Narrativa

Thomas Jay

Libutti Alessandra

Descrizione: Thomas Jay è uno scrittore di culto. Dal chiuso di una cella racconta la sua incredibile storia ad Ailie, una studentessa che sta scrivendo una tesi sulla sua opera. Dopo un'infanzia povera ma fantasiosa, accanto a una nonna rivoluzionaria e una zia amorevole, Thomas Jay viene spedito in America. A dodici anni entra per la prima volta in riformatorio; trova il modo di scappare e si rifugia nella lavanderia di Max. Maestro silenzioso e discreto, Max accende nel ragazzo l'amore per la letteratura ma soprattutto lo incoraggia a scrivere. Anche il critico Samuel Atkinson crede in lui e fa pubblicare il suo romanzo “In the Dim, in the Light”, destinato a diventare una pietra miliare della narrativa contemporanea. Carattere inquieto e ribelle, Thomas Jay passa l'intera giovinezza fuggendo da un riformatorio all'altro per approdare al carcere, quello vero, e all'ergastolo. Intanto i suoi romanzi, eccezionali allegorie della vita, incantano il mondo. «Chi lo incontra firma un contratto con l'eternità», dice il professor Hatkinson ad Ailie per metterla in guardia dal suo scrittore preferito. Ma Ailie si è innamorata di Thomas Jay prima ancora di conoscerlo e vuole raccogliere i suoi ricordi e l'ultimo, estremo desiderio d'amore. Un romanzo commovente che parla di libri. E soprattutto del potere delle parole, dell'anima di chi le ha scritte e di chi le legge.

Categoria: Narrativa

Editore: Fazi

Collana: Le Strade

Anno: 2012

ISBN: 9788864112213

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

L’ingegnosa campagna pubblicitaria messa a punto da Fazi Editore ha creato molto scompiglio. C’è stato chi ha scagliato strali al veleno e chi ha gridato al tradimento.

Personalmente, quando ho scelto di leggere Thomas Jay non sapevo nulla delle notizie diffuse sul web né tantomeno immaginavo di poter avere a che fare con la vera storia di un fantomatico scrittore condannato all’ergastolo. Ho deciso di leggerlo semplicemente perché la trama mi sembrava interessante e la copertina mi ha intrigato.

Ebbene, la conseguenza del mio scarso interesse per il gossip letterario (e non solo) è stata positiva. Ho avuto modo di leggere il testo senza alcun condizionamento, e scevro da condizionamenti è dunque il mio giudizio: Thomas Jay è un bel libro.

Dopo uno sfortunato esordio, il romanzo di Alessandra Libutti è stato rivalutato e (giustamente) salvato dall’oblio, conquistando il ragguardevole traguardo della finale al Premio Calvino.

Le prime pagine sono eccellenti. Thomas Jay ci racconta le giornate spensierate dell’infanzia e le sfortunate vicende che lo conducono dritto in riformatorio, fino all’incontro con quel personaggio straordinario che è Max. Sarà proprio il colto e sensibile proprietario della lavanderia a trasformare un ragazzo impaurito e ribelle nell’autore del capolavoro In the Dim, in the Light.

Quando ho visto (perché mi è sembrato davvero di vederlo) Thomas Jay davanti alla bellissima libreria di Max, mentre leggeva rapito i titoli dei libri e li memorizzava nella silenziosa attesa di poterne avere prima o poi uno tra le mani, mi son detta: a questo romanzo assegnerò senz’altro cinque stelline.

La forma epistolare crea un’atmosfera di intimità e calore, le parole sono sempre scelte con cura e incasellate senza sforzo, lo stile è leggero e rigoroso al tempo stesso.

Nella seconda parte il registro cambia, e Ailie, la studentessa a cui sono destinate le lettere che compongono la prima parte del libro, diventa co-protagonista.

La variazione non mi è dispiaciuta, anzi l’ho trovata piacevole, solo che il miele comincia a contaminare i dialoghi, e la storia delle ripetute fughe e dei sentimenti che vi stanno alla base a tratti si fa pesante. In più Samuel Atkinson, il secondo maestro che Thomas Jay incontra sul proprio cammino, appare poco convincente. Peccato.

