Narrativa

T’innamorerai senza pensare

Vecchioni Francesca

Descrizione: Scegliere di vivere ciò che si è: può sembrare semplice ma è una delle decisioni più complicate della vita di ognuno. Eppure questa è la scelta che tutti siamo, prima o poi, chiamati ad affrontare se vogliamo arrivare un po' più vicino alla felicità. Questo libro è la storia di una ricerca, il viaggio verso sé e gli altri di chi, costretto ad affermare se stesso ogni giorno, decide di trasformare ciò che poteva sembrare un problema, in un vantaggio. Crescere in una famiglia un po' speciale, scoprire la propria sessualità, innamorarsi, perdersi per poi ritrovarsi, diventare adulti e, infine, genitori; le tappe più importanti della vita affrontate dal punto di vista di una donna che ama le donne, e che sulla naturalezza delle proprie emozioni, sulla consapevolezza di sé, e la convinzione che l'omosessualità non debba essere considerata un problema, ha costruito tutta la sua battaglia di civiltà. "T'innamorerai senza pensare..." è una frase della canzone Figlia che il padre di Francesca, il cantautore Roberto Vecchioni, le ha dedicato quando è nata.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Madeleines

Anno: 2019

ISBN: 9788891801180

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

T’innamorerai senza pensare di Francesca Vecchioni è il resoconto autobiografico di un’esperienza sempre all’insegna dell’autodeterminazione e della sincerità.

Dalla scoperta della sessualità (“All’età di tredici anni presi atto di essermi innamorata della supplente di lettere”) sino al coming out – sicuramente agevolato dall’apertura culturale della famiglia – la storia di Francesca è plasmata da un carattere forte e creativo (“Realizziamo idee bizzarre”), che infila amori e convivenze fuori dai canoni.

Un problema di salute (“Sospettiamo che Francesca abbia una meningo-encefalite”), fortunatamente superato, segna un incidente di percorso nel rapporto con il padre cantautore (“Il giorno in cui presi a sberle mie padre pensai… Chissà perché l’avevo trovata molto liberatoria”). È un effetto della malattia? O piuttosto un sussulto del complesso di Elettra?

L’opera è anche un diario di ricordi, che annoda eventi divergenti: un compleanno originale (“Affittammo un tram”), la vittoria a Sanremo di Vecchioni, vissuta dall’intera famiglia…

Poi, c’è spazio per un desiderio (“Io ho sempre voluto essere madre”), difficile da realizzare – tanto più al’interno di un rapporto omoerotico – tra le mille scelte etiche (“La scelta… tra donatore aperto e donatore chiuso”) e geografiche (la fecondazione eterologa in Olanda). Anche per questa tappa così importante la determinazione di Francesca giocherà un ruolo fondamentale.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Francesca

Vecchioni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vecchioni Francesca


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un sorriso in una lacrima

Otto Eros

Questa sera si recita a soggetto

Perché, poco prima delle Idi di marzo, il giorno fatidico in cui venne ucciso, Giulio Cesare rinunciò a essere accompagnato dalla scorta? E perché proprio Bruto e Decimo, gli uomini più vicini al dittatore, avrebbero dovuto desiderarne e organizzarne la fine? Perché, mentre si recava alla Curia, il dittatore di Roma ignorò tutti coloro che lo avvertivano che sarebbe stato vittima di un complotto? E infine perché, quando venne portato via dopo essere stato accoltellato a morte, un lembo della tonaca gli copriva il viso? Secondo Cicerone il dittatore avrebbe provato vergogna per le smorfie di dolore che gli contraevano il volto nel momento della morte, e si sarebbe coperto per nasconderle. Ma se la ragione fosse un'altra? Furono gli schiavi dello stesso Cesare a portare via il corpo del padrone, con il viso nascosto dalla toga. E solo dopo un certo tempo il medico Antistione dichiarò che Cesare era stato colpito da diciotto coltellate, di cui una mortale. Ai tanti enigmi che si affollano intorno alla più famosa congiura della storia, Franco Forte dà un'incredibile risposta nelle pagine di questo romanzo: e se Giulio Cesare non fosse affatto morto alle Idi di marzo? Forse la congiura non aveva la finalità di ucciderlo, ma di sottrarlo allo scomodo e gravoso incarico di padre-padrone di Roma. Offrendogli così la possibilità di tornare a dedicarsi a ciò che nella vita aveva sempre amato: essere alla testa di una legione, la Legio Caesaris, e combattere per la gloria personale e dell'Urbe. Con un ulteriore obiettivo, che solo una mente ambiziosa come quella di Cesare poteva escogitare: raggiungere i confini del mondo alla ricerca della dimora degli dèi, per strappare loro il segreto della vita eterna. Tra colpi di scena strabilianti e gustosissimi cammei di personaggi storici, Franco Forte ci regala la prima epica avventura di Cesare e della sua nuova legione.

Cesare l’immortale

Forte Franco

ALMENO IL CAPPELLO – di Andrea Vitali