Narrativa

Teoria delle ombre

Maurensig Paolo

Descrizione: La mattina del 24 marzo 1946 Alexander Alekhine, campione del mondo di scacchi, celebre anche per la singolare crudeltà del suo gioco e l’eccentrica personalità, venne trovato privo di vita nella sua stanza d’albergo, a Estoril. Il medico che assisté all’autopsia certificò che la morte era avvenuta per asfissia, provocata da un pezzo di carne cruda conficcatosi nella laringe. “Non è stato rilevato alcunché di sospetto che possa far pensare a un suicidio, né tantomeno a un omicidio” dichiarò. Ma come mai una simile precisazione? Forse perché le foto del cadavere potevano far pensare a una messinscena? Solo un romanziere appassionato di scacchi come Maurensig poteva provare a rispondere a queste domande.

Categoria: Narrativa

Editore: Adelphi

Collana: Fabula

Anno: 2015

ISBN: 9788845930256

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Paolo Maurensig formula la Teoria delle ombre e riapre – almeno in senso romanzesco – il caso della morte di un campione di scacchi (“Quell’uomo è Aleksandr Aleksandrovic Alechin, più noto come Alexandre Alekhine”).

Lo scacchista sovietico ha un passato ambiguo: sospettato di collaborazionismo per via di un’imbarazzante frequentazione, quella con il mecenate Hans Frank, ripara a Estoril dove si appresta a preparare la sfida che decreterà il campione mondiale degli scacchi.
Nell’albergo vuoto, ma che pian piano si va popolando con l’arrivo della bella stagione, Alexandre Alekhine conduce una vita appartata e semplice: la passeggiata mattutina (“Arrivati in prossimità del faro, si fermarono qualche minuto a osservare il volo di centinaia di procellarie che riempivano l’aria con uno strepito assordante”), la frequentazione di Neumann, un violinista ebreo, i ricordi del passato.
Chi sono i loschi personaggi (“… quel Boronov… Chi era?… Che fosse dell’NKGB?”) che compaiono all’improvviso nell’albergo? Chi minaccia il campione? Forse “il regime di Salazar”? Forse coloro che vogliono vendicare l’Olocausto? Forse il regime sovietico?

Quando Alekhine viene ritrovato morto nella sua camera d’albergo (“La mattina di domenica 24 marzo 1946, Alexandre Alekhine, campione del mondo di scacchi, fu trovato senza vita nella sua stanza dell’Hotel do Parque, a Estoril. A dare l’allarme il cameriere al piano incaricato di portargli la prima colazione…”), la polizia archivia frettolosamente il caso (“La PIDE – Policia Internacional e de Defesa do Estado – … impose… una rigorosa censura e archiviò rapidamente il caso senza avviare ulteriori indagini”).
Ma il romanziere nutre fondati sospetti (“Quello che mi manca è un plausibile movente”) che la morte non sia stata una fatalità (“Ne emerse che un boccone di carne gli aveva occluso le vie respiratorie, asfissiandolo”) e, grazie anche al potere della creazione artistica, ripropone il caso (“Ho dunque indossato i panni di un investigatore deciso a riaprire il caso di un crimine archiviato senza essere risolto”) formulando le proprie ipotesi su questa morte misteriosa.

In Teoria delle ombre gli scacchi sono una passione (“Negli scacchi esiste la mossa perfetta?… È difficile dirlo. C’è sempre un dettaglio la cui presenza è in grado di alterare l’intero sistema”) e un’allegoria al tempo stesso. La Teoria delle ombre proietta sul romanzo le fosche sagome e le intricate trame del gioco della vita: “Ogni figura, collocata nella propria casella, era simile all’immagine di un quadro, che al primo sguardo si rivela rassicurante nella sua lampante veracità, ma appena la si osserva meglio lascia trasparire un’altra immagine, più oscura della prima, seppure affine a essa come può esserlo un riflesso, un’ombra”.

