Narrativa

TRE CONCERTI

Bocchi Vittorio

Descrizione: Nell'incanto sospeso sulle rive del Grande Fiume, un uomo, finalmente in pace con se stesso, rievoca dall'oblio in cui era caduta una storia di seducente passione, dove musicisti e amanti, spie e combattenti, seguendo le note dei tre concerti per pianoforte di Ciajkovskij, percorrono una strada di amore e morte.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni Pontegobbo

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788896673270

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

 

Al concerto avevo un posto in prima fila […] Vidi entrare la sua figura […]. Indossava un lungo vestito azzurro che lasciava nude le spalle, sulle quali giocavano i capelli. Era ancora più bella se possibile. Nel ricordo, agli applausi del pubblico per quella apparizione si unisce la musica del primo movimento del primo concerto: Allegro non troppo e molto maestoso. Allegro con spirito […] L’intero primo concerto fluì tra le sue dita, come l’acqua nell’accogliente letto del fiume. Nel finale Allegro con fuoco, lampi di colore si dispiegarono sul ricordo dei luoghi della nostra infanzia”.

Il pensiero corre al paese sul fiume, in cui il protagonista di queste pagine torna ogni anno per trascorrere le vacanze estive e rivedere i suoi amici di sempre. Tra di loro Matilde, intensa e ribelle come le note che, inesorabile, l’animo di lei incide sulla tastiera del pianoforte e nel cuore del suo caro amico.

Le gite sul fiume, la pesca, le balere e la spiaggia, la musica di Matilde, il giardino tropicale di zia Giovanna e l’allegria di Agnese, rendono quei giorni d’estate il tempo ideale in cui rifugiarsi – anche a distanza di anni – dalla vita. Il luogo in cui perdersi e sempre ritrovarsi.

Fino all’estate del 1937, quando la realtà irromperà nelle loro esistenze: l’impegno antifascista di Matilde e l’arrivo di Jurij – esule trozkijsta – li allontaneranno, loro malgrado, sino ai giorni di Londra e al concerto in cui il protagonista ritroverà, insieme alle note di Ciajkovskij, la sua amata e con lei la memoria dei giorni perduti.

Nel secondo concerto, quella sera, Matilde carpì il segreto di tale spirito musicale; malinconia, felicità, tristezza, eroismo titanico, si dispiegarono nell’aritmetica delle note. In fondo ella stava suonando la sua esistenza: nel primo la dolcezza dell’infanzia, nel secondo la passione d’amore e la passione civile di una giovane donna. Aveva sempre vissuto all’estremo, nell’imminenza della gioia e della tragedia. Questo, lo si sentiva nella sua musica”.

Nel mezzo, tra l’amore disperato di Matilde per Jurij, la sua fuga in Spagna – dove sull’Ebro, combatterà la dittatura franchista – e l’azione del protagonista sull’Appenino a fianco delle formazioni partigiane, si compirà il loro destino che, improvviso, tornerà a travolgerli sulle note del terzo concerto di Ciajkovskij.

Qualcuno entrò nella sala che già iniziava il terzo concerto; un unico anomalo movimento, che ironicamente porta il nome di Allegro. Mai Allegro ha profuso tanta disperata passione […]. Riprese a suonare col tempo giusto, e con la musicò evocò gli anni più intensi della sua vita. Che furono anche gli anni miei, di Agnese, dei nostri amici, di una gioventù che volò attraverso le tempeste e gli splendori della passione”.

Vittorio Bocchi scandisce il tempo della storia con il ritmo incalzante di un Allegro. La scrittura fluisce sullo spartito traducendo il lettore in una dimensione incantata, sulle rive di un fiume noto della campagna italiana, lungo i giorni della memoria.

La storia di amicizia e di amore, appassionata e a tratti violenta, dei suoi protagonisti viene raccontata con estrema delicatezza ed eleganza. Le pagine del breve romanzo attraversano, cariche di emozioni, le vite dei personaggi tratteggiandone con abilità le intense vicende umane, anche alla luce dei drammatici eventi storici di quel periodo.

