Classici

Walden. Vita nei boschi

Thoreau Henry D.

Descrizione: Nel luglio 1845, Henry Thoreau lasciava la sua cittadina natale per andare a vivere in una capanna nei boschi del vicino lago di Walden. Il suo voleva essere un esperimento, che assumeva però risvolti politici e sociali insieme: era una scelta di "disobbedienza civile" verso una società di cui non condivideva gli ideali mercantili. Nell'introduzione Piero Sanavio spiega come il vagabondo di Walden, nel suo solitario rapporto con la natura, ricercasse un alfabeto segreto: quello del mitico New England di due secoli prima, dimensione morale, estetica e metafisica, prima ancora che semplice territorio geografico.

Categoria: Classici

Editore: Rizzoli

Collana: BUR Classici

Anno: 1988

ISBN: 9788817166546

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Il romanzo di Thoureau è un’autobiografia riferita ad un’esperienza di vita nel bosco durata due anni e due mesi, che l’autore ha voluto tramandare ai posteri in forma scritta con il pretesto che tanti erano stati i suoi vicini ad interrogarlo su come fossero trascorsi questi due anni.

Siamo negli Stati Uniti della metà Ottocento, quando ormai l’America si appresta a diventare la grande potenza che si imporrà sullo scenario europeo agli inizi del Novecento: la mentalità capitalista ha preso piede e si è radicata a tal punto che l’autore auspica un ritorno ad una vita ispirata dai valori della natura.

L’America aveva rappresentato la più concreta delle utopie, cioè dei non-luoghi nei quali realizzare un mondo migliore, ma questo tentativo di creare un Eden sulla Terra è fallito inequivocabilmente. L’unico modo, secondo Thoureau, per redimere l’uomo, è un auspicato ritorno alla vita semplice, senza più quelle imposizioni della società moderna che si palesano come delle necessità e riducono l’uomo a prigioniero del suo lavoro e dei suoi beni.

Nel primo capitolo non casualmente porta la contabilità delle spese avute per la costruzione della sua capanna: questa è l’unica casa che l’autore abbia mai avuto; prima aveva posseduto solo una barca, dimora senza fondamenta.

Potrebbe stupire a questo punto la presenza di un secondo capitolo intitolato alle letture: siamo di fronte a un personaggio che ha alle spalle una grande varietà di fonti e modelli e pone l’esigenza della lettura solamente come seconda rispetto a quella della costruzione della sua dimora. Thoureau parla dei libri come dei residui dei più grandi uomini del passato: è quanto ci resta e va valorizzato, interiorizzando certe riflessioni ed adattandole ai tempi. L’autore condanna la superficialità con cui l’attività dello scrivere e del leggere sono considerati: dopo le prime attività didattiche si dovrebbe passare allo studio dei classici, cosa che invece non avviene. I classici, dice, sono scritti sempre in lingua morta, anche se tradotti, perché in effetti l’uomo moderno non sarà mai capace di riadattare il testo a quei valori e a quelle interpretazioni a cui possono giungere i fruitori contemporanei. Tuttavia la grandezza di un’opera sta proprio nel riuscire a superare il limite del tempo.

La formazione culturale dei suoi concittadini, secondo Thoreau, dovrebbe andare oltre la praticità e aspirare alla ricezione di un pensiero alto, in modo da formare una collettività che agisca secondo lo spirito delle istituzioni. La natura che è alla base dell’identità dell’uomo si allea con la poesia e l’arte: l’autore precisa apertamente, evitando qualsiasi possibile fraintendimento, che la rinuncia al capitalismo non consiste in nessun modo nel rifiuto della cultura.

L’opera è un inno alla vita, alla verità, alla purezza a cui l’uomo aspira ma alla quale già sa di non poter arrivare; quest’asindeto però non deve scoraggiare l’individuo. Thoreau l’ha sperimentato con la sua esperienza e attraverso la letteratura ha voluto trasmettere l’idea di una natura che sì, non mette l’uomo al centro del suo equilibrio, ma gli fornisce comunque quanto necessario per rimanere fedele a se stesso e sopravvivere dignitosamente.

Il romanzo ha avuto un largo successo nel Novecento, soprattutto in seguito alla diffusione dei movimenti ambientalisti, ed è considerato oggi uno dei classici della letteratura americana.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

D.

