Narrativa

TU NON SEI COME LE ALTRE MADRI

Schrobsdorff Angelica

Descrizione: Questo libro rappresenta prima di tutto la narrazione della vita di una donna decisamente fuori dal comune, Else Kirschner. Vivacissima e trasgressiva, nella Germania della prima metà del Novecento, Else, figlia di genitori ebrei, cresce tenendo fede a due promesse fatte a se stessa: vivere la vita fino in fondo, da protagonista, e avere un figlio da ogni uomo che ama. Ecco allora Fritz, Hans ed Erich, mariti, compagni, amanti, padri rispettivamente di Peter, Bettina e Angelika, tre facce diverse dell'universo maschile egoista, debole e inadeguato. Ed ecco la Prima guerra mondiale, i favolosi anni '20 trascorsi in un frenetico girotondo di concerti, teatri e feste, gli anni '30 e il nazismo, le leggi razziali e l'esilio in Bulgaria. In quegli anni si sperimentano tutte le possibili combinazioni nei rapporti e tutte le possibili trasgressioni. Mille tessere di un puzzle tenute insieme da una donna prorompente, per certi aspetti quasi mitica, sicuramente memorabile. Intellettuali e sognatori, anche gli altri personaggi hanno grande forza realistica, ed è affascinante riconoscere il meccanismo di rimozione della realtà contro qualsiasi evidenza che tanti tedeschi hanno messo in atto durante la dominazione nazista e la guerra. Else cerca in tutti i modi di nascondere ai figli la reale entità della tragedia e così facendo produce disastri. Commosso, il lettore vorrebbe quasi intervenire nella storia per riparare i guasti di una vita spericolata in un mondo tragico.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 2011

ISBN: 9788866320005

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

“Quando ho conosciuto Else, mia madre, i suoi capelli erano color bronzo e forti come una criniera. Dava l’impressione di essere sempre spettinata, anche appena uscita dal parrucchiere. I suoi riccioli corti e folti non si lasciavano domare. E non erano l’unica cosa a non lasciarsi domare in lei”.

A raccontare la lunga storia di Else Kirshner è Angelika, l’ultima nata, che con lei ha avuto un rapporto burrascoso e contraddittorio, prima esclusivo, quasi morboso, e poi freddo e distaccato.

Else nasce il 30 giugno 1893 a Berlino, da genitori ebrei.

Fin dalla più tenera età viene avviata a un matrimonio agiato, in cui non può né deve essere altro che moglie e madre”, ma quel modo di vivere le sta subito stretto: è ribelle, curiosa e, soprattutto, vuole sentirsi libera…

Ha diciannove anni quando conosce Fritz, “il più grande amore e il peggior partito della sua vita”, “un ragazzo dispersivo, affascinante, acuto e colto”. I due si innamorano sullo sfondo di una Berlino vivace, veloce ed eccitante, vivendo una relazione turbolenta ed ostacolata da un dato di fatto che proprio non si può cambiare: Fritz non è ebreo.

Ma, in fondo, “… cosa serve per vivere insieme? Un letto, un tavolo, due sedie e tanto amore”.

Else decide di sposare Fritz, affrontando la vergogna del clan dei Kirshner, e due mesi dopo le nozze si accorge di essere incinta.

Per un periodo le cose sembrano funzionare ma, pur apprezzando la vita accanto a una moglie adorabile e ad un figlio splendido, Fritz resta “un uomo perennemente in cerca, uno spirito inquieto, spesso tormentato, con il costante bisogno di libertà, stimoli e sollecitazioni che difficilmente una vita domestica poteva dargli”.

Ad Else, quindi, sembrano rimanere due sole alternative, separarsi dal marito o rassegnarsi tristemente alle sue infedeltà, ma lei riesce ad inventarne una terza: si ritaglia una golosa fetta di vita tutta per sé, fatta di vino, musica a trasgressioni. E qui, a mio parere, inizia la parte più interessante del libro.

Nella bella villa di Dahlem vivono ora Else e Fritz e, in più, i loro amanti, Enie ed Hans, da cui Else ha la sua seconda figlia, Bettina.

A rompere il nuovo equilibrio, tanto complesso quanto delicato, interviene un terzo uomo, Erich, che sarà il padre di Angelika e che sposerà Else nel 1930. Tre anni dopo, Hitler sale al potere… Assistiamo così alla tragica trasformazione della Germania, con il nazismo e le sue leggi razziali, una realtà che Else cerca di negare a se stessa e di nascondere ai propri figli, finché non sarà costretta a rifugiarsi esule in Bulgaria.

Un memoir commovente, intriso di storia e ricco di analisi introspettive, con una protagonista eccezionale, profondamente umana e sincera.

