Giallo - thriller - noir

Terra alla terra

Lusetti Lorena

Descrizione: Una nuova avventura per Stella Spada. Diventata responsabile dell’agenzia investigativa SS, in questo romanzo dovrà indagare, con il suo metodo molto personale, sul caso di una ragazza scomparsa da quindici anni.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Damster

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 978-88-6810-016-2

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Terra alla terra di Lorena Lusetti

Pubblicato nel 2013, vincitore del premio speciale della giuria al concorso internazionale città di Cattolica, Terra alla terra di Lorena Lusetti è la seconda indagine di Stella Spada.

Divenuta unica titolare dell’agenzia privata d’investigazioni, Stella deve fare i conti con gli scarsi introiti che non consentono di pagare fatture e bollette. Tra i fornitori ce n’è uno particolarmente odioso: il violento Esposito, che intima a Stella il pagamento delle spese per le pulizie, gestite come attività di copertura di un altro losco traffico ben più redditizio.

Intanto Stella accetta l’incarico affidatole dal signor Parisi, un padre disperato: “Diciassette anni fa mia figlia è uscita di casa per andare a lezione di nuoto, nella piscina dello stadio. Ė andata a piedi, perché vicino a casa. A lezione c’è andata, tutti lo hanno confermato, poi si è vestita, è uscita, ma non è mai arrivata a casa. Ci sono meno di duecento metri dallo stadio a casa nostra, e in questo tragitto Lara è sparita. Come se fosse evaporata. Non ne abbiamo saputo più nulla.”

Il caso – archiviato dalla polizia ormai da diversi anni – ricorda quello reale di Yara, tanto più che tra i possibili sospettati ci sono personaggi con tendenze pedofile: l’istruttore di nuoto e un vicino della famiglia Parisi.

Stella segue sia la pista della prostituzione giovanile – e per questo subisce la ritorsione di Esposito (“Mi pare che il tuo ufficio vada a fuoco un po’ troppo spesso, non è la prima volta, se non sbaglio”) – sia il circuito delle amicizie adolescenziali di Lara, rivolgendo l’attenzione a Marco e Rita. Intanto una frana sulle vicine colline disseppellisce un cadavere…

In questa seconda puntata (“I tuoi metodi sono poco ortodossi, senza dubbio però danno i loro frutti. Sei arrivata in pochi giorni dove molti altri non si sono avvicinati in molti anni d’indagine”) il lettore comincia ad affezionarsi al mondo di Stella, che nel frattempo si è separata dal marito Piero, tanto perfetto quanto inadatto al nuovo corso avventuroso e destrutturato della vita della più spiccia tra i detective dei romanzi (“A proposito di farla fuori, lei non sa quanto posso andarci vicino, in senso letterale intendo”).
Il figlio Simone, la vicina Alda e il suo sanbernardo Filippo, l’immancabile commissario Marconi completano l’universo bolognese nel quale Stella ormai si aggira da protagonista primaria. Salvo sorprese dell’ultimo momento: come sparatorie da autentico far west…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lorena

Lusetti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lusetti Lorena

Abbi cura di me

Estate 1996. Un' estate torrida e senza vento. Un gruppo di amici tra i 17 e i 20 anni si gode la bellezza della Costiera Amalfitana. Ci sono Pier, che ha una passione insolita per la poesia di Rimbaud, il suo migliore amico Dario, figlio di un vecchio aristocratico napoletano che preferisce lavorare in un pub anziché godersi i lussi di famiglia. E ci sono Luca, Liv, Silvia e Alessia. Sono tutti inquieti, nonostante un mare perennemente calmo e una luce bollente che riscalda le giornate. Per rompere la routine ci sono poche cose: saltare dal tetto di un palazzo ad un altro, oppure tuffarsi in mare posti sempre più alti e imprevedibile. Finché un giorno, Francesca, la ragazza di Pier, scompare. In quegli stessi luoghi arriva un uomo dalla Francia. Si chiama Ezra, ed è uno scultore. Arriva lì seguendo il diario di sua figlia, morta in un incidente d'auto. L'uomo sta ritornando nelle città in cui lei ha vissuto. Vuole portarsi a casa da quei luoghi dei frammenti di terra, che poi userà per una scultura-memoriale. Quei ragazzi sono un mistero che Ezra non riesce in nessun modo a penetrare. Neanche quando intuisce che stanno progettando di suicidarsi non appena sarà finito agosto.

TUTTA LA BELLEZZA DEVE MORIRE

Pingitore Luigi

Dal 12 dicembre 1969, quando esplode la filiale della Banca Nazionale dell'Agricoltura di piazza Fontana a Milano, fino all'assassinio di Roberto Ruffilli da parte delle Brigate Rosse il 16 aprile 1988, in Italia sono state ammazzate quasi quattrocento persone, e oltre mille ferite e rese invalide. Sono gli anni di «piombo e di tritolo», la stagione degli attentati a mano armata del terrorismo «rosso» - che uccide magistrati come Emilio Alessandrini, operai come Guido Rossa, giornalisti come Carlo Casalegno e Walter Tobagi, che sequestra e condanna a morte il presidente della Dc Aldo Moro - e delle stragi «nere», con gli ordigni esplosivi di piazza della Loggia, del treno Italicus e della stazione di Bologna. Quale intreccio si stabilisce tra questi due fenomeni di segno ideologico opposto? Come si inseriscono le violenze nella storia dell'Italia sospesa tra modernizzazione e democrazia bloccata? In un racconto articolato e drammatico, Gianni Oliva ripercorre i fatti di quegli anni. E ricostruisce l'Italia dei due decenni precedenti, un paese a due velocità, stretto tra le aperture della Costituzione e le rigidità del Codice Rocco: da un lato conservatrice e retrograda (nel 1954 condanna al carcere la «Dama Bianca» di Fausto Coppi per adulterio), dall'altro Paese del miracolo economico, che si sposta con la Vespa o la Seicento, compra il frigorifero e il televisore e rimescola le sue culture con milioni di lavoratori trasferiti dal Meridione al Nord...

Anni di piombo e di tritolo

Oliva Gianni

Le metamorfosi o l’asino d’oro

Apuleio