Letteratura femminile

Ti spiego

Petri Romana

Descrizione: Mario e Cristiana hanno superato i sessant'anni e sono divorziati da quindici. Lui è un ingegnere idraulico che si è appena trasferito a Rio de Janeiro con una giovane moglie e un figlio di poco più di un anno. Lei è rimasta a Roma con i loro due figli ormai grandi e un secondo, felice matrimonio. Un giorno, Cristiana riceve una strana lettera di Mario dal Brasile. Le scrive che si sta sentendo vecchio, che vorrebbe ritrovare un po' della perduta giovinezza scambiandosi delle lettere con lei. Dice che solo così, tornando indietro con chi si è stati giovani davvero, si può esserlo ancora. Ma quali sono, in realtà, le sue intenzioni? Attraverso le risposte di Cristiana, il lettore vedrà sfilare davanti ai suoi occhi, insieme alla storia del loro amore naufragato, i tic e i malesseri di un'intera generazione: le false utopie, la crisi del rapporto tra uomo e donna, le rivoluzioni fallite, il terrorismo, la fede politica, i molti ideali sfumati per non lasciare spazio ad altro che alla banale concretezza. E poi i rancori, i tradimenti reciproci, tutte le cose non dette che finalmente tornano a galla in modo violento, brutale, sempre senza pietà. Fino a una vera e propria resa dei conti nella quale tutte le carte, ormai, sono in tavola.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: BEAT

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788865592595

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

I primi tempi di una storia d’amore sono tutti uguali, sono i secondi che fanno la differenza.”

Cristiana e Mario sono stati sposati tanti anni. Abbastanza per accorgersi che la quotidianità, quando il sentimento si è esaurito, è la tomba di ogni relazione. Quindici anni dal loro divorzio sono serviti, almeno a Cristiana, a prendere le distanze da un rapporto distruttivo e a guardare le cose dalla giusta distanza.
E’ lei a ricevere dall’ex marito una lettera con cui l’uomo, ormai sessantenne, le chiede di poter iniziare con lei una conversazione sui tempi andati, sul loro passato. Dal Brasile in cui vive con la nuova moglie e il figlio di un anno, Mario si sente vecchio ed è convinto di ritrovare nella corrispondenza epistolare con Cristiana la perduta giovinezza.

Le lettere di risposta che la donna gli invia sono un’analisi spassionata e senza sconti del male ricevuto da un uomo egoista e traditore, il cui obiettivo è stato quello di annientarla e renderla succube del loro insano rapporto.
Ci sono stati tutti quei giorni uno dopo l’altro, i mesi, gli anni, i rancori, tutto si accumulava, cresceva ma ci impediva la distanza. Anche se non l’avevamo voluto ci eravamo diventati indispensabili. […] Noi due non lo sapevamo che una storia può cominciare e finire, conoscevamo solo il principio, ed è quello che ha pesato sulla durata. […] Il tempo ci aveva fatti diventare un unico corpo, e chiunque ha paura di separarsi da un pezzo del proprio corpo, ma è solo paura, non è amore.

Cristiana racconta del giovane pugile impegnato politicamente, di cui negli anni Settanta si era innamorata e con cui aveva condiviso anni (o forse mesi) di felicità, trasformatosi però in un uomo cinico e crudele, incapace di reggere alla coppia e ai figli arrivati anni dopo, con le responsabilità e gli inevitabili cambiamenti che il tempo e certi eventi portano con sé.
Nonostante le richieste estreme di Mario e il disperato tentativo di riavvicinamento, Cristiana – diventata nel frattempo scrittrice di successo e pugile nel tempo libero – protegge con determinazione la pace ritrovata con se stessa e con il nuovo marito.
Ci sono dei giorni che si perdono, che finiscono chissà dove. Pensa ai giocattoli di quando eri bambino, agli abiti che hai avuto, agli orologi, a tutto. […] E per i giorni è la stessa cosa, per la giovinezza, per le emozioni. Gran parte della nostra vita viene inghiottita da qualcosa che non la risputerà mai più fuori. Gran parte della nostra vita se la mangia il tempo. Anche noi due siamo stati mangiati. Rassegnati e trova pace.

