Letteratura americana

Tenera è la notte

Fitzgerald Francis Scott

Descrizione: La storia di un amore divorante, la denuncia della seduzione del denaro e la confessione dell'inevitabile sconfitta della sensibilità. Il testamento di Francis Scott Fitzgerald.

Categoria: Letteratura americana

Editore: BUR

Collana: I grandi romanzi

Anno: 2012

Traduttore: Flavio Santi

ISBN: 9788806174538

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Quel giorno non amoreggiarono, ma quando lui la lasciò davanti alla desolata porta sullo Zurichsee e lei si girò per guardarlo, capì che ora il problema della ragazza era di entrambi.

Ci sono Dick e Nicole. C’è l’Hotel du Cap a Cap d’Antibes. L’anno è il 1925. Gli eventi conducono al mare della Costa Azzurra e a un tempo in cui i protagonisti trascorrono i giorni concedendosi tutto il divertimento possibile. Americani in trasferta senza problemi reali se non il proprio personale e imbarazzante egoismo. Abbienti e viziati appaiono pericolosamente annoiati in fuga da se stessi e dai terribili segreti del loro passato.

La stesura di questo romanzo (più versioni riviste da Fitzgerald nell’arco di un tempo lungo nove anni) si riflette nelle tormentate vicende dei suoi personaggi.
Lo psichiatra Dick Diver dopo l’incontro in una clinica a Zurigo con la giovanissima e avvenente Nicole Warren afflitta da un disagio mentale dalle radici profonde, decide di abbandonare la precoce e brillante carriera per sposarla. La loro vita di coppia, all’apparenza invidiabile, è logorata dai fantasmi della malattia di fronte alla quale lo stesso Dick, nonostante le promesse fatte a se stesso e alla moglie, dovrà arrendersi.

La diffusa magia del caldo e dolce Sud si era insinuata tra di loro – la notte dal soffice passo e lo sciabordio spettrale del Mediterraneo laggiù in fondo; poi la magia lasciò queste cose e si fuse ai due Diver, diventando parte di loro.

L’incontro con la giovanissima attrice americana Rosemary Hoyt sulla spiaggia di Cap d’Antibes sembra sconvolgere il già precario equilibrio della coppia, ma solo per il tempo di qualche bacio rubato tra una serata mondana e l’altra. Il contorno di dissolutezza e amicizie fittizie contribuisce a rendere ogni cosa precario ed evanescente. Ciò che rimane ai protagonisti Dick e Nicole è la ferocia di una realtà che si manifesta puntualmente per quello che è. Le falsità e l’ipocrisia di un’annoiata classe borghese, quella americana, trapiantata nel vecchio continente per l’occasione, sono il leitmotiv di questo complesso romanzo.
I contatti con le classi aristocratiche americane avevano lasciato in lui il marchio del loro snobismo incerto ed esitante, la loro gioia nell’ignoranza e la loro deliberata volgarità, tutte caratteristiche mutuate dagli inglesi senza alcuna considerazione per i fattori che rendono il filisteismo e la volgarità inglesi voluti e applicati in una terra dove un po’ di cultura e di civiltà valgono più che altrove: atteggiamento che ha raggiunto il culmine nello “stile Harvard” di inizio Novecento. […] Il loro gruppo era prepotentemente americano, e talora scarsamente americano. Dick restituiva a ciascuno il proprio io, offuscato dai compromessi di molti anni.

Il nucleo è scandito dagli anni centrali del matrimonio della coppia (1919-1929), dalla Costa Azzurra alla Svizzera, passando dall’America all’Italia, i coniugi Diver dovranno fare i conti con la caduta a picco della loro relazione e dalla sconsideratezza delle loro decisioni passate. L’intenso sentimento che li aveva uniti in passato rendendoli ciechi di fronte alle inevitabili complicazioni, si trasformerà con il tempo in un legame soffocante e perverso, capace di trascinarli in un’insana e spietata follia.
In quei nove anni lei gli aveva fatto varcare molte volte il confine, trascinandolo dalla sua parte, neutralizzandolo con una pietà disarmante o un impeto di spirito, fantasioso e incoerente, e soltanto a fatto compiuto lui si rendeva conto, con la consapevolezza dovuta al rilassamento dalla tensione, che lei aveva segnato un altro punto contro il suo buonsenso.