Lo scrittore mantovano ci conduce in luoghi familiari attraverso un viaggio in bianco e nero, che evoca orizzonti ed ideali ormai lontani e fa riaffiorare ricordi ancora vivi nella memoria collettiva. La lettura procede al ritmo delle note musicali del grande compositore russo, protagonista straordinario di queste pagine.

Friedrich Nietzsche affermò che avrebbe dato tutta la felicità dell’Occidente per contro avere un po’ della tristezza dei russi”. Aveva ascoltato Ciajkovskij.

Da leggere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vittorio

Bocchi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bocchi Vittorio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una volta Ella era una ragazza spensierata, aperta, sempre pronta a sorridere e a infrangere le regole per provare nuove emozioni. Lei e Micha erano grandi amici, e insieme formavano una splendida coppia. Ma una notte accadde qualcosa di terribile, che sconvolse le loro vite e distrusse irrimediabilmente la loro amicizia. Poi Ella andò al college, lasciandosi tutto alle spalle, chiudendosi in se stessa. Nascose il suo segreto al mondo e si trasformò in una ragazza ligia, riservata, senza sogni e senza desideri. Ora però sono iniziate le vacanze estive ed Ella sta per tornare a casa. Ma non immagina che Micha la sta aspettando. Micha sa tutto di lei, conosce i suoi più intimi segreti, ed è deciso a disseppellire i fantasmi del passato e a far sì che Ella ritorni la ragazza vivace e allegra che era un tempo, la ragazza che lui ama e amerà per sempre.

NON LASCIARMI ANDARE

Sorensen Jessica

LA SCUOLA E’ FINITA

Grevet Yves

La detective ipovedente Blanca e i suoi colleghi, il commissario Martusciello, l’agente scelto Carità, Liguori e Micheli, si ritrovano a dover risolvere due casi che sembrano scollegati: il traffico di animali illegali provenienti dall’estero e la morte di una donna, apparentemente avvenuta a causa del morso di un ragno, rarissimo e letale. Nel primo caso, delle circostanze fortuite porteranno a galla indizi che provocheranno la morte di due veterinari, mentre il secondo caso sembra opera di un assassino seriale che usa i ragni come armi, ma le vittime non sono collegate in alcun modo. Nel commissariato regna l’anarchia, ognuno conosce solamente un pezzo dell’indagine e spesso lo nasconde agli altri, il puzzle fatica a comporsi fino all’ultimo perché le vicende private dei personaggi si ergono come muri tra di loro: ognuno come un animale ferito cerca con le proprie forze di aprirsi la strada verso la verità, senza accorgersi di essere mutilato lontano dal resto della squadra. Blanca si dibatte nei suoi sentimenti per Liguori e cerca un riparo nell’amore di Micheli, pur non ricambiandolo. Di tutte le bestie che abitano questo romanzo è proprio Blanca la più selvatica.

La danza dei veleni

Rinaldi Patrizia

È una sera di ottobre del 1942. La locanda di Proskurov è gremita di militari in trasferta. Il pastore venuto ad assistere un condannato a morte deve dividere la stanza con un capitano in partenza per il fronte di Stalingrado. È la guerra, la guerra di Hitler. La notte è nera e tempestosa, la follia nazista e la morte ammorbano l'aria, eppure in quella stanza trionfa la vita. La bella Melanie sale le scale di nascosto e viene ad abbracciare per l'ultima volta il suo capitano. In tre dividono pane e miele, un sorso di caffè vero. Poi, mentre gli amanti si appartano in un angolo, il pastore si immerge nella storia dell'uomo che verrà fucilato per diserzione: negli atti del processo trova la strada per giungere al suo cuore. E in carcere, più tardi, pastore e condannato si dicono addio come fratelli. All'alba il plotone d'esecuzione si metterà in marcia, l'aereo del capitano decollerà per Stalingrado. Ma in quella notte inquieta sguardi, abbracci, voci e parole uniscono per sempre, e rendono giustizia assoluta.

NOTTE INQUIETA

Goes Albrecht