Narrativa

TRE CONCERTI

Bocchi Vittorio

Descrizione: Nell'incanto sospeso sulle rive del Grande Fiume, un uomo, finalmente in pace con se stesso, rievoca dall'oblio in cui era caduta una storia di seducente passione, dove musicisti e amanti, spie e combattenti, seguendo le note dei tre concerti per pianoforte di Ciajkovskij, percorrono una strada di amore e morte.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni Pontegobbo

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788896673270

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

 

Al concerto avevo un posto in prima fila […] Vidi entrare la sua figura […]. Indossava un lungo vestito azzurro che lasciava nude le spalle, sulle quali giocavano i capelli. Era ancora più bella se possibile. Nel ricordo, agli applausi del pubblico per quella apparizione si unisce la musica del primo movimento del primo concerto: Allegro non troppo e molto maestoso. Allegro con spirito […] L’intero primo concerto fluì tra le sue dita, come l’acqua nell’accogliente letto del fiume. Nel finale Allegro con fuoco, lampi di colore si dispiegarono sul ricordo dei luoghi della nostra infanzia”.

Il pensiero corre al paese sul fiume, in cui il protagonista di queste pagine torna ogni anno per trascorrere le vacanze estive e rivedere i suoi amici di sempre. Tra di loro Matilde, intensa e ribelle come le note che, inesorabile, l’animo di lei incide sulla tastiera del pianoforte e nel cuore del suo caro amico.

Le gite sul fiume, la pesca, le balere e la spiaggia, la musica di Matilde, il giardino tropicale di zia Giovanna e l’allegria di Agnese, rendono quei giorni d’estate il tempo ideale in cui rifugiarsi – anche a distanza di anni – dalla vita. Il luogo in cui perdersi e sempre ritrovarsi.

Fino all’estate del 1937, quando la realtà irromperà nelle loro esistenze: l’impegno antifascista di Matilde e l’arrivo di Jurij – esule trozkijsta – li allontaneranno, loro malgrado, sino ai giorni di Londra e al concerto in cui il protagonista ritroverà, insieme alle note di Ciajkovskij, la sua amata e con lei la memoria dei giorni perduti.

Nel secondo concerto, quella sera, Matilde carpì il segreto di tale spirito musicale; malinconia, felicità, tristezza, eroismo titanico, si dispiegarono nell’aritmetica delle note. In fondo ella stava suonando la sua esistenza: nel primo la dolcezza dell’infanzia, nel secondo la passione d’amore e la passione civile di una giovane donna. Aveva sempre vissuto all’estremo, nell’imminenza della gioia e della tragedia. Questo, lo si sentiva nella sua musica”.

Nel mezzo, tra l’amore disperato di Matilde per Jurij, la sua fuga in Spagna – dove sull’Ebro, combatterà la dittatura franchista – e l’azione del protagonista sull’Appenino a fianco delle formazioni partigiane, si compirà il loro destino che, improvviso, tornerà a travolgerli sulle note del terzo concerto di Ciajkovskij.

Qualcuno entrò nella sala che già iniziava il terzo concerto; un unico anomalo movimento, che ironicamente porta il nome di Allegro. Mai Allegro ha profuso tanta disperata passione […]. Riprese a suonare col tempo giusto, e con la musicò evocò gli anni più intensi della sua vita. Che furono anche gli anni miei, di Agnese, dei nostri amici, di una gioventù che volò attraverso le tempeste e gli splendori della passione”.

Vittorio Bocchi scandisce il tempo della storia con il ritmo incalzante di un Allegro. La scrittura fluisce sullo spartito traducendo il lettore in una dimensione incantata, sulle rive di un fiume noto della campagna italiana, lungo i giorni della memoria.

La storia di amicizia e di amore, appassionata e a tratti violenta, dei suoi protagonisti viene raccontata con estrema delicatezza ed eleganza. Le pagine del breve romanzo attraversano, cariche di emozioni, le vite dei personaggi tratteggiandone con abilità le intense vicende umane, anche alla luce dei drammatici eventi storici di quel periodo.

