Fantasy

TERRA IGNOTA

Santoni Vanni

Descrizione: È una limpida notte di luna piena, una notte di gioia e di festa, quando il Villaggio Alto subisce l'improvviso attacco di un manipolo di spietati cavalieri che portano morte e devastazione. In pochi sopravvivono: tra questi la giovane Ailis, mentre la sua migliore amica Vevisa viene rapita. Seguendo il folle proposito di vendicare la furia distruttrice che ha falcidiato il suo popolo e ritrovare Vevisa, Ailis, che è poco più di una bambina ma ha lo spirito audace e temerario di un guerriero, intraprende la sua lunga e perigliosa ricerca. Attraversando lande sconosciute e meravigliose conoscerà la schiavitù, la battaglia, le illusioni della magia e dell'amore, vedrà le molte facce della morte e capirà che senza questo iniziatico viaggio non avrebbe mai sollevato il velo sulle proprie arcane origini e sul proprio enigmatico destino: da lei potrebbe infatti dipendere l'equilibrio e il futuro stesso delle Terre Occidentali. Il primo volume di una grande saga che mescola fiaba, azione, epica cavalleresca e mito classico, dando nuovo splendore al genere fantasy in Italia.

Categoria: Fantasy

Editore: Mondadori

Collana: Chrysalide

Anno: 2013

ISBN: 9788804632078

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

Se non mi avessero chiesto di fare la recensione di Terra Ignota, col piffero che avrei comprato il libro di Vanni Santoni. Mica per pregiudizio o antipatia: oltre la metà degli aspiranti scrittori si cimenta con manoscritti di genere fantasy-epic-gothic-enonsopiùcheccazzodigenere possibile.

L’inflazione di genere è ben superiore allo Spread dei periodi più caldi.
Qualcosa hanno cagionato le saghe di Harry Potter, Il Signore degli anelli, i Vampiri di ogni grado e latitudine.
Quindi mi sono accinto a leggere il libro sull’Ipad sbadigliando già ab origine. Sia detto chiaramente che chi continua a negarsi la possibilità di leggere books in digitale depauperando soldi e risorse naturali, è un coglione.

Ogni pagina era intercalata da un fugone sul balcone per fare un aerosol di sigaretta. Sempre meno, sempre meno, fino a non fumare quasi per niente via via che incominciavo a familiarizzare con i nomi e gli oggetti descritti nel testo. Sono diventato un esperto di picca, che mi rassomigliava troppo a cippa, nevvero. E ben altro ancora.
Così mi sono immerso in questo ambiente dominato da ragazzine cazzute e coraggiose che per amicizia correrebbero pure il rischio di avere il petto fracassato da un colpo di maglio o un dardo di balestra laddove ci si poggia a sedere.

Ailis è splendida, coraggiosa, inesauribile. Rischia tanto per cercare la sua carissima Vevisa, rapita e imprigionata da gente sinistra e affatto simpatica: c’è uno che ha addirittura le palpebre suturate come serrande di un garage tirate fino in giù. Pur di salvare Vevisa e l’altro mocciosetto Breu, e vendicare lo sterminio del suo villaggio operato da gente malvagia, crudele, stronza insomma, si imbarca in disavventure da far battere i glutei per lo spavento. Viene rapita, venduta come schiava, inglobata in una masnada di gladiatori disposti a lottare per scommesse. Incontra Brigid, ragazza forte e coraggiosa che potrebbe esserle addirittura familiare, e Val, soldato per sbaglio e amante del disegno, che si ”unirà” a lei come nella Bibbia si univano Abramo e Sara e Rebecca “e nacque Isacco…”, a significare che esiste un modo per parlare di sesso e procreazione che non offenda il senso del pudore.

C’è la lotta tra il Bene e il Male, la Brama e l’Amicizia, la Magia e il Coraggio.

Qualcuno ci lascia le penne, forse non per sempre, trattandosi di un ambiente magico e di un romanzo irrisolto come in tutte le saghe che si rispettino: siamo curiosi di leggere nelle future avventure che sicuramente verranno scritte, che diavolo ne è stato di Val, perché sicuramente non finirà come sembra.
Di inventiva ce ne è tanta: un lupo grosso quanto una balena, vortici di fuoco che si sollevano dalla rena del mare a comando, mostri a tre teste portati a guinzaglio come un Pincher qualsiasi col cappottino, nasi con le gambe, cinghiali che corrono bardati con velo di sposa. Oddio, le ragazzine che ammiccano ondulando le gonnelline nella foresta potrebbero costituire un plot per un sequel hard sex successivo. Lo buttiamo lì come suggerimento.
Il linguaggio appare astruso all’inizio, poi diviene accessibile senza ricorrere al dizionario per conoscere il significato di alcuni tecnicismi o di alcuni oggetti appartenenti a periodi storici non più attuali. Il tutto è molto discorsivo, senza grandi tirate morali o filippiche indigeste. Semplice e ordinato, lineare, alla fin fine.

