Narrativa

TOM, PICCOLO TOM

Constantine Barbara

Descrizione: Un bambino di undici anni e sua madre di venticinque vivono nella campagna francese in roulotte. Joss è una madre troppo giovane e non ha tempo per occuparsi del piccolo Tom: la sera esce, va a ballare e si innamora sempre di ragazzi sbagliati. Tom, figlio, amico, compagno di vita, è invece un ragazzino che ha imparato per necessità a essere autonomo, a trascorrere le serate in solitudine, a correggere il francese della madre che studia per prendere la maturità. “Tom piccolo Tom” racconta un universo di fatiche, indigenza e mancanza di sicurezze, ma allo stesso tempo di piccole fortune (e virtù), di quelle gioie che possono restituire il gusto di un'esistenza leggera.

Categoria: Narrativa

Editore: Fazi

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788864112701

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Di una dolcezza infinita… Lo consiglio vivamente, soprattutto a chi si sente un pò giù, perché io ho sorriso dall’inizio alla fine. La storia è semplice ma ricca di spunti, e sa far riflettere senza appesantire. La cosa più importante, però, è che ti infonde un grande ottimismo, una grande voglia di vivere. Non avevo letto nulla di Barbara Constantine e credo proprio che lo farò presto. Ci sono “Non dire gatto…” e “La bella estate di Mèlie”, che mi incuriosisce particolarmente. Ma adesso sono qui a parlarvi di Tom (in uscita a giugno per Fazi), del piccolo Tom che non ha mai conosciuto il suo papà e vive con Joss in una roulotte.

Joss è buona, si prende cura di lui e sa coccolarlo quando è il momento giusto, anche se spesso deve lasciarlo da solo per andare a lavorare e a volte le sfugge pure uno scappellotto.

Il fatto è che badare a un bimbo di undici anni non è per niente facile, sebbene Tom faccia del suo meglio per darle una mano, andando persino a rubare nell’orto dei vicini, Odette e Archibald, quelli che sembrano tanto gentili e si danno del lei. Joss sostiene che non si tratti di veri e propri furti ma piuttosto di prestiti. E comunque tocca arrangiarsi perché i soldi purtroppo scarseggiano e lei deve anche metterne un bel po’da parte per potersi finalmente liberare del fardello che si porta dietro da quando era piccola e che le ha condizionato l’esistenza.

Per colpa di quel fardello nessun uomo l’ha mai guardata veramente negli occhi, compreso Samy, che adesso è ricomparso all’improvviso dopo anni di silenzio. Sarà anche un gran bel ragazzo però di certo porterà solo guai, Joss ne è convinta. Ma forse si sbaglia…

Un libro breve, leggero, genuino, che va dritto al punto senza troppi fronzoli. Per apprezzarlo davvero basta sgomberare la mente dalle aspettative che a volte inquinano il nostro giudizio, rilassarsi e considerare Tom, piccolo Tom per quello che è: un buon esempio di freschezza e semplicità, una storia ben raccontata, una lettura originale e piacevole che può anche insegnarci qualcosa.

Prima di fermarsi, ha aspettato di avere molta fame. Poi ha scelto un albero, ha appoggiato la bici contro il tronco e si è seduto ai suoi piedi. Ha tirato fuori la tavoletta dalla tasca. L’ha aperta, delicatamente, senza lacerare l’immagine dei lamponi né la carta dorata. Assaporando il momento. Ha staccato un quadratino. L’ha osservato attentamente, l’ha annusato a lungo e, infine, se l’è messo in bocca. C’è una bella luce. Si sarebbe ricordato per sempre di quell’istante. Ha chiuso gli occhi, ha lasciato che il quadratino gli si sciogliesse sulla lingua e, quando ha sentito l’aroma e la consistenza del lampone, ha fatto un profondo sospiro”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Barbara

