Fantasy

TERRA IGNOTA

Santoni Vanni

Descrizione: È una limpida notte di luna piena, una notte di gioia e di festa, quando il Villaggio Alto subisce l'improvviso attacco di un manipolo di spietati cavalieri che portano morte e devastazione. In pochi sopravvivono: tra questi la giovane Ailis, mentre la sua migliore amica Vevisa viene rapita. Seguendo il folle proposito di vendicare la furia distruttrice che ha falcidiato il suo popolo e ritrovare Vevisa, Ailis, che è poco più di una bambina ma ha lo spirito audace e temerario di un guerriero, intraprende la sua lunga e perigliosa ricerca. Attraversando lande sconosciute e meravigliose conoscerà la schiavitù, la battaglia, le illusioni della magia e dell'amore, vedrà le molte facce della morte e capirà che senza questo iniziatico viaggio non avrebbe mai sollevato il velo sulle proprie arcane origini e sul proprio enigmatico destino: da lei potrebbe infatti dipendere l'equilibrio e il futuro stesso delle Terre Occidentali. Il primo volume di una grande saga che mescola fiaba, azione, epica cavalleresca e mito classico, dando nuovo splendore al genere fantasy in Italia.

Categoria: Fantasy

Editore: Mondadori

Collana: Chrysalide

Anno: 2013

ISBN: 9788804632078

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

Se non mi avessero chiesto di fare la recensione di Terra Ignota, col piffero che avrei comprato il libro di Vanni Santoni. Mica per pregiudizio o antipatia: oltre la metà degli aspiranti scrittori si cimenta con manoscritti di genere fantasy-epic-gothic-enonsopiùcheccazzodigenere possibile.

L’inflazione di genere è ben superiore allo Spread dei periodi più caldi.
Qualcosa hanno cagionato le saghe di Harry Potter, Il Signore degli anelli, i Vampiri di ogni grado e latitudine.
Quindi mi sono accinto a leggere il libro sull’Ipad sbadigliando già ab origine. Sia detto chiaramente che chi continua a negarsi la possibilità di leggere books in digitale depauperando soldi e risorse naturali, è un coglione.

Ogni pagina era intercalata da un fugone sul balcone per fare un aerosol di sigaretta. Sempre meno, sempre meno, fino a non fumare quasi per niente via via che incominciavo a familiarizzare con i nomi e gli oggetti descritti nel testo. Sono diventato un esperto di picca, che mi rassomigliava troppo a cippa, nevvero. E ben altro ancora.
Così mi sono immerso in questo ambiente dominato da ragazzine cazzute e coraggiose che per amicizia correrebbero pure il rischio di avere il petto fracassato da un colpo di maglio o un dardo di balestra laddove ci si poggia a sedere.

Ailis è splendida, coraggiosa, inesauribile. Rischia tanto per cercare la sua carissima Vevisa, rapita e imprigionata da gente sinistra e affatto simpatica: c’è uno che ha addirittura le palpebre suturate come serrande di un garage tirate fino in giù. Pur di salvare Vevisa e l’altro mocciosetto Breu, e vendicare lo sterminio del suo villaggio operato da gente malvagia, crudele, stronza insomma, si imbarca in disavventure da far battere i glutei per lo spavento. Viene rapita, venduta come schiava, inglobata in una masnada di gladiatori disposti a lottare per scommesse. Incontra Brigid, ragazza forte e coraggiosa che potrebbe esserle addirittura familiare, e Val, soldato per sbaglio e amante del disegno, che si ”unirà” a lei come nella Bibbia si univano Abramo e Sara e Rebecca “e nacque Isacco…”, a significare che esiste un modo per parlare di sesso e procreazione che non offenda il senso del pudore.

C’è la lotta tra il Bene e il Male, la Brama e l’Amicizia, la Magia e il Coraggio.

Qualcuno ci lascia le penne, forse non per sempre, trattandosi di un ambiente magico e di un romanzo irrisolto come in tutte le saghe che si rispettino: siamo curiosi di leggere nelle future avventure che sicuramente verranno scritte, che diavolo ne è stato di Val, perché sicuramente non finirà come sembra.
Di inventiva ce ne è tanta: un lupo grosso quanto una balena, vortici di fuoco che si sollevano dalla rena del mare a comando, mostri a tre teste portati a guinzaglio come un Pincher qualsiasi col cappottino, nasi con le gambe, cinghiali che corrono bardati con velo di sposa. Oddio, le ragazzine che ammiccano ondulando le gonnelline nella foresta potrebbero costituire un plot per un sequel hard sex successivo. Lo buttiamo lì come suggerimento.
Il linguaggio appare astruso all’inizio, poi diviene accessibile senza ricorrere al dizionario per conoscere il significato di alcuni tecnicismi o di alcuni oggetti appartenenti a periodi storici non più attuali. Il tutto è molto discorsivo, senza grandi tirate morali o filippiche indigeste. Semplice e ordinato, lineare, alla fin fine.

Avendo già espresso qualche considerazione sulla moda del fantasy, non ripeto cosa ne pensi, ma i gusti sono gusti.
Santoni è andato molto oltre le sue corde: ha pisciato veramente fuori dal seminario…
Passato da Personaggi precari e ragazzi sballati, attraversando passioni calcistiche per idoli della Fiorentina che portiamo nel cuore anche noi, si è applicato con successo a un genere molto in voga.
Il libro è piaciuto.