Mi sono chiesta molte volte quale fosse il segreto del suo fascino e l’ho chiesto alle persone che la frequentavano. Nessuno, però, me compresa, ha saputo dirlo con certezza. D’accordo, aveva un bel viso, era intelligente, spiritosa, traboccava d’amore, energia e generosità. Non sapeva cosa fossero le convenzioni, il tornaconto, l’arroganza. Ma non era solo questo”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Angelica

Schrobsdorff

Libri dallo stesso autore

Intervista a Schrobsdorff Angelica


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Dietro le sembianze di una sonnolenta località di villeggiatura dell'Appennino, il paese di Castagneto nasconde un enigma collettivo fatto di insanabili rivalità, odi non saziati, antichi amori mai sopiti, nuove e disperate passioni e cocenti solitudini. Vittorio, uno storico quarantenne impegnato in una ricerca sui campi di battaglia della Linea Gotica, vi giunge per due settimane di vacanza con la famiglia, ancora oppresso da un lutto recente che rischia di trasformarsi in una cupa ossessione di morte; Carla, sua moglie, nutre invece il bruciante desiderio di una seconda: maternità. Durante il trascorrere delle due settimane, la coppia senza quasi rendersene conto si troverà coinvolta nei conflitti in corso dietro la rassicurante facciata del paese: un vortice in cui Vittorio e Carla rischieranno di precipitare irrimediabilmente, finché una repentina esplosione di violenza degna di una tragedia elisabettiana non verrà a tracciare il confine tra i perduti e i salvati. Un romanzo che ha il respiro e la lingua di un piccolo classico e il cuore duro di un thriller, in cui il lettore viene risucchiato pagina dopo pagina.

PAESAGGIO CON INCENDIO

Aloia Ernesto

Se il cancro che ti hanno diagnosticato a dodici anni, a sedici sembra in regressione è un miracolo. Ciò che la giovane Hazel ha imparato a proprie spese, però, è che i miracoli si pagano: mentre lei rimbalzava tra corse in ospedale e lunghe degenze, il mondo correva veloce, lasciandola indietro, sola e fuori sincrono rispetto ai coetanei, con una vita in frantumi i cui pezzi non si incastrano più. Un giorno però il destino le fa incontrare Augustus, affascinante compagno di sventure, che la travolge con la sua fame di vita, di passioni, di risate. Ma come un peccato originale, come una colpa scritta nelle stelle sotto cui Hazel e Augustus sono nati, il tempo che hanno a disposizione per stare insieme è un miracolo, e in quanto tale andrà pagato.

Colpa delle stelle

Green John

Ogni donna è una voce, uno sguardo, una sensibilità unica e irripetibile. Lo sono anche Gesuina, Maria e Lori, una nonna, una madre e una figlia forzate dalle circostanze a convivere in una casa stregata dall'assenza prolungata di un uomo. Tanto Gesuina, più di sessant'anni e un'instancabile curiosità per il gioco dell'amore, è aperta e in ascolto del mondo, quanto Maria, sua figlia, vorrebbe fuggire la realtà, gli occhi persi tra le carte di traduttrice e i sentimenti rarefatti rivolti a un altrove lontano. Il ponte tra questi due universi paralleli è Lori, sedici anni fatti di confusione e rivolta, che del cuore conosce solo il ritmo istintivo dell'adolescenza. Ma il fragile equilibrio che regola la quotidianità di queste tre generazioni è destinato a incrinarsi quando un uomo irrompe nelle loro vite, e ristabilirne uno nuovo significherà abbandonarsi alla forma più pura di passione, quella per la libertà. Tre donne illumina i percorsi nascosti e gli equilibri impossibili del desiderio, li fotografa con un taglio inedito che ne coglie le delicate sfumature in tutte le età della vita.

Tre donne

Maraini Dacia

Quindici storie che segnano l'esordio narrativo di James Joyce e compongono un mosaico unitario che rappresenta le tappe fondamentali della vita umana: l'infanzia, l'adolescenza, la maturità, la vecchiaia, la morte. In queste pagine Joyce ritrae oggettivamente il mondo della sua città natale, i pregi e i difetti della piccola borghesia dublinese, l'attaccamento alla tradizione cattolica, il sentimento nazionalistico, il decoro, la grettezza, le meschinità, i pregiudizi, osservati e descritti con mordente ironia e profondo senso poetico. Ogni storia, dove pare nulla succeda, rivela in realtà una complessità di sentimenti che smascherano, agli occhi e al cuore di Joyce, la vera anima di Dublino. Introduzione di Giorgio Melchiori.

Gente di Dublino

Joyce James