Letteratura femminile

Ti spiego

Petri Romana

Descrizione: Mario e Cristiana hanno superato i sessant'anni e sono divorziati da quindici. Lui è un ingegnere idraulico che si è appena trasferito a Rio de Janeiro con una giovane moglie e un figlio di poco più di un anno. Lei è rimasta a Roma con i loro due figli ormai grandi e un secondo, felice matrimonio. Un giorno, Cristiana riceve una strana lettera di Mario dal Brasile. Le scrive che si sta sentendo vecchio, che vorrebbe ritrovare un po' della perduta giovinezza scambiandosi delle lettere con lei. Dice che solo così, tornando indietro con chi si è stati giovani davvero, si può esserlo ancora. Ma quali sono, in realtà, le sue intenzioni? Attraverso le risposte di Cristiana, il lettore vedrà sfilare davanti ai suoi occhi, insieme alla storia del loro amore naufragato, i tic e i malesseri di un'intera generazione: le false utopie, la crisi del rapporto tra uomo e donna, le rivoluzioni fallite, il terrorismo, la fede politica, i molti ideali sfumati per non lasciare spazio ad altro che alla banale concretezza. E poi i rancori, i tradimenti reciproci, tutte le cose non dette che finalmente tornano a galla in modo violento, brutale, sempre senza pietà. Fino a una vera e propria resa dei conti nella quale tutte le carte, ormai, sono in tavola.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: BEAT

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788865592595

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

I primi tempi di una storia d’amore sono tutti uguali, sono i secondi che fanno la differenza.”

Cristiana e Mario sono stati sposati tanti anni. Abbastanza per accorgersi che la quotidianità, quando il sentimento si è esaurito, è la tomba di ogni relazione. Quindici anni dal loro divorzio sono serviti, almeno a Cristiana, a prendere le distanze da un rapporto distruttivo e a guardare le cose dalla giusta distanza.
E’ lei a ricevere dall’ex marito una lettera con cui l’uomo, ormai sessantenne, le chiede di poter iniziare con lei una conversazione sui tempi andati, sul loro passato. Dal Brasile in cui vive con la nuova moglie e il figlio di un anno, Mario si sente vecchio ed è convinto di ritrovare nella corrispondenza epistolare con Cristiana la perduta giovinezza.

Le lettere di risposta che la donna gli invia sono un’analisi spassionata e senza sconti del male ricevuto da un uomo egoista e traditore, il cui obiettivo è stato quello di annientarla e renderla succube del loro insano rapporto.
Ci sono stati tutti quei giorni uno dopo l’altro, i mesi, gli anni, i rancori, tutto si accumulava, cresceva ma ci impediva la distanza. Anche se non l’avevamo voluto ci eravamo diventati indispensabili. […] Noi due non lo sapevamo che una storia può cominciare e finire, conoscevamo solo il principio, ed è quello che ha pesato sulla durata. […] Il tempo ci aveva fatti diventare un unico corpo, e chiunque ha paura di separarsi da un pezzo del proprio corpo, ma è solo paura, non è amore.

Cristiana racconta del giovane pugile impegnato politicamente, di cui negli anni Settanta si era innamorata e con cui aveva condiviso anni (o forse mesi) di felicità, trasformatosi però in un uomo cinico e crudele, incapace di reggere alla coppia e ai figli arrivati anni dopo, con le responsabilità e gli inevitabili cambiamenti che il tempo e certi eventi portano con sé.
Nonostante le richieste estreme di Mario e il disperato tentativo di riavvicinamento, Cristiana – diventata nel frattempo scrittrice di successo e pugile nel tempo libero – protegge con determinazione la pace ritrovata con se stessa e con il nuovo marito.
Ci sono dei giorni che si perdono, che finiscono chissà dove. Pensa ai giocattoli di quando eri bambino, agli abiti che hai avuto, agli orologi, a tutto. […] E per i giorni è la stessa cosa, per la giovinezza, per le emozioni. Gran parte della nostra vita viene inghiottita da qualcosa che non la risputerà mai più fuori. Gran parte della nostra vita se la mangia il tempo. Anche noi due siamo stati mangiati. Rassegnati e trova pace.

