Narrativa

Toscani innamorati

Senesi Vauro

Descrizione: C'è Remo, poeta bevitore, antifascista e protagonista di una surreale Resistenza alcolica, che ogni giorno si reca davanti alla statua di Garibaldi spronandolo a scendere dal piedistallo per porre rimedio a torti e soprusi. C'è Ciccillo, basso, grosso, peloso come un orso, un passato da stellina del beat nel gruppo I Planetari, che dilapida tutto per farsi star dell'ospizio comunale. C'è la Bombolina, esile donzelletta dalla mano pesante. C'è Bighe Boghe, fulminato sulla via dell'America come il Nando Moriconi di Alberto Sordi, innamorato di ogni moda e tendenza esterofila, che si ritiene il più grande ballerino al mondo di "boogie woogie" (che però, come ogni altra parola straniera, non sa assolutamente pronunciare).

Categoria: Narrativa

Editore: Piemme

Collana: Piemme voci

Anno: 2014

ISBN: 9788856640557

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

I “Toscani innamorati” del giornalista e disegnatore satirico Vauro Senesi si cimentano in una sequenza di siparietti e scenette che ricordano “Amici miei”. Il filo conduttore della narrazione, in senso lato, è rappresentato dall’evoluzione storica del partito comunista: l’esperienza partigiana di molti dei protagonisti, l’adesione al partito della base operaia, il testa a testa con la DC nelle elezioni del dopoguerra, la controversa figura di Stalin, l’amore degli elettori per Enrico Berlinguer, la trasformazione del partito ne “La cosa” di Occhetto. Queste vicende sono variamente vissute dai personaggi che – tutti insieme appassionatamente – costituiscono il tessuto connettivo di una toscanità (un cliché? Sicuramente sì!) sempre in bilico tra creatività spontanea, blasfemia, trivialità, altruismo.

I protagonisti hanno soprannomi che derivano da aneddoti biografici (“Tubo, Bighe Boghe e Pucino, così chiamato per la sua ostinazione nello scommettere alle corse sempre sullo stesso cavallo”) e incarnano alcuni stereotipi rappresentati come macchiette: l’antifascismo, l’anticlericalismo, l’istinto goliardico, la genuinità compagnona e ridanciana.

Composta da un ex partigiano (Tubo), un maestro (Saetta), un illetterato ex ballerino di boogie woogie (Bighe Boghe), il conte Costa Arrigoni, il Pucino e un truffatore (il Minini), e – in seconda generazione – rincalzata dal maratoneta Bobo, dall’infermiere psichiatrico Vasco e dallo svitato chitarrista Cicillo, la piccola armata Brancaleone compie gesta caricaturali o paradossali: la crocifissione di uno di loro sul cancello delle poste, una spedizione punitiva condotta ai danni del protettore di Assunta, la prostituta che è nel cuore di tutti, uno scherzo (un gatto morto nel cofano dell’auto) ai danni del conte per spezzare la sua relazione con la bionda avventuriera Mariagrazia …

I dialoghi abbondano di espressioni colorite e locali (“Le gambe gli fanno Giacomo”), la narrazione strappa qualche  risata, attutita dai cliché situazionali non propriamente nuovi, non esattamente originali.

In qualche scena, si profila l’inquietante figura di un personaggio che recitò il ruolo di burattinaio nella Prima Repubblica: “Il gerarca Gelli aveva annusato l’aria, e non era un’aria buona per i fascisti come lui, perché il vento portava il rumore delle cannonate degli Alleati che stavano avvicinandosi sempre di più”.

Il finale si svolge tra esorcismi e clinica psichiatrica, tra patologie e ritmo di boogie woogie, con tanta nostalgia per le Dune Buggy…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vauro

Senesi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Senesi Vauro

Una sparatoria in pieno giorno sulla porta di un bar nella periferia di Brescia. E, mentre una Vespa si allontana a tutto gas verso la tangenziale, un barbone che passava di lì per caso si accascia sul marciapiede. Sembrerebbe una faccenda di poco conto, eppure... Subito emergono alcune stranezze: se si trattava di un vagabondo, perché allora indossava una camicia cifrata e di ottima fattura e aveva le unghie dei piedi curate? E come mai è stato colpito da ben due colpi, uno di striscio alla spalla e l'altro, letale, in pieno viso? Un proiettile vagante passi, ma due... I conti non tornano per il commissario Miceli, che, in assenza del commissario titolare Grazia Bruni, è stato reintegrato a tempo pieno, con buona pace della sospirata e sempre più lontana pensione. E, come sempre, quando i conti non tornano, Miceli chiama in aiuto il suo vecchio amico, l'inossidabile ex giudice Petri. Nonostante le flebili, se non quasi inesistenti tracce - un anonimo mazzo di fiori di campo lasciato chissà da chi sul luogo del delitto -, i due investigatori riusciranno a dare corpo a un caso che rischiava di scomparire, come la sua vittima.

