Saggi

Terroni

Aprile Pino

Descrizione: Fratelli d'Italia... ma sarà poi vero? Perché, festeggiati i centocin-quant'anni dall'Unità d'Italia, il conflitto fra Nord e Sud pare aver superato il livello di guardia. Per Pino Aprile, pugliese doc, la storia di oggi è ancora quella di ieri. Ripercorrendo gli eventi di quella che per alcuni fu conquista, per altri liberazione, l'autore porta alla luce una serie di fatti, volutamente rimossi nella retorica dell'unificazione, che aprono una nuova, sconvolgente finestra sulla facciata del trionfalismo nazionalistico.

Categoria: Saggi

Editore: Piemme

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788866216025

Recensito da Enza Iozzia

Le Vostre recensioni

 

Tra i sondaggi che ci vengono propinati praticamente ogni giorno dai mass-media, quelli riguardanti la situazione dell’istruzione nel meridione delineano un quadro più o meno di questo genere:  al costante incremento di studenti che non riescono a portare a termine neppure il ciclo della scuola dell’obbligo fa da ovvio riscontro la diminuzione delle lauree.

Nel suo “Terroni” (Piemme Editore – 303 pagine – 13 €) il giornalista pugliese Pino Aprile, però, mostra di pensarla diversamente.

In realtà, nonostante dall’Unita’ d’Italia in poi proprio dal sud vengano molte delle migliori idee, l’autore verifica e dimostra il perdurare di obsoleti ma sempre odiosi pregiudizi.
L’autore non è affatto tenero nei confronti della politica, tanto meno quella dell’attuale governo,fornisce una descrizione coraggiosa, nonché documentata, di quello che gli italiani hanno fatto a se stessi.
E cita qualche esempio.
Le autostrade? Nel civilizzato nord sono a pagamento, nell’assistenziale e arretrato sud (in particolare in Sicilia), invece, a percorrenza gratuita.

Ma è proprio così o, in realtà, non si tratta che dell’ennesima  “trappola assistenziale”, mediante la quale altre, e molto più importanti, rivendicazioni
sociali ed economiche vengono tenute alla catena?
Viene consumata una rapina da un malvivente meridionale al settentrione? Giù tutti a sacramentare contro l’esportazione della delinquenza nel civilizzato nord, l’espandersi del cancro della camorra, della mafia, della ‘ndrangheta.
Accade l’esatto contrario? Ecco plotoni di sociologi pronti a interrogarsi in tv e sulla carta stampata circa le motivazioni che possono indurre anche un uomo onesto a delinquere: la pessima congiuntura economica, il declino dei valori familiari, la mancanza di idonee strutture sociali…
La scuola? Pessima al sud; ancora accettabile, nonostante il generale degrado, al nord.

Ma forse non si tiene conto che la stragrande maggioranza degli insegnanti, anche ad Aosta o a Bolzano, viene proprio dalle regioni meridionali,dove è costretta a trasferirsi per sfuggire in qualche modo alla tagliola di un sempre più pesante precariato.
La conclusione è che, purtroppo, sarà sempre così, almeno finché una classe politica senza più solidi riferimenti ideologici, continuerà a tenersi
abbarbicata al potere col vecchio (e sporco) gioco del “divide et impera”.
L’unica risposta, il superamento dei reciproci pregiudizi e l’avvio di una azione comune, determinata e convinta, per restituire dignità a un Paese che
pure di dignità, fino a pochi anni fa, ne ha avuta sempre da vendere.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Pino

Aprile

Libri dallo stesso autore

Intervista a Aprile Pino


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La zona tra Brescia, Chiari e Rovato è un distretto produttivo pieno di fabbriche e di capannoni. Ed è il personale inferno di Dante, che di mestiere fa la guardia giurata e gira, notte dopo notte, per verificare che tutto vada per il meglio. Vive insieme a sua madre, una donna che da quando è vedova sembra rinata. Ma rinata male, perché passa il suo tempo tra creme e sesso trovato via internet. Col risultato che Dante è sempre più solo. Nella stessa zona vive anche Samira. Quindici anni, musulmana e bella. Ha un padre violento, reso ancora più violento dal fatto di vivere in un posto che sente straniero e ostile: l’Italia. Così quest’uomo sarebbe pronto ad ammazzare sua figlia se soltanto sapesse che ha incontrato Dante, un cristiano, e che si ostina a frequentarlo. Perché Samira, in realtà, è già una donna. E vuole essere una donna libera. Mentre un gruppetto di suoi connazionali sta preparando un attentato miserabile, da poveracci, e Dante finirà per imbattersi anche in loro. “La notte dei petali bianchi” prova a rispondere a una domanda: fa più paura stare da soli o fanno più paura gli altri, i diversi da noi? E lo fa mettendoci a disposizione una lucida visione dell’Italia dei nostri anni e un strepitoso talento nel raccontarla.

LA NOTTE DEI PETALI BIANCHI

Di Fiore Gianfranco

COSI’ ERA MILANO – di Bruno Pellegrino

Julius Hertzfeld, eminente psichiatra, è alle prese con i conti che si fanno quando, come lui, si è affetti da una grave malattia. Per riparare gli errori commessi e per lanciare un'ultima sfida, contatta un ex paziente, Philip, filosofo arrogante, sessuomane e narcisista, e lo coinvolge in una terapia di gruppo. Del gruppo fa parte però anche una delle vittime della sessuomania di Philip, e la situazione genera un livello di tensione e coinvolgimento tali che nessuno resta più lo stesso. Hertzfeld affronta il trattamento di Philip ricorrendo al pensatore che l'arrogante filosofo considera il suo guru personale, il suo alter ego: Arthur Schopenhauer. E la "cura Schopenhauer" inizierà a mostrare i suoi effetti.

La cura Schopenhauer

Yalom Irvin D.

Fra un tema su Kerouac e uno sul "Giovane Holden", tra una citazione da "L'attimo fuggente" e una canzone degli Smiths, scorrono i giorni di un adolescente per niente ordinario. L'ingresso nelle scuole superiori lo lancia in un vortice di prime volte: la prima festa, la prima rissa, il primo amore - per la bellissima ragazza con gli occhi verdi che quando lo guarda fa tremare il mondo. Il primo bacio, e lei gli dice: per te sono troppo grande, però possiamo essere amici. Per compensare, Charlie trova una che non gli piace e parla troppo: a sedici anni fa il primo sesso, e non sa neanche perché. Allora lui, più portato alla riflessione che all'azione, affida emozioni, trasgressioni e turbamenti a una lunga serie di lettere indirizzate a un amico, al quale racconta ciò che vive, che sente, che ha intorno. Dotato di un'innata gentilezza d'animo e di un dono speciale per la poesia, il ragazzo è il confidente perfetto di tutti, quello che non dimentica mai un compleanno, quello che non tradisce mai e poi mai un segreto. Peccato che quello più grande, fosco e lontano, sia nascosto proprio dentro di lui.

Noi siamo infinito (Ragazzo da parete)

Chbosky Stephen