Narrativa

TERRE AL CREPUSCOLO

Coetzee John Maxwell

Descrizione: Intensa, chiara e potente, cosí si presenta questa che è l'opera prima dello scrittore sudafricano vincitore, per ben due volte, del Booker Prize. Nelle due novelle di Terre al crepuscolo sono già evidenti tutte le qualità di Coetzee, confermate nei suoi successivi lavori. Il protagonista del primo racconto, Progetto Vietnam, è un ricercatore che studia i risultati del condizionamento ideologico dell'informazione negli anni del conflitto vietnamita. La storia di Jacobus Coetzee, invece, ricrea l'ambiente boero del Settecento, ripercorrendo la vicenda biografica di un uomo di frontiera che giura vendetta ai nativi ottentotti, rei di non avergli portato il rispetto dovuto a un bianco. Legati dal comune tema della riflessione sul potere, i due testi procedono nel solco della tradizione di Cuore di tenebra di Conrad ed esplorano il concetto di ossessione sottolineandone lo stretto legame con la colonizzazione, sia essa del 1760 o del 1970.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: ET Scrittori

Anno: 2003

ISBN: 9788806155179

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

“Terre al crepuscolo” è un romanzo che si potrebbe collocare sulla scia di “Cuore di tenebra” di Conrad, un testo cioè che recupera il tema del colonialismo e mostra l’oscurità che circonda le fatue luci della civiltà occidentale.

Il romanzo è composto da due novelle, rispettivamente “Progetto Vietnam” e “Il racconto di Jacobus Coetzee”: recuperando un sapiente gioco di ruoli tra autore, narratore e personaggi, che tende a confondere il lettore e poi a farlo sorridere una volta smascherato l’inganno, il primo racconto parla delle difficoltà che il protagonista-narratore ha di fronte alla necessità di dover modificare il proprio lavoro, il “progetto Vietnam” appunto, perché secondo il suo capo poco confacente alla esigenze militari. Di fatto, Eugene Dawn si occupa della propaganda degli strumenti di una guerra psicologica in Vietnam: non è mai stato sul campo di battaglia, è solo un teorico, ma lui “è il suo lavoro”. La voluta identità con il progetto porta ad una compenetrazione tra autore e creazione: l’esperienza è tanto intensa che gli effetti riportati non saranno dissimili dalle conseguenze psicologiche che molti soldati americani riportarono dopo il loro ritorno negli Stati Uniti. La narrazione pare in un primo momento basata su un flusso di coscienza, tanto che gli avvenimenti sembrano posti sul piano della contemporaneità; soltanto nelle ultime pagine si capisce bene che, in realtà, è tutta un’esposizione retrospettiva.

L’altra novella è ancora più elaborata sul piano della finzione, perché qui non solo si narra delle esplorazioni condotte dall’olandese Jacobus Coetzee nel 1760, nell’entroterra del Sudafrica, ma l’autore reale precisa anche, in una prefazione all’opera, che la vicenda è stata per la prima volta pubblicata da suo padre e lui non ne è altro che il traduttore; il tutto sarà poi riprodotto, in un’appendice, nella relazione inviata al governatore della colonia olandese.
Tutta la narrazione è permeata da una forte ironia (essendo la storia raccontata in prima persona) che si abbatte impietosa contro lo sterminio delle popolazioni autoctone e le credenze di superiorità degli europei. Jacobus dovrà far fronte ad una serie di difficoltà, sicuramente degne di nota per il rischio che sottendono, ma mai lascerà trasparire un sentimento di umanità, nemmeno verso coloro che hanno offerto aiuto nel momento del bisogno. Il viaggio di ritorno dalla spedizione viene inaugurato come un ritorno alla civiltà, ma il sangue che questo viaggio comporta prima con la perdita del suo servitore, e poi della strage che si preparerà a compiere, fanno sorgere i dubbi su chi sia il selvaggio in tutta la questione della colonizzazione e se questo ritorno sia mai avvenuto.
L’ironia si fa ancora più tagliente nella post-fazione: idealmente scritta dal padre di Jacobus, nella sua prima edizione del 1951 aveva accompagnato la pubblicazione e si conclude con la speranza di aver reso la straordinarietà di quest’uomo. Il lettore però non può che alzare un sopracciglio… perché da tutta la storia ha ricavato tanto, ma non di certo la grandezza di Jacobus.

Un romanzo sicuramente inquietante, che non risparmia in nessun modo dettagli crudi, a volte esasperati da una rappresentazione grottesca, perché il grottesco e l’orrore non possono essere altro che gli effetti prodotti nel lettore che ha sì una conoscenza storica delle varie vicende della colonizzazione, ma non ha invece idea di cosa possa aver rappresentato questa invasione della civiltà occidentale nelle culture autoctone dell’America, dell’Africa e dell’Asia: non è un caso che l’opera risalga al 1974, un decennio cioè che ha alle spalle tutto il fenomeno della decolonizzazione.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Maxwell

John

Coetzee

Libri dallo stesso autore

Intervista a Coetzee John Maxwell


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Che sconquasso di passioni, commissario, quante falene intorno alla fiamma. Quando in una serie romanzesca come quella di Ricciardi irrompe un personaggio come l’aristocratica, misteriosa e bellissima Bianca, che si rivolge a lui perché non crede che il marito sia un omicida, è chiaro che il ciclone farà danni in quantità. Con Anime di vetro il già precario equilibrio sentimentale di Ricciardi è destinato a saltare, portandosi dietro un turbine di vicende. Con grande godimento dei lettori e delle lettrici.