In questa corrispondenza – in cui le lettere di Mario rivivono solo attraverso le parole della protagonista – troviamo descritto qualcosa di più di un disastro familiare: ci sono i fallimenti di un’intera generazione di uomini e donne impreparati al peso dei loro stessi ideali e inadeguati – molti – allo scopo che si erano prefissati.
La disillusione e la delusione di Cristiana sono ancora palpabili, nonostante il cambiamento operato su di sé per sopravvivere agli eventi e per ricostruire una vita dai cocci del proprio matrimonio. Così il rifiuto della donna alle incomprensibili e ormai inopportune richieste del marito, diventa per Cristiana un’occasione inaspettata di riscatto, per dare voce a tutti i non detti della loro relazione e per togliersi anche qualche sassolino dalla scarpa.
Romana Petri racconta con grande forza e disinvoltura del difficile rapporto tra i due sessi, attraverso una confessione spassionata e liberatoria attesa – sembra – da anni.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Romana

Petri

Libri dallo stesso autore

Intervista a Petri Romana


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nulla sembra muoversi nell’assolata Minervino, patria della medium Eusapia Palladino. Finché in paese arriva il romanziere Guido Galliano, ingaggiato dal conte Ferdinando Canosa perché aiuti la volitiva moglie, Finizia, a finire il romanzo, proprio sulla vita della Palladino, cui invano lavora da anni. La cosa dovrà però accadere in segreto. Soprattutto senza che niente ne sappia Maddalena Nortano. E' infatti per contendere il primato a costei, sua rivale da quando le soffiò lo sposo sull’altare e ora, grazie ai suoi libri di storia locale, figura di spicco del Circolo “La Scesciola”, che Finizia coltiva il sogno di diventare scrittrice pur senza averne la benché minima capacità.

Una medium, due bovary e il mistero di Bocca di Lupo

Cappelli Gaetano

In un sobborgo di Tokyo il giovane Okada Toru ha appena lasciato volontariamente il suo lavoro e si dedica alle faccende di casa. Due episodi apparentemente insignificanti riescono tuttavia a rovesciare la sua vita tranquilla: la scomparsa del suo gatto e la telefonata anonima di una donna dalla voce sensuale. Toru si accorgerà presto che oltre al gatto, a cui la moglie Kumiko è molto affezionata, dovrà cercare Kumiko stessa. Lo spazio limitato del suo quotidiano diventerà il teatro di una ricerca in cui sogni, ricordi e realtà si confondono e che lo porterà a incontrare personaggi sempre più strani: dalla prostituta psicotica alla sedicenne morbosa, dal politico diabolico al vecchio e misterioso veterano di guerra. A poco a poco Toru dovrà risolvere i conflitti della sua vita passata di cui nemmeno sospettava l'esistenza. Un intrigante romanzo che illumina quelle zone d'ombra in cui ognuno nasconde segreti e fragilità.

L’UCCELLO CHE GIRAVA LE VITI DEL MONDO

Siamo arrivati in nove. In apparenza, siamo uguali a voi: vestiamo come voi, parliamo come voi, viviamo come voi. Ma non siamo affatto come voi. Siamo più forti, più veloci e più abili di qualsiasi essere vivente del vostro pianeta. Avete presente i supereroi dei fumetti e quelli che ammirate al cinema? Una cosa del genere, però con una grossa differenza: noi siamo reali. Ci siamo rifugiati sulla Terra e ci siamo divisi per prepararci: dovevamo allenarci, scoprire tutti i nostri poteri e imparare a usarli. Poi ci saremmo riuniti, tutti e nove, e saremmo stati pronti. A combatterli. Ma loro hanno scoperto che siamo qui e adesso ci stanno dando la caccia. Così siamo costretti a scappare, a spostarci in continuazione. Attualmente mi faccio chiamare John Smith, e mi nascondo a Paradise, in Ohio. Credevo di essere al sicuro, ma ho commesso un errore gravissimo: mi sono innamorato di una mia compagna di scuola. E non potevo scegliere un momento peggiore. Perché loro hanno preso il Numero Uno in Malesia Il Numero Due in Inghilterra. Il Numero Tre in Kenya. E li hanno uccisi. Io sono il Numero Quattro. Io sono il prossimo...

SONO IL NUMERO QUATTRO

Lore Pittacus

IL CIRCOLO DE I-LIBRI – PROBLEMI DI SERVER