Scrivine un’altra, Vanni.

Oddio, che ho detto?!?!?!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vanni

Santoni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Santoni Vanni

Tornando a casa dopo la scuola, uno studente si ferma in una strana biblioteca. Certo, anche la sua richiesta è un po' strana. Chiede alla bibliotecaria qualche libro che possa soddisfare la sua ultima curiosità (è un bambino curioso, il nostro protagonista): la riscossione delle tasse nell'impero ottomano. La bibliotecaria lo manda alla stanza 107. Qui l'aspetta un altro bibliotecario, ancora più bizzarro della prima: "aveva la faccia coperta di piccole macchie nere, come tanti moscerini. Era calvo e portava occhiali dalle lenti spesse. La sua calvizie non era uniforme. Tutt'intorno al cranio gli restavano ciuffi di capelli bianchi ritorti, come in un bosco dopo un incendio". E davvero una ben strana biblioteca, questa! Il bibliotecario accompagna il bambino attraverso un labirinto di corridoi e stanze, finché non arrivano in una stanza dove riposa un piccolo uomo vestito con una pelle di pecora. E qui le cose si fanno brutte: il bibliotecario e l'uomo-pecora spingono il piccolo in una cella. Il bambino rischia di fare una fine terribile se non arrivasse in suo soccorso una ragazza sconosciuta...

La strana biblioteca

Haruki Murakami

Mauro Assante è, prima di ogni altra cosa, un uomo serio: ha sempre lavorato con scrupolo estremo, guadagnandosi incarichi di crescente responsabilità nell'istituzione in cui presta servizio, l'authority preposta al controllo della trasparenza delle banche italiane. Si è sposato tardi, con la sola donna che sia riuscita ad aprire una breccia nel suo temperamento ombroso, e ha un figlio piccolo, che trascorre i mesi estivi con la madre, in montagna. Questa estate Mauro si trattiene in città perché gli è stato affidato il compito di stilare una relazione particolarmente delicata su di un istituto bancario che con ogni probabilità verrà commissariato in seguito alla sua ispezione. Ma proprio durante queste solitarie giornate di lavoro, nella sua prevedibile esistenza iniziano ad aprirsi minuscole crepe. Dimentica aperta la porta di casa, riceve una telefonata beffarda, si convince di essere seguito da un uomo in motorino. Soprattutto, riceve la visita di una meravigliosa ragazza che evidentemente ha sbagliato indirizzo. Strano, ci dev'essere stato un errore. Ma dalla vita di Mauro Assante gli errori erano sempre stati banditi; così come sarebbe bandito il batticuore che invece lui prova quando, poche sere dopo, rincontra per caso quella stessa ragazza bionda... L'estate avanza, le temperature aumentano, la stesura della relazione si fa più complessa e con essa l'ansia di consegnare tutto senza sbavature, senza condizionamenti.

La relazione

Camilleri Andrea

Federico Rampini ha vissuto nella Silicon Valley nei primi tempi della new economy e ha sempre seguito con attenzione i temi del digitale e della rete. Ma quello che una volta sembrava contenere in sé i semi di una nuova economia, più favorevole al consumatore e più competitiva, e di una nuova società, più aperta e informata, oggi si presenta ai suoi occhi in modo molto diverso. Ormai siamo tutti connessi, sempre, e la nostra attenzione è diventata sempre più superficiale, la nostra vita sempre più multitasking, la nostra privacy sempre più esposta allo sguardo virtuale di amici e non solo. Intanto i cosiddetti "nativi digitali" vivono in un mondo dominato da "app" che sembrano poter colonizzare ogni aspetto della loro vita. I giganti del web sembrano non porsi limiti nella loro corsa alla supremmazia: vogliono mappare tutte le informazioni del mondo, connettere tutte le persone del mondo, essere il negozio unico per tutto il mondo, occupare il tempo libero di tutti. Ma possiamo permettere che tutto sia nelle mani di pochissimi? Che le nostre vite intime, professionali, politiche siano affidate alle grandi aziende digitali? E che succederebbe se dovessimo scoprire che alcune di loro sono diventate davvero cattive?

Rete padrona

Rampini Federico

E' una squadra che agisce in Sicilia da mesi. Si fanno chiamare i 'Bastaddi'. Il loro capo è Aldo Ranieri, soprannominato 'Aldo l'indiano' per la sua abitudine di fare lo scalpo a tutti i mafiosi che ammazza. A Siracusa c'è un piccolo cinema. Lo gestisce Giovanna, scampata per miracolo a una strage mafiosa. Il capo dei capi vuole celebrarci la sua gloria con un film di mafia. Ci saranno più di cento mafiosi, radunati lì. Ospite d'onore: Totò Riina. I Bastaddi l'hanno saputo e preparano l'attacco. Ma anche Giovanna prepara la sua vendetta personale. Con un film e tante pellicole in fiamme. Un grande omaggio a Quentin Tarantino, al suo Bastardi senza gloria: Amato riprende la sua storia, con I mafiosi al posto dei nazisti, ambientandola in terra di Sicilia. E sogna una Sicilia bonificata dalla mafia, dopo una resa dei conti spettacolare e definitiva. Dal film al romanzo, dalla cacciata dei nazisti dalla Francia alla cacciata dei mafiosi dalla Sicilia, e tutto grazie a un piccolo cinema di periferia: una cover letteraria avvincente e liberatoria.

Bastaddi

Amato Stefano