Narrativa

TERRE AL CREPUSCOLO

Coetzee John Maxwell

Descrizione: Intensa, chiara e potente, cosí si presenta questa che è l'opera prima dello scrittore sudafricano vincitore, per ben due volte, del Booker Prize. Nelle due novelle di Terre al crepuscolo sono già evidenti tutte le qualità di Coetzee, confermate nei suoi successivi lavori. Il protagonista del primo racconto, Progetto Vietnam, è un ricercatore che studia i risultati del condizionamento ideologico dell'informazione negli anni del conflitto vietnamita. La storia di Jacobus Coetzee, invece, ricrea l'ambiente boero del Settecento, ripercorrendo la vicenda biografica di un uomo di frontiera che giura vendetta ai nativi ottentotti, rei di non avergli portato il rispetto dovuto a un bianco. Legati dal comune tema della riflessione sul potere, i due testi procedono nel solco della tradizione di Cuore di tenebra di Conrad ed esplorano il concetto di ossessione sottolineandone lo stretto legame con la colonizzazione, sia essa del 1760 o del 1970.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: ET Scrittori

Anno: 2003

ISBN: 9788806155179

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

“Terre al crepuscolo” è un romanzo che si potrebbe collocare sulla scia di “Cuore di tenebra” di Conrad, un testo cioè che recupera il tema del colonialismo e mostra l’oscurità che circonda le fatue luci della civiltà occidentale.

Il romanzo è composto da due novelle, rispettivamente “Progetto Vietnam” e “Il racconto di Jacobus Coetzee”: recuperando un sapiente gioco di ruoli tra autore, narratore e personaggi, che tende a confondere il lettore e poi a farlo sorridere una volta smascherato l’inganno, il primo racconto parla delle difficoltà che il protagonista-narratore ha di fronte alla necessità di dover modificare il proprio lavoro, il “progetto Vietnam” appunto, perché secondo il suo capo poco confacente alla esigenze militari. Di fatto, Eugene Dawn si occupa della propaganda degli strumenti di una guerra psicologica in Vietnam: non è mai stato sul campo di battaglia, è solo un teorico, ma lui “è il suo lavoro”. La voluta identità con il progetto porta ad una compenetrazione tra autore e creazione: l’esperienza è tanto intensa che gli effetti riportati non saranno dissimili dalle conseguenze psicologiche che molti soldati americani riportarono dopo il loro ritorno negli Stati Uniti. La narrazione pare in un primo momento basata su un flusso di coscienza, tanto che gli avvenimenti sembrano posti sul piano della contemporaneità; soltanto nelle ultime pagine si capisce bene che, in realtà, è tutta un’esposizione retrospettiva.

L’altra novella è ancora più elaborata sul piano della finzione, perché qui non solo si narra delle esplorazioni condotte dall’olandese Jacobus Coetzee nel 1760, nell’entroterra del Sudafrica, ma l’autore reale precisa anche, in una prefazione all’opera, che la vicenda è stata per la prima volta pubblicata da suo padre e lui non ne è altro che il traduttore; il tutto sarà poi riprodotto, in un’appendice, nella relazione inviata al governatore della colonia olandese.
Tutta la narrazione è permeata da una forte ironia (essendo la storia raccontata in prima persona) che si abbatte impietosa contro lo sterminio delle popolazioni autoctone e le credenze di superiorità degli europei. Jacobus dovrà far fronte ad una serie di difficoltà, sicuramente degne di nota per il rischio che sottendono, ma mai lascerà trasparire un sentimento di umanità, nemmeno verso coloro che hanno offerto aiuto nel momento del bisogno. Il viaggio di ritorno dalla spedizione viene inaugurato come un ritorno alla civiltà, ma il sangue che questo viaggio comporta prima con la perdita del suo servitore, e poi della strage che si preparerà a compiere, fanno sorgere i dubbi su chi sia il selvaggio in tutta la questione della colonizzazione e se questo ritorno sia mai avvenuto.
L’ironia si fa ancora più tagliente nella post-fazione: idealmente scritta dal padre di Jacobus, nella sua prima edizione del 1951 aveva accompagnato la pubblicazione e si conclude con la speranza di aver reso la straordinarietà di quest’uomo. Il lettore però non può che alzare un sopracciglio… perché da tutta la storia ha ricavato tanto, ma non di certo la grandezza di Jacobus.

Un romanzo sicuramente inquietante, che non risparmia in nessun modo dettagli crudi, a volte esasperati da una rappresentazione grottesca, perché il grottesco e l’orrore non possono essere altro che gli effetti prodotti nel lettore che ha sì una conoscenza storica delle varie vicende della colonizzazione, ma non ha invece idea di cosa possa aver rappresentato questa invasione della civiltà occidentale nelle culture autoctone dell’America, dell’Africa e dell’Asia: non è un caso che l’opera risalga al 1974, un decennio cioè che ha alle spalle tutto il fenomeno della decolonizzazione.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Maxwell

John

Coetzee

Libri dallo stesso autore

Intervista a Coetzee John Maxwell


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Giulio Cesare non è morto, durante la congiura delle Idi di marzo...

Cesare il conquistatore

Forte Franco

Nessun pregiudizio personale, meschinità o moralismo contro la carriera e i format della famosa conduttrice. Ma una critica al vetriolo sulle logiche di retrovia, i meccanismi di falsificazione, i linguaggi di massa, il grande inganno dell'intrattenimento "facile" che hanno trasformato i suoi format in centri di raccolta e smistamento delle nostre identità, sempre più bisognose degli scintillii della televisione per consistere e sopravvivere di fronte all'anonimato dilagante. "Maria De Filippi ti odio" è il tentativo di scardinare, con il grimaldello della filosofia, la grammatica di certi programmi di grande audience, visti come epicentro di un immaginario televisivo ormai anacronistico, devastante, da sostituire con un nuovo modo "ecologico" di pensare l'uso e l'impatto dei media sulle nostre vite già fin troppo spettacolarizzate.

Maria De Filippi ti odio

Castoro Carmine

Ivan, Fabrizio e Carlo. Meglio conosciuti come Lepre, Fuoco e Saetta. Tre ragazzi che vivono alle porte di Bologna, tre storie all'apparenza diverse fra loro, ma accomunate da un'amicizia vera, quella che resiste a tutto e tutti. A cavallo fra gli anni '60 e '70, si dipana la vicenda di Lepre, genio del calcio; Fuoco, pieno di ideali e impegnato nel movimento studentesco; Saetta, pragmatico, inquieto, operaio fin da subito, senza tempo da perdere. Cresceranno conservando quel pizzico di magia che li ha uniti, ma dovendo fare i conti con le asperità della vita che a volte li metterà inconsapevolmente contro. Tra le pagine dense e dure di Francesco Rago, scopriremo quanto possano essere effimeri i successi sportivi, gli ideali e il desiderio di una vita "normale". Ma sopra a tutto, resta la storia di un'amicizia. La storia della vita.

DOLCE COME IL PIOMBO

Rago Francesco

Un giorno nella vita del giovane miliardario Eric Packer. Un'odissea contemporanea, surreale, sullo sfondo di un'oscura minaccia e del crollo dei mercati mondiali. Dopo Underworld e Body Art, DeLillo ci offre un romanzo caustico e affascinante, ambientato in un presente che è già futuro. «Il futuro è sempre qualcosa di integro e uniforme. Nel futuro saremo tutti alti e felici» disse lei. «Ecco perché il futuro fallisce. Fallisce sempre. Non potrà mai essere il luogo crudele e felice in cui vogliamo trasformarlo».

COSMOPOLIS

DeLillo Don