Fantasy

TERRA IGNOTA

Santoni Vanni

Descrizione: È una limpida notte di luna piena, una notte di gioia e di festa, quando il Villaggio Alto subisce l'improvviso attacco di un manipolo di spietati cavalieri che portano morte e devastazione. In pochi sopravvivono: tra questi la giovane Ailis, mentre la sua migliore amica Vevisa viene rapita. Seguendo il folle proposito di vendicare la furia distruttrice che ha falcidiato il suo popolo e ritrovare Vevisa, Ailis, che è poco più di una bambina ma ha lo spirito audace e temerario di un guerriero, intraprende la sua lunga e perigliosa ricerca. Attraversando lande sconosciute e meravigliose conoscerà la schiavitù, la battaglia, le illusioni della magia e dell'amore, vedrà le molte facce della morte e capirà che senza questo iniziatico viaggio non avrebbe mai sollevato il velo sulle proprie arcane origini e sul proprio enigmatico destino: da lei potrebbe infatti dipendere l'equilibrio e il futuro stesso delle Terre Occidentali. Il primo volume di una grande saga che mescola fiaba, azione, epica cavalleresca e mito classico, dando nuovo splendore al genere fantasy in Italia.

Categoria: Fantasy

Editore: Mondadori

Collana: Chrysalide

Anno: 2013

ISBN: 9788804632078

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

Se non mi avessero chiesto di fare la recensione di Terra Ignota, col piffero che avrei comprato il libro di Vanni Santoni. Mica per pregiudizio o antipatia: oltre la metà degli aspiranti scrittori si cimenta con manoscritti di genere fantasy-epic-gothic-enonsopiùcheccazzodigenere possibile.

L’inflazione di genere è ben superiore allo Spread dei periodi più caldi.
Qualcosa hanno cagionato le saghe di Harry Potter, Il Signore degli anelli, i Vampiri di ogni grado e latitudine.
Quindi mi sono accinto a leggere il libro sull’Ipad sbadigliando già ab origine. Sia detto chiaramente che chi continua a negarsi la possibilità di leggere books in digitale depauperando soldi e risorse naturali, è un coglione.

Ogni pagina era intercalata da un fugone sul balcone per fare un aerosol di sigaretta. Sempre meno, sempre meno, fino a non fumare quasi per niente via via che incominciavo a familiarizzare con i nomi e gli oggetti descritti nel testo. Sono diventato un esperto di picca, che mi rassomigliava troppo a cippa, nevvero. E ben altro ancora.
Così mi sono immerso in questo ambiente dominato da ragazzine cazzute e coraggiose che per amicizia correrebbero pure il rischio di avere il petto fracassato da un colpo di maglio o un dardo di balestra laddove ci si poggia a sedere.

Ailis è splendida, coraggiosa, inesauribile. Rischia tanto per cercare la sua carissima Vevisa, rapita e imprigionata da gente sinistra e affatto simpatica: c’è uno che ha addirittura le palpebre suturate come serrande di un garage tirate fino in giù. Pur di salvare Vevisa e l’altro mocciosetto Breu, e vendicare lo sterminio del suo villaggio operato da gente malvagia, crudele, stronza insomma, si imbarca in disavventure da far battere i glutei per lo spavento. Viene rapita, venduta come schiava, inglobata in una masnada di gladiatori disposti a lottare per scommesse. Incontra Brigid, ragazza forte e coraggiosa che potrebbe esserle addirittura familiare, e Val, soldato per sbaglio e amante del disegno, che si ”unirà” a lei come nella Bibbia si univano Abramo e Sara e Rebecca “e nacque Isacco…”, a significare che esiste un modo per parlare di sesso e procreazione che non offenda il senso del pudore.

C’è la lotta tra il Bene e il Male, la Brama e l’Amicizia, la Magia e il Coraggio.

Qualcuno ci lascia le penne, forse non per sempre, trattandosi di un ambiente magico e di un romanzo irrisolto come in tutte le saghe che si rispettino: siamo curiosi di leggere nelle future avventure che sicuramente verranno scritte, che diavolo ne è stato di Val, perché sicuramente non finirà come sembra.
Di inventiva ce ne è tanta: un lupo grosso quanto una balena, vortici di fuoco che si sollevano dalla rena del mare a comando, mostri a tre teste portati a guinzaglio come un Pincher qualsiasi col cappottino, nasi con le gambe, cinghiali che corrono bardati con velo di sposa. Oddio, le ragazzine che ammiccano ondulando le gonnelline nella foresta potrebbero costituire un plot per un sequel hard sex successivo. Lo buttiamo lì come suggerimento.
Il linguaggio appare astruso all’inizio, poi diviene accessibile senza ricorrere al dizionario per conoscere il significato di alcuni tecnicismi o di alcuni oggetti appartenenti a periodi storici non più attuali. Il tutto è molto discorsivo, senza grandi tirate morali o filippiche indigeste. Semplice e ordinato, lineare, alla fin fine.

