Poesia

The poetry of Menotti Lerro

Mangham Andrew

Descrizione:

Categoria: Poesia

Editore: Cambridge Scholars Publishing

Collana:

Anno: 2011

ISBN:

Recensito da Alberto Romano

Le Vostre recensioni

E’ uscito il primo aprile in Inghilterra il volume di Andrew Mangham dedicato alla poesia del poeta salernitano Menotti Lerro. Il testo, pubblicato per i tipi della Cambridge Scholars Publishing, si intitola The Poetry of Menotti Lerro ed espone i temi principali della poetica del poeta nato ad Omignano, ritenuto “il simbolo di una nuova generazione”. Un poeta colto e raffinato, ricco di inventività e di immagini sublimi. E proprio la sublimità della sua poesia viene spesso messa in luce da Mangham nell’ampia e attenta analisi di ricerca.

Il volume, dentro al quale sfavilla un’ampia raccolta di “Selected Poems” in lingua inglese e italiana, è impreziosito dalle autorevoli note critiche di Giorgio Bàrberi Squarotti, Alessandro Serpieri, Carla Perugini, Giancarlo Pontiggia, Giuseppe Lupo, Francesco D’Episcopo e Roberto Carifi, che insieme allo studio minuzioso del critico inglese consegnano al lettore un quadro esaustivo della poetica di Lerro.

A parere di Mangham a primeggiare nella poesia lerriana è il corpo, visto come oggetto disanimato e impotente, costretto ad osservare, senza potersi opporre, alla propria dissoluzione; osservazione che spesso avviene attraverso le distorsioni della memoria e dello specchio: “oggetto demoniaco che crea il doppio”, come scrive Lerro in uno dei componimenti. Centrale, inoltre, è la relazione esistente tra l’io poetante (che sembra aver molto di autobiografico) e il padre, che diviene con il passare degli anni e degli eventi sempre più un bambino da amare e da proteggere.

Lerro è un poeta capace di entusiasmare e di commuovere, attraverso una comunicazione fulminea ed essenziale, diretta e ricca di figure retoriche, così come di un linguaggio che si affida costantemente al verso libero. La sua – come dice Giuseppe Lupo – è una poesia sapienziale, che espone spesso tinte malinconiche, estremamente dolci e suasive, venate non di rado da una pungente ironia. Un poeta d’altri tempi, capace di emozionare attraverso l’uso raffinato della parola e del fermo pensiero filosofico.

Cenni biografici:

 

Menotti Lerro è nato a Omignano, in provincia di Salerno, nel 1980.

 

Laureato in Lingue e Letterature Straniere presso l’università di Salerno, ha conseguito un Master of Art presso l’Università di Reading. Vincitore di una borsa di dottorato presso l’Università di Salerno, è Cultore della materia (letteratura inglese) presso la stessa Università. E’ stato Visiting Scholar presso l’Università di Reading, dove ha insegnato in corsi post laurea.

 

Tra i suoi libri ricordiamo: Ceppi Incerti, Passi di Libertà Silenziose, Senza Cielo, Augusto Orrel, Gli Occhi sul Tempo, I Dieci Comandamenti, Primavera, Profumi d’Estate, Poesias Elegìdas, Selected poems, L’io Lirico nella Poesia Autobiografica, La Tela del Poeta, Aforismi, Il Diario di Mary e altri Racconti, Il mio Bambino.

 

Ha vinto il premio letterario “Renata Canepa” e i Premi “Aquilaia” e “Aquila D’oro”; Tra i tre finalisti al premio “Alfonso Gatto” e finalista al premio “Città di Leonforte”.

