Classici

Walden. Vita nei boschi

Thoreau Henry D.

Descrizione: Nel luglio 1845, Henry Thoreau lasciava la sua cittadina natale per andare a vivere in una capanna nei boschi del vicino lago di Walden. Il suo voleva essere un esperimento, che assumeva però risvolti politici e sociali insieme: era una scelta di "disobbedienza civile" verso una società di cui non condivideva gli ideali mercantili. Nell'introduzione Piero Sanavio spiega come il vagabondo di Walden, nel suo solitario rapporto con la natura, ricercasse un alfabeto segreto: quello del mitico New England di due secoli prima, dimensione morale, estetica e metafisica, prima ancora che semplice territorio geografico.

Categoria: Classici

Editore: Rizzoli

Collana: BUR Classici

Anno: 1988

ISBN: 9788817166546

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Il romanzo di Thoureau è un’autobiografia riferita ad un’esperienza di vita nel bosco durata due anni e due mesi, che l’autore ha voluto tramandare ai posteri in forma scritta con il pretesto che tanti erano stati i suoi vicini ad interrogarlo su come fossero trascorsi questi due anni.

Siamo negli Stati Uniti della metà Ottocento, quando ormai l’America si appresta a diventare la grande potenza che si imporrà sullo scenario europeo agli inizi del Novecento: la mentalità capitalista ha preso piede e si è radicata a tal punto che l’autore auspica un ritorno ad una vita ispirata dai valori della natura.

L’America aveva rappresentato la più concreta delle utopie, cioè dei non-luoghi nei quali realizzare un mondo migliore, ma questo tentativo di creare un Eden sulla Terra è fallito inequivocabilmente. L’unico modo, secondo Thoureau, per redimere l’uomo, è un auspicato ritorno alla vita semplice, senza più quelle imposizioni della società moderna che si palesano come delle necessità e riducono l’uomo a prigioniero del suo lavoro e dei suoi beni.

Nel primo capitolo non casualmente porta la contabilità delle spese avute per la costruzione della sua capanna: questa è l’unica casa che l’autore abbia mai avuto; prima aveva posseduto solo una barca, dimora senza fondamenta.

Potrebbe stupire a questo punto la presenza di un secondo capitolo intitolato alle letture: siamo di fronte a un personaggio che ha alle spalle una grande varietà di fonti e modelli e pone l’esigenza della lettura solamente come seconda rispetto a quella della costruzione della sua dimora. Thoureau parla dei libri come dei residui dei più grandi uomini del passato: è quanto ci resta e va valorizzato, interiorizzando certe riflessioni ed adattandole ai tempi. L’autore condanna la superficialità con cui l’attività dello scrivere e del leggere sono considerati: dopo le prime attività didattiche si dovrebbe passare allo studio dei classici, cosa che invece non avviene. I classici, dice, sono scritti sempre in lingua morta, anche se tradotti, perché in effetti l’uomo moderno non sarà mai capace di riadattare il testo a quei valori e a quelle interpretazioni a cui possono giungere i fruitori contemporanei. Tuttavia la grandezza di un’opera sta proprio nel riuscire a superare il limite del tempo.

La formazione culturale dei suoi concittadini, secondo Thoreau, dovrebbe andare oltre la praticità e aspirare alla ricezione di un pensiero alto, in modo da formare una collettività che agisca secondo lo spirito delle istituzioni. La natura che è alla base dell’identità dell’uomo si allea con la poesia e l’arte: l’autore precisa apertamente, evitando qualsiasi possibile fraintendimento, che la rinuncia al capitalismo non consiste in nessun modo nel rifiuto della cultura.

L’opera è un inno alla vita, alla verità, alla purezza a cui l’uomo aspira ma alla quale già sa di non poter arrivare; quest’asindeto però non deve scoraggiare l’individuo. Thoreau l’ha sperimentato con la sua esperienza e attraverso la letteratura ha voluto trasmettere l’idea di una natura che sì, non mette l’uomo al centro del suo equilibrio, ma gli fornisce comunque quanto necessario per rimanere fedele a se stesso e sopravvivere dignitosamente.