Qui il sito ufficiale dell’autore, che con questo romanzo ha vinto il premio Cortina 2016.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Premio Cortina 2016 alla «Teoria delle ombre» di Paolo Maurensig - New i-LIBRI

[…] Riproponiamo oggi il nostro commento al romanzo vincitore del Premio Cortina 2016: http://www.i-libri.com/libri/teoria-delle-ombre/ […]

Premio Cortina 2016 alla «Teoria delle ombre» di Paolo Maurensig – i-LIBRI

[…] Riproponiamo oggi il nostro commento al romanzo vincitore del Premio Cortina 2016: http://www.i-libri.com/libri/teoria-delle-ombre/ […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Maurensig

Libri dallo stesso autore

Intervista a Maurensig Paolo

Clamence, un brillante avvocato parigino, abbandona improvvisa mente la sua carriera e sceglie come quartier generale un locale d'infimo ordine, il Mexico-City, ad Amsterdam. Presa coscienza dell'insincerità e della doppiezza che caratterizza la sua vita, Clamence decide di redimersi confessando e incitando (per sincerità, per virtù, per dialettica?) gli occasionali avventori della taverna portuale a confessare la loro "cattiva coscienza". Ma non bisogna lasciarsi ingannare: Clamence non si redime. L'eroe di Camus secondo le sue stesse parole "percorre una carriera di falso profeta che grida nel deserto e rifiuta di uscirne".

La caduta

Camus Albert

Il delitto di Meredith Kercher. Una vicenda tragica e ancora da decifrare. ..

Il beneficio del dubbio

Guede Rudy H.

“A volte penso addirittura che Napoli possa essere ancora l’ultima speranza che resta alla razza umana.” Luciano De Crescenzo Cari librai, sono felice di presentarvi questo libro a cui tengo molto perché, più di tutti, parla della città in cui sono nato e vivo da oltre quarant’anni: Napoli. È una raccolta dei miei “Granelli”, gli articoli che negli ultimi tre anni ho scritto ogni domenica per “la Repubblica” di Napoli, attraverso i quali ho cercato di descrivere le mille sfaccettature di questa città. È un libro che mi aiuterà a spiegare perché, a mio avviso, sia necessario cambiare prospettiva su Napoli, perché occorra mostrarla in modo diverso a chi non la vive quotidianamente e ne sente sempre parlare in chiave critica, sottolineando quanto sia una città normale, piena di buchi neri, certo, ma anche di luce, e quanto valga la pena conoscerla, visitarla, viverla. Una passeggiata sottobraccio con i miei lettori, insomma, per raccontare a modo mio i granelli di verità che ho raccolto strada facendo. Credo che il paese abbia più che mai bisogno di Napoli, di capirla fino in fondo, assorbirne la mentalità, la sua cultura del vivere, quell’affrontare l’esistenza con un’alzata di spalle, con la velata ironia che serve a mascherare la malinconia. Credo che abbia infinitamente bisogno della sua “filosofia leggera”, della sua arte, della creatività che riesce a esprimere nonostante tutto, la capacità di convertire il brutto nel bello, le difficoltà in successi, la vita in commedia e di “farsi bastare” la poesia delle piccole cose...

Cara Napoli

Marone Lorenzo

Dorian Gray, un giovane di straordinaria bellezza, si è fatto fare un ritratto da un pittore. Ossessionato dalla paura della vecchiaia, ottiene, con un sortilegio, che ogni segno che il tempo dovrebbe lasciare sul suo viso, compaia invece solo sul ritratto. Avido di piacere, si abbandona agli eccessi più sfrenati, mantenendo intatta la freschezza e la perfezione del suo viso. Poiché Hallward, il pittore, gli rimprovera tanta vergogna, lo uccide. A questo punto il ritratto diventa per Dorian un atto d'accusa e in un impeto di disperazione lo squarcia con una pugnalata. Ma è lui a cadere morto: il ritratto torna a raffigurare il giovane bello e puro di un tempo e a terra giace un vecchio segnato dal vizio.

Il ritratto di Dorian Gray

Wilde Oscar