Resta comunque innegabile la gradevolezza della lettura e l’originalità dell’idea. Consigliato.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandra

Libutti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Libutti Alessandra


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

I proventi di questo ebook andranno totalmente all’Associazione onlus Franca Cassola Pasquali, una bella realtà che opera sul nostro territorio soprattutto a sostegno della Senologia di Tortona. Otto racconti che hanno per protagoniste altrettante donne. Persone comuni, come lo sono di solito i personaggi delle mie storie, che vivono delle situazioni particolari e che si ritrovano a dover compiere delle scelte, capaci, nel bene e nel male, di condizionare la loro vita. Sono donne ben diverse l’una dall’altra, sia per età che per estrazione sociale, sia per le problematiche del loro vivere che per il modo in cui ognuna le affronta, ma in egual modo ricche di sentimenti e di quella sensibilità speciale che caratterizza l’animo femminile. E’ diversa anche l’atmosfera che si respira nei vari racconti, in alcuni triste se non addirittura tragica, in altri più lieve e persino venata di ironia e di umorismo. E anche lo stile si adatta al contenuto. Ho raccolto i racconti accostandoli a due a due, puntando su un aspetto, che, in qualche modo, accomuna le protagoniste. Filomena e Altea. Essere prigioniere del marito e della casa può risultare orrendo, oppure qualcosa a cui non si vuole rinunciare. Tutto dipende dalla situazione personale. Pinuccia e Teresa. La condizione di suocera non è facile, specie se col marito della propria figlia esiste un feeling decisamente scarso. Anna e Carmela. Un figlio può costituire un problema se se lo si desidera intensamente e ci viene negato, ma anche se una gravidanza inaspettata arriva ad aggiungere difficoltà a una situazione familiare già non facile. Silvana e Angela. Entrambe le protagoniste si rivolgono a una persona cara, la madre e la figlia, e traggono dal loro ottimismo, dalla loro positività, coraggio e speranza.

8 marzo – Storie di donne

Sanna Silvana

In questo romanzo Franco Forte mette in evidenza tutte le ombre e le contraddizioni della più famosa congiura della storia, arrivando a costruire in modo credibile e coerente con i lasciti storici una teoria tanto affascinante quanto sorprendente: e se Giulio Cesare non fosse affatto morto alle Idi di Marzo? Come potrebbero essere andate le cose? Un nuovo modo di reinventare la storia appoggiandosi a ciò che la stessa storia ci dice...

Cesare l’immortale (Book City Milano 2016)

Forte Franco

Cosa c'è di divino nell'essere giovane madre di un figlio arrivato per grazia o per caso, e poi sperare per lui una vita buona, abbastanza buona e insieme temere per lui con tutte le paure di tutte le madri, che non incontri il male, che non sia troppo speciale, che il mondo lo accolga o almeno lo lasci in pace. Vivere in pace. È la storia umanissima di ogni madre ed è la storia di Maria raccontata in poesia, in pittura, in musica, nel vetro, nel ghiaccio immacolato, a punto croce, sulle volte delle cattedrali e sui selciati delle piazze, a chiacchierino e col tombolo. Qui parla Maria, Madre di Dio bambino, ma per ogni madre il suo bambino è Dio, vita che si consegna fragilissima e si promette eterna. Intorno a Maria uomini e donne che pensano di capire e poi gli angeli che fanno corona ma le loro ali non riescono a tenere lontano il gran male del mondo che si addensa in questo punto della terra in tutto simile a tanti altri punti della terra in cui in ogni tempo si è gridato «Uccidilo». Quel che resta è un corpo rotto senza grazia, consegnato a una madre ancora giovane, anche lei simile a tante. Ma la fine non è scritta e i bambini nascono ogni giorno.

Lei

Veladiano Mariapia

Il libro è il tragico monologo di una donna che aspetta un figlio guardando alla maternità non come a un dovere ma come a una scelta personale e responsabile. Una donna di cui non si conosce né il nome né il volto né l'età né l'indirizzo: l'unico riferimento che ci viene dato per immaginarla è che vive nel nostro tempo, sola, indipendente e lavora. Il monologo comincia nell'attimo in cui essa avverte d'essere incinta e si pone l'interrogativo angoscioso: basta volere un figlio per costringerlo alla vita? Piacerà nascere a lui? Nel tentativo di avere una risposta la donna spiega al bambino quali sono le realtà da subire entrando in un mondo dove la sopravvivenza è violenza, la libertà un sogno, l'amore una parola dal significato non chiaro.

LETTERA A UN BAMBINO MAI NATO

Fallaci Oriana