Narrativa

Toscani innamorati

Senesi Vauro

Descrizione: C'è Remo, poeta bevitore, antifascista e protagonista di una surreale Resistenza alcolica, che ogni giorno si reca davanti alla statua di Garibaldi spronandolo a scendere dal piedistallo per porre rimedio a torti e soprusi. C'è Ciccillo, basso, grosso, peloso come un orso, un passato da stellina del beat nel gruppo I Planetari, che dilapida tutto per farsi star dell'ospizio comunale. C'è la Bombolina, esile donzelletta dalla mano pesante. C'è Bighe Boghe, fulminato sulla via dell'America come il Nando Moriconi di Alberto Sordi, innamorato di ogni moda e tendenza esterofila, che si ritiene il più grande ballerino al mondo di "boogie woogie" (che però, come ogni altra parola straniera, non sa assolutamente pronunciare).

Categoria: Narrativa

Editore: Piemme

Collana: Piemme voci

Anno: 2014

ISBN: 9788856640557

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

I “Toscani innamorati” del giornalista e disegnatore satirico Vauro Senesi si cimentano in una sequenza di siparietti e scenette che ricordano “Amici miei”. Il filo conduttore della narrazione, in senso lato, è rappresentato dall’evoluzione storica del partito comunista: l’esperienza partigiana di molti dei protagonisti, l’adesione al partito della base operaia, il testa a testa con la DC nelle elezioni del dopoguerra, la controversa figura di Stalin, l’amore degli elettori per Enrico Berlinguer, la trasformazione del partito ne “La cosa” di Occhetto. Queste vicende sono variamente vissute dai personaggi che – tutti insieme appassionatamente – costituiscono il tessuto connettivo di una toscanità (un cliché? Sicuramente sì!) sempre in bilico tra creatività spontanea, blasfemia, trivialità, altruismo.

I protagonisti hanno soprannomi che derivano da aneddoti biografici (“Tubo, Bighe Boghe e Pucino, così chiamato per la sua ostinazione nello scommettere alle corse sempre sullo stesso cavallo”) e incarnano alcuni stereotipi rappresentati come macchiette: l’antifascismo, l’anticlericalismo, l’istinto goliardico, la genuinità compagnona e ridanciana.

Composta da un ex partigiano (Tubo), un maestro (Saetta), un illetterato ex ballerino di boogie woogie (Bighe Boghe), il conte Costa Arrigoni, il Pucino e un truffatore (il Minini), e – in seconda generazione – rincalzata dal maratoneta Bobo, dall’infermiere psichiatrico Vasco e dallo svitato chitarrista Cicillo, la piccola armata Brancaleone compie gesta caricaturali o paradossali: la crocifissione di uno di loro sul cancello delle poste, una spedizione punitiva condotta ai danni del protettore di Assunta, la prostituta che è nel cuore di tutti, uno scherzo (un gatto morto nel cofano dell’auto) ai danni del conte per spezzare la sua relazione con la bionda avventuriera Mariagrazia …

I dialoghi abbondano di espressioni colorite e locali (“Le gambe gli fanno Giacomo”), la narrazione strappa qualche  risata, attutita dai cliché situazionali non propriamente nuovi, non esattamente originali.

In qualche scena, si profila l’inquietante figura di un personaggio che recitò il ruolo di burattinaio nella Prima Repubblica: “Il gerarca Gelli aveva annusato l’aria, e non era un’aria buona per i fascisti come lui, perché il vento portava il rumore delle cannonate degli Alleati che stavano avvicinandosi sempre di più”.

Il finale si svolge tra esorcismi e clinica psichiatrica, tra patologie e ritmo di boogie woogie, con tanta nostalgia per le Dune Buggy…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vauro

