Narrativa

Teoria delle ombre

Maurensig Paolo

Descrizione: La mattina del 24 marzo 1946 Alexander Alekhine, campione del mondo di scacchi, celebre anche per la singolare crudeltà del suo gioco e l’eccentrica personalità, venne trovato privo di vita nella sua stanza d’albergo, a Estoril. Il medico che assisté all’autopsia certificò che la morte era avvenuta per asfissia, provocata da un pezzo di carne cruda conficcatosi nella laringe. “Non è stato rilevato alcunché di sospetto che possa far pensare a un suicidio, né tantomeno a un omicidio” dichiarò. Ma come mai una simile precisazione? Forse perché le foto del cadavere potevano far pensare a una messinscena? Solo un romanziere appassionato di scacchi come Maurensig poteva provare a rispondere a queste domande.

Categoria: Narrativa

Editore: Adelphi

Collana: Fabula

Anno: 2015

ISBN: 9788845930256

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Paolo Maurensig formula la Teoria delle ombre e riapre – almeno in senso romanzesco – il caso della morte di un campione di scacchi (“Quell’uomo è Aleksandr Aleksandrovic Alechin, più noto come Alexandre Alekhine”).

Lo scacchista sovietico ha un passato ambiguo: sospettato di collaborazionismo per via di un’imbarazzante frequentazione, quella con il mecenate Hans Frank, ripara a Estoril dove si appresta a preparare la sfida che decreterà il campione mondiale degli scacchi.
Nell’albergo vuoto, ma che pian piano si va popolando con l’arrivo della bella stagione, Alexandre Alekhine conduce una vita appartata e semplice: la passeggiata mattutina (“Arrivati in prossimità del faro, si fermarono qualche minuto a osservare il volo di centinaia di procellarie che riempivano l’aria con uno strepito assordante”), la frequentazione di Neumann, un violinista ebreo, i ricordi del passato.
Chi sono i loschi personaggi (“… quel Boronov… Chi era?… Che fosse dell’NKGB?”) che compaiono all’improvviso nell’albergo? Chi minaccia il campione? Forse “il regime di Salazar”? Forse coloro che vogliono vendicare l’Olocausto? Forse il regime sovietico?

Quando Alekhine viene ritrovato morto nella sua camera d’albergo (“La mattina di domenica 24 marzo 1946, Alexandre Alekhine, campione del mondo di scacchi, fu trovato senza vita nella sua stanza dell’Hotel do Parque, a Estoril. A dare l’allarme il cameriere al piano incaricato di portargli la prima colazione…”), la polizia archivia frettolosamente il caso (“La PIDE – Policia Internacional e de Defesa do Estado – … impose… una rigorosa censura e archiviò rapidamente il caso senza avviare ulteriori indagini”).
Ma il romanziere nutre fondati sospetti (“Quello che mi manca è un plausibile movente”) che la morte non sia stata una fatalità (“Ne emerse che un boccone di carne gli aveva occluso le vie respiratorie, asfissiandolo”) e, grazie anche al potere della creazione artistica, ripropone il caso (“Ho dunque indossato i panni di un investigatore deciso a riaprire il caso di un crimine archiviato senza essere risolto”) formulando le proprie ipotesi su questa morte misteriosa.

In Teoria delle ombre gli scacchi sono una passione (“Negli scacchi esiste la mossa perfetta?… È difficile dirlo. C’è sempre un dettaglio la cui presenza è in grado di alterare l’intero sistema”) e un’allegoria al tempo stesso. La Teoria delle ombre proietta sul romanzo le fosche sagome e le intricate trame del gioco della vita: “Ogni figura, collocata nella propria casella, era simile all’immagine di un quadro, che al primo sguardo si rivela rassicurante nella sua lampante veracità, ma appena la si osserva meglio lascia trasparire un’altra immagine, più oscura della prima, seppure affine a essa come può esserlo un riflesso, un’ombra”.

