Narrativa

TROPPO BELLO PER ESSERE VERO

Higgins Kristan

Descrizione: C'è chi guarda le vetrine desiderando cose che non potrà mai permettersi, chi invece ammira le foto di alberghi di lusso in cui non andrà mai. Io invece mi sono spesso immaginata di aver incontrato un ragazzo carinissimo e perfetto quando invece non esisteva. Come quel giorno in cui avrei preferito restarmene a casa invece di partecipare a un matrimonio. Non era tanto la cerimonia a disturbarmi, quanto il fatto che ci sarebbe stato quel bastardo del mio ex, al braccio di mia sorella, per giunta, mentre io sarei arrivata da sola. L'unica soluzione era inventarsi un fidanzato, un tipo meraviglioso e affascinante con sex appeal da vendere e un tagliente senso dell'umorismo. Uno di quelli per cui le altre sbavano di invidia e sarebbero disposte a tutto pur di rubartelo... Di sicuro uno così non è l'uomo della porta accanto, sarebbe troppo bello per essere vero.

Categoria: Narrativa

Editore: Harlequin Mondadori

Collana:

Anno: 2012

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

 

Grace Emerson è una trentenne tornata single in modo piuttosto traumatico. Il suo fidanzato Andrew l’ha infatti lasciata a pochi giorni dal matrimonio per fidanzarsi con sua sorella Natalie. Da quel momento la giovane si è ritrovata da sola nella casa che aveva comprato e progettato per la sua vita in due e ha cercato di recuperare i mille pezzi del suo cuore infranto. Quando deve partecipare alle ennesime nozze di famiglia, alle quali dovrà assistere da sola, e incontrare per la prima volta dopo mesi Andrew, Grace non riesce più a sopportare di essere compatita e di essere il continuo bersaglio degli sguardi di commiserazione dei parenti. S’inventa così un fidanzato inesistente.

Grace crea dal nulla un amore immaginario per difendere se stessa e nascondere la propria fragilità emotiva, ma non immagina quanto il vero amore sia vicino e quanto forte il suo cuore possa battere di nuovo.

“Troppo bello per essere vero” è un romance brillante, ironico e stuzzicante. Nella sua semplicità e leggerezza riesce a raggiungere un livello discreto e a essere una lettura piacevole e rilassante, adatta anche a un pubblico giovane. L’autrice Kristan Higgins crea situazioni divertenti pur non allontanandosi dalla trama romantica e raggiungendo l’obiettivo di emozionare il lettore.

Vincitrice per due volte del Romance Writers of America RITA Award, Kristan vive in Connecticut con il marito, che descrive come valoroso pompiere, e i loro due figli. Dichiara di aver letto, come la protagonista del suo libro, ben quattordici volte “Via col vento” e di aver cominciato a scrivere da ragazzina, dopo essere rimasta affascinata dal romanzo “Shanna” di Kathleen Woodiwiss.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Kristan

Higgins

Libri dallo stesso autore

Intervista a Higgins Kristan

Negli anni '30 lo stato di Bahia, terra di cacao e di grandi latifondisti, diviene il miraggio per migliaia di diseredati che accorrono alla ricerca di un lavoro. Amado ha visto, ha studiato quella realtà con l'intelligenza di un etnologo o di un antropologo, e ha poi trasfuso in queste pagine tutta la sua capacità di raccontare, da autentico cantastorie della vita brasiliana. Mettendosi lui stesso nella parte di un bracciante, alfabetizzato ma incolto, nato da famiglia benestante però costretto da un rovescio finanziario a cercare lavoro, Amado racconta di fatiche disumane e di amori travolgenti e sensuali, di crudele violenza e di altruismo, di ingenuità e di fede, di morte e di sofferenza, di prepotenze dei fazendeiros e di spensierata allegria dei giovani, dipingendo con i suoi forti e coinvolgenti colori il quadro di un mondo e di tante vite.

Cacao

Amado Jorge

Le canzoni di Narayama

Fukazawa Scichirō

Giappone, anni Sessanta, una notte d'estate Juichiro, un uomo che conduce una vita tranquilla, attratto dal chiarore della luna, esce di casa e raggiunge una radura ai marigni della città. Lì incontra un'astronave luminosa che si schiude davanti ai suoi occhi. L'uomo la contempla estatsiato e scopre un segreto sepolto nella sua memoria...

Stella meravigliosa

Mishima Yukio

"Alessandria finalmente! Alessandria goccia di rugiada. Esplosione di nubi bianche. Sei come un fiore in boccio bagnato da raggi irrorati dall'acqua del cielo. Cuore di ricordi impregnati di miele e di lacrime." Inizia così la storia del Miramar, la pensione di un'eleganza un po' decaduta che conserva le tracce di un passato grandioso sotto le macchie d'umidità. Ma la vera protagonista è Alessandria, che offre un ritratto complesso e profondo dell'Egitto, della sua anima contraddittoria e problematica, con un senso di nostalgia che sa tuttavia mescolarsi al sorriso. Al Miramar i clienti sfilano davanti al lettore, incarnando le diverse anime della società egiziana. In un continuo altalenare tra passato e presente, di voce narrante in voce narrante, sfilano le storie dei diversi ospiti: Amer Wagdi, vecchio giornalista in pensione che ha militato nel partito nazionalista liberale e ora fa ritorno dopo vent'anni al Miramar per stabilirvisi e non ripartire più, l'anziano esponente dell'aristocrazia Tolba Marzuq, il giovane conquistatore Sarhan al-Buheyri, il proprietario terriero Hosni Allam, l'annunciatore di Radio Alessandria Mansur Bahi, oltre alla padrona della pensione, madame Marianna, e alla sua domestica, Zahra, una bella giovane contadina le cui relazioni con gli altri rispecchiano simbolicamente le principali realtà politiche e sociali del paese.

Miramar

Mahfuz Nagib