Giallo - thriller - noir

Tabù

Schirach von Ferdinand

Descrizione: Sebastian von Eschbung è cresciuto schiacciato da un dolore terribile e inspiegabile, con il quale fatica a venire a patti: il suicidio del padre quando lui era solo un bambino. Ora, da adulto, cerca di esorcizzare i fantasmi del passato attraverso l'arte. Con le fotografie che scatta e le installazioni video, tenta di dimostrare che la realtà e la verità sono due cose diverse, cerca di spiegare che cosa sono la bellezza, il sesso, la solitudine infinita dell'essere umano. Ma poi accade qualcosa di terribile, la scomparsa di una ragazza, che Sebastian conosce, dietro la quale si sospetta l'omicidio. Manca il corpo, ma Sebastian viene accusato di averla uccisa. La sua difesa viene assunta da un anziano avvocato, che aiutando il giovane artista cerca di aiutare anche se stesso...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Longanesi

Collana: La gaja scienza

Anno: 2014

ISBN: 9788830440234

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Sebastian Eschburg è il protagonista di “Tabù” di Ferdinand von Schirach. La sua storia scorre veloce attraverso le pagine di un romanzo promettente nelle premesse, in parte deludente nell’epilogo.

Il piccolo Sebastian ha un rapporto privilegiato con il padre, che lo conduce a caccia, ove sperimenta un’avventura di sangue che lo respinge e lo attrae al tempo stesso; “Sebastian sapeva che i suoi genitori non si amavano più”; adora la sua casa sul lago, alla quale connette affetti e amicizie; purtroppo è testimone oculare di un suicidio sconvolgente (“Gli disse che il padre aveva avuto un incidente, gli era partito un colpo mentre puliva il fucile”) che  mina per sempre la sua vita (“Il medico grasso parlò di allucinazioni visive”). Confinato in collegio, assiste alla nuova relazione della madre, dalla quale si allontana (“Doveva andare a cavallo, disse, non poteva farne a meno”), mentre rimane profondamente turbato dalla vendita della casa di famiglia (“Suo padre gli aveva assicurato che la casa ci sarebbe sempre stata”).

Gli anni passano e Sebastian diventa un fotografo di nudi di successo, ma incontra numerose difficoltà relazionali che gli impediscono di mantenere rapporti stabili (“Ma Eschburg non aveva velleità artistiche, per mezzo della fotografia desiderava solo creare un altro mondo, caldo e accogliente”). Quando viene incolpato di un omicidio atroce – tutti gli indizi sembrano indicare che lui sia l’assassino della ragazza scomparsa – dimostra totale indifferenza per l’accusa che gli viene rivolta (“È accusato di omicidio volontario aggravato, ha rilasciato una confessione, è rinchiuso nell’istituto di custodia cautelare e i giornali scrivono articoli orrendi su di lui. ma sembra che tutto questo non gli faccia né caldo né freddo”) e rilascia una confessione che gli viene estorta dalla polizia con la violenza.

S’interessa di lui uno strambo avvocato, Konrad Biegler, molto risoluto a dimostrare l’innocenza del suo assistito. La dimostrazione verrà prodotta nell’aula del tribunale e lascerà tutti (proprio tutti, anche il lettore) interdetti (“Ma perché tutta questa messa in scena? …Non tollerava più nulla tra sé e il quadro. Tiziano dipingeva con il suo stesso corpo”)…

Il romanzo è interessante ed efficace nel visualizzare anche sul piano stilistico i colori (“Allorché la luce dei colori verde, rosso e blu si mescola in eguale misura ci appare bianca – La teoria dei colori secondo Helmholtz”) di una vicenda drammatica; la trama si propone di mettere in discussione la superficialità delle accuse costruite con metodi sommari e rudimentali (la cronaca italiana abbonda di casi anche recenti), che pretendono di spacciare apparenze come verità. Se lo scopo è pregevole, al lettore rimane tuttavia un senso d’insoddisfazione che può essere equiparato alla delusione del giocatore che – disponendo di buone carte – scopre di aver perso soltanto per un bluff…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ferdinand

Von

Schirach

Libri dallo stesso autore

Intervista a Schirach von Ferdinand

Cos'hanno in comune gli atti con le azioni? Esistono atti inediti, mai compiuti, che possono divenire autentici mezzi di liberazione e disturbo del "quieto" vivere? E cosa possiamo imparare dagli animali per cambiare lo stato di cose presente? Dal punto di vista della società-grattacielo, le risposte a queste domande dovranno essere qualcosa d'inaccettabile. D'intollerabile, anche solo per un attimo. Quando saranno tollerabili, ecco la filosofia d'accademia, "di cani abbaianti in una cuccia sordomuta, ignoranti allo sbaraglio". La filosofia non cerca soluzioni, ma problemi. Non può prestarsi alla perversione della cura: resta per sua stessa essenza diagnosi.