Il romanzo ha avuto un largo successo nel Novecento, soprattutto in seguito alla diffusione dei movimenti ambientalisti, ed è considerato oggi uno dei classici della letteratura americana.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

D.

Henry

Thoreau

Libri dallo stesso autore

Intervista a Thoreau Henry D.

Sotto la bottiglia

Filippo Kalomenidis

De Amicis, Edmondo – IL PICCOLO SCRIVANO FIORENTINO (Cuore, 1886)

La Sardegna degli anni Cinquanta è un mondo antico sull’orlo del precipizio. Maria ha sei anni ed è appena diventata «figlia d’anima» dell’anziana Bonaria Urrai, secondo l’uso campidanese che consente alle famiglie numerose di compensare le sterilità altrui attraverso una adozione sulla parola; il patto tacito è che la figlia acquisirà lo status di erede, ma in cambio promette di prendersi cura della madre adottiva nei bisogni della vecchiaia. La bambina è inizialmente convinta che Bonaria Urrai faccia la sarta, e infatti le giornate sono segnate dallo scorrere nella bottega casalinga di una umanità paesana, fatta di piccole miserie e di relazioni costruite di gesti e di sguardi, molto piú che di parole. Accettata come normale dal paese, l’adozione solidale tra la vecchia e la bambina si consolida malgrado lo sfaldarsi circostante delle antiche certezze. Attraverso lo sguardo privilegiato della bambina che cresce, le contraddizioni tra il vecchio e il nuovo emergono via via piú evidenti: nell’esperienza della scuola dell’obbligo, e in quella del confronto tra la fede cristiana e i retaggi di una religiosità assai piú antica nel tempo. Sarà l’imprevista rivelazione del segreto peccato collettivo dell’accabadura – la fine violenta e pietosa a cui Bonaria è incaricata di sottoporre gli agonizzanti in fin di vita – a infrangere l’armonia tra le due donne, costringendo entrambe a fare i conti tra l’etica millenaria di una società morente e i nuovi valori che l’incalzano.

Accabadora

Murgia Michela

Anana e un uomo che fa. Come un pioniere, si e aperto la strada in una terra ostile - lo stato indiano somiglia al nostro, invadente e dispotico quando chiede, inesistente quando serve - e intravede finalmente l'orizzonte: la sua è una fabbrica modello, pronta a decollare sul mercato internazionale. Anche i suoi figli gli sembrano un miracolo, mentre la moglie è capricciosa e insicura. Nei sogni Anand accarezza un'altra donna: accanto a Kavika, non è più solo. E quando di colpo tutto si complica, perché politici rapaci lo tormentano con un subdolo ricatto, Kavika è l'unica che lo sa ascoltare. Ma qual è il karma di Anand? Proteggere sua moglie per amore dei figli, o dare ascolto ai propri bisogni più intimi e abbandonarsi tra le braccia di Kavika? Cedere al ricatto che minaccia la sua fabbrica e adeguarsi alla corruzione imperante, o combattere e dire di no? Kamala è una vita che combatte. Ha lavorato nei cantieri con il figliolino al collo, dormendo sul marciapiede in una tenda improvvisata. Fare la serva per la famiglia di Anand le sembra una conquista: ha una casa minuscola in cui tornare la sera, può mandare a scuola il suo amato Narayan. La sua vita è distante mille miglia da quella dei suoi datori di lavoro, che spendono in un pomeriggio di shopping quello che lei guadagna in un anno, ma Kamala sarebbe contenta così. Se non fosse per la speculazione edilizia che minaccia la sua casa. Se non fosse per la calunnia che rischia di distruggere tutto quello che ha.

La fabbrica della speranza

Sankaran Lavanya