Giallo - thriller - noir

Tabù

Schirach von Ferdinand

Descrizione: Sebastian von Eschbung è cresciuto schiacciato da un dolore terribile e inspiegabile, con il quale fatica a venire a patti: il suicidio del padre quando lui era solo un bambino. Ora, da adulto, cerca di esorcizzare i fantasmi del passato attraverso l'arte. Con le fotografie che scatta e le installazioni video, tenta di dimostrare che la realtà e la verità sono due cose diverse, cerca di spiegare che cosa sono la bellezza, il sesso, la solitudine infinita dell'essere umano. Ma poi accade qualcosa di terribile, la scomparsa di una ragazza, che Sebastian conosce, dietro la quale si sospetta l'omicidio. Manca il corpo, ma Sebastian viene accusato di averla uccisa. La sua difesa viene assunta da un anziano avvocato, che aiutando il giovane artista cerca di aiutare anche se stesso...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Longanesi

Collana: La gaja scienza

Anno: 2014

ISBN: 9788830440234

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Sebastian Eschburg è il protagonista di “Tabù” di Ferdinand von Schirach. La sua storia scorre veloce attraverso le pagine di un romanzo promettente nelle premesse, in parte deludente nell’epilogo.

Il piccolo Sebastian ha un rapporto privilegiato con il padre, che lo conduce a caccia, ove sperimenta un’avventura di sangue che lo respinge e lo attrae al tempo stesso; “Sebastian sapeva che i suoi genitori non si amavano più”; adora la sua casa sul lago, alla quale connette affetti e amicizie; purtroppo è testimone oculare di un suicidio sconvolgente (“Gli disse che il padre aveva avuto un incidente, gli era partito un colpo mentre puliva il fucile”) che  mina per sempre la sua vita (“Il medico grasso parlò di allucinazioni visive”). Confinato in collegio, assiste alla nuova relazione della madre, dalla quale si allontana (“Doveva andare a cavallo, disse, non poteva farne a meno”), mentre rimane profondamente turbato dalla vendita della casa di famiglia (“Suo padre gli aveva assicurato che la casa ci sarebbe sempre stata”).

Gli anni passano e Sebastian diventa un fotografo di nudi di successo, ma incontra numerose difficoltà relazionali che gli impediscono di mantenere rapporti stabili (“Ma Eschburg non aveva velleità artistiche, per mezzo della fotografia desiderava solo creare un altro mondo, caldo e accogliente”). Quando viene incolpato di un omicidio atroce – tutti gli indizi sembrano indicare che lui sia l’assassino della ragazza scomparsa – dimostra totale indifferenza per l’accusa che gli viene rivolta (“È accusato di omicidio volontario aggravato, ha rilasciato una confessione, è rinchiuso nell’istituto di custodia cautelare e i giornali scrivono articoli orrendi su di lui. ma sembra che tutto questo non gli faccia né caldo né freddo”) e rilascia una confessione che gli viene estorta dalla polizia con la violenza.

S’interessa di lui uno strambo avvocato, Konrad Biegler, molto risoluto a dimostrare l’innocenza del suo assistito. La dimostrazione verrà prodotta nell’aula del tribunale e lascerà tutti (proprio tutti, anche il lettore) interdetti (“Ma perché tutta questa messa in scena? …Non tollerava più nulla tra sé e il quadro. Tiziano dipingeva con il suo stesso corpo”)…

Il romanzo è interessante ed efficace nel visualizzare anche sul piano stilistico i colori (“Allorché la luce dei colori verde, rosso e blu si mescola in eguale misura ci appare bianca – La teoria dei colori secondo Helmholtz”) di una vicenda drammatica; la trama si propone di mettere in discussione la superficialità delle accuse costruite con metodi sommari e rudimentali (la cronaca italiana abbonda di casi anche recenti), che pretendono di spacciare apparenze come verità. Se lo scopo è pregevole, al lettore rimane tuttavia un senso d’insoddisfazione che può essere equiparato alla delusione del giocatore che – disponendo di buone carte – scopre di aver perso soltanto per un bluff…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ferdinand

