Fantasy

THE TWILIGHT SAGA

Meyer Stephenie

Descrizione:

Categoria: Fantasy

Editore: Fazi

Collana: Lain

Anno:

ISBN: 9788876250200

Trama

Le Vostre recensioni

Twilight. Quante volte ne avrete sentito parlare negli ultimi due anni? Quante volte la parola “vampiri” è saltata fuori nelle conversazioni delle ragazze che vedete nella vostra città?​​​​ La risposta sarà sicuramente “molte” oppure “tante”. Forse anche”troppe”. Twilight è un fenomeno mondiale. 

 Tutto nasce da un sogno dell’autrice, Stephenie Meyer, che racconta la storia di una ragazza dell’Arizona, Bella Swan, che trasferitasi nella piovosa Forks, una cittadina dello Stato di Washington per stare con il padre incontra Edward a scuola: uno strano ragazzo, pallido, affascinante, misterioso, intrigante e che nasconde uno strano segreto.

  Bella, ovviamente, scopre cosa si cela dietro l’apparenza: Edward è un vampiro e i due, visibilmente attratti l’uno dall’altra, non riescono a stare lontani, malgrado i tentativi di Edward di “mettere in salvo” Bella da un futuro che molto probabilmente la vedrebbe morta con un semplice bacio.

  Il loro rapporto si dimostra duraturo e molto forte ma sono tutta una serie di altri inconvenienti a mettere alla prova la già sfortunata coppia. Infatti, un gruppo di vampiri “cattivi” è particolarmente interessato al dolce sangue di Bella e per questo James, il più assetato di sangue della simpatica gang, la fa cadere in una trappola che termina inevitabilmente con un scontro tra i due clan. Bella si salva e Edward le giura amore eterno.

E questo è solo l’inizio di una Saga composta da quattro libri.

Il seguente è New Moon, nel quale Edward pensa bene di lasciare Bella. Lui è iperprotettivo e pensa che lei sia terribilmente in pericolo con lui e con la sua famiglia, interamente formata da vampiri; così lui e i suoi se ne vanno dalla città. Un gesto molto eroico, perché per lui è un gran sacrificio abbandonare Bella, che ama più della sua stessa vita. Malgrado le buone intenzioni di Edward, Bella cade in depressione e viene aiutata dal suo migliore amico Jacob che nel frattempo scopre di essere unlicantropo. Tuttavia l’amicizia solare e dolce del caro amico non aiuta Bella a superare l’assenza di Edward, tanto che questi le appare magicamente come una voce tra i pensieri quando lei è in pericolo: così, pur di ascoltarlo un’altra volta, anche a costo di morire, decide di mettersi nei guai e prova a buttarsi da uno scoglio nel mare tempestoso di LaPush (gesto estremo e poco condivisibile, anche per un fan). La sorella di Edward, Alice (che riesce a leggere il futuro attraverso delle visioni), vede nei suoi pensieri Bella buttarsi e morire. Edward, avvisato del tragico evento (che ancora non sa essere una visione sbagliata della sorella) e senza più un motivo per vivere, decide di farsi uccidere dai Volturi, un clan italiano di Volterra, che rappresenta una sorta di famiglia “reale” della specie (evidentemente l’idea di morire per il proprio amato o per la propria amata è un’idea che li accomuna!). Dato che i Volturi non vogliono ucciderlo perché lui sarebbe un ottimo alleato del loro gruppo per via del suo “superpotere” grazie al quale è capace di leggere nel pensiero, Edward decide di mostrarsi davanti a centinaia di umani in modo da costringere i Volturi ad ucciderlo per aver rivelato la sua natura.

Il piano va a monte perché Bella e Alice raggiungono Volterra e proprio pochi secondi prima che Edward mostri il suo bel corpo luccicante alla gente in piazza, Bella gli salta addosso cercando di fermarlo. I due, rincontrati, si baciano teneramente e si riuniscono, ma la storia non è ancora finita. I Volturi, come si poteva benissimo immaginare, non approvano questa relazione”clandestina” tra loro, che mette a rischio la segretezza dei vampiri, e avvertono Edward che questo legame verrebbe tollerato solo se Bella diventasse a sua volta una vampira. Fratello e sorella mentono per mettere al sicuro la ragazza, giurando di trasformarla al più presto.

Credo che il tema principale di New moon sia la capacità di sacrificarsi per amore, perché Bella ed Edward fanno di tutto per l’altro e pur di stare insieme: Bella sperando di sentire la sua presenza, anche solo nei suoi pensieri, Edward nella speranza di salvarla dai Volturi e da se stesso.

