Saggi

Terroni

Aprile Pino

Descrizione: Fratelli d'Italia... ma sarà poi vero? Perché, festeggiati i centocin-quant'anni dall'Unità d'Italia, il conflitto fra Nord e Sud pare aver superato il livello di guardia. Per Pino Aprile, pugliese doc, la storia di oggi è ancora quella di ieri. Ripercorrendo gli eventi di quella che per alcuni fu conquista, per altri liberazione, l'autore porta alla luce una serie di fatti, volutamente rimossi nella retorica dell'unificazione, che aprono una nuova, sconvolgente finestra sulla facciata del trionfalismo nazionalistico.

Categoria: Saggi

Editore: Piemme

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788866216025

Recensito da Enza Iozzia

Le Vostre recensioni

 

Tra i sondaggi che ci vengono propinati praticamente ogni giorno dai mass-media, quelli riguardanti la situazione dell’istruzione nel meridione delineano un quadro più o meno di questo genere:  al costante incremento di studenti che non riescono a portare a termine neppure il ciclo della scuola dell’obbligo fa da ovvio riscontro la diminuzione delle lauree.

Nel suo “Terroni” (Piemme Editore – 303 pagine – 13 €) il giornalista pugliese Pino Aprile, però, mostra di pensarla diversamente.

In realtà, nonostante dall’Unita’ d’Italia in poi proprio dal sud vengano molte delle migliori idee, l’autore verifica e dimostra il perdurare di obsoleti ma sempre odiosi pregiudizi.
L’autore non è affatto tenero nei confronti della politica, tanto meno quella dell’attuale governo,fornisce una descrizione coraggiosa, nonché documentata, di quello che gli italiani hanno fatto a se stessi.
E cita qualche esempio.
Le autostrade? Nel civilizzato nord sono a pagamento, nell’assistenziale e arretrato sud (in particolare in Sicilia), invece, a percorrenza gratuita.

Ma è proprio così o, in realtà, non si tratta che dell’ennesima  “trappola assistenziale”, mediante la quale altre, e molto più importanti, rivendicazioni
sociali ed economiche vengono tenute alla catena?
Viene consumata una rapina da un malvivente meridionale al settentrione? Giù tutti a sacramentare contro l’esportazione della delinquenza nel civilizzato nord, l’espandersi del cancro della camorra, della mafia, della ‘ndrangheta.
Accade l’esatto contrario? Ecco plotoni di sociologi pronti a interrogarsi in tv e sulla carta stampata circa le motivazioni che possono indurre anche un uomo onesto a delinquere: la pessima congiuntura economica, il declino dei valori familiari, la mancanza di idonee strutture sociali…
La scuola? Pessima al sud; ancora accettabile, nonostante il generale degrado, al nord.

Ma forse non si tiene conto che la stragrande maggioranza degli insegnanti, anche ad Aosta o a Bolzano, viene proprio dalle regioni meridionali,dove è costretta a trasferirsi per sfuggire in qualche modo alla tagliola di un sempre più pesante precariato.
La conclusione è che, purtroppo, sarà sempre così, almeno finché una classe politica senza più solidi riferimenti ideologici, continuerà a tenersi
abbarbicata al potere col vecchio (e sporco) gioco del “divide et impera”.
L’unica risposta, il superamento dei reciproci pregiudizi e l’avvio di una azione comune, determinata e convinta, per restituire dignità a un Paese che
pure di dignità, fino a pochi anni fa, ne ha avuta sempre da vendere.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Pino