Henry

Thoreau

Libri dallo stesso autore

Intervista a Thoreau Henry D.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Artur Paz Semedo, impiegato di una storica fabbrica d'armi, le Produzioni Bellona s.a., e intenditore di film bellici, viene profondamente colpito da alcune commoventi immagini de "L'espoir", di André Malraux, cui assiste casualmente. La successiva lettura del libro, che pare già provocare un'impercettibile incrinatura nelle sue certezze di amante appassionato delle armi da fuoco e, poco dopo, il suggerimento della ex moglie Felícia, una pacifista convinta, di investigare negli archivi dell'azienda per scoprire se le Produzioni Bellona s.a. abbiano mai venduto armamenti ai fascisti lo avviano verso un'avventura...

Alabarde Alabarde

Saramago Jose

Caterina Guerra ha dieci anni e un sogno: correre in bicicletta come i campioni del Giro. Vive nell’Italia del boom, in una piccola città della pianura vicino a un fiume. Ma lei non sa che in quel periodo per le donne è quasi impossibile diventare corridori. O forse preferisce ignorarlo, perché solo in sella si sente davvero felice. L’appartamento in cui abita, angusto e periferico, è aperto su cortili, cantine, orti e strade che portano al fiume e che rappresentano le sue vie di fuga. Di fronte alla casa c’è la fabbrica dove suo padre lavora come caporeparto: un lavoro di cui è orgoglioso ma che non lo rallegra. La sera Caterina lo vede mentre si sfoga, da uomo silenziosamente fantasioso qual è, facendo solitari comizi dal balcone di casa. Nemmeno l’ambiente famigliare sembra rasserenarlo, soprattutto a causa della moglie: bella, inquieta, ambiziosa, eccessiva in tutto. La vita della bambina e della sua famiglia continua apparentemente sempre uguale fino a che, nell’estate del 1964, un evento interrompe quel mondo prodigioso e a tratti anche crudele, insieme al sogno di Caterina di diventare corridore...

LE NOTTI SEMBRAVANO DI LUNA

Bosio Laura

Tra il 1978 e il 1990, mentre in Unione Sovietica il potere si scopriva fragile e una certa visione del mondo si avviava al tramonto, Andrej Cikatilo, marito e padre di famiglia, comunista convinto e lavoratore, mutilava e uccideva nei modi più orrendi almeno cinquantasei persone. Le sue vittime bambini e ragazzi di entrambi i sessi, ma anche donne - avevano tutte una caratteristica comune: vivevano ai margini della società o non si sapevano adattare alle sue regole. Erano insomma simboli del fallimento dell'Idea comunista, sintomi dell'imminente crollo del Socialismo reale. Questo libro, sospeso tra romanzo e biografia, narra la storia di uno dei più feroci assassini del Novecento attraverso la visionaria, a tratti metafisica ricostruzione della confessione che egli rese in seguito all'arresto. E fa di più. Osa raccontare l'orrore e il fallimento in prima persona: Cikatilo, infatti, in questo libro dice "io". È lui stesso a farci entrare nella propria vita e nella propria testa, a svelarci le sue pulsioni più segrete, le sue umiliazioni e ossessioni. "Il giardino delle mosche" è un libro lirico e crudele allo stesso tempo: la storia di un'anima sbagliata, una meditazione sul potere e la sconfitta e, soprattutto, una discesa impietosa fino alle radici del Male.

Il giardino delle mosche. Vita di Andrej Cikatilo

Tarabbia Andrea

Quando esci dagli schemi della mera e rassicurante esistenza e decidi di vivere, tutto può accadere. A Diego, quarantenne traumatizzato da un lutto familiare, con un lavoro anonimo e un talento unico per le balle, accade di imbarcarsi impulsivamente in un'impresa al di sopra delle sue capacità, l'apertura di un agriturismo; accade che decida di farlo in società con due individui visti solo una volta e che in comune con lui hanno esclusivamente la mediocrità; accade anche che a far evitare il fallimento immediato sia l'intervento di un comunista nostalgico e che la banale fuga in campagna si trasformi in un atto di resistenza quando nell'agriturismo si presenta un camorrista per chiedere il pizzo. Questo arrivo inaspettato genera una risposta imprevedibile, soprattutto da parte di quattro guerrieri da riunione di condominio, e una serie di eventi a catena. Diego e i suoi amici diventano involontari artefici di un bizzarro miracolo mentre l'agriturismo, con l'arrivo di tre immigrati ghanesi e di una giovane cuoca punk, si trasforma giorno dopo giorno in una sorta di avamposto multietnico, anarchico e partigiano.

GIULIA 1300 E ALTRI MIRACOLI

Bartolomei Fabio