Letteratura americana

TRA DUE FUOCHI

Slaughter Karin

Descrizione: "Voglio farla finita." È il tragico messaggio trovato nei pressi del lago Grant, dove i sommozzatori sono impegnati a estrarre dalle gelide acque il cadavere di Allison Spooner. Eppure, quello che sembrava doversi risolvere come un caso di suicidio rivela dettagli ben più oscuri e indecifrabili. Quando l'agente speciale Will Trent arriva sul posto, l'accoglienza al locale dipartimento di polizia non è delle più cordiali: nessuna disponibilità a collaborare, nessuna risposta alle tante domande sulla morte di un ragazzo con disturbi mentali tenuto sotto custodia perché sospettato di aver ucciso Allison. Anche l'agente Adams, incaricata di affiancare Trent nelle indagini, sembra a conoscenza di verità inconfessabili, qualcosa che ha a che fare con la morte, avvenuta anni prima, del capo della polizia della contea. E perché la vedova dell'uomo, Sara Linton, cerca a tutti i costi di coinvolgere Will in quella vecchia storia? Preso nella morsa di queste due donne illeggibili e determinate, Trent sta per portare alla luce segreti scomodi e oltrepassare quella sottile linea oltre la quale non si torna indietro. Una vicenda torva, pericolosa, e la determinazione di un uomo nel portare a galla la più dolorosa delle umane verità, non importa quanto profondamente sia nascosta... o quanto possa essere devastante.

Categoria: Letteratura americana

Editore: TimeCrime

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788866880417

Trama

Le Vostre recensioni

Ritorno in famiglia per la dottoressa Sara Linton. Dopo tre anni è di nuovo nella contea di Grant, dove ha trascorso i giorni più felici della sua vita, ma anche i più dolorosi. È qui, infatti, che Sara ha vissuto l’amore con suo marito Jeffery ed è qui che l’ha visto morire tragicamente. Dovrà superare il dolore di rivedere quei luoghi e trascorrere quattro giorni con la sua famiglia. Si ripromette di non incontrare i colleghi del marito, che era sceriffo della contea, e più di ogni altro Lena Adams la poliziotta che Sara ritiene responsabile della morte di Jeffery. Quattro giorni in famiglia, quattro giorni sereni e poi di nuovo a casa, ma non sarà così.

Una studentessa universitaria è trovata morta nel lago Grant. A riva le sue scarpe e un biglietto che recita ‘voglio farla finita’. Si pensa a un suicidio, ma quasi subito Lena e Frank, l’attuale sceriffo, si rendono conto che qualcosa non quadra.  Allison Spooner ha una ferita da taglio alla base del collo. È stata uccisa. I sospetti cadono subito su Tommy, un giovane ritardato che Sara ha avuto in cura quando era poco più che un bambino. Tommy è arrestato e confessa, ma è stravolto e chiede disperatamente di Sara. Frank la prega di raggiungerlo per parlare con il ragazzo che è rinchiuso in guardina, ma quando Sara arriva, è troppo tardi. Tommy Braham si è tolto la vita. C’è qualcosa che non quadra, qualcosa che fa infuriare Sara e la spinge a chiedere l’intervento del GBI.

Toccherà a Will Trent indagare. Affiancato da Lena Addams e supportato da Sara Linton, il detective dovrà trovare il bandolo di una matassa intricatissima e riuscire a scindere il vero dal falso resistendo anche all’ostilità dei poliziotti locali.

In Tra due fuochi troviamo un Will Trent ancora più concreto rispetto al passato. È concreto, tangibile e affascina ancora con le sue insicurezze, la pacatezza, l’umanità e l’intelligenza pragmatica. Trent risolverà anche questo caso e scorgerà la possibilità di un nuovo cammino, meno tortuoso, per la sua vita e sarà tentato, forse, di intraprenderlo.

Anche questa volta Karin Slaughter riesce a sorprenderci. Tra due fuochi è più che avvincente. È un thriller mozzafiato, intrigante, e soprattutto non scontato. Una storia che intreccia delitti, enigmi e ambiguità. Che appassiona coinvolgendoci, ancora una volta, anche nelle vicende personali dei protagonisti che si ritrovano ad affrontare fantasmi del passato e paure presenti. Sara e Will dovranno risolvere il caso, affrontare verità scomode e ammettere che ‘Ci sono le belle giornate e quelle brutte, e se le une o le altre non sono troppe, riesci a cavartela discretamente’.

Karin Slaughter ha una scrittura coraggiosa. È aggressiva, diretta e al contempo passionale. Oserei definire i suoi romanzi diversamente romantici o meglio audacemente umani.