Qui il sito ufficiale dell’autore, che con questo romanzo ha vinto il premio Cortina 2016.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Premio Cortina 2016 alla «Teoria delle ombre» di Paolo Maurensig – i-LIBRI

[…] Riproponiamo oggi il nostro commento al romanzo vincitore del Premio Cortina 2016: http://www.i-libri.com/libri/teoria-delle-ombre/ […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Maurensig

Libri dallo stesso autore

Intervista a Maurensig Paolo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In un caffè di Lahore, nel vecchio mercato di Anarkali, un giovane pakistano, Changez, racconta la propria storia a un cittadino americano incontrato apparentemente per caso. È la storia della sua ascesa come brillante analista finanziario a New York, del suo amore tragico per una bella e fragile fanciulla, e della sua caduta in disgrazia nei mesi successivi all'Undici settembre. Cos'è successo all'America? Cos'è successo a Changez? La sete di vendetta americana sembra averlo trasformato, controvoglia, in un pericoloso fondamentalista. E forse l'incontro nel caffè del vecchio mercato non è avvenuto per caso. "Una scrittura stupenda - che gioia imbattersi in una prosa tanto intelligente, in una simile chiarezza di pensiero e di esposizione - e una struttura impeccabile. L'autore sa avvitare le spire della suspense senza che il lettore se ne renda conto, dando vita a una storia di enorme tensione".

IL FONDAMENTALISTA RILUTTANTE

Hamid Mohsin

Tornando a casa dopo la scuola, uno studente si ferma in una strana biblioteca. Certo, anche la sua richiesta è un po' strana. Chiede alla bibliotecaria qualche libro che possa soddisfare la sua ultima curiosità (è un bambino curioso, il nostro protagonista): la riscossione delle tasse nell'impero ottomano. La bibliotecaria lo manda alla stanza 107. Qui l'aspetta un altro bibliotecario, ancora più bizzarro della prima: "aveva la faccia coperta di piccole macchie nere, come tanti moscerini. Era calvo e portava occhiali dalle lenti spesse. La sua calvizie non era uniforme. Tutt'intorno al cranio gli restavano ciuffi di capelli bianchi ritorti, come in un bosco dopo un incendio". E davvero una ben strana biblioteca, questa! Il bibliotecario accompagna il bambino attraverso un labirinto di corridoi e stanze, finché non arrivano in una stanza dove riposa un piccolo uomo vestito con una pelle di pecora. E qui le cose si fanno brutte: il bibliotecario e l'uomo-pecora spingono il piccolo in una cella. Il bambino rischia di fare una fine terribile se non arrivasse in suo soccorso una ragazza sconosciuta...

La strana biblioteca

Haruki Murakami

2010, Baia di Hudson. Allyson Gordon è una giovane ragazza di diciannove anni che vive a Churchill, un freddo e misterioso paesino di appena tremila abitanti nel Nord del Canada.Quando, in circostanze del tutto misteriose, conoscerà un giovane ragazzo indiano di nome Adahy e il suo amico Sewati, la sua vita cambierà inesorabilmente. Ben presto Allyson capirà il legame antico che unisce Adahy alla sua famiglia, scoprendo la verità sulle morti premature dei suoi antenati e di suo padre. Con l'aiuto dell'amico indiano Sewati dovrà cercare di salvare se stessa dalla medesima fine&Di origini abruzzesi, Lucilla Leone nasce a Roma nel 1975, dove risiede tuttora con il marito e i due figli. La passione per la scrittura la accompagna sin dai tempi delle Scuole Superiori.

Indio

Leone Lucilla

Può una vendetta realizzarsi nell’arco di un’intera esistenza? Amélie Nothomb torna con una storia d’amore nero in cui tocca le corde più intime del desiderio, là dove è difficile distinguere l’amore dal suo riflesso malato, e dove vincere o perdere diventano l’unica ragione per cui vale la pena vivere. Il 12 settembre 1970 Dominique conosce Claude sulla terrazza di un caffè a Brest, e non sa ancora che la sua vita sta per cambiare per sempre. Il destino ha fatto incontrare due persone dai nomi epiceni, maschili e femminili insieme. Lui la seduce con un bicchiere di champagne, un flacone di Chanel n° 5 e la promessa di trasferirsi a Parigi. La nascita della figlia tanto desiderata, Epicène, suscita tuttavia in Claude un incomprensibile disinteresse che, col passare degli anni, spinge la ragazza a odiare il padre e a desiderare di ucciderlo…

I nomi epiceni

Nothomb Amélie