Francis Scott Fitzgerald attinge abbondantemente dalla propria esperienza autobiografica, tanto nella creazione dei suoi personaggi quanto nella descrizione dei luoghi. Così Nicole Warren ricorda la compagna di una vita Zelda, mentre Rosemary rimanda all’attrice Loan Moran incontrata da Fitzgerald nel 1927 a Hollywood.
Anche per i personaggi minori come il musicista Abe North e l’ex legionario Tommy Barban, lo scrittore americano attinge dalla propria memoria e dalla propria cerchia di amici e conoscenti. I luoghi come l’Italia e la Costa Azzurra ricordano i lunghi periodi trascorsi da Fitzgerald in questi Paesi, come il suo soggiorno a Cap d’Antibes nel 1925.

Uscito nel 1934 e tradotto in italiano da Fernanda Pivano, Tender is the Night è un romanzo profondo, dai molteplici significati. L’analisi sociale si alterna a quella psicologica dei suoi protagonisti attraverso una padronanza tale delle descrizioni e delle immagini da rendere la narrazione fluida e travolgente.
Francis Scott Fitzgerald ci regala un’opera straordinariamente poetica e un ritratto memorabile di un’epoca.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Scott

Francis

Fitzgerald

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fitzgerald Francis Scott


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il protagonista di Samsa innamorato, un giorno, si sveglia in un letto e scopre con orrore di essersi trasformato in un essere umano. Non ricorda nulla della sua vita precedente. Sa solo che si chiama Gregor Samsa. Che fine ha fatto lo spesso carapace che lo proteggeva? E perché adesso è ricoperto da questa sottile, delicata pelle rosa? Chi, o cosa, era prima di quel risveglio? Insomma, adesso Samsa dovrà adattarsi alla nuova e "mostruosa" condizione di uomo. Quando però alla sua porta bussa una ragazza il cui fisico è deformato da un'enorme gobba, Samsa dovrà fare i conti con qualcos'altro di sconosciuto: il desiderio e l'erotismo visto con gli occhi nuovi di chi sa andare oltre le apparenze. Habara, il protagonista di Shahrazàd, è un uomo solo, confinato in una casa nella quale gli è vietato ogni contatto col mondo. Non sapremo mai perché, e in fondo non è importante: quello che sappiamo è che il suo unico svago sono le visite regolari di una donna misteriosa che lo rifornisce di libri, musica, film... e sesso. Ma soprattutto gli racconta delle storie, come faceva Shahrazàd nelle Mille e una notte. E in queste storie Habara si tuffa come un bambino, finalmente libero.

Uomini senza donne

Murakami Haruki

Le quarantanove prose di questo libro raccontano la graduale maturazione spirituale di un giovane uomo che, giorno dopo giorno, cerca di chiarire il proprio legame con se stesso, ma anche con la figura della madre e del padre, con la propria fidanzata, la città, il paese e lo Stato. In un periodo assai breve, ma come in un'illuminazione prolungata, egli tenta di radicarsi nella realtà in cui vive cercando di acquisire una solidità che nei tempi consumistici ed egotici di oggi sembra negata. È possibile rafforzare se stessi da se stessi? L'autore ci racconta quarantanove giorni della sua vita tentando di raggiungere ciò che il poeta Giorgio Caproni chiamava "quello stato profondo di sé che è di tutti", cercando di riportarlo alla realtà quotidiana, spingendo la poesia oltre il libro che la contiene.

Quarantanove giorni

Ricciardi Jacopo

Firenze, 1497. Pico della Mirandola è morto e con lui il suo sogno di unificare le religioni monoteistiche. Restano soltanto i roghi: a bruciare beni terreni e a incendiare le coscienze è Girolamo Savonarola, che ora governa la repubblica fiorentina col ferro e con il fuoco perché il sogno di Pico soffochi e scompaia per sempre. Ed è ciò che vogliono anche i Borgia, che dal soglio papale di una Roma affogata nel vizio e nei delitti muovono oscure trame di congiura e di conquista. Il sogno di papa Alessandro VI e di Cesare, figlio prediletto e maledetto, è di rendere il papato una dinastia. E perché ciò avvenga, l’autorità della religione cristiana non può essere minata in alcun modo. Nel cuore di questi conflitti, l’erede del pensiero di Pico, Ferruccio de Mola, è costretto a combattere ancora una volta, per salvare ciò che gli è più caro: la moglie Leonora. Soltanto lui, anche contro la propria volontà, può impedire che un mondo intero crolli su se stesso. Perché dal lontano Oriente, un anziano monaco e una giovane donna hanno intrapreso un viaggio che li condurrà nel cuore della città eterna. E portano con loro anche un libro misterioso, antico e potente. Un libro che contiene una parola dimenticata, una verità da sempre nascosta con la forza. La verità dell’uomo più importante dell’intera storia umana.

L’ERETICO

Martigli Carlo A.

Poesie di Franco Di Carlo: La conoscenza – parte terza