Narrativa

Ti meriti un amore

Appiano Alessandra

Descrizione: Il 13 gennaio 2016 Gloria Rosboch, insegnante di 49 anni, scompare nel nulla. La sua vicenda attira subito l'attenzione dell'opinione pubblica. La sua storia rivela retroscena inaspettati... Alessandra Appiano ricostruisce, in chiave narrativa, la tragica vicenda di cronaca. E lo fa attraverso due voci: quella della vittima e quella del suo alter ego, Cinzia Ghezzi, regista e commentatrice televisiva. Due donne all'apparenza diverse, ma che in realtà sono le due facce della stessa medaglia: quella dell'amore a cinquant'anni.

Categoria: Narrativa

Editore: Cairo

Collana: Scrittori italiani

Anno: 2017

ISBN: 9788860527806

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Ti meriti un amore di Alessandra Appiano racconta due storie parallele: quelle di due donne, Cinzia ed Emma, che hanno doppiato la boa del mezzo secolo di vita e si confrontano a distanza. Un profilo sembra reale, l’altro soltanto immaginato o narrato. Ma – pagina dopo pagina – le prospettive si capovolgono, e quella che sembra essere la storia reale diviene quella raccontata.

Si fronteggiano così due vite: una apparentemente realizzata, soddisfacente sul piano professionale e rivitalizzata da un’esperienza sentimentale nuova e frizzante (“Quella notte hanno deciso i corpi, che non mentono mai”), che tuttavia richiede di scegliere tra uno stacco risolutivo (abbandonare il marito) o un compromesso; l’altro è un bilancio totalmente fallimentare (“Una sfaccendata, tardona e single, senza marito, senza figli e senza progetti”), con un finale tragico purtroppo ispirato a un triste evento della cronaca nera.

Con il consueto stile a tratti scanzonato (“Milano climaticamente è insostenibile, una specie di Calcutta senza il conforto della fede indù”), a tratti sardonico, ricorrendo a molte citazioni letterarie (“La sventurata rispose”) e colte (“Il lavoro dà la libertà. E la libertà dà il coraggio” – Pericle), Ti meriti un amore di Alessandra Appiano affronta il tema delle insoddisfazioni esistenziali che esplodono nell’età matura (“Oramai abbiamo cinquant’anni e da questa età in poi ognuno impazzisce a modo suo”), quando il tempo residuo comincia a scarseggiare e quando il resoconto degli anni trascorsi si misura impietosamente con i sogni spezzati e irrealizzati, per concludere – con complicità e benevolenza femminile – che le leggi della vita sono crudeli e tu sì, se sei in credito con le occasioni mancate, se non hai conosciuto quella felicità che hai inseguito e mai raggiunto, ma anche no: in ogni caso, Ti meriti un amore…

Bruno Elpis

Il sito web di Alessandra Appiano

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandra

Appiano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Appiano Alessandra


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La guarigione, attraverso l'iniziazione sessuale, di un adolescente che non riesce a trovare un equilibrio tra sé e la realtà circostante.

La disubbidienza

Moravia Alberto

Jean Rhys divenne improvvisamente un caso letterario alla metà degli anni Sessanta, con la pubblicazione del romanzo Il grande mare dei Sargassi (un caso diffusosi dall'Inghilterra assieme alla scoperta della letteratura femminile come genere letterario specifico). In quel momento, Jean Rhys era quasi ottantenne, e aveva alle spalle una vita ricca di ferite e delusioni, iniziatasi, come per altre scrittrici del secolo, nel declino del colonialismo europeo. E aveva alle spalle una conclusa stagione di racconti, degli anni Venti e Trenta, i cui ricorrenti protagonisti erano donne vinte in tristi stanze londinesi o parigine. Poi, a trent'anni di distanza, il suo maggior romanzo. E questa autobiografia di un'infanzia e adolescenza in Dominica, in cui il teatro del mondo delle ultime colonie dà un respiro profondo e un orizzonte infinito al racconto di una diversità che si fa progressivamente emarginazione, lontananza spirituale. Smile please, ordinava inutilmente la mamma a una bambina distratta davanti al fotografo; e quella incapacità di sorridere a comando, dal primissimo ricordo infantile, diventa l'emblema di una vita.

SMILE PLEASE

Rhys Jean

Platone, avaro e pomposo aristocratico, avido di popolarità, vuole sbancare con un best-seller, e , costi quel che costi, concretizzare la propria idea di Stato giusto. Socrate è un beone geniale e alla moda, non manca un solo banchetto, ma ha il vizio di rubacchiare qua e là monili e statuette con cui rimpingua la bottega di antiquariato della moglie, la bionda Santippe. Platone decide di sfruttare la situazione, ricatta Socrate e gli offre denaro in cambio dei dialoghi che solitamente getta al vento. Alla celebre coppa di cicuta Socrate giunge per motivi diversi da quelli tradizionalmente noti: snocciolando i lati oscuri di quegli antichi geni, il demiurgo Durrenmatt intavola un dibattito sul rapporto fra concreto e astratto, pubblicità e vero sapere, ambizione e qualità. Lucido e sorprendente, abile nel giocare con i grandi pensieri e la storia come fossero biglie di vetro, Durrenmatt chiama alla riflessione, anche con poche battute.

La morte di Socrate

Un sabato sera come tanti in una cittadina della provincia italiana. La tv sintonizzata su uno show televisivo, nel lavandino i piatti della cena da lavare. Un infarto fulminante uccide il settantenne Pietro Polizzi, ma Ines Banchero, sua moglie da quasi quarant’anni, se ne accorge solo alla fine della serata. E non chiede aiuto a nessuno, neppure ai due figli, Vittorio e Riccarda. Comincia così, con un decesso di cui tutti sono tenuti all’oscuro, un viaggio di quattro giorni dentro l’inferno domestico di una coppia all’apparenza normale, ma di fatto marchiata a fuoco da un trauma inconfessato. E mentre giorno dopo giorno la morte si impadronisce della scena, il confine fra normalità e follia si fa labile. Il talento è la condanna e l’ossessione di Ines. Eccellente disegnatrice da ragazza, rinuncia a seguire la propria vocazione per una vita «al sicuro»: quella di moglie e madre modello. Ma Ines non riconosce neppure il talento e le più genuine aspirazioni dell’amatissimo figlio Vittorio, campione di nuoto. Né accetta il talento della libera e tenace Riccarda, attrice di successo, sua grande delusione. Ines vive tra i fantasmi - i demoni - del passato. E in questo limbo vaga da sola, cercando qualche frammento di senso e una luce di riscatto.

La figlia sbagliata

Romagnolo Raffaella