Eclipse invece mette al centro della storia la difficile decisione di Bella tra il bel fidanzato vampiro Edward e il giovane licantropo Jacob. A complicare la trama, Victoria, la fidanzata del defunto James (incontrato nel primo libro dai lettori), decisa a vendicare il compagno, da’ la caccia a Bella e costituisce un piccolo esercito di vampiri neonati per attuare il piano (di questa vicenda si parla approfonditamente nello spin-off, sempre scritto dalla Meyer, “La breve seconda vita di Bree Tanner”). ​​​

I momenti fondamentali del romanzo sono sicuramente quelli che più hanno emozionato i fan: il bacio tra Bella e Jacob, che sconvolge e cambia completamente il punto di vista di Bella stessa sul suo futuro e la lotta tra i Cullen e i licantropi, uniti insieme contro i vampiri neonati e la feroce Victoria affiancata da Riley, innamorato di lei. In tutto questo trambusto, tra gli scontri feroci e i baci mozzafiato rubati, una giovane vampira, Bree Tanner, viene uccisa dai Volturi perché unica sopravvissuta del piccolo esercito di Victoria.

Questo romanzo è stato costruito, parola per parola, sull’eterna scelta che spessissimo si racconta nei libri che narrano storie d’amore, in questo libro originale a causa dei contendenti, entrambi eroi positivi che provano un amore completamente diverso. Cosa sceglie Bella tra l’amore nato dall’amicizia duratura e sincera e quello nato dalla passione e dal gusto dell’impossibile?

Svelata alla fine del libro la scelta di stare con il vampiro, il romanzo si chiude con un capitolo scritto dal punto di vista di Jacob, che dopo aver ricevuto l’invito alle nozze tra Bella ed Edward, si trasforma in un lupo e scappa via, distrutto dal dolore arrecatogli dalla decisione di Bella.

Ultimo capitolo della serie, ma non meno importante, è Breaking Down che, a differenza degli altri libri della Saga, è diviso in tre parti.

Nel “Libro primo” i fatti sono narrati da Bella, che racconta il periodo prima e dopo il matrimonio con Edward, fino alla fine del romantico viaggio di nozze all’Isola Esme, momento in cuiBella suppone di essere incinta. Il “Libro secondo” è invece di nuovo scritto dal punto di vista di Jacob, parte molto intensa per via dei suoi forti sentimenti e della sofferenza che prova alla vista di Bella, in procinto di morire per via dell’essere che porta in grembo. Questa parte si conclude con la nascita della figlia a cui viene dato il nome di Renesmee e verso la quale Jacobs subisce l’imprinting (un sentimento molto più forte dell’innamoramento e al quale è impossibile rinunciare).

Nel “Libro terzo” si torna nuovamente alla narrazione di Bella che ha subito la trasformazione in vampira e racconta il cambiamento della sua vita. Il periodo seguente alla nascita della piccola e bellissima Renesmee è vissuto con grande gioia da Bella, ma la fine della Saga contiene ancora tanti ostacoli da superare.

In Breaking down è particolarmente interessante la seconda parte, vista da Jacob, così diversa da tutte quelle raccontate da Bella, che cambia radicalmente il romanzo e fa apparire molto “reale”una storia incredibile.

Come vi sentireste voi se la persona che amate amasse qualcun altro che odiate, e si facesse lentamente uccidere senza pensare a quanto ne stiate soffrendo voi?

La grandiosa Stephenie Meyer, che ormai tutte le fan più affezionate chiamano zia Steph, ha saputo raccontare una storia che ha catturato e ha portato alla lettura milioni di persone in tutto il mondo. Con una penna decisa ma anche dolce, la cara zia Steph ha saputo sciogliere una trama davvero intricata con la sua fantasia e ha regalato emozioni a tutte le twilighters.

Consigliato a tutte, ma anche a tutti, coloro che amano il romanticismo e gli amori impossibili per i quali bisogna lottare, anche se non si è appassionati di storie fantasy.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Pennyworth

Adesso basta. Twilight è un libro fatto per ragazzine con un idea romantica e irrealistica della vita perché sono troppo piccole per averne alcune. Non parla dell'amore adulto. Di quello sano, responsabile verso se stessi e verso gli altri. Edward, nei libri come nei film, uccide Bella per stare con lei. Questo è un messaggio sbagliatisimo da dare alle ragazze. Ed è sbagliato che Bella rinunci al suo futuro, alla sua indipendenza per stare con lui. L'amore rappresentato in Twilight è un amore che non tiene conto dell'individualità della persona. Dei suoi desideri, del suo amor proprio. Come fa Edward ad amare Bella se la uccide? Questo non è amore.