Fiori per un vagabondo

Simoni Gianni

Quasi tutti i Crosby, da Howard a George Washington, hanno lasciato vedove le mogli e orfani i figli. Charlie Crosby costituisce l'eccezione. Il destino è scritto diversamente per lui. Nipote di George Washington, Charlie vive a Enon, una piccola città a nord di Boston. Pittura case, e a volte gli capita di tagliare l'erba nei giardini e spalare la neve. Una vita fatta di piccole cose: camminare nei boschi con Kate, contemplare Susan, la moglie. Un giorno però irrompe, crudele, insensata, terribile, la tragedia. In un piovoso pomeriggio di settembre che annuncia la fine dell'estate, mentre sta rientrando in auto dopo una passeggiata nei boschi, Charlie riceve una telefonata di Susan. Con la voce spezzata dal dolore, la moglie gli dice che un automobilista ha travolto Kate mentre tornava in bici dalla spiaggia. La fine della ragazza lascia macigni pesanti sul cuore di Charlie. Susan cerca di reagire, di non soccombere alla sofferenza, ma Charlie cede di schianto. Un giorno, dopo aver trascorso quasi tutta la notte seduto al buio, esausto e senza riuscire a dormire, Charlie scaglia un pugno contro la parete del pianerottolo. Susan se ne torna a casa dei suoi, nella sua vecchia camera da letto, che la madre usa per cucire ormai da vent'anni. Sembrerebbe tutto perduto per il nipote di George Washington Crosby. Tuttavia, da qualche parte è ancora all'opera la semplicità salvifica della natura e del mondo.

ENON

Harding Paul

Un romanzo costruito di racconti concentrici, un puzzle le cui tessere sono sguardi diversi sulla stessa storia. Una donna ancora giovane, con una figlia bambina e una adolescente, una donna ancora bella e baciata dalla grazia di una eccezionale sensibilità creativa, si ritrova prigioniera della stessa prigione che si è chiusa attorno al corpo di suo marito, Pietro, anche lui giovane ancora bello, ancora forte, ridotto dalle conseguenze di un incidente a vegetare muto e inconsapevole, paralizzato e totalmente dipendente, senza potere vivere, senza poter morire. Si chiama Miriam, la donna. Corteggiata, amata. A quattro anni dalla tragedia si trova in bilico fra la voglia di ribellarsi al dolore e il bisogno di sacrificargli tutte le sue possibilità, tutto il suo possibile futuro, come a un Dio Minore da placare. Certa che non riceverà niente in cambio. Attorno a Miriam e alle sue oscillazioni “gli altri”: ciascuno a suo modo colpito e modificato, colpito e atterrito, colpito e affondato. Da lei, Miriam, da lui, Pietro. Gli altri: la bambina, la ragazza, l’uomo ancora giovane, l’uomo più vecchio. tutti a confrontarsi con se stessi e con Miriam, con Miriam e con Pietro, come ci si confronta, consapevoli o no, continuamente, con la morte e con l’amore.

MIRIAM E LA GEOMETRIA

Grosso Luisa

In un sobborgo di Tokyo il giovane Okada Toru ha appena lasciato volontariamente il suo lavoro e si dedica alle faccende di casa. Due episodi apparentemente insignificanti riescono tuttavia a rovesciare la sua vita tranquilla: la scomparsa del suo gatto e la telefonata anonima di una donna dalla voce sensuale. Toru si accorgerà presto che oltre al gatto, a cui la moglie Kumiko è molto affezionata, dovrà cercare Kumiko stessa. Lo spazio limitato del suo quotidiano diventerà il teatro di una ricerca in cui sogni, ricordi e realtà si confondono e che lo porterà a incontrare personaggi sempre più strani: dalla prostituta psicotica alla sedicenne morbosa, dal politico diabolico al vecchio e misterioso veterano di guerra. A poco a poco Toru dovrà risolvere i conflitti della sua vita passata di cui nemmeno sospettava l'esistenza. Un intrigante romanzo che illumina quelle zone d'ombra in cui ognuno nasconde segreti e fragilità.

L’UCCELLO CHE GIRAVA LE VITI DEL MONDO