Narrativa

SUONANDO PEZZI DI VETRO

Bonfanti Roberto

Descrizione: Il diario del ritorno sul palco di un giovane musicista dopo un periodo di lontananza dai riflettori. Un diario sincero e fragile, scandito a ritmo di musica, di poche settimane destinate a segnare l'esistenza del protagonista. Poche settimane vissute fra la quotidianità di un lavoro qualunque, le serate in sala prove o in tour con i compagni di una vita e la ricerca di una stabilità emotiva. Costantemente in bilico fra le inquietudini di un passato in eterno ritorno e l'esigenza di un nuovo equilibrio e nuovi lampi di serenità. Un romanzo crudo e diretto, figlio del caos di questi anni senza identità.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni del Faro

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788865371404

Trama

Le Vostre recensioni

Roberto Bonfanti, scrittore che esordisce nel 2007, si muove da anni nell’ambiente della musica indipendente e, non a caso, pubblica per l’etichetta librografica Neverlab (con il supporto e la collaborazione di Edizioni Del Faro), il romanzo/diario Suonando pezzi di vetro.

Il protagonista della storia, dopo diversi anni di pausa, decide assieme a Marcello, Fabrizio e Riccardo di ricominciare a portare in giro per l’Italia una vecchia passione: la musica.

Seguiamo il ragazzo, attraverso le tappe della tournée del piccolo gruppo, da Milano a Roma, da Bologna a Pisa, da Genova a Pescara che diventano poi le tappe della sua vita e del suo cambiamento.

Mentre lui è alle prove “o in giro per l’Italia a giocare a fare la rockstar” le vite delle donne che gli ruotano intorno proseguono verso la loro predestinata meta, escludendolo definitivamente.

Oltre alle vicende del gruppo, quelle amorose del protagonista decidono e condizionano i suoi stati d’animo, trapelano dalle sue canzoni e solleticano vecchi ricordi; vede i suoi compagni d’avventura, ognuno differente dall’altro, come delle persone che, se non altro, sono realizzate per se stesse.

A differenza loro, il nostro chitarrista è bloccato da pensieri confusi e da mille domande, dal ricordo di un amore di gioventù, da un amore negato e uno tradito, quando un banale incidente riesce infine a fargli prendere una decisione risolutrice per la sua esistenza.

“A quel punto – e solo a quel punto – ho capito cosa dovevo fare. A quel punto – e solo a quel punto – ho capito che era tempo di raccogliere le fiches e alzarmi dal tavolo da gioco. O forse di puntarle tutte in un’ultima mano senza pensieri”.

I capitoli recano per titolo una data, come se si trattasse di un diario. Lo stile dell’autore e il linguaggio dei dialoghi è molto semplice e colloquiale. Una lettura che per chi ha sognato/sogna un futuro su un palco e con in braccio uno strumento, può costituire una piacevole e veloce opportunità di confronto.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Roberto

Bonfanti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bonfanti Roberto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un gruppo di italiani e francesi, cerca di fondare una patria in un'isola della Melanesia, non lontana dalla Nuova Guinea.

Le isole del paradiso

Nievo Stanislao

Ivan, Fabrizio e Carlo. Meglio conosciuti come Lepre, Fuoco e Saetta. Tre ragazzi che vivono alle porte di Bologna, tre storie all'apparenza diverse fra loro, ma accomunate da un'amicizia vera, quella che resiste a tutto e tutti. A cavallo fra gli anni '60 e '70, si dipana la vicenda di Lepre, genio del calcio; Fuoco, pieno di ideali e impegnato nel movimento studentesco; Saetta, pragmatico, inquieto, operaio fin da subito, senza tempo da perdere. Cresceranno conservando quel pizzico di magia che li ha uniti, ma dovendo fare i conti con le asperità della vita che a volte li metterà inconsapevolmente contro. Tra le pagine dense e dure di Francesco Rago, scopriremo quanto possano essere effimeri i successi sportivi, gli ideali e il desiderio di una vita "normale". Ma sopra a tutto, resta la storia di un'amicizia. La storia della vita.

DOLCE COME IL PIOMBO

Rago Francesco

Un romanzo basato su fatti e personaggi assolutamente veri che racconta in modo completo la storia della guerra sporca della dittatura argentina: la metodologia della "desaparicion", i campi di concentramento clandestini, i bambini trattati come bottino di guerra, la persecuzione degli ebrei argentini, un incubo nell'incubo, la verità sul ruolo della chiesa cattolica, le connessioni e le coperture internazionali. E racconta anche la battaglia delle nonne e delle madri di Plaza de Mayo: una storia al femminile, fatta di amore, dolore e coraggio.

Le irregolari

Carlotto Massimo

Avremo mai il coraggio di essere noi stessi? Si chiedono i protagonisti di questo romanzo. Due ragazzi, due uomini, due incredibili destini. Uno eclettico e inquieto, l’altro sofferto e carnale. Un legame assoluto che s’impone, violento e creativo, insieme al sollevarsi della propria natura. I due protagonisti si allontanano, crescono geograficamente distanti, stabiliscono nuovi legami, ma il bisogno dell’altro resiste in quel primitivo abbandono che li riporta a se stessi. Nel luogo dove hanno imparato l’amore. Un luogo fragile e virile, tragico come il rifiuto, ambizioso come il desiderio. L’iniziazione sentimentale di Guido e Costantino attraversa le stagioni della vita, l’infanzia, l’adolescenza, il ratto dell’età adulta. Mettono a repentaglio tutto, ogni altro affetto, ogni sicurezza conquistata, la stessa incolumità personale. E ogni fase della vita rende più struggente la nostalgia per quell’età dello splendore che i due protagonisti, guerrieri con la lancia spezzata, attraversano insieme. La voce narrante del protagonista ha la limpidezza poetica, l’ingenua epicità dei grandi inetti della letteratura, s’impenna funambolica, s’immerge tragica e gioiosa nelle mille insenature di questo romanzo che è insieme classico e sperimentale. Un romanzo che non somiglia a nessun romanzo, perché una storia d’amore non somiglia a nessun’altra storia d’amore. Margaret Mazzantini ci affida un romanzo ipnotico, dotato di una luce che ti fucila alle spalle, che avanza con l’urgenza folle e anticonformista di un narratore che rivendica il diritto di trasformare la vergogna in bellezza. Il diritto della letteratura, quello di risvegliarci lasciandoci nello stupore di un fragoroso sogno. Perché il vero scandalo sarebbe non aver cercato se stessi. E alla fine sappiamo che ognuno di noi può essere soltanto quello che è. E che il vero splendore è la nostra singola, sofferta, diversità.

Splendore

Mazzantini Margaret