Von

Schirach

Libri dallo stesso autore

Intervista a Schirach von Ferdinand


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Si avvicina il Natale, e come ogni anno Luca Cupiello si accinge a preparare il presepe nonostante l'insofferenza di sua moglie Concetta e suo figlio Tommasino. Per Luca il presepe rappresenta una priorità assoluta del suo vivere quotidiano, ma in realtà la quiete famliare è turbata da un dramma che sua moglie Concetta - chissà come - riesce a tenere nascosto al marito. La figlia di Luca e Concetta, Ninuccia è sposata con Nicolino, un facoltoso commerciante, ma non lo ama, ed anzi ha intenzione di fuggire con il suo amante, Vittorio Elia, comunicando la sua decisione al marito per lettera. Concetta riesce a strappare dalle mani di Ninuccia la lettera, per impedire che il peggio accada, ma nella confusione - e senza sapere nulla - Luca consegna la missiva al genero...

Natale in casa Cupiello

De Filippo Eduardo

Aurora Marella si racconta a Le Parole di Lilly

Il volume "Alberto Moravia e La ciociara. Letteratura. Storia. Cinema", raccoglie le relazioni pronunciate nel corso del II Convegno Internazionale svoltosi a Fondi, nei luoghi del romanzo, il 13 aprile 2012, e con alcuni interventi di rilievo, oltre alla prefazione di Rino Caputo, al saggio introduttivo di Angelo Fàvaro, alle conclusioni di Dante Della Terza e all'indirizzo di saluto di Dacia Maraini. Pubblicato dalle Edizioni Sinestesie, con il patrocinio dell'Associazione Fondo Alberto Moravia, è passato al vaglio di numerosi comitati scientifici e ha ottenuto il plauso per i contenuti e per la forma editoriale. Da non tacere alcuni interventi di insigni storici della letteratura, intellettuali, italianisti, esperti dell'Opera di Alberto Moravia, non senza alcune inedite riflessioni e dimostrazioni.

Alberto Moravia e La ciociara – Atti del secondo convegno internazionale a Fondi (Edizioni Sinestesie)

Autori vari

È la storia di un incontro, questo libro intimo e provocatorio: tra una grande scrittrice che ha fatto della parola il proprio strumento per raccontare la realtà e una donna intelligente e volitiva a cui la parola è stata negata. Non potrebbero essere più diverse, Dacia Maraini e Chiara di Assisi, la santa che nella grande Storia scritta dagli uomini ha sempre vissuto all’ombra di Francesco. Eppure sono indissolubilmente legate dal bisogno di esprimere sempre la propria voce. Chiara ha dodici anni appena quando vede “il matto” di Assisi spogliarsi davanti al vescovo e alla città. È bella, nobile e destinata a un ottimo matrimonio, ma quel giorno la sua vita si accende del fuoco della chiamata: seguirà lo scandaloso trentenne dalle orecchie a sventola e si ritirerà dal mondo per abbracciare, nella solitudine di un’esistenza quasi carceraria, la povertà e la libertà di non possedere. Sta tutta qui la disobbedienza di Chiara, in questo strappo creativo alle convenzioni di un’epoca declinata al maschile. Perché, ieri come oggi, avere coraggio significa per una donna pensare e scegliere con la propria testa, anche attraverso un silenzio nutrito di idee. In questo racconto, che a volte si fa scontro appassionato, segnato da sogni e continue domande, Dacia Maraini traccia per noi il ritratto vivido di una Chiara che prima è donna, poi santa dal corpo tormentato ma felice: una creatura che ha saputo dare vita a un linguaggio rivoluzionario e superare le regole del suo tempo per seguirne una, la sua.

Chiara di Assisi. Elogio della disobbedienza

Maraini Dacia