In questa corrispondenza – in cui le lettere di Mario rivivono solo attraverso le parole della protagonista – troviamo descritto qualcosa di più di un disastro familiare: ci sono i fallimenti di un’intera generazione di uomini e donne impreparati al peso dei loro stessi ideali e inadeguati – molti – allo scopo che si erano prefissati.
La disillusione e la delusione di Cristiana sono ancora palpabili, nonostante il cambiamento operato su di sé per sopravvivere agli eventi e per ricostruire una vita dai cocci del proprio matrimonio. Così il rifiuto della donna alle incomprensibili e ormai inopportune richieste del marito, diventa per Cristiana un’occasione inaspettata di riscatto, per dare voce a tutti i non detti della loro relazione e per togliersi anche qualche sassolino dalla scarpa.
Romana Petri racconta con grande forza e disinvoltura del difficile rapporto tra i due sessi, attraverso una confessione spassionata e liberatoria attesa – sembra – da anni.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Romana

Petri

Libri dallo stesso autore

Intervista a Petri Romana


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

«Un Julien Sorel all’epoca della crisi»: così venne presentato, alla sua comparsa nelle librerie francesi, il protagonista di questo romanzo. Come l’eroe di Stendhal, Jean-Luc Daguerne non ha che un desiderio: «afferrare il mondo a piene mani», diventare uno di quelli che gestiscono il potere e gli affari. Per riuscirci accetterà di essere umiliato, di mentire, di adulare, di fare il doppio gioco, e persino di tradire il suo unico vero amico. Fino al giorno in cui ritroverà dentro di sé, con stupore e sgomento, «quel desiderio di tenerezza, quel disperato bisogno di amore» che per anni ha dovuto negare e soffocare. Allora cercherà, con una sorta di furioso accanimento, di farsi amare dalla sola donna tra le cui braccia abbia sentito riemergere la propria fragilità di bambino, e si chiederà che senso abbia avuto quella lotta convulsa, rabbiosa, per sottrarsi a un destino di miseria, per intrufolarsi negli ambienti giusti, per avere in mano le carte vincenti. Alla fine, il patto faustiano si rivela una beffa: «Il successo, quando è lontano, ha la bellezza del sogno, ma non appena si trasferisce su un piano di realtà appare sordido e meschino».

La preda

Némirovsky Irène

Una raccolta di poesie per addentrarsi nel roveto dell'esistenza contemporanea, laddove le certezze sono barbagli, riflessi impalpabili e ingannatori ai quali non è più possibile credere. La metafora della vita come viaggio, pur solida nella propria tradizione plurimillenaria, scricchiola qui sotto il peso del nonsenso odierno. Partire, restare, ostinarsi nel cammino sono forse cose vane; persino l'amore è defraudato dell'assoluto, è un soffione raggiunto dal vento e privato dei semi, una ruota impazzita che si incaglia tra i sassi e che non sa fermarsi. Ivanoe Privitera porta alle estreme conseguenze la lirica del secolo appena trascorso, rivelandosi attento osservatore dei nostri giorni e raffinato cantore del sentimento. Ed ecco che la muraglia di montaliana memoria si fa profilo seghettato di montagne che restituisce avaro l'eco di un vuoto esistenziale incolmabile, il passato è uno spettro di cui si perdono i contorni, il futuro un intrico di frasche che serra i polsi e nel quale ci ostiniamo a cercare il germoglio nuovo e fruttifero: anche il tempo, ormai crocifisso alla propria relatività, è pura illusione. Ma qualcosa è ancora possibile salvare: l'abbraccio di un fratello, la voglia del ritorno e l'ostinata guerra di ognuno di noi contro la solitudine; addirittura la morte, sempre uguale a se stessa, placida e rassicurante nella propria assolutezza.

L’istante violento

Privitera Ivanoe

Armando vive con la madre e il fratello minore, Andrea, un ragazzino un po' particolare, appassionatissimo di wrestling perché "vincono sempre i buoni". Sull'onda della sua ostinazione, la famiglia assiste a uno spettacolo di wrestling e da quel momento tutto cambia nella loro vita. Armando si trova ad affrontare l'imprevisto di una madre-atleta, di un primo amore che non sboccia e di un fratello molto speciale, a cui dedicare attenzione. Tra incertezze, delusioni e successi, si consoliderà la sua voglia di essere protagonista dello spettacolo della vita. Età di lettura: da 11 anni.

Un grande spettacolo

Rinaldi Patrizia

Ciàula scopre la luna