Letteratura americana

Tenera è la notte

Fitzgerald Francis Scott

Descrizione: La storia di un amore divorante, la denuncia della seduzione del denaro e la confessione dell'inevitabile sconfitta della sensibilità. Il testamento di Francis Scott Fitzgerald.

Categoria: Letteratura americana

Editore: BUR

Collana: I grandi romanzi

Anno: 2012

Traduttore: Flavio Santi

ISBN: 9788806174538

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Quel giorno non amoreggiarono, ma quando lui la lasciò davanti alla desolata porta sullo Zurichsee e lei si girò per guardarlo, capì che ora il problema della ragazza era di entrambi.

Ci sono Dick e Nicole. C’è l’Hotel du Cap a Cap d’Antibes. L’anno è il 1925. Gli eventi conducono al mare della Costa Azzurra e a un tempo in cui i protagonisti trascorrono i giorni concedendosi tutto il divertimento possibile. Americani in trasferta senza problemi reali se non il proprio personale e imbarazzante egoismo. Abbienti e viziati appaiono pericolosamente annoiati in fuga da se stessi e dai terribili segreti del loro passato.

La stesura di questo romanzo (più versioni riviste da Fitzgerald nell’arco di un tempo lungo nove anni) si riflette nelle tormentate vicende dei suoi personaggi.
Lo psichiatra Dick Diver dopo l’incontro in una clinica a Zurigo con la giovanissima e avvenente Nicole Warren afflitta da un disagio mentale dalle radici profonde, decide di abbandonare la precoce e brillante carriera per sposarla. La loro vita di coppia, all’apparenza invidiabile, è logorata dai fantasmi della malattia di fronte alla quale lo stesso Dick, nonostante le promesse fatte a se stesso e alla moglie, dovrà arrendersi.

La diffusa magia del caldo e dolce Sud si era insinuata tra di loro – la notte dal soffice passo e lo sciabordio spettrale del Mediterraneo laggiù in fondo; poi la magia lasciò queste cose e si fuse ai due Diver, diventando parte di loro.

L’incontro con la giovanissima attrice americana Rosemary Hoyt sulla spiaggia di Cap d’Antibes sembra sconvolgere il già precario equilibrio della coppia, ma solo per il tempo di qualche bacio rubato tra una serata mondana e l’altra. Il contorno di dissolutezza e amicizie fittizie contribuisce a rendere ogni cosa precario ed evanescente. Ciò che rimane ai protagonisti Dick e Nicole è la ferocia di una realtà che si manifesta puntualmente per quello che è. Le falsità e l’ipocrisia di un’annoiata classe borghese, quella americana, trapiantata nel vecchio continente per l’occasione, sono il leitmotiv di questo complesso romanzo.
I contatti con le classi aristocratiche americane avevano lasciato in lui il marchio del loro snobismo incerto ed esitante, la loro gioia nell’ignoranza e la loro deliberata volgarità, tutte caratteristiche mutuate dagli inglesi senza alcuna considerazione per i fattori che rendono il filisteismo e la volgarità inglesi voluti e applicati in una terra dove un po’ di cultura e di civiltà valgono più che altrove: atteggiamento che ha raggiunto il culmine nello “stile Harvard” di inizio Novecento. […] Il loro gruppo era prepotentemente americano, e talora scarsamente americano. Dick restituiva a ciascuno il proprio io, offuscato dai compromessi di molti anni.

Il nucleo è scandito dagli anni centrali del matrimonio della coppia (1919-1929), dalla Costa Azzurra alla Svizzera, passando dall’America all’Italia, i coniugi Diver dovranno fare i conti con la caduta a picco della loro relazione e dalla sconsideratezza delle loro decisioni passate. L’intenso sentimento che li aveva uniti in passato rendendoli ciechi di fronte alle inevitabili complicazioni, si trasformerà con il tempo in un legame soffocante e perverso, capace di trascinarli in un’insana e spietata follia.
In quei nove anni lei gli aveva fatto varcare molte volte il confine, trascinandolo dalla sua parte, neutralizzandolo con una pietà disarmante o un impeto di spirito, fantasioso e incoerente, e soltanto a fatto compiuto lui si rendeva conto, con la consapevolezza dovuta al rilassamento dalla tensione, che lei aveva segnato un altro punto contro il suo buonsenso.

