Letteratura americana

The White Album

Didion Joan

Descrizione: The White Album è un intenso reportage giornalistico che indaga i grandi miti dell'America degli anni Sessanta, la cultura, gli idoli, la vita quotidiana, le icone pop. Joan Didion descrive e analizza gli eventi chiave e le principali tendenze di quell'epoca, soffermandosi sulle vicende di alcuni personaggi cruciali. Da Charles Manson a Doris Lessing, dalla pittrice Georgia O'Keeffe alla storica organizzazione afroamericana delle Pantere Nere, dai centri commerciali "che fluttuano nel paesaggio come piramidi" alla Villa Getty di Malibu: ogni cosa è vista attraverso il suo sguardo lucido e impietoso, fragile e inquieto. The White Album è un reportage attuale e imprescindibile, un grande classico moderno del giornalismo narrativo, con cui Didion ha contribuito a raccontare l'America e il suo immaginario.

Categoria: Letteratura americana

Editore: Il Saggiatore

Collana:

Anno: 2015

Traduttore: Delfina Vezzoli

ISBN: 9788842821472

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Mettemmo Lay Lady Lay sul giradischi, e Suzanne. Andammo giù a Melrose Avenue a vedere i Flying Burrito. C’era un bersò di gelsomino sulla veranda della grande casa in Franklin Avenue, e la sera il profumo del gelsomino entrava da tutte le porte e le finestre aperte. […] Immaginavo che la mia vita fosse semplice e dolce, e a volte lo era, ma succedevano cose strane in giro per la città. C’erano voci. C’erano storie. Tutto era innominabile ma niente era inimmaginabile. Questo flirt mistico con l’idea del “peccato” – questa sensazione che fosse possibile spingersi “troppo oltre” e che molti lo stessero facendo – ci riguardava molto nel 1968 e 1969 a Los Angeles. Una folle e seducente tensione vorticosa stava montando nella comunità. L’agitazione cominciava ad avere il sopravvento. Ricordo un periodo in cui i cani abbaiavano ogni notte e la luna era sempre piena.

Con Joan Didion si ha la sensazione che tutto sia possibile. Fortemente visionaria, il suo stile deciso esce dagli schemi di una narrazione centrata e scontata per creare il reale. Qui, in questa raccolta di saggi, come nei suoi romanzi (Prendila così o Diglielo da parte mia, solo per citarne un paio), il tempo e i luoghi della scrittrice e giornalista americana fanno da sfondo agli eventi e ai personaggi che via via vi si alternano e susseguono.
Lei, Didion, è la spettatrice attiva di storie note o meno note che ci vengono qui raccontate cariche di un significato originale, raccolte da un altro punto di vista, filtrate dall’occhio e dall’esperienza umana e personale dell’autrice.
Così, all’inizio della primavera del ’68, la Didion assiste, “seduta sul freddo pavimento di vinile di uno studio di registrazione sul Sunset Boulevard”, al lavoro di una “band chiamata The Doors che registrava una traccia ritmica”, e lo descrive nella sua curiosa normalità. Umanizza là dove la popolarità ha creato il mito (emblematico il Morrison silenzioso e i suoi pantaloni di vinile senza mutande) e coglie il presagio e la magia là dove sembra non essercene traccia.

Una volta qualcuno portò Janis Joplin a una festa nella casa di Franklin Avenue: lei aveva dato un concerto e voleva brandy e Bénédictine in un normale bicchiere per l’acqua. I musicista non volevano mai i soliti drink. Volevano sake, o champagne cocktail, o tequila bum bum. Passare del tempo con i musicisti ti confondeva e richiedeva un atteggiamento più fluido e decisamente più passivo di quanto io avessi mai acquisito. Tanto per cominciare il tempo non aveva mai importanza.

La conferenza stampa di Huey Newton, cofondatore del Black Panther Party, dopo il suo arresto per l’uccisione del poliziotto John Frey nell’ottobre del 1967, è l’occasione per scandagliare la complessità degli eventi in cui tutto era maturato, ma anche il tentativo di scoprire nelle parole del giovane Newton la reale consapevolezza della “natura del ruolo che gli era stato assegnato.
La Didion passa al setaccio le parole, penetra gli sguardi e i gesti alla ricerca di un significato o forse solo di un segno di umanità dietro le forme, iniziando dalla propria personale esperienza personale.

Dalle lussuose dimore della California, le autostrade e i bike movies, Hollywood e i suoi studios alle congregazioni religiose e al movimento femminista Joan Didion dissolve l’immaginifico e ci riconsegna, attraverso i protagonisti, la scena per quello che è, senza fronzoli interpretativi.
Un film in uscita è andato. Un film in uscita tende a sbiadire nella mente di chi lo ha fatto. Come l’assegno di 4 milioni di dollari è solo il totem dell’azione, il film stesso, per molti versi, è solo il sottoprodotto dell’azione.

Erano gli anni in cui tanto è accaduto e tutto poteva succedere, in cui si è concentrato un gran numero di personalità eccezionali ed in cui l’energia vitale e creativa avevano raggiunto livelli inimmaginabili. Facile essere scrittori in un’epoca e in un Paese in cui le storie non avevano bisogno di bravi scrittori per essere raccontate. Forse. Didion però lo ha saputo fare molto bene, certo con uno stile decisamente ben poco “accademico”, ma indubbiamente sorprendente.

