Giallo - thriller - noir

Trappola per lupi

Vallepiano Bruno

Descrizione: Mauro Bignami, professore di filosofia, ha due amici che gestiscono un B&B ed ospitano alcuni americani che soggiornano nella loro struttura. Sul green del Golf Club di Pleasant Valley, un caddy viene colpito a morte da un fucile di precisione durante una partita di golf, e questo evento coinvolge direttamente uno degli ospiti del B&B. Bignami spinto da curiosità e senso della giustizia, si lascia coinvolgere in questa vicenda, correndo grossi rischi ma imprimendo alla torbida faccenda lo sviluppo conclusivo.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Golem Edizioni

Collana: Le vespe

Anno: 2020

ISBN: 9788885785939

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Trappola per lupi

Bruno Vallepiano, autore di numerosi libri, ha esordito come autore di libri gialli noir con Violazione di domicilio, a cui hanno fatto seguito Buio in sala, La dama blu, So dove parcheggi, In ginocchio da te, Non senza dolore, Oscuri percorsi, e Gioco fatale (ndr: clicca qui per leggere il nostro commento a La pietra delle masche). Ora torna in libreria con Trappola per lupi (ndr: clicca qui per acquistare il libro su www.amazon.itun bel giallo che contiene in sé tutte le caratteristiche del genere a cui appartiene.

La vicenda narrata si svolge su due piani temporali e ambientali nettamente differenti. Il primo vola lontano, a Washington, dove sul campo da golf viene ucciso un caddy con un colpo di fucile a precisione. Dall’altro andiamo a Gariola, paese della provincia Granda, vicino a Mondovì, dove Mauro Bignami con la bella moglie decide di andare ad aiutare dei cari amici, in difficoltà perché lei ha un cancro, nella conduzione di un albergo. Si trovano così a soggiornare in un noto B&B di proprietà dei loro amici, Paolo e Clotilde, dove conoscono degli strani americani, venuti in valle per ristrutturare un vecchio casale appartenuto ai loro antenati.

Chi sono costoro?

”Adam era decisamente quello più socievole dei tre. (…) Gabriel e Ryan erano meno socievoli. Non che fossero antipatici, intendiamoci, semplicemente parlavano meno e mostravano meno entusiasmo. Sembravano al traino di Adam. Soprattutto Ryan che appariva tra tutti il più taciturno e che in quel momento era arrivato nel cantiere insieme a Netty.”

Chi sono in effetti costoro? Cosa lega vicende avvenute in luoghi così lontani?

Nuove indagini si aprono per l’amato professore di filosofia, Mauro Bignami, con l’hobby della investigazione.

Il libro si divora con frenesia. È scritto con un linguaggio fluido e preciso, dove traspare l’amore che l’autore nutre per il territorio e in particolare per le montagne. Il romanzo, specchio di mali che affliggono la società moderna, tratta con sagacia narrativa temi importanti, quali l’amicizia vera, il ruolo importante e saggio degli anziani, la bramosia e la cattiveria di alcuni lupi a “due gambe” che agiscono sugli altri con vivida scaltrezza, il ruolo del territorio e l’importanza della sua salvaguardia. La costruzione narrativa è condotta con metodo, spesso intervallata da dialoghi frizzanti e a tratti ironici. La lettura si rivela molto intrigante e avvincente e coinvolge il lettore anche in considerazioni storico-politiche. Davvero un’ottima prova letteraria condotta con grande saggezza e precisione da un autore che dimostra, ancora una volta, di essere di grande qualità.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Bruno

Vallepiano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vallepiano Bruno


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Marina ha vent'anni e una bellezza assoluta. È cresciuta inseguendo l'affetto di suo padre, perduto sulla strada dei casinò e delle belle donne, e di una madre troppo giovane e fragile. Per questo dalla vita pretende un risarcimento, che significa lasciare la Valle Cervo, andare in città e prendersi tutto: la fama, il denaro, avere il mondo ai suoi piedi. Un sogno da raggiungere subito e con ostinazione. La stessa ostinazione di Andrea, che lavora part time in una biblioteca e vive all’ombra del fratello emigrato in America, ma che ha un progetto folle e coraggioso in cui nessuno sembra disposto a credere, neppure suo padre, il granitico ex sindaco di Biella. Per lui la sfida è tornare dove ha cominciato il nonno tanti anni prima, risalire la montagna, ripartire dalle origini. Marina e Andrea si attraggono e respingono come magneti, bruciano di un amore che vuole essere per sempre. Marina ha la voce di una dea, canta e balla nei centri commerciali trasformandoli in discoteche, si muove davanti alle telecamere con destrezza animale. Andrea sceglie invece di lavorare con le mani, di vivere secondo i ritmi antichi delle stagioni. Loro due, insieme, sono la scintilla. Se con Acciaio Silvia Avallone aveva anticipato la fine di un benessere che credevamo inesauribile, con questo romanzo ci dice che il destino non è già segnato e che la vera rivoluzione sta nel rimanere, nel riappropriarci della nostra terra senza arretrare di un passo perché, anche se scalzi, furiosi e affamati, ce la faremo. Le regole del gioco sono cambiate quando i padri hanno divorato il futuro dei loro figli. Da oggi siamo tutti figli. Siamo tutti luci al neon e campi da arare. Siamo tutti Marina Bellezza.

Marina bellezza

Avallone Silvia

Un maschio eterno, del tutto privo di moralità, molto avido, un po' vile, anche sentimentale (solo con se stesso). Sullo sfondo della Francia della Terza Repubblica, Bel-Ami è l'arrampicatore sociale per eccellenza con un'unico obiettivo: il successo e il profitto a qualunque costo

Bel-Ami

De Maupassant Guy

Seymour Levov è alto, biondo, atletico: al liceo lo chiamano «lo Svedese». Ebreo benestante e integrato, ciò che pare attenderlo negli anni Cinquanta è una vita di successi professionali e di gioie familiari. Finché le contraddizioni del conflitto in Vietnam, esplose negli Stati Uniti, non coinvolgono anche lui, e nel modo piú devastante: attraverso l'adorata figlia Merry, decisa a «portare la guerra in casa». Letteralmente. Ma Pastorale americana non si esaurisce nell'allegoria politica; è un libro sulla vecchiaia, sulla memoria, sull'intollerabilità di certi ricordi. Lo scrittore Nathan Zuckerman, fin dall'adolescenza affascinato dalla vincente solarità dello Svedese, sente la necessità di narrarne la caduta. E ciò che racconta è il rovesciamento della pastorale americana: un grottesco Giudizio Universale in cui i Levov, e i lettori, assistono al crollo dell'utopia dei giusti, al trionfo della rabbia cieca e innata dell'America.

Pastorale americana

Roth Philip

Questa è la storia di una solitudine individuale e collettiva scritta sotto forma di diario. Protagonista è Santomè, inpiegato in una grossa azienda di Montevideo, schiacciato dalla monotonia della vita di ogni giorno. Vedovo, vicino alla pensione, Santomè ha difficoltà a stabilire un rapporto con i suoi figli. Ma quando nell'azienda viene assunta la giovane Laura, Santomè sente nascere un amore insperato che lo porterà a vivere una relazione clandestina, che sembra illuminare il suo futuro.

La tregua di Mario Benedetti

Benedetti Mario