Francis Scott Fitzgerald attinge abbondantemente dalla propria esperienza autobiografica, tanto nella creazione dei suoi personaggi quanto nella descrizione dei luoghi. Così Nicole Warren ricorda la compagna di una vita Zelda, mentre Rosemary rimanda all’attrice Loan Moran incontrata da Fitzgerald nel 1927 a Hollywood.
Anche per i personaggi minori come il musicista Abe North e l’ex legionario Tommy Barban, lo scrittore americano attinge dalla propria memoria e dalla propria cerchia di amici e conoscenti. I luoghi come l’Italia e la Costa Azzurra ricordano i lunghi periodi trascorsi da Fitzgerald in questi Paesi, come il suo soggiorno a Cap d’Antibes nel 1925.

Uscito nel 1934 e tradotto in italiano da Fernanda Pivano, Tender is the Night è un romanzo profondo, dai molteplici significati. L’analisi sociale si alterna a quella psicologica dei suoi protagonisti attraverso una padronanza tale delle descrizioni e delle immagini da rendere la narrazione fluida e travolgente.
Francis Scott Fitzgerald ci regala un’opera straordinariamente poetica e un ritratto memorabile di un’epoca.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Scott

Francis

Fitzgerald

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fitzgerald Francis Scott

Vent'anni dopo "Woobinda", Aldo Nove ritorna con "Anteprima mondiale". Vent'anni in cui tutto è cambiato senza tradire le profetiche premesse che infiammarono allora pubblico e critica. Nove racconta un mondo mutato per sempre, giunto oggi a un punto di saturazione, e gioca la carta più difficile: descrivere con ironia e compassione una deriva che non risparmia niente e nessuno, se non un residuale senso di umanesimo a cui possiamo ancorare le nostre speranze per il futuro. "Anteprima mondiale" fa ridere e al tempo stesso tocca le nostre inquietudini più profonde, riuscendo nel paradosso di trasformare, grazie alla letteratura, ciò che ci fa spavento in qualcosa di sorprendentemente comico.

Anteprima mondiale

Nove Aldo

Milano, 1973. Sono gli anni della grande industria cinematografica italiana, dell'Austerity, della cronaca nera prestata alla politica, della criminalità da far west, della Polizia con le mani legate, dell'imprenditoria gangster, delle grandi penne del giornalismo. Travolti da questi sconvolgimenti epocali e dalla sfortuna del quotidiano, un funambolo della pubblicità col vizio del gioco contrae un debito di troppo, un oste milanese dalle mani grandi fronteggia lo sfratto della bocciofila che gestisce, un fiorista ciociaro raccoglie i frantumi del proprio chiosco devastato dagli stuntmen di un film con Alain Delon. La morte di un loro vecchio collega, di quando scavavano i tunnel della metropolitana, li riunisce al cimitero. Da qui in poi, il terzetto ne penserà di ogni per risolvere i guai di ciascuno, fino a scegliere di mettere in pratica la più assurda delle idee: rubare il simbolo più alto di Milano, per riscattare i soldi e se stessi. Da un'idea di Luca Crovi, un noir a tre penne, una commedia che al sorriso combina la tensione drammatica ed emotiva dell'Italia degli anni Settanta, gli anni che ci hanno insegnato che l'assurdo non è una sciocchezza, ma l'impossibile che si fa reale.

OPERAZIONE MADONNINA

Ferrari Andrea

1 – Introduzione alla sezione giallo – thriller – noir

La vita di Alice è apparentemente perfetta: 28 anni, un lavoro a tempo indeterminato e un fidanzato che ama, ricambiata. Non le resta che cercare casa e fare dei figli, guadagnandosi il paradiso terrestre di una vita normale. Eppure di perfetto non c’è nulla. Il surreale sarcasmo di Alice fa scoprire al lettore situazioni che suo malgrado conosce fin troppo bene, nascoste dietro la maschera della normalità di un’ordinaria giornata in ufficio. Il badge che scandisce malignamente il tempo. La routine del ritmo aziendale che diventa ossessione. Le manie degli impiegati a un passo dalla psicosi. La sindrome antisociale dell’open-space. Le figure clownesche dei capufficio, tronfi della loro incompetenza. I giorni che invece di allargarsi in un presente vivo si spengono con monotonia uno sull’altro. Le pause – pausa-mela, pausa aria, pausa-sclero – sono le uniche boccate di sollievo. Finché Alice non scopre la pausa-papera! Osservando da dietro la recinzione dell’azienda i pennuti che vivono liberi nel loro stagno, ad Alice si rivela una nuova filosofia di vita, una possibilità di salvezza, di liberazione…

ALICE IN GABBIA

Gasbarro Arianna