Constantine

Libri dallo stesso autore

Intervista a Constantine Barbara


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Domenico Boschis è nato nelle Langhe, ma da molti anni ormai la sua vita è a Roma, dove ha raggiunto il successo come attore di fiction TV. Una notizia inaspettata, però, lo costringe a tornare tra le sue colline: il padre, col quale ha da tempo interrotto ogni contatto, è malato e gli resta poco da vivere. All'hospice, infatti, Domenico trova un'ombra pallida dell'uomo autoritario che il padre è stato: il vecchio non riesce quasi più a parlare, ma c'è una cosa che sembra voler dire al figlio con urgenza disperata. «La ragazza, Domenico, la ragazza!» grida, per scoppiare poi in un pianto muto. Dentro quel pianto Domenico riconosce un dolore che viene da lontano. Chi è la ragazza che sembra turbarlo fino all'ossessione? Mentre Domenico riprende confidenza con la terra in cui è cresciuto e cerca di addomesticare i fantasmi che popolano i suoi ricordi d'infanzia, si imbatte in un fatto di cronaca avvenuto cinquant'anni prima a una manciata di chilometri da lì. La protagonista è proprio una ragazza: ha tredici anni quando, una notte di dicembre del 1968, viene "rubata" da casa sua. Di lei non si sa nulla per otto mesi, poi la verità emerge con tutta la sua forza. È possibile che sia il ricordo della tredicenne a perseguitare il padre di Domenico? E se così fosse, significa che il vecchio ha avuto un ruolo nella vicenda della ragazza? Lui l'ha sempre considerato un cattivo padre; deve forse cominciare a pensare che sia stato anche un cattivo uomo? Domenico ha bisogno di trovare una risposta prima che il vecchio chiuda gli occhi per sempre.

Il silenzio della collina

Perissinotto Alessandro

L'erotismo morboso e ossessivo, l'atmosfera di mistero e di angoscia, il gusto per il perverso e il sinistro, che caratterizzano l'opera, specie quella giovanile, del grande scrittore giapponese, sono magistralmente rappresentati in questo racconto del 1912. Il demone ci mostra l'influenza che ebbero su Tanizaki i grandi maestri del decadentismo europeo, da Poe a Wilde, e ci illumina sulle origini del tema decisivo di tutta la sua produzione: l'attrazione per la donna bella e crudele il cui desiderio piú forte è umiliare e annientare l'uomo, il quale a sua volta trova in questo il piacere piú estremo.

IL DEMONE

Jun'ichirō Tanizaki

Chi salirà nel monte di Dio? Chi ha le mani innocenti e il cuore puro. Un quartiere di vicoli a Napoli: Montedidio. Un ragazzo di tredici anni va a bottega da Mast'Errico, il falegname. E' l'inizio della sua vita nuova, la vita che a sera, a casa, in una casa vuota per l'assenza del padre e per la malattia della madre, il ragazzo va scrivendo su una bobina di carta avuta in regalo dal tipografo di Montedidio. Ha anche un altro regalo, che porta sempre con sé, un "bùmeran", un legno nato per volare che il padre ebbe a sua volta da un marinaio di passaggio. Così passano i giorni: Mast'Errico gli insegna il mestiere e Don Rafaniello, uno scarparo che Mast'Errico tiene ospite a bottega, gli insegna a pensare sugli uomini e sulle cose.

MONTEDIDIO

De Luca Erri

Messico: Irma, diciannove anni, nata in Canada, vive tutta sola a un passo dal deserto. Suo padre, mennonita imbrigliato da un rigore bacchettone, l’ha ripudiata. Suo marito, spacciatore di basso rango, è sparito nel nulla. Ma Diego, regista-figo del film con cane filosofo, alle prese con un copione sperimentale e un cast internazionale, ingaggia Irma come interprete e tuttofare. L’atmosfera libertaria del gruppo, le chiacchiere notturne, i progetti artistici galvanizzano Irma. Galvanizzano anche la sorellina Aggie, che sogna di mollare mamma e papà, e viver con lei. Anzi, un bel giorno molla tutto davvero, e convince anche Irma a gettarsi in un’avventura a dir poco clamorosa...

MI CHIAMO IRMA VOTH

Toews Miriam