La sua stessa vita è il luogo da cui attinge spunti di riflessione: così i suoi viaggi da Los Angeles a Bogotà, i test psichiatrici che le furono somministrati, gli incontri e gli intrecci con persone e personaggi indimenticabili (dal coltivatore di orchidee Amado Vàzquez a Malibu alla pittrice Georgia O’Keeffe) trovano forma sulla carta per diventare storie uniche, a tratti incredibili.
Ricordando quegli anni, l’autrice parla di immagini private, nulla di più se non il resoconto di un passato che non apparteneva solo a chi lo viveva ma che ognuno viveva a suo modo. D’altronde “il privato era tutto ciò che la gran parte di noi si aspettava di trovare.
E quelle storie private riescono a coinvolgere fosse solo per la curiosità di conoscerne la fine.

Molte delle persone che conosco a Los Angeles credono che gli anni sessanta siano finiti bruscamente il 9 agosto 1969, nel momento esatto in cui la notizia degli omicidi in Cielo Drive si diffuse come un incendio nella comunità, e in un certo senso questo è vero. Quel giorno la tensione si ruppe. La paranoia fu giustificata. In un altro senso, per me gli anni sessanta non finirono fino al gennaio del 1971, quando lasciai la cada di Franklin Avenue e mi trasferii in una casa sul mare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Joan

Didion

Libri dallo stesso autore

Intervista a Didion Joan


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un uomo è il romanzo della vita di Alekos Panagulis, che nel 1968 è condannato a morte nella Grecia dei colonnelli per l'attentato a Georgios Papadopulos, il militare a capo del regime. Segregato per cinque anni in un carcere dove subisce le più atroci torture, restituito brevemente alla libertà, conosce l'esilio, torna in patria quando la dittatura si sgretola, è eletto deputato in Parlamento e inutilmente cerca di dimostrare che gli stessi uomini della deposta Giunta continuano a occupare posizioni di potere. Perde la vita in un misterioso incidente d'auto nel 1976. Oriana Fallaci incontra Panagulis nel 1973 quando, graziato di una grazia che non aveva chiesto ma che il mondo intero reclamava per lui, esce dal carcere. I due si innamorano di un amore profondo, complice, battagliero. Lei lo affianca e ne condivide una lotta mai paga. "Il poeta ribelle, l'eroe solitario, è un individuo senza seguaci: non trascina le masse in piazza, non provoca le rivoluzioni. Però le prepara. Anche se non combina nulla di immediato e di pratico, anche se si esprime attraverso bravate o follie, anche se viene respinto e offeso, egli muove le acque dello stagno che tace, incrina le dighe del conformismo che frena, disturba il potere che opprime."

UN UOMO

Fallaci Oriana

L’America è in guerra. Archie Goodwin, braccio destro di Wolfe, è stato richiamato alle armi e, incredibile a dirsi, anche il pigro, cinico Wolfe ha deciso di dare il suo contributo alla patria arruolandosi. Con gravi pericoli per la sua mole, in compagnia del suo fido cuoco Fritz Brenner, l’illustre detective si addestra ogni giorno, incurante delle richieste di Lily Rowan, un’attraente ragazza che cerca di convincerlo a proteggere la sua amica Ann Amory, in pericolo per aver scoperto qualcosa di terribile su una certa persona. Peccato per Ann, soprattutto, che verrà trovata da Lily Rowan con una sciarpa azzurra stretta intorno al collo... «non abbastanza morta». Nel secondo caso, Wolfe, diventato consulente dell’esercito, indaga sulla morte del capitano Cross per conto del colonnello Ryder, che cadrà vittima di una «trappola esplosiva » in una fase cruciale delle indagini.

NON ABBASTANZA MORTA. Le inchieste di Nero Wolf

Stout Rex

Sebastian von Eschbung è cresciuto schiacciato da un dolore terribile e inspiegabile, con il quale fatica a venire a patti: il suicidio del padre quando lui era solo un bambino. Ora, da adulto, cerca di esorcizzare i fantasmi del passato attraverso l'arte. Con le fotografie che scatta e le installazioni video, tenta di dimostrare che la realtà e la verità sono due cose diverse, cerca di spiegare che cosa sono la bellezza, il sesso, la solitudine infinita dell'essere umano. Ma poi accade qualcosa di terribile, la scomparsa di una ragazza, che Sebastian conosce, dietro la quale si sospetta l'omicidio. Manca il corpo, ma Sebastian viene accusato di averla uccisa. La sua difesa viene assunta da un anziano avvocato, che aiutando il giovane artista cerca di aiutare anche se stesso...

Tabù

Schirach von Ferdinand

Ciò che avviene fuori di noi può passare senza lasciare traccia, o modificare per sempre la traiettoria della nostra vita. L'autobiografia di ciascun italiano è una scheggia impazzita nell'autobiografia del Paese. "Il 22 giugno 1974, al settantottesimo minuto di una partita di calcio, sono diventato comunista". Sono i Mondiali del '74, ai quarti di finale si gioca una partita storica: Germania Ovest contro Germania Est. Un bambino di dieci anni, seduto davanti alla televisione insieme a suo padre, si rende conto tutt'a un tratto di tifare per la squadra sbagliata. "Mentre lo stadio ammutolisce, tra la poltrona di mio padre e la mia, un piccolo muro, invisibile e incompreso, comincia a venire su, come se fossimo nel centro di Berlino". Francesco Piccolo ha scritto un romanzo personale e politico, divertente, serissimo, provocatorio, per raccontare la storia d'amore irrisolvibile che lega ogni uomo al suo tempo. Perché in fondo la nostra vita è il modo che scegliamo ogni giorno per partecipare al mondo.

Il desiderio di essere come tutti

Piccolo Francesco