Flatus vocis

Caffo Leonardo

La vita di Caterina è scandita in due tempi, ben separati tra loro. Nel primo c’è una bambina che insegue una fila di formiche. Un cane che guaisce oltre la porta, i rami di un melo, sei anni d’infanzia muta cancellati dal fuoco. Nel secondo ci sono un lavoro, un marito, due figli. C’è la donna che Caterina è diventata, dopo aver imparato faticosamente i passi e le parole. Tutto ciò che sta in mezzo è merito di una straordinaria madre adottiva, la donna vitale e insaziabile il cui corpo giace oggi in una stanza d’albergo, accanto a quello del suo uomo. Ed è proprio qui che Caterina si ritrova insieme a Daniele, il figlio di lui, per cercare di ricostruire il corso degli eventi. E’ in questo pugno di giorni che la sua vita per la prima volta le si rivela intera. Daniele ha un’allegria forsennata, un’energia che rompe il guscio delle cose, e Caterina una capacità strana, la facoltà visionaria d’indovinare gli sconosciuti. La morte dei loro genitori è l’unica cosa che hanno in comune, ma la libertà disperata di quei pochi giorni insieme insegnerà ad entrambi un modo nuovo di stare al mondo.

Essere vivi

Comencini Cristina

Alex è un cantante famoso. Dalla vita ha avuto la gloria, l’ammirazione dei fan, premi e ricchezze. Ma gli è mancata Greta, il grande amore con cui non si è mai trovato al momento giusto, qualcosa ha sempre impedito loro di stare insieme. Finché un giorno, fuori da una fermata del metrò di Parigi, la città dove vive, Alex fa amicizia con una ragazza che vende tubi con cui fare le bolle di sapone. Chiacchierano, lui le racconta la sua storia con Greta, come, dal primo incontro a Napoli in poi, si siano sempre sfiorati, senza mai riuscire davvero ad affidarsi l’uno all’altra. La ragazza lo ascolta, gli porge in dono un tubo dei suoi e gli propone un patto che sembra impossibile. Ogni volta che soffierà nel cerchio e formerà le bolle di sapone, Alex potrà tornare in un giorno del suo passato, per cambiarlo. Ma per ogni viaggio nel tempo, dovrà rinunciare a un anno di vita. Alex rientra nella camera d’albergo, la sua casa parigina, guarda e riguarda il tubo. È possibile che quello che ha detto la ragazza sia vero? Potrà davvero modificare il corso degli eventi e vivere la sua storia d’amore con Greta? Ambientato tra una Parigi magica e una Napoli calda e avvolgente, Un anno per un giorno segna il grande ritorno di Massimo Bisotti, con un romanzo meraviglioso scritto col suo stile inconfondibile, una storia incantata che riflette sui sentimenti umani, sull’intreccio tra speranza e destino.

Un anno per un giorno

Bisotti Massimo

A volte il cambiamento avviene in maniera naturale e progressiva e noi ci rendiamo conto solo del risultato finale. Altre volte invece il cambiamento è repentino e brutalmente evidente. Paolo e Alexis, due amici inseparabili, vivono in contemporanea un cambiamento radicale per entrambi. La metamorfosi di Paolo viene da dentro, la crescita avviene suo malgrado. I nuovi desideri aprono la strada a un amore più completo che mai, a una felicità fatta non più di sbronze e piaceri egoistici, ma di attenzione vera per l'altro e condivisione di progetti costruttivi. Alexis è sconvolta dall'amore per una donna che la mette di fronte ai preconcetti propri e altrui. La trama leggera permette all'autore del romanzo di infilare nel racconto semplici ma incisivi brani informativi, ricchi di dati chiari e interessanti, che aiutano sia i protagonisti sia i lettori ad allargare i loro orizzonti culturali ed emotivi. Prefazione di Aurelio Mancuso.

DUE NON E’ IL DOPPIO DI UNO

Groppo Elettra