sulla senescenza e sui suoi drammi: sentirsi derisi o rifiutati (“Ma non ti rendi conto che sei ridicola, brutta vecchiaccia?… In quella frase è concentrata l’essenza profonda di come viene considerata la vecchiaia dalla stragrande maggioranza della società. Ridicola, inappropriata. Inutile.”), vivere il conflitto tra l’energia interiore e la decadenza dell’aspetto esteriore (“I birilli sono un dono della vecchia sgangherata del condominio di fianco, quella con la gobba e la ricrescita bianca”), macinare sogni in una progettualità che deve fare i conti con il tempo ancora a disposizione, aver paura della morte (“È quando arriva la vita che bisognerebbe aver paura, semmai, non quando scende la morte”)…

Il romanzo di Marilù Oliva è sfaccettato, proprio come la vita nella multiformità delle sue fasi: è divertente e malinconico, semplice e complicato, giovane e attempato, aspro e dolce, disperato e speranzoso (“Secondo te possiamo desiderare tutto quello che vogliamo?”)…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Intervista a Marilù Oliva, autrice de “Le sultane” – i-LIBRI

[…] – A beneficio di chi ti ha conosciuto soltanto con ““Le sultane”, potresti parlarci della trilogia della Guerrera? R – La Trilogia ruota attorno a Elisa […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marilù

Oliva

Libri dallo stesso autore

Intervista a Oliva Marilù


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La i-settimana dedicata a Pasolini

Un’auto lascia Roma di primo mattino. Durante tutto il viaggio, l’uomo al volante, un famoso regista, racconta la sua vita a chi gli siede accanto, il suo compagno, che ama di un amore sconfinato ormai da qualche anno. Sullo sfondo, il palazzo dove ogni cosa accade, crocevia di diverse solitudini, ma anche di incontri folgoranti e travolgenti passioni. E, soprattutto, Roma, come nessuno l’ha mai raccontata. Gli anni Ottanta e l’atmosfera di estrema libertà, la comunità gay e le lunghe estati nel segno della trasgressione, il flagello dell’Aids, la solidarietà che cementa grandi amicizie. Con uno stile irresistibile, lieve e toccante al tempo stesso, al suo secondo libro Ferzan Ozpetek, il regista che più di ogni altro sa parlare di sentimenti, ci guida in un viaggio avanti e indietro nel tempo, sospeso tra pianti e risate, fiction e realtà. Il suo è un mondo popolato da personaggi indimenticabili e bizzarri. Trans sul viale del tramonto, ballerini cleptomani, raffi nati intellettuali, inguaribili romantiche, madri degeneri e fi gli devoti. Le loro storie, esilaranti eppure commoventi, compongono “la Storia” di una vita che si annulla in un’altra, come estremo dono d’amore. Al centro, un sentimento assoluto, capace di resistere a qualsiasi prova della vita: l’Amore.

Sei la mia vita

Ozpetek Ferzan

Chi mai, se non lo stesso Busi, avrebbe potuto scrivere la sua "autobiografia non autorizzata", lanciandola spericolatamente al mondo in una lingua affabulatoria, epigrammatica, di un’eleganza senza pari e di un’oscenità terribile e al contempo scanzonata? Un romanzo che riconduce al punto di partenza secondo un percorso perfettamente circolare nel quale nulla accade perché tutto è già accaduto e non resta che prendere atto della verità così come la scrittura la riconosce e la indaga, la tenta, invano, a uscire allo scoperto attraverso personaggi che vorrebbero sottrarsi e restare misteriosi ma che sono troppo incantevoli e stregoneschi per non far girare la fantasia a mille del lettore.

Vacche amiche

Busi Aldo

Dove fanno il nido i ragni? L'unico a saperlo è Pin, che ha dieci anni, è orfano di entrambi i genitori e conosce molto bene la radura nei boschi in cui si rifugiano i piccoli insetti. È lo stesso posto in cui si rifugia lui, per stare lontano dalla guerra e dallo sbando in cui si ritrova il suo piccolo paese tra le colline della Liguria, dopo l'8 settembre 1943. Ma nessuno può davvero sfuggire a ciò che sta succedendo qui e nel resto d'Italia. Neppure Pin. Ben presto viene coinvolto nella Resistenza e nelle lotte dei partigiani, sempre alla ricerca di un grande amico che sia diverso da tutte le altre persone che ha conosciuto. Ma esisterà davvero qualcuno a cui rivelare il suo segreto? Il romanzo che ha segnato l'esordio di Italo Calvino, in edizione illustrata da Gianni De Conno. Età di lettura: da 13 anni.

Il sentiero dei nidi di ragno

Calvino Italo