Una curiosità che ho notato con divertito piacere: l’esplicita citazione al capolavoro letterario di Emily Bronte, Cime tempestose, che troviamo all’inizio del romanzo, è di nuovo simpaticamente celata nei nomi dei familiari di Sara Linton. La mamma di Sara, Cathy Linton, il padre Edward Linton, e il cugino Hareton Earnshaw sono omonimi di alcuni dei personaggi del romanzo della Bronte. Un’idea originale per rendere omaggio a un pilastro della letteratura che ho molto apprezzato. Le avventure di Will Trent e di Sara Linton in Italia per il momento si fermano qui, ma negli Stati Uniti sono già editi altri tre volumi che vedono protagonista Trent. Il quarto, Unseen, uscirà il prossimo due luglio. Speriamo di non dover attendere troppo per leggerli.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Karin

Slaughter

Libri dallo stesso autore

Intervista a Slaughter Karin


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L'Overlook, uno strano e imponente albergo che domina le alte montagne del Colorado, è stato teatro di numerosi delitti e suicidi e sembra aver assorbito forze maligne che vanno al di là di ogni comprensione umana e si manifestano soprattutto d'inverno quando l'albergo chiude e resta isolato per la neve. Uno scrittore fallito, Jack Torrance, con la moglie Wendy e il figlio Danny di cinque anni, accetta di fare il guardiano invernale all'Overlook ed è allora che le forze del male si scatenano. Dinanzi a Danny, che è dotato di potere extrasensoriale, lo shine, si materializzano gli orribili fatti accaduti nelle stanze dell'albergo, ma se il bambino si oppone con forza a insidie e presenze, il padre ne rimane vittima.

SHINING

King Stephen

James Purdy e la sua scrittura rimangono un rebus oggi come ieri. Amato da autori che non potrebbero essere più diversi - tra gli altri Jonathan Franzen, Gore Vidal e David Means che firma l'introduzione a questo libro -, non ha mai incontrato il favore del grande pubblico né lo ha mai ricercato. Forse proprio perché non l'abbiamo capito meriterebbe ancora un'altra chance per confonderci e sviarci, per mostrarci come la letteratura possa ancora essere un oggetto misterioso che prescinde da regole di scrittura fissate come fossero le tavole del tempio. La prosa di Purdy potrebbe suonare anacronistica, con le sue didascalie, il suo marchiano "tell don't show", questi personaggi che fulminano a bruciapelo gli interlocutori con domande sul senso delle cose, stridenti nella loro chiarezza e crudeli nel loro essere stralunate. I neon di un cinema notturno piuttosto equivoco squillano "uomini uomini uomini", e nella sala buia qualche marchettaro è intento a conoscere col tatto corpi e fremiti propri e altrui. Così come gli Holden efebici che perlustrano gli anfratti più bui di un parco sordido varcano quel territorio di confine che è l'omosessualità, allo stesso modo la lingua di Purdy sta e si misura fra ciò che dice e ciò che esclude dall'esser detto, ciò che rimane fuori ma soprattutto sotto l'abito di parole confezionato da questo formalissimo sarto letterario. Sotto una spessa patina di urbanità e manierismi, pulsa una voragine di desiderio e gli interpreti azzimati e ossequiosi di queste turpitudini mai esibite, ma solo ruminate e vissute, hanno un'onomastica e una "quirkin"...

Non chiamarmi col mio nome

Purdy James

Per fare bene il mestiere di malato bisogna essere sani! È questa la paradossale conclusione a cui giunge la narratrice di questa complessa storia di malattia. Il mestiere di malato richiede infatti "mente lucida, nervi saldi, grande pazienza". Quel "mondo dei sani", che è stato il suo fino a poco tempo prima, diventa ora un territorio nuovo, estraneo, da scoprire, da esplorare. Nulla è più indicativo di questo sconvolgimento relazionale del rapporto con le badanti, e a ragione la narratrice dedica ad esso molte pagine. "Badante" non è una professione né un mestiere; non è in genere neanche una scelta, un progetto di vita. Si tratta di donne costrette ad abbandonare casa e affetti per necessità economica; donne per le quali l'assistito rappresenta più che una persona un'opportunità economica. Denuncia con intenzionale consapevolezza le difficoltà in cui incorre quotidianamente l'ammalato cronico: nella relazione con il sistema sanitario e l'apparato medico, con l'assistenza privata, con il mondo esterno e nella gestione delle vita quotidiana. La malattia diventa veicolo di indagine e di crescita interiore.

YURI E IL MISTERO DELLE SCARPE BLU

Magro Elvira

Il segreto di Enoch

Alberico Dettori