 

Biografia completa: http://www.zam.it/home.php?id_autore=2809

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrew

Mangham

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mangham Andrew


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Dicembre 2003. Qualche giorno prima di Natale, gli scrittori John Gregory Dunne e Joan Didion vedono una banale influenza della loro unica figlia Quintana degenerare prima in polmonite, poi in choc settico. Soltanto qualche giorno più tardi, rientrati da una visita alla figlia ancora grave in ospedale, John e Joan siedono a tavola: all'improvviso l'uomo cade a terra e, in pochi minuti, muore d'infarto. "La vita cambia in fretta", scriverà Joan Didion qualche giorno dopo. Per oltre un anno la vita di Joan Didion è stata schiacciata dalla portata di questi due eventi, e questo libro è il resoconto di quell'anno, del tentativo di venire a patti con il modo repentino in cui la sua vita è stata stravolta. Diventa faticoso allora il dialogo tra la realtà e le strategie che si mettono in atto per accettarla: se per sopportare la malattia della figlia studia testi di medicina, si rende insopportabile alle infermiere dell'ospedale e si rivolge ad amici in cerca di numeri di telefono e indirizzi di ottimi medici, allo stesso tempo si rende conto che la morte e la malattia sono eventi che al di là dal suo controllo la lasciano in preda dei suoi ricordi, e si sorprende a pensare come i bambini: "come se i miei pensieri o i miei desideri avessero il potere di rovesciare la storia dei fatti".

L’anno del pensiero magico

Didion Joan

Il secondo regno dantesco "dove l'umano spirito si purga / e di salire al ciel diventa degno", è, dei tre, quello che porta nella sua struttura, sia fisica sia morale, la maggiore novità d'invenzione, tanto da poter dire che esso è un mondo, nel suo aspetto e nel suo spirito, soltanto dantesco. Circola per tutto il Purgatorio un'atmosfera difficilmente definibile, come di raccolto incanto, che coglie il lettore fin dall'inizio e l'accompagna fino alle soglie del Paradiso: attingere lo spirito di quella delicatissima aura che tutto avvolge è la via per intendere il Purgatorio dantesco nella profonda bellezza che lo distingue.

La divina commedia

Alighieri Dante

Un nuovo Barnum. Una nuova visita guidata alle cose del mondo, e agli uomini che lo rendono abitabile, o semplicemente più riconoscibile. Baricco insegue il mondo, e induce i suoi lettori a partecipare la curiosità con cui va a stanare notizie, episodi, insistenze, personaggi, dibattiti, immagini. Stanando dice e dicendo mostra, con una varietà di accenti e di esposizione che, per citare una sua antica generosa ossessione, fa pensare al circo, al Barnum delle meraviglie. Ecco dunque un nuovo Barnum che si aggiunge ai due pubblicati negli anni novanta. Qui facciamo i conti con la riforma dello spettacolo, con la scuola come videogame, con la priorità delle storie, con il cantiere della Morgan Library di Renzo Piano, con la Cinquecento Miglia di Indianapolis, con le immagini di Vivian Maier, con le provocazioni di Houellebecq e l'eredità di Gabriel García Márquez. Una grande occasione per farsi sedurre, sorprendere, interrogare.

Il nuovo Barnum

Baricco Alessandro

Maya Vidal, l’adolescente protagonista del nuovo romanzo di Isabel Allende, caduta nel circuito dell’alcol e della droga riesce a riemergere dai bassifondi di Las Vegas e in fuga da spacciatori e agenti dell’Fbi approda nell’incontaminato arcipelago di Chiloé, nel sud del Cile. Amori difficili, frammenti di storia cilena ancora carichi di sofferenza, famiglie disgregate, disagio giovanile, marginalità e degrado trovano come contraltare il valore delle tradizioni locali, il rispetto per l’ambiente e un modello di vita comunitaria nell’affermazione del valore della diversità e del rispetto reciproco. Isabel Allende torna a raccontare la vita di una grande donna, la storia di Maya, in un romanzo che affronta con grande delicatezza le relazioni umane: le amicizie incondizionate, le storie d’amore palpabili come quelle più invisibili, gli amori adolescenziali e quelli lunghi una vita. Un ritmo incalzante, una prosa disincantata e ironica per questa nuova prova narrativa che si tinge di noir e per l’ennesima eccezionale galleria di donne volitive e uomini capaci di amare.

IL QUADERNO DI MAYA

Allende Isabel