Narrativa

TSUGUMI

Yoshimoto Banana

Descrizione: È la storia di due ragazze, Maria (che narra in prima persona) e Tsugumi. A diciannove anni Maria lascia il piccolo paese sul mare per trasferirsi a Tokyo e iscriversi all'università. Anni dopo, decide di tornare al paese per le vacanze, dove ritrova Tsugumi, l'eroina del romanzo, bellissima e dispotica ragazza. Tutti tentano di essere indulgenti con lei, sperando di renderle migliore la vita che le resta. Infatti le è stata diagnosticata dalla nascita una malattia incurabile. Terminate le vacanze, Maria sta per tornare a Tokyo ma le condizioni di Tsugumi peggiorano e pare non ci sia più niente da fare. All'ultimo momento Tsugumi si salva, sentendosi vicina alla morte però aveva scritto a Maria una lettera-testamento e con questa si chiude il romanzo.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana:

Anno: 2007

ISBN: 9788807812941

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

“… Tsugumi sono io. Con il brutto carattere che mi ritrovo, non poteva essere altrimenti. Il periodo in cui l’ho scritto è stato molto divertente”. Dal Post Scriptum di Banana Yoshimoto.

“Tsugumi” è un romanzo sull’adolescenza, una finestra spalancata su un’importante parentesi di vita.

A raccontare di un’estate indimenticabile è Maria, ma il personaggio chiave, quello che coinvolge, incuriosisce ed affascina è Tsugumi.

Le due ragazze sono molto diverse: Maria appare tranquilla, posata, discreta, obbediente; Tsugumi, invece, è irriverente, incontenibile, rissosa.

… Ma spesso la forza è una conquista dolorosa, così come la ribellione può essere una necessità.

Mentre Maria si è iscritta all’università di Tōkyō ed ha potuto scegliere come vivere la propria vita, Tsugumi non ha mai lasciato Izu a causa di una salute cagionevole che l’ha condizionata in tutto.

Passeggiate, amori, notti insonni, un mare che sembra parlare e interessanti particolari del mondo orientale fanno da sfondo ad un racconto originale, malinconico e divertente.

Corremmo a vedere: Pochi stava ringhiando a un volpino di Pomerania legato ai piedi di una statua bianca posta all’ingresso di un piccolo parco che da lì si estendeva verso l’interno della pineta.

All’inizio doveva aver agitato la coda soltanto per giocare, ma l’altro, vedendosi saltare addosso un cane grande e grosso come quello, si era messo sulle difensive e, tra acuti guaiti, l’aveva azzannato. Pochi fece un balzo all’indietro e iniziò a fare sul serio.

In un batter d’occhio tra i due scoppiò la guerra.

«Dobbiamo fermarli!» non feci a tempo a dire, che la voce di Tsugumi si sovrappose alla mia: «Vai, uccidilo!». In quell’istante si capì perfettamente la differenza tra i nostri due caratteri.

Proprio non riuscii a stare lì a guardare, così da sola corsi vicino ai due e con tutta la forza che avevo presi Pochi tra le mie braccia. Nel frattempo il volpino mi morsicò il piede”.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Banana

Yoshimoto

Libri dallo stesso autore

Intervista a Yoshimoto Banana

Mario e Cristiana hanno superato i sessant'anni e sono divorziati da quindici. Lui è un ingegnere idraulico che si è appena trasferito a Rio de Janeiro con una giovane moglie e un figlio di poco più di un anno. Lei è rimasta a Roma con i loro due figli ormai grandi e un secondo, felice matrimonio. Un giorno, Cristiana riceve una strana lettera di Mario dal Brasile. Le scrive che si sta sentendo vecchio, che vorrebbe ritrovare un po' della perduta giovinezza scambiandosi delle lettere con lei. Dice che solo così, tornando indietro con chi si è stati giovani davvero, si può esserlo ancora. Ma quali sono, in realtà, le sue intenzioni? Attraverso le risposte di Cristiana, il lettore vedrà sfilare davanti ai suoi occhi, insieme alla storia del loro amore naufragato, i tic e i malesseri di un'intera generazione: le false utopie, la crisi del rapporto tra uomo e donna, le rivoluzioni fallite, il terrorismo, la fede politica, i molti ideali sfumati per non lasciare spazio ad altro che alla banale concretezza. E poi i rancori, i tradimenti reciproci, tutte le cose non dette che finalmente tornano a galla in modo violento, brutale, sempre senza pietà. Fino a una vera e propria resa dei conti nella quale tutte le carte, ormai, sono in tavola.

Ti spiego

Petri Romana

L'Italia che cambia degli anni settanta non sembra aver voglia di cambiare in via Icaro 15, Milano. Sì, certo, l'eco arriva anche lì ma Elvira, la portinaia, è, come un secolo prima, alla mercé di inquilini gretti, litigiosi, pettegoli. Un universo di maligne ottusità e luoghi comuni che tuttavia diventa teatro del mondo nell'immaginazione duttile e porosa di Chino, il figlio adolescente di Elvira. Quando, al quinto piano, prende casa Amelia Lynd, un'anziana signora dall'incedere altero, maniere impeccabili, madrelingua inglese, Chino ne avverte subito il carisma e ne diventa adorante discepolo. Da dove viene? Cos'ha da nascondere? Qual è il suo segreto? Gli inquilini la mettono al bando, la ostracizzano. Chino si muove, con una sorta di strana ebbrezza, fra i sogni combattivi della madre - diventare proprietaria di uno degli appartamenti abitati dai suoi aguzzini - e le utopie della nuova madre-maestra dalla quale apprende la magia delle parole, le parole che raccontano e le parole che semplicemente dicono. Proprio allora la commedia quotidiana cede al dramma e le vicende di via Icaro e della sua portineria subiscono una fortissima accelerazione. E Chino deve imparare più in fretta, di che passioni, di che ambizioni, di che febbri è intessuta la vita.

LE PAROLE PERDUTE DI AMELIA LYND

Gardini Nicola

Il naufragio dell’essere

L'"Antigone", la più antica delle sette tragedie sofoclee pervenutaci, riportò la vittoria negli agoni tragici del 442 a. C. e narra di Antigone che trasgredisce gli ordini del re Creonte in nome delle leggi divine e decide di seppellire il fratello Polinice. "Edipo re" è uno dei capolavori del teatro tragico di tutti i tempi; uno dei monumenti della poesia e del pensiero greco. Il re tebano che inconsciamente uccide il padre e sposa la madre, e che poi lentamente scopre i propri misfatti, non è solo il protagonista di un dramma scenico tecnicamente perfetto, ma altresì il simbolo dell'oscura, inconsapevole vicenda dell'uomo, creatura di enorme e nessun valore, di sublime e inetta capacità, alla fine sventurata. Ma quando poi "Edipo a Colono" riprende la storia e presenta il protagonista che, dopo essersi accecato, a distanza ormai di anni, approda con l'unico sostegno della figlia Antigone alla terra ospitale di Atene per morirvi, il delitto e la sventura hanno trovato nella sofferenza la catarsi. Gli orrori sono resi sublimi, l'esperienza eroica. La tensione si è allentata, l'equilibrio ristabilito, e la tragedia, ancora dolente ma piena di saggezza e di affetti, sfuma in una religiosità rasserenante.

Edipo re

Sofocle