Lo scrittore mantovano ci conduce in luoghi familiari attraverso un viaggio in bianco e nero, che evoca orizzonti ed ideali ormai lontani e fa riaffiorare ricordi ancora vivi nella memoria collettiva. La lettura procede al ritmo delle note musicali del grande compositore russo, protagonista straordinario di queste pagine.

Friedrich Nietzsche affermò che avrebbe dato tutta la felicità dell’Occidente per contro avere un po’ della tristezza dei russi”. Aveva ascoltato Ciajkovskij.

Da leggere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vittorio

Bocchi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bocchi Vittorio

William ha poco più di vent'anni e le frustrazioni di tanti giovani: odia il suo lavoro (commesso in un negozio di dischi), la città in cui vive (Londra), e la ragazza con cui sta è molto restia a concedersi. Candido e complicato come il giovane Holden, gran tiratardi nel capire le cose del mondo, ha solo un paio di amici e divide la casa con una tipa che non incontra mai e che comunica con lui attraverso bigliettini. Il suo unico conforto è fare musica. In realtà il suo vero talento sembra essere un altro: perdere gli autobus, dire la cosa sbagliata al momento sbagliato e, soprattutto, trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato. Una sera, infatti, assiste involontariamente a un delitto. La caccia agli assassini lo porterà a una sorprendente scoperta!

QUESTA NOTTE MI HA APERTO GLI OCCHI

Coe Jonathan

Una giovane bellissima, che lavora nel mondo dell'arte, viene uccisa nel proprio appartamento a Roma. Tre personaggi coinvolti per ragioni diverse nell'omicidio forniscono la loro interpretazione dei fatti. Chi nasconde la verità. Chi la manipola. Chi sembra non curarsene. Il commissario Davide Brandi è un poliziotto molto abile, e molto ambizioso. È lui che conduce le indagini. A dargli la parola è Giancarlo De Cataldo. Marco Valerio Guerra è l'amante della vittima. Un uomo d'affari ricchissimo, potente, odiato. A dargli la parola è Maurizio De Giovanni. Anna Carla Santucci è la moglie di Guerra. Scoprire il tradimento del marito non l'ha stupita affatto. A darle la parola è Cristina Cassar Scalia. Le loro versioni non concordano. Ma tutte rappresentano un piccolo passo per arrivare alla soluzione del caso.

Tre passi per un delitto

De Cataldo, De Giovanni, Cassar Scalia

Come puoi amare qualcuno che non puoi nemmeno sfiorare? A Stella piace avere il controllo su tutto, il che è piuttosto ironico, visto che da quando è bambina è costretta a entrare e uscire dall'ospedale per colpa dei suoi polmoni totalmente fuori controllo. Lei però è determinata a tenere testa alla sua malattia, il che significa stare rigorosamente alla larga da chiunque o qualunque cosa possa passarle un'infezione e vanificare così la possibilità di un trapianto di polmoni. Una sola regola tra lei e il mondo: mantenere la "distanza di sicurezza". Nessuna eccezione. L'unica cosa che Will vorrebbe poter controllare è la possibilità di uscire una volta per tutte dalla gabbia in cui è costretto praticamente da sempre. Non potrebbe essere meno interessato a curarsi o a provare la più recente e innovativa terapia sperimentale. L'importante, per lui, è che presto compirà diciotto anni e a quel punto nessuno potrà più impedirgli di voltare le spalle a quella vita vuota e non vissuta, un viaggio estenuante da una città all'altra, da un ospedale all'altro, e di andare finalmente a conoscerlo, il mondo. Will è esattamente tutto ciò da cui Stella dovrebbe stare alla larga. Se solo lui le si avvicinasse troppo, infatti, lei potrebbe veder sfumare la possibilità di ricevere dei polmoni nuovi. Anzi, potrebbero rischiare la vita entrambi. L'unica soluzione per non correre rischi sarebbe rispettare la regola e stare lontani, troppo lontani, uno dall'altra. Però, più imparano a conoscersi, più quella "distanza di sicurezza" inizia ad assomigliare a "una punizione"...

A un metro da te

Lippincott Rachael

Sinestesieonline: il N. 14 di Dicembre 2015