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stephenie

Meyer

Libri dallo stesso autore

Intervista a Meyer Stephenie


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Siamo narcisi che palpitano al ritmo di like desiderando una sola cosa: essere visibili e ammirati. È finito il tempo in cui erano i sentimenti di colpa a influenzare i nostri comportamenti: a guidare molti di noi, adulti e adolescenti, ora sono il nostro bisogno di visibilità sociale, di notorietà, di ammirazione continua e la paura di finire in un cono d’ombra sociale. È questa uno delle conseguenze dell’individualismo, dell’enfasi sul Sé, che si traduce spesso nell’esibizione di doti inesistenti. Ma a condurre il gioco è un Sé fragile, terrorizzato di non essere all’altezza delle aspettative, che sprofonda facilmente nella paura della vergogna, la causa più diffusa di sofferenza mentale. In pochi anni e con un’accelerazione imprevedibile è successa una catastrofe: sono spariti il Patriarcato e il suo rappresentante più noto, il Padre. Il loro posto è stato occupato dal Sé, è lui che comanda e sancisce il giusto dall’ingiusto. L’individuo, insensibile alle regole e alle leggi e in assenza di grandi narrazioni condivise, pretende di realizzarsi e di ottenere con facilità ricchezza, benessere e potere sociale. Se nelle società del passato l’urgenza era quella di adeguarsi alle regole e alla legge del Padre, oggi il desiderio più profondo dei ragazzi – ma sempre di più anche degli adulti – è quello di suscitare ammirazione. E se non c’è l’ammirazione, c’è la vergogna: risulta intollerabile l’idea di essere considerati brutti, insignificanti, privi di fascino. Alla caduta dell’etica condivisa ha corrisposto l’enfasi sull’estetica, sul potere della seduzione, sull’esibizione spudorata di doti spesso inesistenti. Ecco perché oggi la paura di essere inadeguati, di non essere all’altezza delle aspettative, di non essere desiderabili, è divenuta la causa più diffusa di sofferenza mentale. A firma di uno dei più noti e stimati psicoanalisti italiani, l’analisi feroce di un malessere crescente.

L’insostenibile bisogno di ammirazione

Pietropolli Charmet Gustavo

Un galateo fin de siècle delle passioni, descritto dalla penna inesauribile di Matilde Serao attraverso quattro racconti di amori nati e bruciati rapidamente: c'è la passione che si consuma tra fedeltà e infedeltà in un singolare triangolo amoroso, quella che si infrange contro i dubbi di una confessione tra amanti, quella che si tormenta nell'attesa di un incontro incerto, fino alla passione che, ormai trasformata in ricordo, può essere catalogata insieme agli oggetti insignificanti di un personale museo. Sullo sfondo, un microcosmo aristocratico e alto-borghese, chiuso nei suoi riti codificati come nell'eleganza dei suoi salotti. E un fantasma inquietante: "che la vita nella sua più alta espressione, che è l'amore", sia solo "un vano e miserabile sogno".

L’INFEDELE

Serao Matilde

In un paesino sperduto nel cuore di una sperduta regione, c'è un museo davvero strano: ogni notte, in una stanza buia al piano terra, succede qualcosa di molto, molto inquietante... Che fine fanno tutti i visitatori? E perché, nonostante i rumori, il vecchio custode continua a dormire tranquillo al piano di sopra, svegliandosi solo per ingoiare i ragni che gli camminano sul braccio? E chi è Ernst Fröhlicher, l'enigmatico dottore appena arrivato in paese con il suo inseparabile Labrador nero? Tra presenze sinistre, triangoli d'amore, suicidi, cannibalismo, personaggi grotteschi e situazioni al limite dell'assurdo, mostri e mostriciattoli, Il bizzarro museo degli orrori è un libro macabro, fantasioso, avvincente, divertentissimo, e vi terrà col fiato sospeso (e il sorriso sulle labbra) dalla prima all'ultima pagina. Quando la fantasia di Tim Burton incontra la narrativa gotica di Edgar Allan Poe nasce Dan Rhodes!

IL BIZZARRO MUSEO DEGLI ORRORI

Rhodes Dan

Un uomo misterioso, scrittore di gialli di scarso successo, 65 anni, sapendo di non avere molto da vivere a causa di un cancro ai polmoni, decide che come ultimo atto della sua esistenza compirà un gesto spettacolare che tramanderà la sua memoria ai posteri: un omicidio perfetto. Non uno soltanto, tre. Ucciderà tre donne diverse, già individuate, accomunate dal fatto di avere i capelli rossi. L'assassino ha intenzione di mettere per iscritto dettagliatamente il suo operato e di avvertire via lettera le tre donne della loro sorte imminente per vedere come si comporteranno. L'uomo, servendosi della favola di Cappuccetto Rosso nella sua versione originale e cruenta, avverte le tre donne che il lupo cattivo è sulle loro tracce e che le ucciderà, senza specificare quando, come o dove. Nel momento in cui arrivano le lettere con l'annuncio di morte le tre donne reagiscono in modi diversi. L'uomo non vuole soltanto uccidere, vuole fare una ricerca e una riflessione approfondita sul periodo che precederà la morte. La sfida che si trova di fronte è cercare di aggirare e superare tutti i mezzi e modi in cui le sue tre vittime tenteranno di salvarsi da lui, per questo dovrà avvicinarsi a loro mantenendo il suo anonimato, per prevenire le loro mosse. Nessuno ha mai tentato prima un'operazione simile: tre vittime diverse, in tre luoghi diversi, destinate a tre morti diverse, tutte nello stesso giorno a poche ore di distanza l'una dall'altra. Ma anche il lupo cattivo può sottovalutare...

Un finale perfetto

Katzenbach John