Anime di vetro

De Giovanni Maurizio

«Maggiore, la guerra è assassinio, sempre... voi ora volete solo dare un esempio: uccidere dei signori non è come uccidere dei contadini! Negando la grazia voi contribuite... sto dicendo voi, barone von Feilitzsch, perché qui ci siete voi... contribuite a distruggere la civiltà di cui voi ed io... e questo ragazzo... facciamo parte, e la civiltà è più importante del destino degli stessi Asburgo, o dei Savoia». Orgoglio, patriottismo, odio, amore: passioni pure e antiche si mescolano e si scontrano tra loro, intorbidate più che raffrenate dal senso, anch’esso antico, di reticenza e onore. Villa Spada, dimora signorile di un paesino a pochi chilometri dal Piave, nei giorni compresi tra il 9 novembre 1917 e il 30 ottobre 1918: siamo nell’area geografica e nell’arco temporale della disfatta di Caporetto e della conquista austriaca. Nella villa vivono i signori: il nonno Guglielmo Spada, un originale, e la nonna Nancy, colta e ardita; la zia Maria, che tiene in pugno l’andamento della casa; il giovane Paolo, diciassettenne, orfano, nel pieno dei furori dell’età; la giovane Giulia, procace e un po’ folle, con la sua chioma fiammeggiante. E si muove in faccende la servitù: la cuoca Teresa, dura come legno di bosso e di saggezza stagionata; la figlia stolta Loretta, e il gigantesco custode Renato, da poco venuto alla villa. La storia, che il giovane Paolo racconta, inizia con l’insediamento nella grande casa del comando militare nemico. Un crudo episodio di violenza su fanciulle contadine e di dileggio del parroco del villaggio, accende il desiderio di rivalsa. Un conflitto in cui tutto si perde, una cospirazione patriottica in cui si insinua lo scontro di psicologie, reso degno o misero dall’impossibilità di perdonare, e di separare amore e odio, rispetto e vittoria. E resta un senso di basso orizzonte, una claustrofobia, che persiste ironicamente nel contrasto con lo spazio immenso delle operazioni di guerra.

NON TUTTI I BASTARDI SONO DI VIENNA

Molesini Andrea

Nella comunità di San Mathias il male sembra essere più forte degli uomini... La tranquillità degli abitanti della valle di Stille, un altopiano isolato e di difficile accesso, è stata turbata. Qualcuno ha violato una delle regole millenarie del Metodo imposto dal fondatore san Mathias. Il parroco don Basilius, guida spirituale dei valligiani, è preoccupato: un pericolo sconosciuto sta per abbattersi sulla comunità. Come se non bastasse, un bambino scompare misteriosamente nel bosco. Qualcuno lo riporterà a casa apparentemente in buone condizioni ma ostaggio di un mutismo che sembra essere senza via di uscita. Cosa è successo nel buio di quel bosco? Il bambino si è solo perso o qualcuno lo ha rapito? I suoi occhi hanno forse visto qualcosa che doveva rimanere nell'ombra? Indizi e sospetti si stringono intorno a una vecchia auto e al maso Becker, proprietà di un famoso e piuttosto eccentrico stilista svizzero. La psicologa Helena, una ex poliziotta scelta per il recupero del piccolo, con pazienza traccia un percorso nelle indagini mettendo a nudo lati oscuri del luogo e dei suoi abitanti, segreti inimmaginabili. Tutto e tutti possono essere il contrario di quello che sembrano.

L’OMBRA DEL BOSCO SCARNO

Rossi Massimo

Dorian Gray, un giovane di straordinaria bellezza, si è fatto fare un ritratto da un pittore. Ossessionato dalla paura della vecchiaia, ottiene, con un sortilegio, che ogni segno che il tempo dovrebbe lasciare sul suo viso, compaia invece solo sul ritratto. Avido di piacere, si abbandona agli eccessi più sfrenati, mantenendo intatta la freschezza e la perfezione del suo viso. Poiché Hallward, il pittore, gli rimprovera tanta vergogna, lo uccide. A questo punto il ritratto diventa per Dorian un atto d'accusa e in un impeto di disperazione lo squarcia con una pugnalata. Ma è lui a cadere morto: il ritratto torna a raffigurare il giovane bello e puro di un tempo e a terra giace un vecchio segnato dal vizio.

Il ritratto di Dorian Gray

Wilde Oscar