Aprile

Libri dallo stesso autore

Intervista a Aprile Pino

«I banchi di scuola a volte sembrano banchi di nebbia, oltre i quali è sempre più difficile per un insegnante indovinare la vita, le attese, le paure dei suoi allievi. Qualcosa si è rotto in questo incontroscontro generazionale, adulti e ragazzi fanno sempre più fatica a stare insieme per capirsi e anche per litigare, quando serve: eppure la dialettica vitale di una società dinamica deve passare per forza attraverso questa sintesi precaria che è un’aula di scuola. È il momento di far ripartire il dialogo: chiunque può aprire davanti ai nostri occhi una finestra e far entrare il vento e un paesaggio inaspettato: chiunque, anche lo studente dell’ultimo banco, anche l’insegnante più stanco.» In questa raccolta di riflessioni e aneddoti l’autore ci conduce nel mondo della scuola e della società contemporanea, rivelandone paradossi e vuoti ma anche colori e ricchezza. Nelle pagine di questo libro troveremo non solo un’arguta descrizione della realtà in cui ciascuno di noi è immerso, ma anche l’invito a ripensare la scuola come il luogo che — attraverso la discussione e la condivisione di valori tra generazioni — può fornire «gli strumenti per affrontare la vita, grande, complessa e meravigliosa che ci attende ogni giorno».

Vento forte tra i banchi

Lodoli Marco

Nel 1900 lo scrittore islandese Valdimar Ásmundsson cominciò a tradurre il celebre Dracula, il capolavoro gotico del 1897 di Bram Stoker. Fu pubblicato lo stesso anno con una prefazione di Stoker, ma nessuno al di fuori dell'Islanda ne aveva mai letta una pagina. Fino a quando, un secolo dopo, il ricercatore Hans De Roos fece una scoperta sensazionale: Ásmundsson non si era limitato a tradurre Dracula, ma - con l'aiuto dell'autore - ne aveva scritto una versione diversa, rielaborando la trama e aggiungendo nuovi personaggi. Il risultato è un romanzo più breve, più erotico e forse persino più ricco di suspense dell'originale. Tanti sono i misteri che circondano questo manoscritto: e se fosse un'altra versione della storia del conte Dracula, a cui Bram Stoker stava lavorando in segreto e che per più di un secolo è riuscito abilmente a nascondere? La prefazione di Dacre Stoker, pronipote ed erede dell'autore, le annotazioni del ricercatore de Ross sul contesto storico e letterario e una postfazione dello studioso John Edgar Browning forniscono indizi interessanti...

I poteri delle tenebre – Dracula

Stoker Bram - Asmundsson Valdimar

Pubblicato nel 1959, Malcolm, prima prova letteraria per James Purdy, è la storia - buffa, irritante e commovente al tempo stesso - di un ragazzo di soli quattordici anni, "di una bellezza eccezionale" e appena rimasto solo al mondo, conteso dall'affetto invadente e possessivo di una galleria di personaggi memorabili: un becchino etiope, un famoso astrologo, una miliardaria alcolista, un pittore nano, un ex galeotto amante del jazz. Fra dolcezza, comicità e trasgressione, un'indimenticabile storia di innocenza e perdita dell'innocenza.

Malcolm

Purdy James

Anana e un uomo che fa. Come un pioniere, si e aperto la strada in una terra ostile - lo stato indiano somiglia al nostro, invadente e dispotico quando chiede, inesistente quando serve - e intravede finalmente l'orizzonte: la sua è una fabbrica modello, pronta a decollare sul mercato internazionale. Anche i suoi figli gli sembrano un miracolo, mentre la moglie è capricciosa e insicura. Nei sogni Anand accarezza un'altra donna: accanto a Kavika, non è più solo. E quando di colpo tutto si complica, perché politici rapaci lo tormentano con un subdolo ricatto, Kavika è l'unica che lo sa ascoltare. Ma qual è il karma di Anand? Proteggere sua moglie per amore dei figli, o dare ascolto ai propri bisogni più intimi e abbandonarsi tra le braccia di Kavika? Cedere al ricatto che minaccia la sua fabbrica e adeguarsi alla corruzione imperante, o combattere e dire di no? Kamala è una vita che combatte. Ha lavorato nei cantieri con il figliolino al collo, dormendo sul marciapiede in una tenda improvvisata. Fare la serva per la famiglia di Anand le sembra una conquista: ha una casa minuscola in cui tornare la sera, può mandare a scuola il suo amato Narayan. La sua vita è distante mille miglia da quella dei suoi datori di lavoro, che spendono in un pomeriggio di shopping quello che lei guadagna in un anno, ma Kamala sarebbe contenta così. Se non fosse per la speculazione edilizia che minaccia la sua casa. Se non fosse per la calunnia che rischia di distruggere tutto quello che ha.

La fabbrica della speranza

Sankaran Lavanya