Senesi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Senesi Vauro


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Robert Langdon, professore di simbologia e iconologia religiosa a Harvard, è stato invitato all'avveniristico museo Guggenheim di Bilbao per assistere a un evento unico: la rivelazione che cambierà per sempre la storia dell'umanità e rimetterà in discussione dogmi e principi dati ormai come acquisiti, aprendo la via a un futuro tanto imminente quanto inimmaginabile. Protagonista della serata è Edmond Kirsch, quarantenne miliardario e futurologo, famoso in tutto il mondo per le sbalorditive invenzioni high-tech, le audaci previsioni e l'ateismo corrosivo. Kirsch, che è stato uno dei primi studenti di Langdon e ha con lui un'amicizia ormai ventennale, sta per svelare una stupefacente scoperta che risponderà alle due fondamentali domande: da dove veniamo? E, soprattutto, dove andiamo? Mentre Langdon e centinaia di altri ospiti sono ipnotizzati dall'eclatante e spregiudicata presentazione del futurologo, all'improvviso la serata sfocia nel caos. La preziosa scoperta di Kirsch, prima ancora di essere rivelata, rischia di andare perduta per sempre. Scosso e incalzato da una minaccia incombente, Langdon è costretto a un disperato tentativo di fuga da Bilbao con Ambra Vidal, l'affascinante direttrice del museo che ha collaborato con Kirsch alla preparazione del provocatorio evento. In gioco non ci sono solo le loro vite, ma anche l'inestimabile patrimonio di conoscenza a cui il futurologo ha dedicato tutte le sue energie, ora sull'orlo di un oblio irreversibile. Percorrendo i corridoi più oscuri della storia e della religione, tra forze occulte, crimini mai sepolti e fanatismi incontrollabili, Langdon e Vidal devono sfuggire a un nemico letale il cui onnisciente potere pare emanare dal Palazzo reale di Spagna, e che non si fermerà davanti a nulla pur di ridurre al silenzio Edmond Kirsch. In una corsa mozzafiato contro il tempo, i due protagonisti decifrano gli indizi che li porteranno faccia a faccia con la scioccante scoperta di Kirsch... e con la sconvolgente verità che da sempre ci sfugge.

Origin

Brown Dan

Siamo nel 1992, tra maggio e luglio. A Bari, come altrove, sono giorni di fuoco, fra agguati, uccisioni, casi di lupara bianca. Quando arriva la notizia che un bambino, figlio di un capo clan, è stato rapito, il maresciallo Pietro Fenoglio capisce che il punto di non ritorno è stato raggiunto. Adesso potrebbe accadere qualsiasi cosa. Poi, inaspettatamente, il giovane boss che ha scatenato la guerra, e che tutti sospettano del sequestro, decide di collaborare con la giustizia. Ma le dichiarazioni del pentito non basteranno a far luce sulla scomparsa del bambino. Per scoprire la verità Fenoglio sarà costretto a inoltrarsi in quel territorio ambiguo dove è più difficile distinguere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato. Ambientato al tempo delle stragi di Palermo, L’estate fredda offre uno sguardo pauroso sulla natura umana, ma ci regala anche un protagonista di straordinaria, commovente dignità. E, alla fine, un inatteso bagliore di speranza.

L’estate fredda

Carofiglio Gianrico

Milano, 1973. Sono gli anni della grande industria cinematografica italiana, dell'Austerity, della cronaca nera prestata alla politica, della criminalità da far west, della Polizia con le mani legate, dell'imprenditoria gangster, delle grandi penne del giornalismo. Travolti da questi sconvolgimenti epocali e dalla sfortuna del quotidiano, un funambolo della pubblicità col vizio del gioco contrae un debito di troppo, un oste milanese dalle mani grandi fronteggia lo sfratto della bocciofila che gestisce, un fiorista ciociaro raccoglie i frantumi del proprio chiosco devastato dagli stuntmen di un film con Alain Delon. La morte di un loro vecchio collega, di quando scavavano i tunnel della metropolitana, li riunisce al cimitero. Da qui in poi, il terzetto ne penserà di ogni per risolvere i guai di ciascuno, fino a scegliere di mettere in pratica la più assurda delle idee: rubare il simbolo più alto di Milano, per riscattare i soldi e se stessi. Da un'idea di Luca Crovi, un noir a tre penne, una commedia che al sorriso combina la tensione drammatica ed emotiva dell'Italia degli anni Settanta, gli anni che ci hanno insegnato che l'assurdo non è una sciocchezza, ma l'impossibile che si fa reale.

OPERAZIONE MADONNINA

Ferrari Andrea

Piccola Tigre non è una tigre come le altre: è curiosa, fa molte domande, mette in discussione quello che la natura le offre e che i suoi simili semplicemente accettano. Piccola Tigre apre gli occhi e scopre la meraviglia della luce. Tende le orecchie e scopre la vasta gamma dei rumori della Taiga. Quando, molto presto, le si fa chiara la forza che compete a una tigre, inizia a cibarsi di altri animali. Ma con qualche dubbio. Impara a distaccarsi da sua madre, a viaggiare da sola, sino ad avventurarsi fuori dai confini della Taiga, in cui è nata e da cui le altre tigri non usciranno mai. E, così, grazie a questa sua curiosità, infine, scopre anche l'uomo. L'hanno avvertita che dall'uomo bisogna guardarsi. Ma lei vuole conoscerlo. Con l'uomo, Piccola Tigre scopre l'essere più inquietante e mutevole, da amare e da cui difendersi. E da qui in poi la sua vita non sarà più la stessa.

La tigre e l’acrobata

Tamaro Susanna