Narrativa

TI PREGO LASCIATI ODIARE

Premoli Anna

Descrizione: Jennifer e Ian si conoscono da sette anni e gli ultimi cinque li hanno passati a farsi la guerra. A capo di due diverse squadre nella stessa banca d'affari, tra di loro la competizione è altissima e i colpi bassi e le scorrettezze non si contano. Si detestano, non si sopportano, e non fanno altro che mettersi i bastoni fra le ruote. Finché un giorno, per caso, i due sono costretti a lavorare a uno stesso progetto: la gestione dei capitali di un facoltoso e nobile cliente. E così si ritrovano a passare molto del loro tempo insieme, anche oltre l'orario d'ufficio. Ma Ian è lo scapolo più affascinante, ricco e ambito di tutta Londra e le sue accompagnatrici non passano mai inosservate: basta un'innocente serata trascorsa a uno stesso tavolo perché lui e Jennifer finiscano sulle pagine di gossip di un giornale scandalistico. Lei è furiosa: come possono averla associata a un borioso, classista e pallone gonfiato come Ian? Lui è divertito, ma soprattutto sorpreso: le foto con Jenny hanno scoraggiato tutte le sue assillanti corteggiatrici. E allora si lancia in una proposta indecente: le darà carta bianca col facoltoso cliente se lei accetterà di fingersi la sua fidanzata. Sfida accettata e inizio del gioco! Ma ben presto portare avanti quello che per Jenny sembrava un semplice accordo di affari si rivela più complicato del previsto.

Categoria: Narrativa

Editore: Newton Compton

Collana: Anagramma

Anno: 2013

ISBN: 9788854147928

Trama

Le Vostre recensioni

“Se è un caso letterario ci sarà un perché”, recita la fascetta del romanzo d’esordio di Anna Premoli, pubblicato in versione e-book già la scorsa estate e questo mese ancora ai primi posti delle classifiche di vendita.

Ebbene, la spiegazione è che si tratta di un libro che ha spopolato grazie al passaparola, leggerissimo e spassoso, con dei protagonisti pieni di sé ma indubbiamente dotati di uno spiccato senso dell’umorismo che, come spesso accade, scambiano per reciproca antipatia il desiderio represso che nutrono l’uno per l’altra.

Lo scenario è l’eclettica Londra moderna, in cui il dinamismo delle grandi banche d’affari convive con la pigra alterigia della sempreverde nobiltà.

Jennifer è un rampante avvocato fiscalista e Ian un brillante economista. Due figure assolutamente complementari nel team di consulenza per il quale lavorano; due opposti che apparentemente non si attraggono nella vita di tutti i giorni.

La loro convivenza forzata in ufficio dura ormai da svariati anni, in un crescendo di dispetti, allusioni pungenti e malcelata ostilità. Adesso però, Lord Beverly, un facoltoso cliente, insiste per essere seguito da entrambi i professionisti e per Jenny e Ian c’è ben poco da obiettare.

Lavorando allo stesso progetto, i due si ritrovano a trascorrere parecchio tempo insieme anche fuori dall’ufficio, e quando Ian, per liberarsi delle sue invadenti corteggiatrici a caccia dello scapolo d’oro, chiede un aiuto alla collega, tra una finta carezza e un bacio cinematografico… l’antico odio inaspettatamente si trasforma in amore.

Se condite il tutto con il fascino del gossip, aggiungete le immancabili amiche del cuore e l’imprevisto che tiene alta l’attenzione senza però turbare la nostra legittima aspettativa di un lieto fine, il quadro della perfetta commedia romantica è completo.

Consigliato a chi non cerca una storia originale e sorprendente, ma ha voglia di rilassarsi e di sognare ed è disposto a perdonare qualche battibecco di troppo e la ridondanza di alcune scene.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Anna

Premoli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Premoli Anna

"'Come un'Odissea' ha come sottotitolo "appunti di viaggio", non un viaggio vero e proprio ma le impressioni di esso scolpite nella mente della protagonista, che è però poeta e sceglie le parole come mezzo per fissare le sue immagini non una macchina fotografica né una cinepresa: è soggetto, mezzo e scopo. Il riferimento è chiaro: Itaca è la meta che dà senso al viaggio, ma dopo non sarà più uguale, non sarai più uguale." (dalla prefazione di Angela Lo Passo)

Come un’Odissea

Crisafulli Mariapia L.

l peccato (1914) di Giovanni Boine usa tutti gli ingredienti della letteratura d’appendice: lui, l’artista, e lei, la novizia che sta per prendere i voti, l’amore come conflitto e lo scenario della provincia ligure come spaesamento dell’anima. Pubblicato in tre puntate nel 1914 sulla rivista “La Riviera ligure”, il testo – grazie a una serie di studiate soluzioni narratologiche – anticipa Schnitzler, Svevo, Mann, Joyce. Si respira l’Europa, infatti, in queste pagine tormentate nella forma e nel contenuto, lo spavento della Guerra alle porte e il presagio della frattura inevitabile tra l’Uomo e le cose che i “tempi moderni” porteranno.

Il peccato

Boine Giovanni

Gilia è una studentessa universitaria che si mantiene lavorando nel tempo libero. Il suo sogno è aprire una pasticceria letteraria, ma l'obiettivo adesso è superare l'ultimo esame che la separa dalla tanto sognata laurea in lettere. Lontana dai genitori, il suo punto di riferimento a Napoli è Abeba, sua migliore amica e personal chef. È grazie a lei che ha conosciuto Mario, laureando in legge e suo fidanzato da due anni. Ma proprio quando si sente all'apice della felicità e soddisfazione, le cade il mondo addosso. Mario di punto in bianco decide di lasciarla per la figlia di un noto avvocato di Napoli, nella speranza di fare carriera. Distrutta e incapace di reagire, Gilia sta per abbandonare i sogni di una vita quando Abeba le propone di aiutarla a organizzare una cena che le è stata affidata. Il suo compito sarà preparare il dessert richiesto dagli ospiti: una delizia al limone. Ma la serata le riserverà anche una dolce sorpresa: Matteo. L'incontro tra i due scatena un'attrazione profonda e immediata, che entrambi si sforzano di ignorare. Saranno in grado di lasciarsi il passato alle spalle e abbandonarsi al risveglio del cuore?

Dolce risveglio

Perullo Donatella

Padre Matteo è stanco. Il suo sogno di pace, ciò in cui ha creduto e per cui ha combattuto, sembra essersi spento, sepolto dai conflitti, dal disinteresse di chi gli sta intorno. Per questo decide di abbandonare tutto: il ruolo di Custode di Terra Santa, la sua amata Gerusalemme. Lo hanno invitato a Roma e a Istanbul, e il viaggio potrebbe essere l'occasione per cambiare vita. Prima di partire, però, padre Matteo viene coinvolto in due strani incidenti. Inizialmente non se ne cura, ma quando un rabbino suo amico viene assassinato dopo avergli rivelato di essere sulle tracce dell'ultimo erede dei Camondo, potente famiglia ebrea sterminata ad Auschwitz, padre Matteo comprende di essere di fronte a una verità che fa paura a molti e che potrebbe mettere in pericolo la sua stessa vita.

L’erede del tempo

Scaglia Franco