Avendo già espresso qualche considerazione sulla moda del fantasy, non ripeto cosa ne pensi, ma i gusti sono gusti.
Santoni è andato molto oltre le sue corde: ha pisciato veramente fuori dal seminario…
Passato da Personaggi precari e ragazzi sballati, attraversando passioni calcistiche per idoli della Fiorentina che portiamo nel cuore anche noi, si è applicato con successo a un genere molto in voga.
Il libro è piaciuto.

Scrivine un’altra, Vanni.

Oddio, che ho detto?!?!?!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vanni

Santoni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Santoni Vanni


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È estate, fa caldo, i turisti sono arrivati e, al commissariato di Perpignan nel sud della Francia, Sebag e Molina, poliziotti disillusi divorati dalla routine, si occupano dei casi in corso senza grande entusiasmo. Ma all'improvviso una giovane olandese viene brutalmente ammazzata su una spiaggia ad Argelès e un'altra sparisce a Perpignan senza lasciar traccia. Ritrovatosi suo malgrado al centro di un gioco diabolico, l’ispettore Sebag, alla mercé di uno psicopatico, metterà da parte preoccupazioni, problemi di cuore e interrogativi esistenziali per salvare ciò che ancora può essere salvato, in special modo la vita della ragazza che sembra essere stata sequestrata da un serial killer. Dovrà dissipare la cortina di fumo formata dai falsi indizi disseminati dal rapitore che lo ha invischiato in un sottile e inquietante gioco del gatto col topo. Con stile serrato e asciutto Philippe Georget riesce a delineare i contorni di una storia appassionante per i meccanismi psicologici che vi sono in gioco e di un personaggio umanissimo (molto bella la sua storia d’amore con la moglie), lontano dal cliché del poliziotto pronto a sacrificare tutto per il proprio lavoro, sullo sfondo della regione del Roussillon, gioiello naturalistico della Francia del sud.

D’ESTATE I GATTI SI ANNOIANO

Georget Philippe

Alle origini del romanzo contemporaneo la vicenda interiore di un personaggio segnato dalla psicanalisi.

La coscienza di Zeno

Svevo Italo

È l'ultimo giorno di università, e per due ragazzi sta finendo un'epoca. Ormai si sentono adulti e indipendenti, hanno davanti a sé l'intera vita, da afferrare a piene mani. Emma e Dexter sono a letto insieme, nudi. Lui è alto, scuro di carnagione, bello, ricco. Lei ha i capelli rossi, fa di tutto per vestirsi male, adora le questioni di principio e i grandi ideali. Si sono appena laureati, il giorno successivo lasceranno l'università. Dopo una serata di grandi bevute sono finiti a baciarsi con passione, e poi tra le lenzuola. Ora sono lì, l'uno accanto all'altra, nell'alba di una vita nuova. Quel giorno, il 15 luglio 1988, Dexter e Emma si dicono addio per la prima volta. Le loro strade si separano, lui è destinato a una vita di viaggi, divertimenti, ricchezza. Emma non ha soldi, ha bisogno al più presto di un lavoro, e sogna di cambiare il mondo. Emma si sposterà a Londra, farà la cameriera in un pessimo ristorante messicano e prenderà due decisioni importanti: diventare insegnante e andare a vivere con il suo ragazzo, Ian, un comico che non riesce a strappare una risata. Nel frattempo Dexter, grazie alla sue conoscenze e alle possibilità economiche, entra nell'industria dello spettacolo. Presenta un programma televisivo di dubbio gusto, assieme a una donna con cui si trova a uscire fin troppo spesso. È diventato dipendente dalle droghe, dal sesso facile e dalle celebrità di terza categoria che frequentano il suo mondo. Ma ogni 15 luglio c'è un momento speciale per entrambi: dove sarà Emma, cosa farà Dexter? Per venti anni, in quel giorno, si terranno in contatto. Nel corso di venti anni, ogni anno, per un giorno, saranno di nuovo assieme...

UN GIORNO

Nicholls David

Il piacere

D'Annunzio Gabriele