Giallo - thriller - noir

Trappola per lupi

Vallepiano Bruno

Descrizione: Mauro Bignami, professore di filosofia, ha due amici che gestiscono un B&B ed ospitano alcuni americani che soggiornano nella loro struttura. Sul green del Golf Club di Pleasant Valley, un caddy viene colpito a morte da un fucile di precisione durante una partita di golf, e questo evento coinvolge direttamente uno degli ospiti del B&B. Bignami spinto da curiosità e senso della giustizia, si lascia coinvolgere in questa vicenda, correndo grossi rischi ma imprimendo alla torbida faccenda lo sviluppo conclusivo.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Golem Edizioni

Collana: Le vespe

Anno: 2020

ISBN: 9788885785939

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Trappola per lupi

Bruno Vallepiano, autore di numerosi libri, ha esordito come autore di libri gialli noir con Violazione di domicilio, a cui hanno fatto seguito Buio in sala, La dama blu, So dove parcheggi, In ginocchio da te, Non senza dolore, Oscuri percorsi, e Gioco fatale (ndr: clicca qui per leggere il nostro commento a La pietra delle masche). Ora torna in libreria con Trappola per lupi (ndr: clicca qui per acquistare il libro su www.amazon.itun bel giallo che contiene in sé tutte le caratteristiche del genere a cui appartiene.

La vicenda narrata si svolge su due piani temporali e ambientali nettamente differenti. Il primo vola lontano, a Washington, dove sul campo da golf viene ucciso un caddy con un colpo di fucile a precisione. Dall’altro andiamo a Gariola, paese della provincia Granda, vicino a Mondovì, dove Mauro Bignami con la bella moglie decide di andare ad aiutare dei cari amici, in difficoltà perché lei ha un cancro, nella conduzione di un albergo. Si trovano così a soggiornare in un noto B&B di proprietà dei loro amici, Paolo e Clotilde, dove conoscono degli strani americani, venuti in valle per ristrutturare un vecchio casale appartenuto ai loro antenati.

Chi sono costoro?

”Adam era decisamente quello più socievole dei tre. (…) Gabriel e Ryan erano meno socievoli. Non che fossero antipatici, intendiamoci, semplicemente parlavano meno e mostravano meno entusiasmo. Sembravano al traino di Adam. Soprattutto Ryan che appariva tra tutti il più taciturno e che in quel momento era arrivato nel cantiere insieme a Netty.”

Chi sono in effetti costoro? Cosa lega vicende avvenute in luoghi così lontani?

Nuove indagini si aprono per l’amato professore di filosofia, Mauro Bignami, con l’hobby della investigazione.

Il libro si divora con frenesia. È scritto con un linguaggio fluido e preciso, dove traspare l’amore che l’autore nutre per il territorio e in particolare per le montagne. Il romanzo, specchio di mali che affliggono la società moderna, tratta con sagacia narrativa temi importanti, quali l’amicizia vera, il ruolo importante e saggio degli anziani, la bramosia e la cattiveria di alcuni lupi a “due gambe” che agiscono sugli altri con vivida scaltrezza, il ruolo del territorio e l’importanza della sua salvaguardia. La costruzione narrativa è condotta con metodo, spesso intervallata da dialoghi frizzanti e a tratti ironici. La lettura si rivela molto intrigante e avvincente e coinvolge il lettore anche in considerazioni storico-politiche. Davvero un’ottima prova letteraria condotta con grande saggezza e precisione da un autore che dimostra, ancora una volta, di essere di grande qualità.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Bruno

Vallepiano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vallepiano Bruno

Tutto lo sforzo che facciamo per dare ordine alla vita è un logorio costante, disperato, che usura i nervi, li sfianca, ma è necessario alla nostra sopravvivenza. "Le età della vita" è proprio questo, è il tentativo di dare ordine al caos, di riordinare i ricordi, le sensazioni, di prendere per le briglie una vita che è sempre sul limite di deragliare. Ambientato negli anni Ottanta a Roma, i fondali della narrazione sono il mercato ittico di via Ostiense, l'università La Sapienza e la metropoli romana. È in queste praterie urbane che il protagonista diventa funambolo della propria vita, mentre gli spazi vuoti vengono controbilanciati da svariate pressioni: il lavoro, l'università, una storia d'amore e l'intenso rapporto con Carmine, figura ai margini della società.Questo scenario acquisisce ulteriore forza grazie al doppio registro linguistico (romanesco e italiano) che ha la capacità di catapultare il lettore all'interno di ogni immagine descritta, dentro ogni inquadratura che viene proposta, nel cuore della narrazione. L'immersione è totale.

Le età della vita

Mantioni Paolo

Ventisette storie piemontesi, storie ambientate in quella meravigliosa terra ai piedi delle Alpi, dal Monviso al Po, dalle colline al mare. Racconti dove i protagonisti si chiamano Gelindo, Maria Giuana, Giraudo, Micilina, ma portano anche nomi lontani, nati da tutt'altra parte. Nel libro, divertente, dissacrante, grottesco, ma anche serio, malinconico, riflessivo, vivono personaggi di ogni dove che in Piemonte han trovato, o da secoli, o da pochi mesi, un luogo dove lavorare, combattere, amare. Pellegrini, mummie, contadini, masche, pastori, operai, viaggiatori, studenti, sul palcoscenico della vita, sospesa fra tradizione e futuro. Tutti insieme appassionatamente. Uno sguardo spudorato sull'Italia di ieri, di oggi e di domani.

Storie piemontesi

Dutto Alessandro

Una figlia appena maggiorenne annuncia al padre che si trasferirà all'estero. Questo lo spunto per avviare una riflessione sulla paternità, sulle sue inadeguatezze, sull'amore che ne guida ogni slancio. E in particolare sul rapporto intenso e fuori da ogni definizione che lega un padre a una figlia femmina. Un viaggio intimo e ironico di un uomo che si mette sempre in discussione riconoscendo i propri errori e le contraddizioni della sua generazione. Parole non dette e recuperate, gesti mai completati, in un dialogo che si fa confessione. Un padre che torna a essere figlio, che inciampa ma che non smette mai di tenere per mano la sua bambina anche quando è ormai una donna dal sorriso disarmante.

Quando ridi

Terruzzi Giorgio

Cosa si è disposti a fare pur di conquistare la fama e il successo? Qual è il confine oltre il quale si perde, insieme alla dignità, anche se stessi? Un aspirante scrittore si troverà inaspettatamente di fronte a un bivio di faustiana memoria.

Oltre il limite

Vichi Marco