Avendo già espresso qualche considerazione sulla moda del fantasy, non ripeto cosa ne pensi, ma i gusti sono gusti.
Santoni è andato molto oltre le sue corde: ha pisciato veramente fuori dal seminario…
Passato da Personaggi precari e ragazzi sballati, attraversando passioni calcistiche per idoli della Fiorentina che portiamo nel cuore anche noi, si è applicato con successo a un genere molto in voga.
Il libro è piaciuto.

Scrivine un’altra, Vanni.

Oddio, che ho detto?!?!?!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vanni

Santoni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Santoni Vanni


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

DUE NON E’ IL DOPPIO DI UNO – di Elettra Groppo

Un ricercatore in filosofia si imbatte del tutto casualmente nel nome di Gaspard Languenhaert, oscuro filosofo del Settecento propugnatore di una singolare quanto esclusiva "filosofia dell'egoismo", dottrina in base alla quale il mondo non esiste in quanto fatto oggettivo, ma è semplicemente una proiezione mentale dell'individuo. Attraverso le scoperte del ricercatore, quindi, il lettore viene a conoscenza della strana dottrina dell'uomo che affermava di essere l'unica entità realmente esistente, e della vita assurdamente comica da lui condotta in un mondo che non è "vero"... Il tutto culmina in un finale a sorpresa che giustifica pienamente come il mondo, negato dal filosofo, non abbia conservato del filosofo alcuna traccia. “La scuola degli egoisti” esce dalla fucina del miglior Schmitt, uno Schmitt d'antan (1994) che ha da poco lasciato la carriera di professore universitario di filosofia per dedicarsi a tempo pieno alla letteratura. Il suo stile veloce e incisivo ci porta con altrettanta facilità a ragionare su concetti che danno le vertigini e a ridere di gusto per le avventure del filosofo convinto di essere l'unico autore della realtà, un filosofo che ci rimane malissimo quando constata che la realtà esterna non corrisponde alla sua volontà, e che ha seri problemi a gestire una Scuola degli Egoisti dove ogni singolo affiliato è graniticamente convinto di essere l'unica cosa vera al mondo!

LA SCUOLA DEGLI EGOISTI

Schmitt Eric-Emmanuel

Anno del Signore 1205. Padre Vivïen de Narbonne viene braccato da un manipolo di cavalieri che indossano strane maschere. Il monaco possiede un libro molto prezioso, che non vuole cedere agli inseguitori. Tentando di fuggire, precipita in un burrone. Tredici anni dopo Ignazio da Toledo, di ritorno da un esilio in Terrasanta, viene convocato a Venezia da un facoltoso patrizio per compiere una missione: dovrà recuperare un libro molto raro intitolato "Uter Ventorum", lo stesso libro posseduto da Vivïen. Il manoscritto in questione conterrebbe precetti derivati dalla cultura talismanica caldaico-persiana e sembrerebbe in grado di evocare gli angeli, per poter partecipare della loro sapienza. Ignazio si metterà alla ricerca del libro, che secondo le indicazioni è tenuto in custodia nella Chiusa di San Michele presso Torino. Ma alla Chiusa di San Michele, anziché trovare il libro, Ignazio si imbatte in un mistero: l'"Uter Ventorum" è stato smembrato in quattro parti nascoste in Linguadoca e in Castiglia. La curiosità di scoprire il contenuto di quelle pagine lo sprona a proseguire nella ricerca, nonostante il pericolo. Riuscirà svelare tutti gli enigmi che il libro contiene e a evocare gli angeli e la loro sapienza?

Il mercante di libri maledetti

Simoni Marcello

In un punto preciso dello spaziotempo Raffaele, satiro irrequieto, inciampa da una storia all'altra in cerca di successo e Fabio, misantropo nerd, insegue se stesso e la fortuna in un agone digitale di improbabili social. L'incrocio sbilenco delle loro vite innesca un romanzo selvaggio, labirintico, possente. Cometa è l'epopea disastrata, erotica e lisergica degli eroi senza motivo. Archetipi di una generazione fuori fuoco, il cui centro è dappertutto ma sempre altrove. L'odissea senza approdo di una stirpe di eletti a niente che cavalca il progresso come una pulce su un cavallo imbizzarrito, traghettata da sogni frenetici e deliri tecnologici. Gregorio Magini celebra il dispiegarsi incerto dell'epoca che viviamo e approda a una visione del futuro a cui tutti, volenti o impotenti, siamo destinati.

Cometa

Magini Gregorio